Menu
A+ A A-

Il 19 al Ministero del Lavoro. Vertenza Frusinate con Cgil, Cisl, Uil e Ugl

LuigiCarlini raccoglie adesioni 460 minIl 19 novembre alle 10 appuntamento davanti al Ministero del lavoro per i disoccupati del Frusinate. 3 o 4 pullman messi a disposizione da Cgil, Cisl, Uil e Ugl per i disoccupati a partire dagli aderenti a Vertenza Frusinate consentiranno un importante sit-in per sostenere le ragioni di chi è senza reddito da mesi e ha diritto alla “mobilità in deroga”.

Numerose, in questi ultimi giorni, le sollecitazioni e le iniziative a sostegno del rispetto di una decisione definita fra i Sindacati, tutti, e la Regione Lazio il 28 febbraio scorso, ma che ancora non viene attuata.
Gino Rossi ricostruisce le ultime settimane di impegno.
Il quotidiano L'Inchiesta ha dedicato di recente una intera pagina alla "mobilità in deroga", lo ha fatto intervistando il Segretario generale della Cisl frusinate Enrico Coppotelli che lancia un appello forte «Basta con la propaganda, Si paghino le mobilità in deroga». UNOeTRE.it ha riportato un'intervista in video a Gino Rossi, uno dei protagonisti della lotta per la difesa dei diritti dei disoccupati di questa provincia.

Nei giorni scorsi il Segretario generale dell'Ugl, Enzo Valente, sosteneva le stesse richieste di Coppotelli e di Cgil e Uil, il rispetto dell'accordo con la Regione. Un'analoga sollecitazione è venuta dalla Prefettura di Frosinone e prima ancora dal Presidente della Provincia, Antonio Pompeo che, con una lettera a sua firma, ha chiesto un incontro al Ministero del Lavoro con Regione Lazio, Sindacati e la stessa Provincia di Frosinone per condurre a conclusione questa vicenda segnata dal disagio sofferente di centinaia di famiglie del frusinate senza più reddito. C'è apprezzamento per queste iniziative, ma anche l'ansia timorosa perché nessuno vorrebbe che si arrestassero senza prima avere ottenuto risultati concreti e certi. Si moltiplicano gli appelli ai partiti e agli eletti di questa provincia.
Questo il senso dell'assemblea di oggi 13 novembre: creare il più largo sostegno a questo slancio unitario. Se ne sentiva davvero il bisogno. E non da oggi, ma da alcuni anni i lavoratori cercavano questa unità di intenti. Ci siamo? Se lo augurano tutti coloro che vivono in condizioni di disagio economico e sociale.

Il 18 ottobre una analoga assemblea chiese un cambio di passo. Da parte di chi governa e da parte di chi lotta. Rossi chiese: “quali iniziative prenderanno i sindacati?” Rossi chiese che guidassero una vasta mobilitazione.
Non c'è solo malumore, ma è vera e propria sofferenza che chiede di essere lenita. «Andiamo noi alla Regione, andiamo al Ministero». Perché il 19 si andrà solo al Ministero? «La nostra posizione è ferma - dicono senza incertezze i sindacati - l'intesa va onorata senza ripensamenti». Si deve evitare un mortificante ping-pong Regione-Ministero, una sfida fra maggioranze diverse. Legittime le sfide, ma non sulla pelle dei disoccupati ciociari e delle loro famiglie prive di reddito.VertenzaFrusinate 7giu17 350 260

Il tutto si potrebbe sintetizzare in un obiettivo, trovare il finanziamento certo di quanto concordato il 28 febbraio, attraverso un emendamento da includere nella finanziaria 2019 che sarà votata dal Parlamento entro dicembre prossimo e, nel frattempo, porre mano e tutti gli interventi immediati che si possono assumere.

Le somme necessarie ci sono. Nei 60 o se preferisce 50 milioni che i disoccupati individuarono al Ministero del lavoro il 9 maggio 2017 e sin da allora avrebbero dovuto essere utilizzati ai fini della mobilità in deroga. Se tutto questo è vero sin da un anno e mezzo perché mai nell’autunno del 2018 si devono cercare nuove somme che avrebbero già dovuto essere utilizzate con la precisa destinazione che, ricordata poc’anzi, evidentemente dovevano esser presenti agli stipulanti l’accordo Regione-Sindacati del 28 febbraio ’18. Altrimenti, ultima domanda, che stavano firmando?

Domanda superflua. Il 19 nessuno cerchi supremazia di bandiere sindacali. Ma cerchiamo l’unità necessaria per ottenere gli impegni indispensabili a trovare la somme necessarie.

Ora, viene da dire per dare una speranza, bisogna allargare lo sguardo. Occorre chiudere rapidamente questa emergenza e avviare una campagna di proposte per il lavoro. «Vogliamo lavorare». Ritorna con decisione questa parola d'ordine.
E noi che ascoltiamo, aggiungiamo: si deve allargare lo sguardo e far pesare tutti i numeri dei disoccupati di ogni età. Da tutti loro deve par¬tire una spinta poderosa anche preparandosi, se necessario, ad una battaglia di re¬sistenza, senza perdere fiducia.

E mentre si invia un lettera per chiere un incontro al sottosegretario del Ministero del lavoro, Claudio Durigon, si raccolgono le adesioni per riempire i pullman. Carta e penna e Luigi Carlini comincia a scrivere gli elenchi.

 

pubblicato anche su L'Inchiesta quotidiano del 14 novembre '18

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Torna in alto
Bookmaker with best odds http://wbetting.co.uk review site.

Privacy Policy

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici