fbpx
Menu
A+ A A-

Nostalgici

  • Scritto da 

2giugno19 350 260 minSono tanti gli anniversari della Repubblica finora celebrati nel nostro paese. Ben 73 e tutti, se ben ricordo, hanno risentito del clima politico che in quel momento aleggiava. Perciò anche ieri la Festa è stata segnata dalle solite ciarlatanerie, dominanti in questo momento, di qualche politico che non dismette mai le vesti del pagliaccio. Salvini, come al solito, non ha mancato di far sentire a tutti, ove ce ne fosse ancora bisogno, che nel circo equestre lui è sempre il migliore.
Tuttavia occorre registrare che ieri la Repubblica ha potuto godere anche di qualche sospiro di sollievo: la mancata partecipazione di Giorgia Meloni e Ignazio La Russa. Niente di male perché, per la verità negli anni passati loro partecipavano avendo nel cuore non la Repubblica democratica ma quella di Salò. Il luciferino La Russa sembra come il dottor Stranamore, quando si parla di certi argomenti come pace e guerra gli scappa sempre la mano tesa nel saluto nazifascista.

Infatti, a Ignazio e Giorgia non è piaciuta la parola “inclusione” con cui la ministra della Difesa Tria ha voluto caratterizzare la consueta parata dei nostri militari. I due esponenti di Fd’I, cui nostalgia e rimpianto per le “quadrate legioni” non è mai venuta meno, hanno fatto affiggere uno striscione contro la pace e l’amore, ritenendole disdicevoli per la “maschia gioventù” in divisa. Dimentichi, ovviamente, della Costituzione che, all’art. 11, dice, chiaro chiaro, che L’Italia “ripudia” la guerra. Il verbo “ripudia” fu usato proprio per sottolineare la radicalità della nostra volontà pacifista. Le Forze Armate, infatti, sono, o dovrebbero essere, esclusivamente a presidio della pace, della libertà e della nostra Carta fondamentale.

Il senatore La Russa che è stato ministro della Difesa dal 2008 al 2011 – quante disgrazie ha dovuto sopportare negli ultimi lustri il nostro Paese! – ha inveito contro la ministra Trenta dicendo: “manca di rispetto ai nostri uomini e donne in divisa”.

A proposito di rispetto dei nostri militari, molti non ricordano che il suddetto Ignazio Benito Maria La Russa fu segretario regionale della Lombardia e dirigente milanese del Fronte della gioventù, l’organizzazione giovanile del Msi di Almirante. Il 12 aprile del 1973 stava alla testa della manifestazione promossa da Msi e Fdg a Milano da cui fu lanciata la bomba – e altre due che per fortuna non esplosero - che uccise l’agente di Polizia Antonio Marino di 23 anni mentre era in servizio di ordine pubblico in via Bellotti. Era il modo di La Russa e camerati di dimostrare “rispetto” agli uomini in divisa.

Non risulta che se ne sia mai pentito.
E si vede.

 

malacoda 75

Aldo Pirone, redattore di malacoda.it

 

 

Articoli e  news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui

aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Torna in alto
Bookmaker with best odds http://wbetting.co.uk review site.

Privacy Policy

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici