fbpx
Menu
A+ A A-

Vertenza Frusinate e le politiche attive per il lavoro

ceccano 15marzo19 350 260 mindi Valentino Bettinelli e Maria Giulia Cretaro - Politiche attive per il lavoro ed il loro destino in Provincia di Frosinone. Promotore del tavolo Samuel Battaglini, Vice Presidente nazionale dell'ANCI giovani.

Già da mesi, suo il tentativo di riunire gli attori in scena. Nel mese di febbraio la richiesta avanzata al Presidente della Provincia Pompeo, rimasta inascoltata. “Grazie all’impegno del consigliere di Ceccano Marco Mizzoni, molto partecipe nella vicenda, abbiamo organizzato questo dibattito sulle politiche attive nell’ auditorium della Biblioteca di Ceccano”. Premura di Samuel Battaglini è stata contattare i 91 sindaci della Provincia, gli eletti del territorio, le associazioni di categoria e sindacati. Non solo è mancata la partecipazione ma anche la risposta. Hanno accolto l'appello Anita Tarquini ( UIL), Nazzareno Pilozzi, per conto di Mauro Buschini, per la Regione Lazio, qualche amministratore dei comuni frusinati ed il Senatore Ceccanese, già Vice Sindaco Massimo Ruspandini; certamente poche presenze rispetto alla portata del problema. Anche da parte di Vertenza Frusinate una tiepida adesione, non certo i numeri canonici a cui ci hanno abituato i militanti: non stanchi di lottare ma bisognosi di progetti concreti.

Marco Mizzoni esordisce sottolineando “l’assenza totale delle istituzioni. I disoccupati non chiedono solo sostentamento, ma lavoro. L'enorme tasso di non occupati nella nostra provincia non può essere un dato da cavalcare solo in campagna elettorale”.
Microfono al portavoce di Vertenza Frusinate, Gino Rossi, che batte ancora forte contro “una politica continuamente e costantemente assente. Vertenza è un comitato unitario di tutti i disoccupati delle aziende del territorio. Continueremo a sollecitare i nostri rappresentanti istituzionali, affinché Provincia, Regione e Governo mettano in campo progetti reali di politiche attive. Siamo coscienti che senza questi provvedimenti, la mobilità avrà un termine e noi rimarremo senza sostentamento e assolutamente senza lavoro. Pretendiamo inoltre più rispetto istituzionale, le nostre continue chiamate non dovrebbero essere un disturbo, ma il richiamo al dovere di chi è stato eletto”. Rossi apre anche sulla questione Valle del Sacco “11 progetti, per lo più nella nostra provincia, di cui sappiamo poco e niente. Non è chiaro quello che è stato siglato e come e se questo ci coinvolgerà. Credo questa sia una questione centrale del problema”.

Intervento in merito anche dell’Assessore Mario Sodani che richiama tutti alla concretezza dello sviluppo pratico del lavoro. “Analizziamo questi progetti di bonifica, abilitiamo le professionalità, riattiviamo il turismo e la collaborazione con le curie. Abbiamo 53 milioni da utilizzare e far fruttare”. Scivolone dell'Assessore forse su argomento a lui poco chiaro. Fondi legati alla Valle del Sacco con progetti già convalidati.

Massimo Ruspandini, nel suo stile sintetico, spende parole di ringraziamento per chi ha da sempre militato in prima linea. “M’impegno per un'interrogazione parlamentare, il primo strumento nelle mani di un Senatore. - prosegue con un attacco alle politiche del governo - che mirano sicuramente ad una condivisibile assistenza diretta a chi ha meno, ma qualcuno deve assumersi le responsabilità di dire che queste misure non genereranno lavoro e sviluppo. Si investono miliardi sul Reddito di Cittadinanza, che è l’esatto opposto di quello che Vertenza chiede. Il comitato ha avuto la forza di non mollare, spronandoci anche a costruire situazioni istituzionali ad hoc”. Anche il Senatore parla di Valle del Sacco collegando il problema ambientale con la crisi occupazionale dell’intera area. “Bonifica, riqualificazione e politiche attivei”.
Anita Tarquini (UIL) “La mia presenza, è in rappresentanza di tutte le sigle. sindacali.

Nella lunga storia di Vertenza Frusinate ci siamo spesi per ogni passaggio. Ad oggi, parlando di politiche attive, abbiamo inviato mail a tutti i sindaci. Le risposte sono state vaghe e lente. Non possiamo improvvisare soluzioni, che non tengono conto di tempi e costi.” In una mattinata dove l'asticella si è spostata tutta a destra, ultimo intervento quello di Nazzareno Pilozzi (PD) in vece di Mauro Buschini. “Il Ministero sta valutando se poter o meno stanziare i 35 milioni e poi comunicarlo alla Regione. Prima di allora la discussione è ferma così come l'accordo quadro. I fondi stanziati nel Lazio per l’assistenza, spettano a tutti, non solo all'area di crisi complessa. Pilozzi conferma la “necessità di un nuovo accordo per la ripartizione effettiva dei fondi per la mobilità in deroga”. “Essenziale sarà agire sul tema Valle del Sacco. I 53 milioni ci sono e rappresentano un punto di partenza per la bonifica”.
Una mattinata densa di interventi, anche estremamente prolissi, che lasciano ancora fumo nel problema occupazionale dei senza lavoro ciociari. Parole che, tra discussioni e diatribe personali, aggirano di nuovo il problema.

Una soluzione c'è, è sotto gli occhi di tutti ed è l'accordo per la Bonifica della Valle del Sacco. A ricordarlo nel tavolo solo Vertenza Frusinate, e sorvolato da tutti gli altri.
Questa intesa sui 53 milioni è arrivata in sordina, con la totale assenza di una reale consultazione dei cittadini interessati e senza alcuna audizione dei Sindacati e dei Consigli comunali. Il futuro dei 10 progetti, da Paliano a Ceprano, sarà affidato alla sola supervisione del Rua, Responsabile Unico dell’Attuazione, la Regione Lazio in un comitato presieduto dal Ministero dell’ambiente insieme solo a Ispra e Arpa, con la convocazione dei sindaci relegata ad una volta l'anno. Lo ha ricordato nel suo intervento il direttore di UNOeTRE.it, Ignazio Mazzoli, rammentando che innanzitutto ogni cittadino ed ogni istituzione locale hanno il diritto di conoscere ogni parola di ciò che si è firmato il 7 marzo ed ha invitato i disoccupati a non perdere questa nuova concreta opportunità di lavoro lavorando d’intesa con i Sindacati, perché la gestione dei posti di lavoro che genereranno i progetti dell’Accordo di bonifica della Valle del Sacco, non siano nelle mani di pochi ed in primo luogo non siano oggetto di voti di scambio elettorale. È un’occasione per giovani inoccupati e vecchi disoccupati.

Tre ore trascorse tra dissertazioni ideologiche e comizi, quando in realtà sarebbe bastato molto meno per rendere giustizia all'argomento principe del tavolo, e relegato a mero contorno: le non pervenute politiche attive (che però ci sono, ne fa fede la bonifica del Sacco, anche se qualcuno non vuole vederla come tale, chissà perché?).

 

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

15 marzo ‘19

Torna in alto
Bookmaker with best odds http://wbetting.co.uk review site.

Privacy Policy

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici