Menu
A+ A A-

Ilva di Patrica: ancora nessuna certezza di futuro

Illva 30nov18c 350 260 mindi Maria Giulia Cretaro e Valentino Bettinelli - L'Ilva di Patrica protagonista di una trattativa aperta e accolta da numerose voci politiche. Ancora una volta è il Palazzo Provinciale a prestarsi per un tavolo di lavoro, promosso grazie alla collaborazione tra il Sindaco di Patrica Lucio Fiordaliso e il Presidente Provinciale Antonio Pompeo. A seguito del sopralluogo da loro stessi effettuato sul sito di Patrica e su pressione dei lavoratori, indire questo incontro risultava una necessità istituzionale.
Al Presidente il compito di orchestrare gli interventi. Presenti, oltre ai due promotori, il primo cittadino di Supino Gianfranco Barletta, Nazzareno Pilozzi per la Regione, l'Onorevole Enrica Segneri e i Senatori Massimo Ruspandini e Gianfranco Rufa.
Un'assise eccezionalmente partecipata, vista la rilevanza economica del sito industriale, e l’urgenza sociale per i disoccupati. L’importanza del polo è attualmente messa in grave discussione a causa del deperimento e della mancata manutenzione della struttura. Come può, quindi, Patrica rappresentare un volano d’investimento appetibile per probabili acquirenti?

Questo l’interrogativo centrale del pomeriggio. Domanda che non vede risposte certe ed unilaterali. La voce dell’esecutivo, filtrata dall’On. Enrica Segneri, offre un unico punto fermo: bando d’acquisto garantito entro il primo trimestre del 2019. Quali saranno modalità, termini temporali e volontà ministeriali non è dato sapere. La stessa deputata ha profilato una serie di trattative con i soggetti interessati all’acquisto dei lotti ILVA, senza però chiarire se Patrica sarà integrata nel lotto C (con Torino e Varzi), oppure scorporata e venduta singolarmente.

Forte la risposta degli esponenti sindacali. Anselmo Briganti, CGIL, ha chiarito che “il temporeggiare degli ultimi mesi ha aggravato il problema. Inoltre le condizioni contrattuali per i disoccupati sarebbero probabilmente sfavorevoli”. Il collega Fabio Bernardini, FIM-CISL, ha affondato l'ascia in una struttura politica, a suo dire,Illva 30nov18b 350 260 min inconsapevole. Un faccia a faccia stroncato sul nascere, dalla coscienza mancata riguardo l'Odissea di uno stabilimento lunga sette anni.

A lui il merito, riconosciutogli dagli stessi operai, di aver vissuto tutto l'Inter e dunque in grado tra tutti di profilare nel dettaglio la situazione.

“Le condizioni attuali pongono i lavoratori in una posizione sfavorevole anche per preparazione professionale. Non esiste attualmente un database di skills professionali che permetta il reinserimento di questi lavoratori in altri poli” chiarisce Bernardini. Inoltre “ad oggi il capannone andrebbe buttato giù e ricostruito, non può così tornare operativo. Le colpe da imputare ad i predecessori restano vane senza la competenza per risolvere le problematiche. Basterebbe leggere le 28mila pagine in mano al Ministero sull'argomento e da lì ripartire”.

A tal proposito alcuni ex operai hanno avuto modo di parlare ed esporre una situazione strutturale drammatica. Sono infatti presenti nel sito macchinari, al tempo nuovi ma ormai inutilizzabili, per un valore complessivo di oltre 250000€. Molti dei pannelli di copertura del capannone sono ormai caduti, favorendo anche forti infiltrazioni d'acqua all’interno dello stesso. Una condizione che pregiudica al momento l’agibilità della struttura. A domanda diretta l’On. Segneri afferma che “l’ultimo sopralluogo sul posto risale al 2016. Ad oggi i commissari governativi hanno predisposto una nuova visita, ma non è certa la data”.

La questione ILVA è stata affrontata, in un breve ma lucido intervento, dal sindaco di Patrica Lucio Fiordaliso. Il primo cittadino ha offerto tre possibili soluzioni: “in primo luogo andrebbe fatto un ultimo sondaggio con Mittal. Successivamente si dovrebbe verificare la volontà e la presenza di acquirenti interessati al sito di Patrica. In caso di fallimento dei primi due tentativi, si dovrebbe mettere in campo una filiera istituzionale locale per intervenire in maniera specifica sul caso Patrica e favorire il reinserimento dei disoccupati”.

Bisogna riscontrare, nell’incontro di ieri pomeriggio, la presenza e la disponibilità dei senatori Rufa e Ruspandini, i quali hanno dato la loro garanzia a contribuire ai lavori di risoluzione dell’annoso problema dei lavoratori dell’ILVA Patrica. Un messaggio unanime dei due esponenti di Lega e Fratelli d’Italia, affinché si arrivi a dama nel più breve tempo possibile.Ilva 30nov18 a min

Per la Regione Lazio la sola presenza di Nazzareno Pilozzi. Il già deputato del PD ha voluto esprimere l’ennesimo messaggio di solidarietà ai disoccupati, precisando che l’assenza dei consiglieri regionali, anche quelli del centro destra e del M5S, era dovuta all’imminente votazione in merito alla mozione di sfiducia presentata contro il presidente Zingaretti.

Sul finire gli interventi di alcuni disoccupati, che all’unisono chiedono di recuperare la dignità della propria occupazione e certezza di date e termini di contratto. il tavolo si è avviato alla conclusione grazie alla sintesi di Antonio Pompeo, arbitro a più riprese di questi incontri. Il Presidente provinciale ha voluto sottolineare “il costante impegno della Provincia di Frosinone in merito alla questione dell’area di crisi complessa. Proprio da queste sale sono partite infatti le idee che hanno permesso di sbloccare molte situazioni”. Per quel che riguarda Patrica la linea di Pompeo, che appare in accordo con lavoratori e sindacati, è “quella di scorporare lo stabilimento dal lotto C ed affrontare la trattativa di vendita con condizioni dedicate, per favorire l’appetibilità di un sito in evidente stato di deperimento strutturale”.

Due ore di discussione dai toni accesi, per trovare soluzioni unilaterali al problema che perdura dall’ormai lontano 2012.

Se il tentativo è ancora far confluire in un unico documento tutte le opinioni, di parte lesa ne resta solo una: una comunità di operai consapevoli e preparati, destinati all'oblio dei forse.

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Torna in alto
Bookmaker with best odds http://wbetting.co.uk review site.

Privacy Policy

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici