fbpx
Menu
A+ A A-

A Ceccano si è detto BASTAACEA

Bastaacea23mar19 350 260 mindi Valentino Bettinelli - Ancora Ceccano come palcoscenico per la protesta contro la sciagurata gestione del servizio idrico da parte di Acea. Questa volta, però, le rimostranze dei comitati si spostano per strada. Un corteo che dalla stazione ferroviaria, passando per lo storico ponte sul fiume Sacco, ha raggiunto Piazza Berardi nella mattinata di sabato 23 marzo. Manifestazione molto partecipata che ha registrato la presenza dei tanti attivisti riuniti dal Coordinamento Provinciale per l’acqua pubblica.
Una partecipazione e una protesta che affondano le proprie radici nella lotta per il referendum del giugno 2012, quando la popolazione scelse per il ritorno alla gestione pubblica del servizio idrico. Istanza popolare, ancora oggi, rimasta inascoltata dai legislatori e dai governi che in questi anni si sono succeduti.
Da sottolineare qualche assenza di troppo anche tra coloro i quali avevano promosso in maniera capillare la protesta di Ceccano. Mancanze che inevitabilmente hanno creato qualche malumore tra i dimostranti.

Nella raccolta di Piazza Berardi, al termine del corteo, voce a Domenico Aversa, del comitato “No Acea” di Ceccano e coordinatore provinciale. “Non siamo qui per rappresentare gli interessi di questo o quel partito politico. Anzi, vogliamo denunciare l’abbandono della classe politica nei nostri confronti”. Chiaro riferimento agli eletti nel nostro territorio, colpevoli non solo dell’assenza. A questi imputato il totale disinteresse nei confronti della vicenda. A tal proposito Aversa afferma che “non c’è stata nemmeno un’adesione formale da parte degli esponenti politici eletti nella nostra Provincia. Non un messaggio, non una chiamata. Una mancanza di rispetto nei confronti di una cittadinanza esasperata e ormai lontana dalla politica e dalle istituzioni”.

Ancora una volta registrare la latitanza della politica locale, regionale e nazionale è una prassi per chi racconta le vicende della ciociaria. Evidente l’assenza di dialogo tra classe dirigente e cittadini, in netto contrasto con quello che, per un politico, dovrebbe essere un dovere morale, ovvero l’impegno costante sul territorio e la cura degli interessi di tutti quelli che hanno anche contribuito all’elezione dei vari esponenti, di tutte le parti politiche. acquaAcea 350 260 min

A sottolineare la cattiva gestione da parte di Acea le parole di Aurora Colafrancesco, a nome di tutti gli utenti Acea. “Ogni giorno siamo costretti ad osservare la terra che esce dai nostri rubinetti, assieme all’acqua. Acea, però, non sembra interessata al confronto con noi utenti; l’unico interesse della società è quello economico. Se non si parla di soldi, bollette e morosità, non si può interloquire con i responsabili”.

 

A chiudere la manifestazione, l’intervento del portavoce del coordinamento, Mario Antonellis. Di nuovo un attacco ad una “politica continuamente assente”. Continua puntando il mirino sulle questioni più tecniche della vicenda. “Il nostro obiettivo è quello di far rispettare i risultati del referendum del 2012, rendendo di nuovo pubblica la gestione dell’acqua. Abbiamo scelto Ceccano perché da qui è partito il movimento per la risoluzione del contratto. Ringrazio il Sindaco, ma lo invito a non abbandonarci, perché abbiamo bisogno di amministrazioni pronte a lottare insieme a noi”. Centro del discorso di Antonellis proprio la questione sulla risoluzione contrattuale “ancora sub judice. C’è stato un ricorso al TAR da parte di Acea e un controricorso al Consiglio di Stato da parte dei Sindaci. Consiglio di Stato che, dopo un anno, ancora non si pronuncia sul tema”. L’obiettivo dei comitati è quello di unire le forze con gli amministratori perché “l’obiettivo di Acea è quello di vedere gli amministratori disuniti e scompaginati, affinché ci siano orizzonti diversi e inquinamenti politici”. Mario Antonellis conclude il suo intervento dicendo che “va assolutamente stralciato il Decreto Padoan per la riscossione coattiva del debito da parte di Acea. La multinazionale romana ha dovuto dichiarare che, in caso di mancata riscossione, rischiava il dissesto finanziario. Eventualità evidentemente falsa. Nel frattempo, infatti, Acea ha elargito sponsorizzazioni ingenti a televisioni e società di calcio come il Frosinone . La nostra protesta potrebbe arrivare anche nella maratona di Roma, altro evento sponsorizzato da Acea”.

Questa marcia vuole essere un primo segnale, a cui farà seguito un lungo elenco di ulteriori manifestazioni a difesa di un bene pubblico essenziale come l’acqua. Una protesta contro la gestione cervellotica da parte di un privato del bene comune. Un tentativo di affondo, da parte della cittadinanza attiva, nei confronti di una classe politica continuamente assente nel dibattito sulle questioni di primaria importanza per i territori. Viene, dunque, da chiedersi quali interessi muovano questa continua, e ormai insopportabile, latitanza da parte di politici, rappresentanti sindacali e Istituzioni?

 

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Torna in alto
Bookmaker with best odds http://wbetting.co.uk review site.

Privacy Policy

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici