fbpx
Menu
A+ A A-

Il glutine e le intolleranze

glutine celiachia rappresentazione minDr. Antonio Colasanti - Sempre piu frequentemente sentiamo frasi ippocratiche del tipo "siamo cio che mangiamo".
Fa che il tuo cibo sia la tua medicina. Ma pur rendendoci conto che ciò corrisponde a verità difficilmente la mettiamo in pratica.
La salute è, prima di ogni cosa, atto di consapevolezza.

La corretta alimentazione è un passo fondamentale.
Il glutine è il costituente delle farine di cereali quali: frumento, avena, orzo, secale o segale, kamut.
Il glutine non esiste come composto naturale ma si forma dopo che si impasta la farina con l'acqua a partire dalle proteine gliadine (componente del glutine) e glutenine naturalmente presenti nei chicchi che chimicamente sono reticoli proteico tridimensionali che conferiscono elasticità e resistenza all'impasto e favoriscono la lievitazione e la panificazione. Il glutine e la componente gliadina sono alla base della celiachia e dell'intolleranza non celiaca.
La particolare struttura di questa proteina la rende di difficile digestione.

La digestione inizia nello stomaco per azione enzimatica e si completa nell'intestino grazie agli enzimi pancreatici, ma nel caso della gliadina risulta incompleta portando alla formazione di sostanze non completamente digerite, che accumulandosi a livello intestinale innescano risposte immunitarie.
Il glutine lo troviamo nel frumento, farro, orzo, avena, segale, crusca, malto, prodotti per colazione, pangrattato frutta disidratata, bevande, birra, cioccolato.

La celiachia è una malattia autoimmune i cui meccanismi biologici sono poco noti. Il corpo fabbrica degli anticorpi verso il glutine alimentare, che si legano all'alimento innescando reazioni a catena per cercare di eliminare la sostanza nociva (il gluyine). La celiachia si manifesta in maniera cronica e sistemica e determina un processo infiammatorio con lesioni intrestinali con malassorbimento e disturbi vari.

La sensibilità o intolleranza al glutine è una forma attenuata della celiachia con sintomi attenuati, chiamata intolleranza alimentare. La reazione dipende dalla dose ed i sintomi compaiono dopo diverse ore dall'assunzione dell'alimento contenente il glutine. I sintomi possono essere suddivisi in disturbi intestinali ed extra intestinali.

Sintomi intestinali:
- difficolta digestive-gonfiore addominale-nausea-dolori e crampi-diarrea-stipsi-flatulenza

Sintomi extra intestinali:
- emicrania, stanchezza cronica, dolore gastrico, asma, muco, tosse, crampi.

I disturbi digestivi sono i piu frequenti: cattiva digestione, lenta, difficile, gonfiore, eruttazione, diarrea, stitichezza, alternati sviluppo di infiammazioni con sintomi extra intestinali quali stanchezza, sonnolenza, scarsa concentrazione. Possono comparire dolori gastrici, iperacidità, reflusso.
I rimedi sono: nutrirsi in maniera piu consapevole, disintossicare, pulire e sfiammare l'intestino; aiutare lo stomaco eliminando i cereali trattati e preferendo alimenti integrali.

Torna in alto
Bookmaker with best odds http://wbetting.co.uk review site.

Privacy Policy

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici