Menu
A+ A A-

Quando si vota senza saper leggere

Dignità 350 260di Tiziano Ziroli - Si potrà cambiare un comma di una legge già votata sia in Parlamento e al Senato? Con questa richiesta ci siamo recati oggi pomeriggio (27 marzo 2017) alla provincia.
Ci chiedevamo anche se l'invito fatto dal Presidente della Provincia sarebbe stato recepito ed accolto dagli invitati.
Fuori la Provincia appena arrivato già c'erano parecchi lavoratori, era la prima volta che ciò accadeva, arrivano anche gli invitati e cioè la senatrice Maria Spilabotte, il deputato Luca Frusone, il deputato Nazzareno Pilozzi e per il senatore Scalia è venuto un collaboratore della sua segreteria.
Entriamo nella sala della Provincia, mi siedo, dopo qualche minuto giro lo sguardo e la sala era piena...erano arrivati altri lavoratori... eravamo tanti.
Si legge negli sguardi di molti l'ansia di sapere, il sapere se possono ancora sperare dopo il 14 giugno (quando perderanno ogni reddito) o se oramai non c'era più speranza.
Gino ed io spieghiamo agli eletti del territorio quello che è successo. Raccontiamo l'incontro avuto in regione il venerdì precedente (quando l’Assessora Lucia Valente ci ha comunicato che non avevamo diritto alla proroga della mobilità)... e gli facciamo la domanda...si può cambiare il comma?... se non si può cambiare si può aggiungere che anche la condizione di chi perderà la mobilità nella nostra provincia dove lo Stato spenderà neppure un centesimo per Cig straordinaria che qui non esiste?
Gli eletti leggono le carte, dalle loro facce capisco che avevano votato, sbagliando, un articolo di legge con un comma che non comprende le mobilità in deroga, fornendoci poi un’informazione errata quando ci rassicurarono che coloro che avrebbero perso la mobilità il prossimo 14 giugno avrebbero pi goduto della proroga della stessa per altri 12 mesi.
I Parlamentari presenti capiscono lo sbaglio e prendono l'impegno di verificare entro pochi giorni se sia possibile correggere l'errore.
Ora come lavoratori e come disoccupati aspettiamo mercoledì, giorno in cui dovrebbero arrivare risposte al quesito. Giovedì faremo una riunione per mettere tutti al corrente.
Noi speriamo che si possa correggere l'errore perché' dal 14 giugno migliaia di famiglie finiranno l'ammortizzatore sociale e si ritroveranno senza reddito, voglio ricordare che già molte famiglie nella nostra provincia si trovano senza reddito e senza ammortizzatore sociale. La povertà avanza senza sosta.
E’ ora che la politica si prenda a cuore questo problema, non possiamo più aspettare. Le famiglie non possono più aspettare. Le nostre famiglie non ce la fanno più.

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

Sostieni UNOeTRE.it
Torna in alto
Bookmaker with best odds http://wbetting.co.uk review site.

Privacy Policy

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici