fbpx Clicky
Menu
A+ A A-
Aldo Pirone

Aldo Pirone

Aldo Pirone. Vive a Roma

URL del sito web:

Dai fratelli Cervi a Grande Aracri

Grande Aracri una persona tranquilla 350 260 mindi Aldo Pirone - Il 31 ottobre scorso il tribunale di Reggio Emilia ha inflitto 125 condanne per oltre 1200 anni di pena per scaturiti da “Aemilia”, il maggiore processo contro la ‘ndrangheta del nord Italia concentrata in Emilia Romagna con propaggini nel Mantovano.
I numeri parlano da soli. Un processo di massa per un'infiltrazione di stampo mafioso in terre che una volta sembravano immuni da questi fenomeni. E lo erano perché il territorio era presidiato da una sinistra grande, popolare, radicata nella storia delle lotte operaie e contadine di quella regione ormai non più “rossa”.

Una volta si parlava di Reggio Emilia per il sacrificio e l’eroismo dei fratelli Cervi, per la Resistenza che e in quelle zone unì al massimo grado il riscatto nazionale a quello sociale e democratico, per la solidarietà che i mezzadri, i braccianti, i contadini e gli operai emiliani seppero sviluppare nel dopoguerra; per una democrazia partecipata diffusa, presidiata non solo da partiti di sinistra forti ma da un associazionismo sociale, culturale, economico e perfino ricreativo senza eguali di cui la “casa del popolo” ne era, insieme, simbolo e struttura portante.
Oggi di quelle terre se ne parla per l’infiltrazione e il radicamento della cosca calabrese grande Aracri di Cutro o per lo scioglimento del comune di Brescello, non perché assaltato dai fascisti come sarebbe potuto accadere negli anni venti, ma perché infiltrato dagli ‘ndranghetisti.

Se si vuole capire il disastro sociale e politico subìto dalla sinistra italiana, bisognerebbe analizzare quello che è successo nel tempo da quelle parti. Si avrebbe - al di là delle quotidiane geremiadi dei vari esponenti della odierna e sgarrupata sinistra - materia per comprendere e, soprattutto, operare in direzioni diametralmente opposte a quelle seguite e perseguite in questi ultimi lustri.
L’assessore regionale del PD Mezzetti, di fronte alla sentenza di primo grado, ha dichiarato: “Se in passato ci sono state sottovalutazioni o superficialità di analisi rispetto alla penetrazione delle mafie nel nostro territorio, adesso in Emilia-Romagna nessuno si volta più dall’altra parte, negandone il pericolo. Chi lo dovesse fare si renderebbe complice di una realtà che non è più negabile”.

A parte quel “se” che denota ancora una reticenza a riconoscere la disfatta e le sue dimensioni, c’è da registrare – stando alle parole di Mezzetti - che c’è voluta la conclusione del processo per indurre qualcuno, che evidentemente lo aveva fatto, a non voltarsi più dall’altra parte. Il punto è che i dirigenti del PD emiliani dovrebbero intendere come e qualmente l’infiltrazione è potuta avvenire. Scoprirebbero che, al di là delle canoniche e consolatorie “superficialità di analisi”, c’è il deperimento progressivo e costante di un bagaglio culturale, etico e ideale sostanziato da una prassi politica e sociale che certamente andavano profondamente rinnovati, ma che invece si è preferito dismettere.

Se si scorrono gli articoli, le dichiarazioni, le professioni d’intenti e di fede degli esponenti del PD in corsa o in standby per il Congresso, è tutto un fiorire – a parte i renziani tetragoni a ogni autocritica - di volontà e d'impegni di andare o tornare verso il popolo. Poi, però, i contenuti che possono rimettere in “connessione sentimentale” con il popolo, come sovente e nebulosamente, viene chiamato quell’indistinto ormai sconosciuto (anche in Emilia) non appaiono. Si ripetono sempre le stesse cose sulla “vastità” di schieramenti da creare; una vastità che più si invoca e più diventa, in mancanza d’altro, inversamente proporzionale alla riduzione delle proprie forze effettive. Mentre, nell’opposizione al governo pentaleghista, il PD non riesce andare oltre, essenzialmente, una contropropaganda renziana sciocca quanto inefficace. Anche perché, specie al Senato, i gruppi parlamentari sono stati fatti a immagine e somiglianza dello statista di Rignano.

Tutti insieme, al capezzale del PD, sembrano i confratelli della buona morte.

 

malacoda 75

Aldo Pirone, redattore di malacoda.it

 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

Sostieni UNOeTRE.it

La Diva Giulia

giulia bongiorno 350 260 mindi Aldo Pirone - Giulia Bongiorno è diventata, grazie alla Lega di Salvini, ministra della Repubblica. Il suo dicastero è quello della Pubblica amministrazione. E’ del tutto naturale che la ministra proveniente dalla destra nazionale postfascista abbia trovato collocazione e promozione nella nuova destra xenofoba del gaglioffo leader leghista.

La signora Bongiorno, come si ricorderà, giunse alla luce della ribalta con la difesa, come avvocato di riserva, di Giulio Andreotti accusato di collusioni con la mafia siciliana e processato a Palermo. E’ ancora nell’aria il suo grido “assolto, assolto, assolto” al primo sentire del definitivo giudizio della Cassazione il 15 ottobre del 2004. Solo che Andreotti era stato assolto solo per una parte delle accuse che riguardavano il periodo di tempo successivo al 1980. Mentre per il periodo precedente il Divo Giulio fu prescritto per decorrenza dei termini, sebbene riconosciuto colluso con “Cosa Nostra” alla stregua di un vero e proprio partecipe. Insomma l’inossidabile leader democristiano godette della cosiddetta e magica “prescrizione”.

Perciò è ovvio che l’avvocata-ministra, sebbene il suo campo ministeriale non sia la giustizia, si opponga all’eventualità di una riforma dell’istituto suddetto che fu così benefico e salvifico con il suo illustro e storico patrocinato. E continuò a esserlo per tutti quei potenti che in questi anni hanno potuto pagare fior di avvocati per tirare a lungo i processi e guadagnare così l’agognata meta prescrittiva, ma non quella dell’innocenza. "Bloccare la prescrizione dopo il primo grado di giudizio – ha detto ieri la diva Giulia - significa mettere una bomba atomica nel processo penale e io questa cosa non posso accettarla e non posso non segnalarla". La “bomba fine di mondo” sarebbe ridurre la possibilità ai potenti di farla franca e di ristabilire che, almeno a livello formale, “la legge è uguale per tutti” com'è scritto di solito nelle austere aule giudiziarie.

Ha ragione, se passasse un simile obbrobrio sarebbe un “bongiorno” per la giustizia e lei sarebbe costretta a cambiare cognome in “Bonanotte”.

 

 

malacoda 75

Aldo Pirone, redattore di malacoda.it

 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

Sostieni UNOeTRE.it

Non c'è niente da ridere

maglietta militante predappio 350 260 mindi Aldo Pirone - Ogni anno il 28 ottobre in ricordo della “marcia su Roma”, a Predappio c’è il consueto raduno dei nostalgici del fascismo. Camicie nere, teschi, gagliardetti, labari, fez, insomma l’usuale e lugubre armamentario in voga dalle parti degli adoratori di Mussolini. Dopo le celebrazioni di routine corredate da saluti romani, inni d’epoca, “eja eja alalà”, e grida di “presente”, gli immarcescibili nostalgici si ritrovano in trattoria per il pranzo fascistissimo e poi, tutti un po’ brilli - ma lucidi non lo sono mai stati - sui pullman per il ritorno.

Una volta le adunate erano animate dai mortiferi reduci di Salò, oggi, giacché il tempo passa per tutti, ci sono le nuove leve a provvedere alla canonica carnevalata.
Di solito la radunata, non oceanica, non fa notizia. Quest’anno però c’è stato un di più che in qualche modo ha fatto parlare di sé sui mass media. Una signora indossava una maglietta, rigorosamente nera, con disegnato sopra il profilo di un campo di sterminio nazista e la scritta “Auschwitzland”. Alla TV ha detto di essere un'aficionada del capo del gruppuscolo nero “Forza nuova”. Come tale ha sproloquiato che Mussolini, a suo tempo, diede “uno slancio all’Italia” (sic!). Infatti, quello “slancio” fu tanto forte da farla finire nel baratro della guerra e dell’occupazione nazista. Poi, dopo questo notevole sforzo mentale che l’ha svuotata dei pochi neuroni in suo possesso, alla domanda sul significato della sua ignobile maglietta, ha risposto che era “umore nero”. Sul colore della cosa nulla quaestio, non si può negare l’evidenza a meno di non essere daltonici. Quanto a fare dell’umorismo sullo sterminio degli ebrei da parte di una fascista che non ha “orrore di se stessa”, direbbe Petrolini, e di quello che hanno combinato i suoi camerati, non ci sono parole bastevoli per classificare una simile ignominia.

Ieri su “Il fatto Quotidiano” Paolo Mieli, interrogato sull’attualità di un pericolo di regime fascista per l’Italia, ha teso a ridimensionare tale sensazione, invitando a non fare analogie fuorvianti fra la situazione e il contesto storico-politico di allora e quello di oggi. Non ha torto, perché nel fascismo agì – ma lui non l’ha rilevato - in modo decisivo un elemento di reazione proprietaria e di classe contro il montare delle rivendicazioni operaie, contadine e popolari. Oggi, la classe proprietaria non è quella di allora, è di conio innanzitutto finanziario e, soprattutto, ha già vinto, non è minacciata nei suoi averi e nel suo potere. Il neoliberismo globalizzatore ha già scompaginato l’antagonista proletario e popolare. Anzi, quella classe deve vedersela essenzialmente con una reazione populista che però, sebbene cresca sulle contraddizioni della questione sociale acuite dal neoliberismo, tende a fuorviarne le vittime indirizzandone altrove (vedi immigrazione) il sacrosanto malconteAuschwitzland 350 260 minnto. Il che, in definitiva, per la classe proprietaria-finanziaria è un’assicurazione sulla vita.

Tuttavia, dato che quando piove forte di solito le fogne rigurgitano, soprattutto se è da tempo che non vengono bonificate, è inevitabile che ogni tipo di liquame e di rifiuto organico tende a tornare a galla. E oggi, politicamente parlando, a grandinare è il populismo della Lega pentastellata, come continuazione del berlusconismo sdoganatore di ogni nefandezza. Se l’Italia ha un ministro dell’Interno e vicepresidente del Consiglio come Salvini - non a caso molto elogiato dai nostalgici ritrovatisi a Predappio - che, oltretutto il resto, condisce le sue performance propagandistiche quotidiane con gli slogan duceschi d’antan, come meravigliarsi, poi, se arriva la militante neofascista “forzanuovista” con quell’ignobile t-shirt?

La cosa che più dovrebbe far riflettere chi di dovere è che il tutto avviene nell’indifferenza popolare, complice il tempo che scorre, il venir meno della generazione della Resistenza e l’evaporarsi della sinistra nelle classi popolari. Molti giornalisti dei mass media tendono a rubricare i raduni predappiesi come folklore, anche perché la cosiddetta seconda Repubblica ha sdoganato un po’ tutto e tutti, ma soprattutto la vergogna fondata sulla smemoratezza storica. Compresa la smemoratezza degli intellettuali, in particolare quelli che inondano i mass media con i loro insulsi discorsi.

La terza Repubblica, quella palingenetica dei cittadini proclamata dal grillino Di Maio, potrebbe vedere, se non si reagisce adeguatamente e per tempo, l’ammiratrice di “Forza Nuova” diventare senatrice, magari al posto di Liliana Segre.
Sai le risate!

 

malacoda 75

Aldo Pirone, redattore di malacoda.it

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

Sostieni UNOeTRE.it

Virginia Raggi, a metà del guado

Piazza del Campidoglio 350 260di Aldo Pirone - Sabato mattina in piazza del Campidoglio c’è stata una manifestazione di protesta contro l’attuale amministrazione capitolina pentastellata, promossa da un gruppo di sei donne su facebook, ammiratrici dei “Tre moschettieri”: “Tutti per Roma. Roma per tutti”. La partecipazione, stando ai giornali, è stata di qualche migliaio di persone, per lo più di una certa età e provenienti dalle zone centrali dell’urbe. Un ceto medio riflessivo e delle professioni, si potrebbe dire, alquanto arrabbiato per lo stato in cui versa la città. La sindaca Raggi, naturalmente, è stato il bersaglio principale delle contestazioni il cui filo conduttore era la richiesta di dimissioni di Virginia.

La sindaca non l’ha presa bene e, un po’ stizzita, ha commentato che era tutta roba del PD mascherata da società civile: “Quelli del Pd – ha replicato - erano riconoscibilissimi: signore con borse firmate da mille euro indossate come fossero magliette di Che Guevara e – accessorio immancabile – i barboncini a guinzaglio (ovviamente con pedigree)”. Insomma i soliti radical chic “che non hanno mai preso un autobus in vita loro o fatto la spesa al mercato”. Poi, digrignando i denti, ha concluso: “Non mi lascio incantare dalle sirene degli orfani di ‘mafia Capitale’ “.
Eppure la sindaca, non dovrebbe dormire sonni tranquilli e non solo per le sue vicende giudiziarie in corso. Al di là delle polemiche su quelli di prima che per ripresentarsi si debbono mimetizzare – ma sarebbe bene che non sottovalutasse anche quel segnale di vitalità oppositoria - la Raggi dovrebbe immedesimarsi proprio in quelli che prendono l’autobus tutti i giorni e fanno la spesa al mercato, soprattutto nelle periferie. Si accorgerebbe allora che le cose, le opinioni, le sensazioni non sono più quelle che l’hanno portata al trionfo nel ballottaggio del 2016.

Sono passati 27 mesi dall’insediamento dell’amministrazione pentastellata e, a metà del guado, si può fare un bilancio parziale delle sue capacità. Partendo non dalle polemiche politicanti ma da quello che il cittadino normale, anche quello che ha votato la Raggi, riscontra, e soffre, giorno per giorno.
Nessuno, che avesse un minimo di discernimento politico, si aspettava che la nuova amministrazione potesse risolvere con un colpo di bacchetta magica i problemi di Roma lasciati incancrenire da anni di mala amministrazione, compendiati dalla vicenda di “Mafia capitale”. Ma continuare a giustificare la condizione degradante in cui versa l’urbe con la pesante eredità ricevuta, o le proprie défaillance con le faziose campagne di stampa delle cronache dei “giornaloni” romani, che pure non mancano, comincia a mostrare la corda mano a mano che i mesi e gli anni scorrono implacabili.virginia raggi m5s 340 250

Il punto essenziale è che sulle questioni più elementari e più impattanti nella vita quotidiana dei cittadini non si vedono miglioramenti sensibili. Vediamone le tre più importanti e generali. La questione dei rifiuti continua a essere appesa al filo dell’emergenza. Basta un nonnulla, cioè il fermo di un impianto di smaltimento per rotture o manutenzioni, che i cassonetti tornano a traboccare su strade e marciapiedi, sia in centro che in periferia. Si può dire che su ciò ci sia stata non una risoluzione del problema – cosa che sarebbe stato demagogico attendersi -, ma almeno un miglioramento? Non pare.
Manutenzione del verde. Anche qui, a parte le azioni di gruppi di cittadini volenterosi per la cura di piccoli giardini e aree verdi, quanto a sfalcio dell’erba non c'è stato un miglioramento sensibile. Quest’anno solo un’estate meno calda ci ha salvato dai roghi. Quanto alle potature degli alberi provvede a farli il vento quando, come oggi, tira forte.
Trasporti. La cura del ferro langue. All’attivo c’è il prolungamento subito attuato del tram 3 alla Stazione Trastevere e poi, dopo tanti rinvii, la congiunzione della linea C con la A a San Giovanni e l’apertura della relativa stazione che è un gioiello. Un po’ pochino se confrontato alle continue rotture delle linee del metro per difettosa manutenzione e gli allagamenti, con relativa chiusura, di varie stazioni quando piove sopra la media. L’eredità negativa è stata pesante, è vero, ma, in tutti questi mesi, non si è andati migliorando. Dei tram promessi, finora non si è aperto un solo cantiere. Si è invece notato un passaggio dei “cinquestelle” sui binari scivolosi dell’ “annuncite”, malattia epidemica grave e diffusa nelle amministrazioni precedenti. Si annunciano tram su viale Marconi, su via Tiburtina da piazzale del Verano verso l’omonima stazione, e da Piazza Vittorio su via Cavour fino ai Fori. Tutti per gli anni a venire. L’unico, quello strategico su viale Togliatti e richiesto dai cittadini con un'apposita delibera d’iniziativa popolare e approvato dal Consiglio comunale all’unanimità, rimane nel cassetto. Dissero che non c’erano i soldi. Ma ora, con i pentastellati al governo, qualcosa dovrebbe cambiare. O no? Se dal ferro si passa alla gomma, la disperazione non s’attenua. Gli autobus non passano più frequenti che ventisette mesi fa, al contrario si sono fatti più radi e vanno a fuoco più spesso. Prenderli e uscirne illesi è come vincere un terno al lotto.
Buche e manutenzione stradale. Anche qui le cose, in generale, non sono migliorate granché.

E’ evidente che la scelta giusta e doverosa di ricondurre le manutenzioni e gli acquisti dentro le gare di appalto non sta dando i frutti sperati. Le gare, spesso, sono bocciate o vanno deserte e i lavori urgenti vengono rimandati. L’impressione è che la sindaca e gli assessori non riescano a padroneggiare una macchina comunale, soprattutto nei gradi apicali, infiltrata dalla corruzione, che si difende con lo scudo burocratico avvolto dal ginepraio di leggi, regolamenti, norme e cavilli. Tutte cose che già si sapevano e che non si prestavano alle promesse palingenetiche che hanno contrassegnato la campagna elettorale grillina.
Il discorso si potrebbe allargare ad altri temi meno elementari ma non meno importanti. La politica urbanistica che non si sa che fine abbia fatto. La sola scelta di un certo peso - per altro sbagliata perché speculativa e in contraddizione non solo con il Prg ma con gli impegni programmatici pentastellati –, il famigerato Stadio della Roma, è diventata, con gli scandali giudiziari e l’intervento provvidenziale della magistratura, la nemesi pentastellata di quello che non si ha da fare. Il decentramento amministrativo è stato dimenticato. Gran parte dei Municipi – anche se non mancano alcune brave Presidentesse grilline – si dibattono nelle medesime difficoltà finanziarie e amministrative delle precedenti amministrazioni. I rapporti con i Dipartimenti comunali, decisivi per far funzionare la macchina del decentramento, lasciano a desiderare. Il che significa che a poteri vigenti gli assessori pentastellati non riescono a controllare la produttività e la sollecitudine degli uffici. La Raggi sarebbe anche sindaca della città metropolitana, con tanto di consiglio, assessori delegati, assemblea, commissioni e gruppi consiliari, ma nessuno se n’è accorto finora. Forse perché, per cotanta istituzione, i cosiddetti politici “competenti” che l’hanno varata nel 2014 non hanno previsto gli elettori. Ma lei potrebbe darle una svegliatina.

Ora, a queste succinte constatazioni Virginia Raggi risponde che la città sta cambiando ed elenca sempre una serie positiva d'interventi fatti. Sembra un po’ come il Renzi d’antan, che ancora non si rende conto del perché è stato ripetutamente suonato dagli elettori nonostante i suoi magnifici provvedimenti governativi. Antonio Padellaro, dal canto suo, su “Il Fatto Quotidiano” cerca di mettere in guardia i critici della sindaca sul pericolo che se la Raggi cade, a Roma arriva Salvini. Che è un po’ l’argomento della disperazione politica, già usato spesso senza alcun risultato da quei politici del vecchio centrosinistra a trazione renziana che il giornalista ha criticato in passato. Inoltre invita ad aspettare il termine dei cinque anni per giudicare l’operato della sindaca di Roma. Anche questo, un argomento già usato ed abusato negli anni trascorsi un po’ da tutti e per tutti. Se uno, o una, non riesce a guidare una macchina dopo un congruo periodo di tempo e diversi kilometri percorsi, non bisogna aspettare che finisca contro un muro per dirgli che sta andando a sbattere. Si cerca di far comprendere che bisogna cambiare marcia, girare il volante nel verso giusto, adoperare meglio il gas, la frizione, il cambio. Soprattutto se a sbattere non ci va solo lei o lui ma anche i loro amministrati.

La cosa più toccante, però, è l’autodifesa di Virginia: ce la sto mettendo tutta, faccio del mio meglio, dice a un dipresso. E’ vero, basta vedere quel viso smunto, quegli occhi incavati, privi di gioia e di serenità, per comprendere lo sforzo per lei sovrumano.
Solo che gli elettori l’hanno votata per migliorare la città, non per vederla peggiorare, avendo “fatto del suo meglio”.

 

malacoda 75

Aldo Pirone, redattore di malacoda.it

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

Sostieni UNOeTRE.it

I dioscuri

walter veltroni e massimo d alema 350 260 mindi Aldo Pirone - In queste due ultime settimane, nel mezzo del bailamme assordante della propaganda di governo grilloleghista, ci sono stati gli interventi di Veltroni (intervista al Corriere della Sera a cura di Aldo Cazzullo di mercoledì scorso) e l’apparizione televisiva a “Di martedì” di Massimo D’Alema il 9 ottobre.

Naturalmente le cose dette dai due ex dioscuri del PDS-DS spaziavano sull’attualità politica, sulle questioni economiche, sulle prospettive della sinistra ecc. Veltroni, sempre uguale a se stesso, continua a dire cose che si potrebbero riassumere nella “banalità del bene”. Con, in più, qualche approssimazione storica come quella, per esempio, sulle analogie dell’attuale crisi della democrazia occidentale con quella avutasi in Europa con la grande depressione degli anni ’30. Tema interessante che dovrebbe consigliare chi lo accosta a capire le differenze e le specificità di queste crisi, fra l’una e l’altra epoca, più che le astratte similitudini; condizione indispensabile per fronteggiare dal lato democratico gli effetti devastanti della crisi attuale sulla democrazia nell’Occidente euroatlantico, connotata dal propagarsi “alluvionale”, come dice bene l’ex segretario di DS e PD, delle pulsioni plebiscitarie, demagogiche e populiste, xenofobe e razziste. Non basta il richiamo alla rivoluzione tecnologica e all’introduzione del computer.

Al di là di questo e di molto altro ancora, quello che continua a unire personalità così diverse per storia e attuale collocazione politica come il “lider maximo” e “l’amico americano” è, per così dire, la irresponsabilità. Loro, se c’erano, quando si decideva di seguire il blairismo e l’ulivo mondiale e s'inneggiava alla globalizzazione, dormivano. Pensarono di fare il surf politico sulle onde della mondializzazione neoliberista, non accorgendosi che quei marosi avrebbero travolto la sinistra. Certo non sono responsabili per l'odierna crisi globale della democrazia, per carità, ma di quella della sinistra italiana sì; almeno per notevole parte. La descrizione dei processi di cambiamento e destrutturazione economica, sociale, ideale ed etica avvenuti in tutti i campi e l’incapacità a comprenderli e fronteggiarli - proprio nel momento in cui ci tenevano a presentarsi, specialmente Veltroni, col volto degli innovatori, dei rinnovatori, dei discontinuisti più radicali rispetto a un passato (il PCI) considerato vecchio, stantio e ammuffito - non sfiora le approfondite riflessioni dei due ex dioscuri usciti dalla tradizione comunista-berlingueriana. Essi sono soliti descrivere ciò che è successo e il punto di sfascio cui è arrivata la sinistra, dentro e fuori il PD, come se loro non c’entrassero. Anzi ci tengono a dire e a farsi dire (vedi le domande prostrate di Cazzullo a Veltroni) che loro l’avevano detto, previsto, denunciato come novelle e inascoltate cassandre.

D’Alema dice a Floris che le conseguenze devastanti per la sinistra delle scelte economiche e sociali renziane lui le aveva previste; con ciò dando a intendere che è da quelle che è arrivata l’ondata grillina. Ha pure criticato il ritardo a prendere atto dell’errore renziano e a separarsene. Alludendo evidentemente ad alcuni compagni di viaggio (Bersani) che poi hanno dato vita a Leu. Dimenticando che il M5s è esploso - diventando il primo partito in Italia nel 2013 - quando il PD era diretto da Bersani che lo aveva portato, con il consenso di tutti leader correntizi, a sostenere il governo Monti senza se e senza ma; e lui, D’Alema, era ben piazzato nella dirigenza piddina. E’ lì che dopo una lunga incubazione è esplosa la cosiddetta “rottura della connessione sentimentale” di gramsciana memoria, ultimamente evocata da D’Alema, fra i dirigenti della sinistra e il loro popolo. Il richiamo al Brasile fatto dall’ex segretario del Pds per significare che, a differenza dell’Italia, lì la “sinistra è stata sconfitta ma non ha ceduto”, riferita implicitamente al periodo renziano, non è storicamente fondata. Perché se si vuole parlare di cedimento strutturale non si può non risalire al periodo in cui a sinistra impazzavano i due ex dioscuri postcomunisti.
In verità il “lider maximo”, in momenti riflessivi più di spessore consegnati soprattutto alla sua rivista “Italianieuropei”, è arrivato a una certa anche personale autocritica sulle sue responsabilità, mentre tanti altri dirigenti di sinistra a lui coevi ancora procedono con solenni facce toste. Soprattutto, ed è quello che più interessa, è arrivato a dare un certo contributo all’analisi, seppur tardiva, delle caratteristiche della rivoluzione conservatrice, neoliberista e globalizzatrice. Tuttavia si vede e si sente che nell’esaminare criticamente il passato è come se lui non fosse stato, e in prima persona, della partita.

Un po’ più grave, se possibile, il caso di Veltroni. Il padre della sinistra, della democrazia e dell’Europa, come sentenzia Scalfari una domenica sì e l’altra pure, dice a Cazzullo che “ Oggi la sinistra ha perduto questa intensità, questa capacità di condividere il dolore degli altri” e perciò, “è evaporata in una grande nube”. Come se il dissolvimento allo stato gassoso fosse cosa degli ultimi anni e non un processo piuttosto lungo al quale Veltroni ha dato un non modesto contributo. Ma lo stile alato veltroniano, a imitazione dei discorsi dei leader democratici americani, pieno di buone intenzioni, di frasi fatte, di concetti di buon “cuore”, alla fine, seppur tra le righe, mostra il suo limite nella polemica retrospettiva sulla fondazione del PD. Parlando di come la sinistra dovrebbe presentare alle prossime elezioni europee, Veltroni auspica una lista aperta “che assomigli a come immaginavo il Partito democratico: un luogo cui persone, associazioni, movimenti, gruppi potevano aderire, restando se stessi. Le primarie dovevano servire a sintetizzare tutto questo. Poi il Pd è stato prosciugato e occupato dalle correnti; e il meccanismo delle primarie ne ha sofferto”. In sostanza cerca di riproporre la favola di un PD che lui voleva federatore della società civile progressista e che, solo dopo, fu occupato dalle correnti. Una rappresentazione furbesca e non veritiera. Perché le correnti - compresa la sua che ancora non disarma - le cordate e le sotto cordate erano già ben incistate sia nei DS sia nella Margherita soci fondatori del PD, a livello locale e nazionale. Furono queste forze reali a essere le vere fondatrici del PD; l’aggiunta delle primarie per l’elezione degli organismi dirigente e del segretario - “sintetizzarono” sì, come dice Veltroni, ma l’intruglio correntizio, non altro - furono il definitivo slittamento verso una concezione plebiscitaria anticamera del populismo; accompagnata, perché in politica tutto si tiene, da un impianto politico-culturale, quello del Lingotto per intenderci, interclassista, fondamentalmente liberal democratico, aperto ai successivi smottamenti renziani

Fecero un bel lavoro, in “concordia discors”, i due dioscuri postcomunisti. Misero insieme il correntismo con il plebiscitarismo, due cose stravecchie e non certo progressiste per la sinistra del futuro. Compreso il solipsismo della cosiddetta “vocazione maggioritaria” cui Veltroni dice di continuare a credere, ma, questa volta, con le alleanze, le aperture alla società civile, agli ecologisti, al pensiero liberale, al cattolicesimo democratico ecc. ecc. Insomma le solite cose. Una vocazione che non ha portato fortuna alla sinistra, perché, vedi un po’ l’eterogenesi dei fini, l’ha accompagnata verso il dissolvimento nella “grande nube”.

L’unica vocazione rimasta è quella di Veltroni: volare tra le nubi.

 

malacoda 75

Aldo Pirone, redattore di malacoda.it

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

Sostieni UNOeTRE.it

Migranti economici

MinistroSavona 350 260 mindi Aldo Pirone - Ieri sera a “Otto e mezzo” condotto da Lilli Gruber, Paolo Pagliaro, nel suo solito e ben informato “punto”, ci ha reso edotti che in questi ultimi mesi molte migliaia di italiani, non fidandosi della politica economica del governo grilloleghista, stanno portando all’estero i loro soldi.

Naturalmente si tratta dei nostri connazionali più facoltosi. Il fenomeno non è nuovo nella storia del paese. Nel secondo dopoguerra tanti ricconi portarono i loro capitali in Svizzera per paura dell’arrivo degli espropriatori proletari socialcomunisti. Qui pare che lor signori temano i fulmini dell’Europa, delle Agenzie di rating e il disamoramento dei mercati, cioè degli investitori istituzionali, per il nostro debito pubblic e quindi un possibile default dell’Italia.

Fra questi patrioti pare che ci sia, a detta di Pagliaro, anche il ministro Savona, onusto di titoli accademici e di incarichi economici pubblici e privati: ha depositato presso una banca svizzera un milione e trecentomila euro. Il bello è che oggi al Convegno dei giovani industriali, che sarebbero le “giovani marmotte” dell’imprenditoria nazionale, il Savona ha rassicurato che “il debito pubblico italiano è assolutamente solvibile, non c'è nessun problema che l'Italia invochi un default".
Per questo ha portato i suoi soldi nella patria di Guglielmo Tell.

malacoda 75

Aldo Pirone, redattore di malacoda.it

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

Sostieni UNOeTRE.it

Attenti a non prendere fischi per fiaschi

Dimaiofesteggia 350 260 mindi Aldo Pirone - Gli amici del popolo. La sobrietà, com’è noto, non è una virtù diffusa nella politica di oggi. Nella temperie della “veduta corta” la propaganda più spiccia e becera (vedi Salvini) domina il campo; la declamazione demagogica la fa da padrona.
Tuttavia anche in quest'ampio spazio politico rigonfio di ridicole stupidate, sebbene al momento popolari, c’è chi cerca, riuscendoci, di superare se stesso e tutti gli altri. In questa nobile gara il vicepremier Luigi Di Maio, già aduso a proclamazioni storiche sulla nascita di nuove e terze repubbliche da lui immaginate, e che non si sono mai viste “essere in vero” direbbe Machiavelli, giovedì sera ha segnato un punto su tutti gli altri.
Non era facile, ma ce l’ha fatta. "Oggi è un giorno storico! – ha detto - Oggi è cambiata l'Italia! Per la prima volta lo Stato è dalla parte del cittadino. Per la prima volta non toglie ma dà. Gli ultimi sono finalmente al primo posto perché abbiamo sacrificato gli interessi e i privilegi dei potenti … Abbiamo portato a casa la manovra del popolo che per la prima volta nella storia del Paese cancella la povertà grazie al reddito di cittadinanza”. Bomba!

Parlava, il vicepremier, della Nota aggiuntiva al Documento di economia e finanza (Def). Per ora c’è solo un numero che riguarda l’innalzamento del rapporto ipotizzato deficit-Pil dall’1,6 al 2,4; che annuncia, tra altro, l’aumento del debito non la sua riduzione.
I pentaleghisti dicono che questa espansione a debito favorirà una robusta crescita economica e, quindi, una riduzione del medesimo debito in prospettiva. Insomma quasi una partita di giro. O almeno lo sperano. Una cabala più che una certezza.

Tutto questo potrebbe essere vero a due condizioni.
- La prima: se effettivamente le risorse reperite si ripartissero fra aumento dei redditi per le fasce popolari più bisognose e un sostanziale aumento degli investimenti pubblici per stimolare quelli privati onde aumentare l’occupazione stabile.
- La seconda: se la manovra avesse anche un carattere redistributivo, cioè di trasferimento e riequilibrio di ricchezza dai ceti alti, arricchitisi a dismisura in questi anni di neoliberismo rampante, a quelli popolari e del ceto medio che, invece, si sono impoveriti.
Le due condizioni dovrebbero essere tra loro strettamente connesse per parlare, come fa Di Maio, di “manovra del popolo” e, soprattutto, di manovra che ha “sacrificato gli interessi e i privilegi dei potenti”.
Inoltre, e non secondariamente, la caratteristica redistributiva e socialmente progressista, inesistente nella manovra in gestazione, aiuterebbe a trovare quelle risorse strutturali in grado di sostituire, con il tempo necessario, quelle a debito. Ciò richiederebbe una politica fiscale animata, da una parte, da una seria lotta all’evasione fiscale e, dall’altra, da un’imposizione patrimoniale sui ceti più ricchi.
Qui invece si adombrano “paci fiscali” che somigliano molto ai “condoni” dei governi di centrodestra. Inoltre si mette la parola fine anche alla questione del reperimento di risorse attraverso l’eliminazione degli sprechi, quelli veri, contemplati dalle ricorrenti ipotesi di spending review.

Ovviamente, per chi riceverà un aiuto da un “reddito di cittadinanza” ancora da specificare, o dalla limitata revisione della “legge Fornero” (circa 400 mila persone) o dall’aiuto fiscale (dicono un milione di partite Iva) sarà comprensibilmente contento. A sinistra, però, chi non è affetto a prendere lucciole per lanterne dovrebbe sapere che una manovra essenzialmente distributiva può, nell’immediato, far piacere e sembrare di giustizia sociale a chi ne riceve qualche beneficio. Ma il “sembrare” non lo si può confondere con l’ “essere”, perché, prima o poi, la realtà economica – popolata, piaccia o no, e a me non piacciono di sicuro, dai cosiddetti “mercati internazionali” - presenta il conto. E lo presenta proprio a coloro che sono socialmente più deboli e indifesi. Compresi quelli che oggi, nell’immediato, trarranno sollievo dalla “manovra del popolo”.

L’inganno del governo pentastellato e del duo Di Maio-Salvini è di essere riusciti a incanalare la questione sociale dentro un alveo nazionalista e sovranista, facendo così scomparire i nemici interni, per così dire “di classe”, della giustizia sociale e dell’espansione economica ambientalmente sostenibile. La partita si svolge fra un centrodestra italiano di nuovo conio populista e il “nemico esterno”, l’Europa delle politiche di austerità a marca moderata e neoliberista, sorda a ogni politica sovranazionale di orientamento neo keynesiano: due destre, due sovranismi.

Quello che colpisce di più non sono le lamentele e i lagni di un PD in crisi esistenziale inchiodato ai fatti e fattacci delle sue performance di governo da Monti a Letta a Renzi a Gentiloni, ma la confusione di quelli che, alla sua sinistra, si sentono in qualche modo attratti dalla demagogia pentaleghista. Nicola Fratoianni di SI-LeU non si “straccia le vesti” per lo sforamento del deficit, per lui il problema “è come vengono usate le risorse”. Dovrebbe essere anche, e soprattutto, quello della direzione nella quale sono reperite. Potere al Popolo, dal canto suo - preso dalla vecchia e classica politica di sinistra del secolo scorso del cosiddetto “più uno” -, dice che non bisognerebbe rispettare neanche il 3% di deficit dell’Ue: “Contro l’ingiustizia sociale il Def è poco non troppo”. Il problema, anche qui, sarebbe la quantità non la qualità e la direzione sociale nel reperimento delle risorse della manovra.
Il più contento sembra essere Stefano Fassina. “Finalmente, ritorna la politica sull’economia – dice -, condizione necessaria, ahimé non sufficiente dati i rapporti di forza interni ed esterni, al primato della sovranità costituzionale”. Poi avverte la sinistra o meglio il PD: “Continua ad affidarsi al generale Spread per miopi illusioni elettorali?”.
Invece, a quanto pare, alcuni esponenti della sinistra sono intenti a prendere direttamente “fischi per fiaschi”.

 

malacoda 75

Aldo Pirone, redattore di malacoda.it

 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

Sostieni UNOeTRE.it

Anna Magnani, indimenticabile

Anna Magnani 350 260 mindi Aldo Pirone - Un ricordo di Anna Magnani. Quarantacinque anni fa moriva Anna Magnani. Per me e per molti la più grande attrice italiana del secolo scorso.
Fare l’elenco delle sue interpretazioni teatrali e cinematografiche, sarebbe lungo. Personalmente, da romano e antifascista, ritengo insuperabili quelle della sora Pina in “Roma città aperta” di Rossellini, dell’ “Onorevole Angelina” di Zampa, di Maddalena in “Bellissima” di Visconti, di “Mamma Roma” di Pasolini. “Nannarella”, come veniva affettuosamente chiamata dal suo pubblico, fu grande anche in teatro, in numerose commedie e riviste musicali. Con Totò era l’unica donna che poteva, sul palcoscenico o davanti alla cinepresa, stare alla pari.

Oggi la voglio ricordare tramite Marisa Merlini, un'altra brava attrice romana da tempo scomparsa, che ebbe modo di testimoniare e poi raccontare il coraggio e la sfrontatezza della Magnani in un periodo tra i più bui: i nove mesi dell’occupazione nazista di Roma. Nel febbraio del ’44 al Teatro Valle Totò e Anna mettono in scena la rivista dal titolo “Che ti sei messo in testa?”, quello originario, “Che si sono messi in testa?”, glielo ha bocciato la censura fascista perchémagnani oscar 350 260 min troppo allusivo. Già Totò ha fatto innervosire i tedeschi. Dopo la notizia che Hitler ha subìto uno dei molti attentati s’inventa un passaggio silenzioso in palcoscenico con un paio di baffetti da führer, il ciuffo incerottato e zoppicando vistosamente. Gli applausi scrosciano. Anna Magnani, invece, recita una battuta: "Del tuo re la volontà / e alfin, la cosa più importante, / la libertà!". Anche qui l’ultima parola provoca applausi a scena aperta. I repubblichini, essendo allergici a quella parola, la vanno a cercare in camerino e le ordinano di non ripeterla altrimenti minacciano di mettere una bomba nel Teatro. Il giorno dopo, Nannarella, tenendo sulle spine tutta la compagnia che la considera una ribelle imprevedibile, ripete una per una tutte le parole; arrivata a “libertà”, di fronte ai repubblichini che affollano il teatro tutti vestiti di nero, - la gente, per questo e anche per altro, li chiamava “bacarozzi” - fa una pausa e poi strilla: “Aria, aria pura, per respirare”.

Quell’aria che poi avrebbe spirato per Roma, dopo qualche mese, a primavera inoltrata.

 

malacoda 75

Aldo Pirone, redattore di malacoda.it

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

Sostieni UNOeTRE.it
Pubblicato in Film e Tv

Europa mon amour

mappa UE 350 mindi Aldo Pirone - Le elezioni europee si avvicinano. Si terranno in primavera a maggio. E’ evidente la crescita nei singoli paesi dell’Unione europea, ultima la Svezia, delle forze di destra, nazionaliste e xenofobe. Dovrebbe essere altrettanto evidente che la loro resistibile marcia è causata, essenzialmente, dall’incapacità delle forze moderate che hanno finora dominato la scena politica continentale – con gran parte delle sinistre del PSE al loro rimorchio - di dare risposte alla questione sociale provocata dai processi di globalizzazione avvenuti nel segno di un neoliberismo sfrenato ancora imperante. In ultima analisi, anche l’intensificarsi di flussi emigratori, principalmente dall’Asia e dall’Africa, verso l’Europa è conseguenza della mondializzazione economica segnata dalla finanziarizzazione e spinta innanzi dalla rivoluzione tecnologica. E sulla paura di questi arrivi, la destra sta giocando in tutti i paesi europei la sua carta politica principale arruolando indirizzando contro di essi la sofferenza sociale dei settori popolari.

Le forze moderate europee, per intenderci l’asse Germani-Francia in termini nazionali, e popolari-socialisti (versione blairiana) in termini di forze politiche, hanno creduto di poter affrontare l’ultima crisi finanziaria ed economica con politiche di rigore e di austerità; dentro un quadro istituzionale dell’Unione governato da un sovranismo più moderato di quello delle crescenti destre nazionaliste, ma pur sempre basato sul principio intergovernativo. Quel sovranismo intergovernativo che bloccherà, con il veto di qualche paese amico di Orban, il recente voto del Parlamento europeo di censura dell’Ungheria per violazione dei “valori del rispetto della dignità umana, della libertà, della democrazia, dell'uguaglianza, dello Stato di diritto e del rispetto dei diritti umani, compresi i diritti delle persone appartenenti a minoranze” del Trattato di Lisbona. Il medesimo sovranismo che impedisce di gestire su base europea gli sbarchi dei disperati provenienti dall’Africa; ripartendo, da una parte, gli arrivi fra tutti gli stati dell’Unione e, dall’altra, organizzando un intervento politico ed economico di lungo respiro nei paesi africani di provenienza per, come si dice, “aiutarli a casa loro”. Affidarsi solo al buon cuore del volontariato degli Stati è cosa penosa e risibile che, da sola, dà il senso dell'inanità dell’attuale Unione. Una palude che ha consentito a forze xenofobe come Salvini, qui in Italia ma non solo da noi, di sguazzarci dentro a piacimento, giocando di sponda con Orban.

L’unica istituzione che è riuscita a forzare un po’ le politiche di rigore e di austerità, ma solo sul piano finanziario, è stata la BCE di Mario Draghi con il Quantitative easing; il solo intervento a carattere europeista. Tant’è che all’annuncio della fine di questo scudo finanziario, i paesi più indebitati, come il nostro, già cominciano a traballare.

Dunque, per sintetizzare, se il sovranismo intergovernativo, socialmente moderato e neoliberista, è la causa principale della crescita del sovranismo estremo di destra, nazionalista e xenofobo, per fronteggiare con una qualche efficacia il secondo bisogna rimuovere radicalmente il primo. Rimuoverlo vuol dire, al punto cui si è giunti di quasi sfaldamento politico e morale dell’Europa, rifondare l’Unione europea su un piano di politiche economiche e sociali improntate alla solidarietà e, su quello Istituzionale, con una democratizzazione sovranazionale e federale. Partendo da chi ci sta. Non c’è una cosa senza l’altra. Né, tanto meno, sia detto per inciso, vi può essere, per combattere il sovranismo di destra, un “sovranismo di sinistra”, come sembrano pensare alcuni esponenti della sinistra nel nostro paese. Un sovranismo che sarebbe inevitabilmente subalterno a quello di destra.

Suonano alquanto strambi e retorici, da parte dei nostri maître a penser liberal democratici di ogni grado e colore, i richiami a Spinelli e al manifesto di Ventotene se non si assume di quel testo l’intima connessione fra Unione europea federale sovranazionale e contenuto sociale e progressista, per non dire socialista, della stessa. “Un’Europa libera e unita – si dice in quel testo di tre quarti di secolo fa - è premessa necessaria del potenziamento della civiltà moderna, di cui l’era totalitaria rappresenta un arresto. […] La rivoluzione europea, per rispondere alle nostre esigenze, dovrà essere socialista, cioè dovrà proporsi l’emancipazione delle classi lavoratrici e la creazione per esse di condizioni più umane di vita”. Messe al bando le pulsioni rivoluzionarie dovute all’epoca di “ferro e di fuoco", rimane, tuttavia, che oggi il contenuto economico sociale progressista dovrebbe fondarsi sulla messa da parte delle politiche di austerità e la progressiva, ma decisa, messa in comune di bilanci, politiche fiscali, bancarie e finanziarie, del lavoro ecc. in un quadro di moderno neo keynesismo. Cosa che non è nelle corde delle “sei chiavi” proposte da Macron nel settembre scorso per il futuro dell’Europa.

Che senso ha, perciò, invocare larghezza di schieramenti – da Macron a Tsipras dice il provvisorio segretario del PD Martina, oppure, come reclama la Boldrini, “lista innovativa senza simboli di partito” del centrosinistra - indipendentemente dai loro contenuti? Ogni proposta di schieramento - che deve avere una caratteristica imprescindibilmente sovranazionale per essere efficace – non può non avere come obiettivo il cambiamento e la rifondazione nel segno del progresso sociale e del federalismo sovranazionale dell’Unione europea, informato a valori e princìpi democratici che non consentano alcuna adesione da parte degli Orban, dei Kaczyński, dei Kurz ecc.. Per esempio, rendendo sovrano il Parlamento europeo eletto su base transnazionale; con una commissione di governo responsabile di fronte ad esso e non più espressione dei governi nazionali; e con una seconda camera espressione degli stati nazionali come ente di compensazione, controllo e salvaguardia del carattere federale delle nuove Istituzioni europee. Il tutto attraverso un processo democratico costituente che chiami il popolo europeo a pronunciarsi nelle forme che si riterranno opportune. Su questi contenuti bisognerebbe dibattere, approfondire, precisare, rendere popolari e comprensibili al popolo e all'opinione pubblica le proposte di cambiamento e rifondazione europea; e non attardarsi astrattamente sui nomi dei contenitori che vengono dopo. Da parte di chi è di sinistra, non c’è da difendere uno stato di cose e un’Unione che sta affondando se stessa; c’è, invece, da andare all’offensiva per cambiare se si vuole salvare l’idea di unità europea. Per ora, sul discriminante solco rifondativo e socialmente progressista, a farsi avanti è stato solo Cacciari con un suo appello per una formazione o schieramento transnazionale.

L’impressione è che le prossime elezioni europee, decisive per il futuro del Continente, siano vissute in Italia, come al solito da parecchi lustri a questa parte, in una chiave tutta provinciale di rapporti di forza nazionali fra forze politiche. E a sinistra, per strapparsi qualche decimo di punto fra partiti e partitini relegati all’irrilevanza politica.
Ma, si dice da parte dei sostenitori delle “ammucchiate” politiche da Macron a Tsipras, giacché i fascisti xenofobi e nazionalisti sono alle porte, bisogna unirsi contro di loro, come si è sempre fatto nel passato. Giusto. Dimenticando il piccolo particolare che l’unione delle forze antifasciste, anche la più larga, in Italia, ma anche in Europa dai “Fronti popolari” in poi, si è sempre fatta su basi progressiste e non certo sotto l’insegna delle forze moderate. Quando in Italia ci si mise sotto quell’insegna, fu l’Aventino. Non servì a fermare la strada a Mussolini.

Merkel e Macron non fermano Orban o Salvini. Ci vuole ben altro.

 

malacoda 75

Aldo Pirone, redattore di malacoda.it

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

Sostieni UNOeTRE.it
Pubblicato in Commenti

Accelerazione

repubblica350 260 mindi Aldo Pirone - Ieri su “La Repubblica” Corrado Augias, che si non raccapezza più da tempo su quel che sta succedendo nel mondo, rispondendo ai quesiti posti da un lettore sulla democrazia, si lamenta su di un aspetto della nostra contemporaneità : “Le comunicazioni sono state accelerate e stravolte – dice - ; l’approssimazione se non la falsità di molti messaggi diffusi in Rete va aumentando”. Tutto vero e sacrosanto. Poi aggiunge: “La stessa crisi della carta stampata ne è un sintomo poiché nessun altra forma di diffusione delle notizie e delle opinioni potrà mai uguagliare la meditata lentezza, la ricchezza di argomentazioni della letteratura su carta”. A smentire spietatamente questo postulato, s’incarica Eugenio Scalfari che nella sua lunga e consueta omelia domenicale, risponde, qualche pagina dopo, alle rimostranze dell’Ambasciata russa a proposito dei suoi giudizi su Putin e la politica estera russa espressi in precedenza. Dice Scalfari: “L’amicizia politica fra Putin e Salvini non è affatto scandalosa ….anche se è alquanto strano che un leader di destra sia legato a un intensa amicizia politica a un leader del comunismo mondiale (sic! N.d.r.). E’ pur vero che dopo lo scioglimento dell’Unione Sovietica il comunismo ha profondamente cambiato i propri metodi; del resto è cambiato il mondo e ovviamente e ovviamente anche il comunismo, ma pure in modi diversi è ancora la sostanza politica della Russia…”. Finora pensavamo che la sussistenza di comunisti e comunismo fosse un vecchio e propagandistico pallino di Berlusconi; anche lui, non a caso, amico di Putin. Non c’eravamo accorti, cribbio!, che lo “spettro” continuasse ad aggirarsi per l’Europa e il mondo sotto mentite spoglie.

L’altra domenica Scalfari, per mantenere alto il ritmo delle scempiaggini, aveva scritto che i padri della democrazia italiana sono stati De Gasperi, Nenni e Berlinguer. Mischiando, subliminalmente, generazioni diverse e momenti storici diversi - la Liberazione, la Repubblica e la Costituzione con gli anni ’70 - pur di non fare menzione di Togliatti che, insieme a De Gasperi e Nenni presiedette e lavorò concretamente per la nascita della nostra democrazia. Una fake news si potrebbe dire.
Tutto ciò in ossequio alla “meditata lentezza” e alla “ricchezza di argomentazioni della letteratura su carta osannate da Augias.

Non sappiamo se la crisi della carta stampata, lamentata da Augias, abbia investito anche “la Repubblica”, se lo ha fatto, come sembra, gli editoriali di Scalfari la stanno accelerando parecchio.

malacoda 75

Aldo Pirone, redattore di malacoda.it

 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

Sostieni UNOeTRE.it
Sottoscrivi questo feed RSS

Privacy Policy

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici