fbpx
Menu
A+ A A-

Il ritorno del 'Dibba'

  • Scritto da 

dibba ttista 350 mindi Aldo Pirone - Alessandro Di Battista, dopo le sue ultime performance peroniste in Abruzzo e in quel di Francia dove, con il tentativo di agganciare il gilet gialli, ha fatto fare una figura meschina, per non dire di cacca, al suo Movimento, sembrava che avesse compreso di dover prolungare il suo riposo. Magari facendo qualche altro viaggetto intorno al globo.

Purtroppo, sia per i grillini e che per gli altri italiani preoccupati delle sorti della nostra democrazia, non è cosi. Il “Dibba” agogna a tornare in partita e quindi, da vero Torquemada, però descamisado, approfitta delle occasioni che la situazione gli offre. Ieri ne è arrivata una ghiotta: le nuove retate di politici e imprenditori corrotti in Lombardia e in Calabria che lui ha subito cavalcato, riproponendo il suo vecchio pallino: lo scontro fra fascismo e antifascismo è cosa antica simile a quello – come ebbe a dire – fra Guelfi e Ghibellini nell’Italia medievale. Il vero problema – dice lui - non è quello di qualche deficiente nostalgico, la vera priorità in Italia sono i ladri annidati nella politica.

Mentre scolpiva questo concetto su facebook, la sua Sindaca Virginia Raggi sfidava a viso aperto a Casal Bruciato la solita cagnara xenofoba e fascista di Casa Pound e l’Appendino a Torino convergeva con il governatore regionale Chiamparino del Pd per cacciare dal Salone del libro la casa editrice dello squadrista Polacchi di Casa Pound.

Il “Dibba”, che evidentemente non ha ancora smaltito il jet lag dei suoi ultimi tour, non si è accorto che in questi ultimi giorni è emerso, con una certa evidenza, che il Movimento pentastellato si è scontrato proprio con la pervicace omertà verso questo “mondo di ladri” con il suo partner di governo: Salvini. Costui, guarda caso, è pure amante dei balconi del “duce” e fervente imitatore dei fascisti, delle loro pose, nonché protettore delle loro più estreme organizzazioni naziste come Casa Pound. Il tutelato dal “bauscia”, Siri, è risultato essere in contatto clientelare, se non in combutta, con personaggi legati alla mafia del latitante Messina Denaro. Il suddetto sottosegretario leghista era già sfuggito all’occhiuta sorveglianza delle fedine penali da parte dei pentastellati, arrivando al governo con precedenti per bancarotta fraudolenta e sottrazione di denaro al fisco. Anche per questa svista i “grillini” dovrebbero chiedere scusa agli italiani. Poi, a proposito di ladri e di Lega, ci sarebbe anche da approfondire sulla retata in Lombardia, ma non è qui il caso.

Grazie all’affaire Siri, è diventato visibile un qualche approccio della mafia alla Lega salviniana, nazionalista e fascistoide, completando così il cerchio dei contatti reazionari e omertosi di questo partito.
Perciò, per tornare all’assunto iniziale di Di Battista, è del tutto evidente che anche gli antifascisti non sono, purtroppo, immuni dai ladri, categoria quanto mai trasversale nella politica odierna, ma è altrettanto assodato, stando a quel che dice il “Dibba” a proposito di priorità, che il M5s non è immune dai cretini.

 

 

Articoli e  news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui

aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Torna in alto
Bookmaker with best odds http://wbetting.co.uk review site.

Privacy Policy

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici