Menu
A+ A A-

Benefici dal vino se si è moderati

Vino rosso 350 260 minDr. Antonio Colasanti - Il vino rosso ottenuto con metodi tradizionali e quindi non affidandosi a supporti chimici, proprio perché ricavato da uve rosse di cui è stata mantenuta la buccia ricca di polifenoli, se bevuto ogni tanto e con moderazione, un bicchiere a pasto, è un potente strumento antiossidante. L’alcool aumenta la secrezione di ptialina enzima contenuto nella saliva che trasforma gli amidi in zuccheri e stimola le contrazioni dello stomaco e l’apertura della valvola piloro che mette in comunicazione stomaco intestino. Favorisce la secrezione di bile soprattutto pancreatica attivando una migliore demolizione ed utilizzazione degli zuccheri.
Un uso moderato riduce il rischio di formazione di calcoli biliari inoltre aumenta la diuresi.

Altri vantaggi:
abbassa la quantità di colesterolo nel sangue e nei paesi dove si consuma vino si registra una più bassa incidenza di malattie cardiovascolari. Un bicchiere di rosso o di bianco placa l’irritabilità, migliora l’umore e rende un po’ meno rigidi nelle relazioni con gli altri. Il vino ha anche un discreto valore alimentare e un buon valore energetico da settecento a novecento calorie per litro.

Il resveratrolo
La buccia dell’uva rossa contiene resveratrolo, un polifenolo, che agirsce come un acceleratore metabolico brucia-grassi. E’ stato inoltre confermato che riduce l’infiammazione e ottimizza la circolazione del sangue in area cerebrale. Uno studio tedesco ha evidenziato che chi beve abitualmente moderate quantità di vino mostra un miglioramento della memoria, del controllo della glicemia e della funzionalità dell’ippocampo che ha un ruolo chiave nell’archiviazione dei ricordi. Il resveratrolo avrebbe anche un ruolo chiave nel contrastare l’invecchiamento, processo naturale dovuto all’ossidazione cellulare. Insieme all’alcol aiuta il sistema di difesa a eliminare germi e batteri dannosi.

Pillole di storia
Pare che la vite sia originaria dell’India e che la pratica della vinificazione sia iniziata in Armenia. Nell’Antico Egitto la produzione del vino era pratica consolidata tanto che nel corredo funerario del re Tutankamon c’erano anfore contenenti vino. I Romani lo proponevano abitualmente ai soldati per evitare che si ammalassero. Forse avevano già intuito le sue proprietà battericide confermate dalla scienza. Infatti, l’alcol contenuto nel vino modifica e altera la struttura chimica delle proteine e degli enzimi di virus e batteri che, così, non sopravvivono. Con il declino dell’Impero e l’avvento del cristianesimo la viticoltura fu per lo più vietata. Solo i monaci e le comunità ebraiche continuarono a produrlo.

Dosi
Il consumo moderato è descritto in modo diverso in varie ricerche, ma di solito va da due bicchieri per lei, e tre bicchieri per lui. Gli uomini possono berne di più perché il loro sistema ormonale consente una migliore metabolizzazione dell’alcol. Viceversa le donne a causa degli estrogeni e del progesterone lo digeriscono più lentamente. In realtà, secondo uno studio dell’università di Modena-Reggio-Emilia non esiste una dose valida per tutti, ciascuno deve valutare le proprie personali reazioni e regolarsi di conseguenza tenendo presente che se un uomo e una donna della stessa taglia bevono la medesima quantità di vino, lei sperimenterà un più altro livello di alcol nel sangue per un periodo di tempo più lungo.

Meno perdite cognitive
Uno studio del paesi bassi ha monitorato persone di età compresa fra i quaranta e i settanta anni nel corso di cinque anni. Chi beveva due o tre bicchieri di rosso al giorno mostrava meno perdite cognitive di chi si asteneva. Uno studio simile si è svolto in Francia: le donne che consumavano uno o due bicchieri di vino al giorno e gli uomini che ne bevevano tre manifestavano maggiori capacità di ricordare gli eventi passati, di mettere in relazione le informazione e di elaborarle creativamente.

Aiuta a superare ansia e depressione
Uno studio effettuato sui residenti di New York over 65 che bevono abitualmente vino ha rilevato che i consumatori abituali sono meno soggetti ad ansia e depressione di chi è astemio. Ciò non è dovuto solo al fatto che i bevitori intrattengono amicizie più strette, ma anche all’attivazione dei circuiti della dopamina, molecola del piacere, stimolata dall’alcol. In corrette dosi il vino rosso, non più di due bicchieri, ha un effetto rilassante che favorisce l’addormentamento e predispone al riposo. Importante però eliminare i fattori di stress: dedicarsi ad attività che agitano o lavorare al pc.

 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

Sostieni UNOeTRE.it
Torna in alto
Bookmaker with best odds http://wbetting.co.uk review site.

Privacy Policy

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici