fbpx
Menu
A+ A A-

UNOeTRE.it e i ricercatori degli inquinanti della Valle del Sacco

biochimici mindi Nadeia De Gasperis (video) - Il giorno 10 maggio una delegazione di UNOeTRE.it, in via del tutto eccezionale, è stata ospitata dall’equipe di ricerca del dipartimento di Scienze Biochimiche dell’Università La Sapienza di Roma, in particolare dal gruppo di ricerca Fabio Altieri, Margherita Eufemi, Silvia Chichiarelli.

I ricercatori ci hanno spiegato come nasce la ricerca sul Lindano, che incrocia i loro studi, fino a quel momento concentrati sugli aspetti molecolari e cellulari di tumorigenesi, e come questi prendano una direzione diversa, rallentando così pubblicazioni e risultati imminenti, ossia tutto ciò per cui un ricercatore viene “giudicato”. Il lindano, uno degli organoclorurati più diffusi in Valle de Sacco e uno dei meno conosciuti dal punto di vista dei meccanismi cellulari e molecolari, stimolando la crescita delle cellule, sregolandone i meccanismi vitali, ha effetti che si ripercuotono a livello patologico sull’uomo. Ecco dunque come si sia reso necessario che un accurato studio di letteratura scientifica precorresse il lavoro di ricerca. Gli accertati effetti di prolificazione cellulare, con concentrazioni molto ragguardevoli e con alta resistenza alle chemioterapie, prospettano, ad oggi, scenari, in vivo, ancora più allarmanti che in vitro.

Ci hanno poi spiegato come nel momento in cui l’inquinante entra in contatto con gli organismi umani, riservi dolorose sorprese. Oggi queste conseguenze si conoscono grazie agli studi del Dott. Luigi Montano*, dal quale i ricercatori del dipartimento di biochimica hanno avuto importanti contributi in relazione alle concentrazioni dell’inquinante nelle persone monitorate. Dunque, gli studi del dott. Montano, definiti molto pregevoli, stanno già producendo i primi allarmanti risultati, tanto da condurre a pensare che i rischi, Nella Valle del Sacco, siano superiore a quelli di altri SIN, dalla Terra dei Fuochi ad altri territori molto inquinati. Queste nozioni, ci spiegano i professori incontrati a Roma, non sono solo il risultato di studi epidemiologici, ma studi in “vivo”, così come lo è la risposta cellulare.

Non andiamo via senza un monito di speranza, che in un laboratorio di ricerca non può mancare.
Lo studio cellulare, infatti, che da studio “in vitro” ci si auspica diventerà presto studio” in vivo”, sta già producendo i primi risultati nella ricerca di sostanze detossificanti per l’organismo, in particolare sostanze naturali come il melograno, carciofo, il licopene e lo stesso pomidoro ecc.
Non a caso, anche gli studi di Ecofoodfertility, nello step più recente che stanno per affrontare, andranno nella direzione di ricercare diete biologiche che indichino gli alimenti e i prodotti che abbiamo potere adsorbente e detossificante.
Ecco dunque la necessità di formare i nutrizionisti in tal senso. Il Lindano, ad esempio, prima di entrare nel sangue, ci spiegano i ricercatori, si accumula nelle cellule adipose, pertanto diete repentine potrebbero essere dannosissime e concentrare in maniera pericolosa la sostanza tossica.

Nutrizionisti dunque, medici di base, pediatri e scuole in modo particolare, consultori, nuove strutture sanitarie dovranno essere in grado di veicolare un’informazione, che dovrà essere continuativa e che faccia conoscere le più aggiornate soluzioni capaci di affrontare la patologia. L’informazione ha un ruolo primario e irrinunciabile anche per la prevenzione. Medici e pazienti dovranno essere in grado di documentarsi senza sosta sui progressi dei risultati delle terapie quando la patologia sia già attiva.
Tutto questo è necessario e si può fare solo se una parte delle risorse destinate nei programmi della bonifica saranno veicolate rigorosamente nel senso del sostegno allo studio ed alla ricerca. A proposito dello sviluppo dei programmi di bonifica dei SIN interessati.

Se è vero che la ricerca è “speranza”, la conferma l’abbiamo avuta dall’entusiasmo con il quale questi ricercatori lavorano, con sacrificio e risorse economiche irrisorie, tanto da costringerli a provvedere all’acquisto autonomo di computer e altri strumenti.
Un ulteriore monito di speranza arriva dai giovani ricercatori laureandi e particolare dai dottorandi che la professoressa Eufemi ci presenta, annunciando la loro prossima partenza per Bruxelles, dove andranno a studiare l’azione di alcuni batteri nella degradazione del Lindano. Non ci resta che invocare il buonsenso di chi dovrà destinare i soldi della bonifica e augurare buona vita e buon lavoro ai ricercatori del Dipartimento di Biochimica delle Sapienza di Roma.


*Luigi Montano, UroAndrologo della ASL di Salerno, Coordinatore del Progetto di Ricerca EcoFoodFertility e del Progetto FAST del Ministero della Salute. Presidente della Società Italiana della Riproduzione Umana (SIRU).

 

 

 

 

Articoli e  news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui

aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Torna in alto
Bookmaker with best odds http://wbetting.co.uk review site.

Privacy Policy

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici