Menu
A+ A A-

Due emendamenti figli della lotta dei disoccupati

  • Scritto da  Ignazio Mazzoli e Tiziano Ziroli

Dignità 350 260di Ignazio Mazzoli, conversazione con Tiziano Ziroli - Nel corso della discussione sul decreto 50/2017, la Commissione Bilancio della Camera dei Deputati ha approvato anche l'emendamento 53.042 che è volto a garantire la proroga della “mobilità” per un periodo di massimo dodici mesi nelle aree di crisi industriale complessa, una delle quali investe il territorio di Frosinone-Anagni-Fiuggi. Un altro passo in avanti del provvedimento molto atteso da tutti quei disoccupati e dalle loro famiglie, che il 14 giungo prossimo resteranno senza redditi per la cessazione della “mobilità”. Il decreto 50/2017 o se si preferisce chiamarlo “manovrina correttiva” è in attesa di approvazione in aula alla Camera, dove non dovrebbero esserci sorprese e poi dovrà affrontare la prova più difficile, l’esame del Senato dove ci sono turbolenze fra partiti che potrebbero ostacolare anche il cammino dell’emendamento 53.042. Data la situazione in quel ramo del parlamento neppure il voto di fiducia sarebbe una garanzia, forse lo è di più un confronto che porti alla votazione di articolo per articolo permettendo di selezionare le vere emergenze e di dare loro l’opportuno e giusto consenso, isolando scelte non condivise o addirittura improvvide e antidemocratiche come la reintroduzione dei voucher.
L’emendamento di cui stiamo parlando riguarda ben 14 aree di crisi complessa in tutta Italia.
È una piccola misura d’emergenza, ne sono ben consapevoli i disoccupati e tutti coloro che chiedono nuove politiche industriali e di occupazione, ma ora è indispensabile. Tutti si augurano che sia approvata la proroga della mobilità. Per sopravvivere.

Due emendamenti

«53.042 e 55.030 sembrano numeri buttati lì, come numeri al lotto, invece sono numeri che potrebbero diventare numeri importantissimi per il nostro territorio.» Esordisce così Tiziano Ziroli, disoccupato che cura l’informazione delle iniziative e delle scelte di Vertenza Frusinate. Disoccupati uniti. Questi lavoratori ora senza occupazione da 48 mesi impegnati a far conoscere la loro condizione e le loro proposte per uscirne, hanno avuto un gran peso nella formulazione dell’emendamento in questione.

Tiziano Ziroli prosegue: «quei due numeri identificano due emendamenti introdotti nella “manovrina fiscale”. Il 53.042 riguarda la proroga della “mobilità” in deroga e il 55.030 riguarda lo sblocco di soldi che sono fermi all’Inps dal momento che molte aziende chiedono la cassa integrazione, di cui non ne usufruiscono. Grave il danno che si provoca perché la legge prevede in questi casi che i soldi restino bloccati all'Inps per 10 anni, e la Regione non può utilizzarli. Ora invece potrà finalizzare questi fondi in interventi per nuove occupazioni anche temporanee.»

Ziroli, ma come nascono questi due emendamenti?
«Nascono quando Vertenza Frusinate, nel mese di marzo, dopo una lunga protesta nel palazzo della provincia, incontra l'Assessore al Lavoro della Regione Lazio, Lucia Valente. L'incontro va male, Vertenza Frusinate chiedeva alla Regione Lazio una deroga sulla mobilità, visto che secondo noi era stata votata sulla famosa legge "Milleproroghe". La regione nega, dice che non è possibile perché il comma che ci interessava non conteneva la proroga per la “mobilità”, ma solo per la cassa integrazione straordinaria. Insomma, era stato votato, a gennaio, un comma sbagliato. Allora la Valente ci consigliò di rivolgerci ai nostri eletti del territorio per modificare la legge.
Prendemmo in parola l'Assessore ed effettivamente una settimana dopo, verso metà marzo, convocammo tutti gli eletti del territorio nella sala della Provincia di Frosinone, erano presenti i Deputati Nazzareno Pilozzi e Luca Frusone, la Senatrice Maria Spilabotte e un collaboratore del Senatore Francesco Scalia.»

Emendamenti per correggere un errore e rendere disponibili somme bloccate

Come avete reso chiaro che qualcuno si era sbagliato nel votare l’emndamento a gennaio?
«Agli eletti presenti illustrammo bene la differenza dei commi che erano stati votati nel mille proroghe e a quel punto il Deputato Nazzareno Pilozzi si prese l'impegno di trovare il modo di scrivere un emendamento che risolvesse il problema, bisognava solo trovare il modo e il momento giusto; la Senatrice Spilabotte , invece si impegnò a contattare il ministero del lavoro per organizzare un incontro con il Sottosegretario Senatrice Franca Biondelli, in modo da trovare insieme soluzioni utili anche a politiche attive per il lavoro.
Il 12 aprile, Vertenza Frusinate era seduta al tavolo ministeriale con il Sottosegretario Biondelli, al quale spiegammo con dati alla mano i problemi presenti sul nostro territorio, ci lasciammo con l’impegno di incontrarci di nuovo al più presto per trovare insieme alcune soluzioni immediate e concrete. Noi ci eraavamo prentati con informazioni e documentazioni raccolte con tanto lavoro anche sa aiutati con passione da esperti come il funzionario pubblico Yuri Carlucci. Gliene siamo molto grati.»

Qual è stato l’incontro decisivo?
«Il 9 maggio si avvia l’ultima tappa di questi incontri. Di nuovo siamo presenti al tavolo ministeriale, con gli eletti del territorio, l'Amministrazione provinciale, ma anche l'Assessore al Lavoro della Regione Lazio e tutti i direttori generali del Ministero del Lavoro, della Regione Lazio e dell'Anpal.
A questo tavolo abbiamo snocciolato dati, cifre, numero di famiglie che rimarranno senza reddito, quante già sono senza reddito, quante aziende avevano richiesto la cassa straordinaria... Insomma vertenza ci andò pronta e preparata, i vari attori presenti al tavolo non poterono far altro che prendere atto e dichiarare per voce del sottosegretario Biondelli, che di quell'emendamento ce ne era assolutamente bisogno, il caso voleva che proprio in quel momento Pilozzi era alla camera che si iniziava a discutere nella commissione bilancio la manovrina fiscale, la Biondelli e la Spilabotte lo contattarono immediatamente, e gli spiegarono la necessità di presentare l'emendamento. Pilozzi già a conoscenza del problema con una bozza di emendamento già scritta, visto l'impegno preso a marzo, assicurava la più rapida presentazione.»

Ziroli e ora?
«Siamo oramai ai primi di giugno, gli emendamenti dopo molte difficoltà sono entrati nella manovrina fiscale. Figli della caparbietà e determinazione di Vertenza Frusinate e della nuova disponibilità di alcuni eletti del territorio. Essi affrontano ora un’emergenza della provincia di Frosinone, ma anche quelle analoghe presenti anche in tutte le altre aree di crisi complessa in Italia.»

La partecipazione conta? La presenza attiva paga? Aspettiamo che si concluda, speriamo nel migliore dei modi, la storia di questi emendamenti e poi dovremo fare qualche considerazione più approfondita.

1 giugno 2017

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

Sostieni UNOeTRE.it
Torna in alto
Bookmaker with best odds http://wbetting.co.uk review site.

Privacy Policy

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici