fbpx
Menu
A+ A A-

Il PCI frusinate a tutti i parlamentari del territorio

  • Pubblicato in Partiti

Bandiera pci 350 260Lettera aperta ai rappresentati della nostra provincia in Parlamento.
Dall'analisi dei dati dell'ultima pubblicazione del Sole 24 ore sulla situazione socio-economica della nostra provincia si evidenzia la drammatica situazione nella quale versa. Basta elencarne solo alcuni per rendersi conto che la provincia di Frosinone sta assumendo caratteri sempre più simili alle aree depresse delle province del meridione.

Dal 2008 ad oggi, le retribuzioni dei lavoratori sono diminuite dell'1,92% con una conseguente perdita del potere d'acquisto dei salari. Ma se analizziamo le dichiarazioni dei redditi relativi al 2017, la situazione è ancora più drammatica in quanto gli stessi registrano una diminuzione del 2,89% attestandosi su una media di 22.242 euro a dimostrazione che anche i redditi da lavoro autonomo sono in netta diminuzione. A ciò vanno aggiunti i dati relativi agli iscritti ai centri per l'impiego che risultano essere 122.000 con un tasso di disoccupazione che si attesta al 16,6%, 6 punti in più della media nazionale e, all'interno di questo, il dato più drammatico è il tasso relativo alla disoccupazione giovanile che nella nostra provincia si attesta al 47%. Un dato che non offre nessuna prospettiva di futuro ai nostri giovani e ai quali non resta altro da fare che emigrare; siamo tornati agli anni cinquanta!

Con un tasso di inattività del 41% uno dei più alti d'Italia, e la registrazione di un aumento record dei contratti a intermittenza balzati a +164% dimostrano che nella nostra provincia la precarietà è esplosa con riflessi devastanti dal punto di vista della tenuta sociale. Noi comunisti chiediamo a tutti i rappresentanti della nostra provincia in Parlamento di farsi carico di questa situazione in virtù del risultato elettorale conseguito alle elezioni del 4 marzo.I cittadini ciociari hanno diritto di sapere cosa e quali istanze avete rappresentato in Parlamento considerato che la maggioranza di voi, tranne qualcuno, si trova a condividere esperienze di governo. Ci aspettiamo da ognuno di voi un report sulla vostra attività parlamentare, perché abbiamo come la sensazione che dopo il 4 marzo siate spariti.Noi comunisti proponiamo,proprio in virtù del fatto che molti di voi siete stati eletti in formazioni politiche oggi al governo del paese, una piattaforma per il rilancio sociale ed economico della nostra provincia. Per non perdere la faccia, bisogna mettercela la faccia!
Aspettiamo con ansia una vostra risposta.

Bruno Barbona Oreste Della Posta

 

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Leggi tutto...

Arcangelo Spaziani, come lo ricordiamo

a.spaziani 350 mindi Ermisio Mazzocchi - Conobbi Arcangelo Spaziani per la prima volta nel 1963 quando venne a tenere una assemblea di iscritti della sezione del PCI di Cassino.
Rimasi colpito dal suo modo di esporre le questioni politiche in modo semplice, chiaro, argomentato.
Quell'incontro rimane ancora vivo nelle mia memoria, così come quelli che verranno in seguito, che saranno sempre più frequenti, quando divenni funzionario politico della Federazione del PCI di Frosinone, permettendomi di conoscere la sua personalità politica e la sua profonda umanità.

Oggi ricorrono venti anni (21 novembre 1998) dalla scomparsa di Arcangelo Spaziani, noi come redazione di UNOeTRE.it, e di quanti, ci leggono e che hanno avuto modo di conoscerlo, intendiamo testimoniare un riconoscimento a un dirigente politico che ebbe un ruolo assai importante nella costruzione del PCI nella provincia di Frosinone. C’è un sentimento di affetto e di stima che accomuna molti di quella stagione politica e altri che sono venuti in seguito, che non hanno dimenticato la sua esemplare storia di militante politico. In questo scritto sono interprete e portatore di esperienze e di conoscenze simili a quella di molti altri, che oggi rivolgono un pensiero ad Arcangelo.

Il suo impegno fu costante e determinato a costruire una grande forza politica, il PCI e la sua lungimiranza politica lo portò, in seguito, ad aderire al PDS.
Uomo di profonda umanità, di grande valore morale e politico, rivelava nei suoi comportamenti politici una profonda conoscenza delle condizioni sociali e dei cambiamenti nel mondo economico e in quello del lavoro.
Svolse una attività intensa per affermare il PCI tra i lavoratori e nella società, misurandosi con nuove strategie politiche e con un modello più avanzato di società.
La sua vita è fortemente segnata da un percorso politico volto alla difesa dei diritti dei lavoratori, all'avanzamento della democrazia, della cultura, dei diritti sociali e civili.

E' stato protagonista in prima persona nel suo ruolo di consigliere e assessore regionale, ma non da meno lo fu come consigliere comunale a Ferentino e all'Amministrazione provinciale, per garantire un equilibrato sviluppo industriale, per le infrastrutture del Sud del Lazio, per la costituzione dell'Università a Cassino.
La sua formazione politica lo portava ad avere una visione di insieme dei problemi e a trovare soluzioni che soddisfacessero le priorità dei cittadini, come lavoro e servizi. In questa direzione si prodigò, come assessore regionale nelle giunte di sinistra, ma non solo, per significative riforme come l'istituzione della sanità pubblica, la realizzazione del sistema del trasporto pubblico su gomma a beneficio dei pendolari, il metodo della programmazione e della partecipazione popolare.

Curava con grande attenzione la formazione dei dirigenti politici, in particolare dei giovani, ritenendo indispensabile avere gruppi dirigenti all'altezza delle situazioni critiche della società e di un partito, il PCI, che viva una periodo politico intenso di avvenimenti che cambiavano profondamente la società.
Arcangelo è stato un protagonista della vita politica provinciale nella seconda metà del '900, sostenendo con fermezza i valori di giustizia e di democrazia.
Il suo interesse per il futuro del PCI era rivolto a garantire una continuità nel governo del partito prima con il PCI e poi con il PDS, sostenendo il ricambio generazionale nella responsabilità di guida del partito. Così avvenne nel Partito comunista quando subentrò a lui e da lui sostenuto, Ignazio Mazzoli, che nel 1970, a solo 27 anni, divenne segretario di Federazione.

Non venne mai meno il suo impegno e sostegno dei gruppi dirigenti in modo che assicurassero sempre grande attenzione alla formazione dei dirigenti, in particolare giovani. L'attenzione che gli uomini e le donne che guidarono il PCI riservavano alla crescita dei gruppi dirigenti, oggi è scomparsa. E' uno dei grandi buchi neri delle attuali forze politiche che si sono misurate con il governo del nostro Paese.
Arcangelo sapeva vivere e interpretare una grande lezione del Pci, partecipare in modo riservato e attento ai successivi cambiamenti del governo del partito, rispettandone l'autonomia, ma sapendo trasmettere la lezione che lui per primo aveva imparato da chi l'aveva preceduto: "il rinnovamento nella continuità".

Arcangelo aveva contribuito a seminare un percorso fecondo per il partito, credendo profondamente nella sua funzione nella società e nella ricerca di valorizzare le sue migliori risorse.
Rimane un esempio di coerenza, serietà, onestà intellettuale e politica, cui oggi ci si dovrebbe richiamare per qualificare l'impegno politico e civile su la sua stessa misura, di quanti, in questo periodo non felice né fecondo della storia del partito, il PD, che avrebbe dovuto ereditare quel patrimonio di Arcangelo,vogliono perseguire quell'opera che egli ha avviato nella sua esemplare lunga vita politica.

 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Leggi tutto...

'Dal PCI al Pd' di Dario De Lucia

DarioDeLucia 350 260 mindi Valentino Bettinelli - “Dal PCI al Pd”, Dario De Lucia presenta il suo libro a Frosinone. L’iniziativa “Giù dall’albero”, promossa dalla federazione provinciale dei Giovani Democratici, taglia il nastro di partenza ospitando Dario De Lucia e il suo “Dal PCI al PD”. Lo scrittore emiliano è stato accolto da una nutrita cornice di pubblico presso la suggestiva location del Birracolo di Via Firenze a Frosinone.

L’incontro ha permesso ai presenti di affrontare con spirito critico e correttezza storica, l’excursus della sinistra italiana e la relativa declinazione della casa madre del Partito Comunista. L’autore ha avuto modo di arricchire la sua ricerca attraverso l’esperienza personale da consigliere comunale del Comune di Reggio Emilia.
Tanti i temi toccati nel dialogo con De Lucia. Al centro della discussione il ruolo di un partito nell’attuale società civile. A tal proposito, il segretario provinciale GD Alessandro Marino, ha introdotto il tema della partecipazione; ratio dalla quale nasce l’idea della serie di incontri tematici “Giù dall’albero”. Per stessa ammissione del segretario, infatti, “non v’è modo di concretizzare la realtà, se non nella partecipazione”.

Ad avere ampio spazio anche la piazza virtuale dei social network responsabili, secondo l’autore, del “fenomeno dell’analfabetismo di ritorno, causato dal paradosso delle non verità”. De Lucia afferma che “non può esistere campagna di comunicazione che batta il vecchio legame di vicinanza con l’elettorato”.
A tenere banco nella serata anche lo scarso rapporto tra il Partito Democratico e gli enti intermedi, associazioni di categoria e sindacati ad esempio, un tempo diretti discendenti del partito stesso.

Un dialogo stimolante quello tra i presenti e Dario De Lucia, che ha lasciato soddisfazione negli organizzatori. Gradimento espresso dal segretario regionale GD Luca Fantini che, nel ringraziare l’ospite, ha colto l’occasione per invitare tutti ai prossimi eventi “Giù dall’albero” in programma, i quali verranno annunciati a breve.
Politica, società, lettura e comunicazione. Quattro componenti fondamentali di una società che ha bisogno di riscoprire i propri valori e di una sinistra che ha necessità di una svolta rapida.

 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

Sostieni UNOeTRE.it
Leggi tutto...

Eletta la segreteria provinciale del nuovo PCI

  • Pubblicato in Partiti

Bandiera pci 350 260di Tommaso Cappella* - E' stata eletta martedì sera presso la sede provinciale di viale Napoli a Frosinone la nuova segreteria provinciale del ricostituito Partito Comunista Italiano.

Della stessa fanno parte, insieme al segretario Oreste Della Posta, anche il presidente Anna Maria Di Santo, la tesoriera Antonietta Vasetti, oltre a Benedetto Anghetti, Guerrino Inglesi, Bruno Barbona, Bruno Bottini e Rocco Viggiani, segretario della Fgci.

Per quanto riguarda la segreteria regionale è stato eletto Carmine Fedele, mentre in quella nazionale andrà Ugo Moro.

*giornalista volontario in pensione

 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

Sostieni UNOeTRE.it
Leggi tutto...

Cinque ciociari nel comitato centrale del PCI

  • Pubblicato in Partiti

Delegati con Duque Martinez 350 260 mindi Tommaso Cappella, Ufficio stampa - Anche la Ciociaria sarà rappresentata nel nuovo comitato centrale del ricostituito Partito Comunista Italiano, eletto ieri al termine del congresso nazionale che si è tenuto presso il Palazzo del Popolo di Orvieto e che ha visto nella massima carica la riconferma di Mauro Alboresi. Si tratta del segretario provinciale Oreste Della Posta, oltre a Ugo Moro, Antonietta Vasetti, Anna Maria Di Santo e Rocco Vinaggi, presenti al congresso unitamente agli altri delegati Carmine Fedele, Benedetto Anghetti, Bruno Barbona e Antonio Magnapera. Un congresso che ha visto una forte partecipazione di delegati provenienti a ogni angolo d'Italia. Tante le delegazioni dei partiti presenti, oltre agli ospiti, tra cui il rappresentante dell'ambasciata cubana Duque Martinez.

Nel corso dei lavori inoltre è stato recepito e, pertanto, è stato votato all'unanimità il documento approvato nel recente congresso regionale relativo al progetto 'Proposta di un nuovo sistema organizzativo del lavoro', elaborato da Carmine Fedele del comitato federale di Frosinone, con la fattiva collaborazione di Giampaolo Milizia, neo segretario provinciale di Latina. Un progetto che ha raccolto il consenso politico di tutti i delegati presenti per aprire una nuova opportunità occupazionale a livello nazionale come è stato ribadito in un recente convengo tenuto a Ceccano e, come detto, nel corso del congresso regionale. Da ricordare infine che nei prossimi giorni a livello provinciale è prevista la nomina della segreteria. Sarà il segretario Oreste Della Posta a decidere in base ad un sondaggio effettuato dalla commissione elettorale composta da Ugo Moro, Guerino Inglesi e Antonietta Vasetti.

 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

Sostieni UNOeTRE.it
Leggi tutto...

Pci provinciale, Della Posta confermato segretario

  • Pubblicato in Partiti

Vasetti Della Posta Di Santo 350 260 mindi Tommaso Cappella* - Sarà ancora Oreste Della Posta a guidare i comunisti ciociari nei prossimi tre anni. Martedì pomeriggio, presso la sede provinciale di viale Napoli i componenti del comitato federale, eletto al termine del congresso tenuto presso il Ristorante 'La Trattoria' il 16 giugno scorso, hanno deciso di confermare quindi il segretario reggente. Nella stessa seduta è stato eletto presidente Anna Maria Di Santo, mentre alla carica di tesoriere è stata confermata Antonietta Vasetti. Per quanto riguarda la segreteria provinciale, la stessa verrà eletta subito dopo il congresso nazionale in programma questo fine settimana presso il Palazzo del Popolo di Orvieto. Sarà il segretario a decidere in base ad un sondaggio effettuato dalla commissione elettorale composta da Ugo Moro, Guerino Inglesi e Antonietta Vasetti.
.
Infine, come detto, in questo fine settimana è in programma ad Orvieto il congresso nazionale. La provincia di Frosinone sarà rappresentata da Oreste Della Posta, Ugo Moro, Anna Maria Di Santo, Maurizio Federico, Antonietta Vasetti, Roberto D'Ambrosi, Mario Rufo, Carmine Fedele, Benedetto Anghetti, Bruno Bottini, Bruno Barbona, Guerino Inglesi, Claudio Caprio, Pietro Ferone, Antonio Magnapera, Antonio Mastrangeli, Ornella Panfili, Leandro Quattrociocchi e Rocco Vinaggi.

*giornalista volontario in pensione

 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

Sostieni UNOeTRE.it
Leggi tutto...

Una vita per gli indifesi

compagnoni intervistato 460Angelo Compagnoni, caro compagno e per me anche amico caro con il quale ho mosso passi importanti della mia vita politica.

La tua Nunziatina, che hai cercato fino all’ultimo secondo e con cui ha condiviso la tua vita è qui con Vincenzo, Giuseppe, Piero e le loro famiglie e tanti nipoti. Sono qui, “dal più grande al più piccolo, un piccolo esercito, una grande bella famiglia, la tua famiglia” come ti scrisse Giuseppe.
Te ne vai, ma quanto ci lasci! Forte come le grandi querce hai vissuto quasi un secolo e 50 anni portano il tuo segno nella politica e nella società di questa provincia, ma non solo. Sei un Uomo dell’Italia e appartieni a tutti. Non solo testimone, ma un protagonista. (completata una pagina per continuare a leggere torna qui, sotto la foto grande e clicca sul titolino successivo)

 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

Sostieni UNOeTRE.it
Leggi tutto...

Una vita per gli indifesi

compagnoni intervistato 460Angelo Compagnoni, caro compagno e per me anche amico caro con il quale ho mosso passi importanti della mia vita politica.

La tua Nunziatina, che hai cercato fino all’ultimo secondo e con cui ha condiviso la tua vita è qui con Vincenzo, Giuseppe, Piero e le loro famiglie e tanti nipoti. Sono qui, “dal più grande al più piccolo, un piccolo esercito, una grande bella famiglia, la tua famiglia” come ti scrisse Giuseppe.
Te ne vai, ma quanto ci lasci! Forte come le grandi querce hai vissuto quasi un secolo e 50 anni portano il tuo segno nella politica e nella società di questa provincia, ma non solo. Sei un Uomo dell’Italia e appartieni a tutti. Non solo testimone, ma un protagonista. (completata una pagina per continuare a leggere torna qui, sotto la foto grande e clicca sul titolino successivo)

 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

Sostieni UNOeTRE.it
Leggi tutto...

Concluso il 1° Congresso del Pci frusinate

  • Pubblicato in Partiti

Comitato Federale Pci mindi Tommaso Cappella* - I comunisti ciociari tornano protagonisti. Primo congresso provinciale del Partito Comunista dopo la ricostituzione avvenuta due anni fa a San Lazzaro di Savena con l'Assemblea Costituente. Sono passati quindi 27 anni quando nel 1991 l'allora segretario nazionale Achille Occhetto sciolse la storica formazione politica, sorta nel 1921 con il congresso di Livorno, dando vita al Pds (Partito Democratico della Sinistra), mentre una parte della minoranza guidata da Armando Cossutta diede vita al Partito della Rifondazione Comunista. I 30 delegati ciociari si sono ritrovati ieri mattina presso il Ristorante 'La Trattoria' di Frosinone per dare vita ai lavori congressuali terminati ieri sera con l'elezione del nuovo comitato federale provinciale, oltre ai delegati al congresso regionale di sabato prossimo a Roma e nazionale che si terrà presso il Palazzo del Popolo di Orvieto il 6, 7 e 8 luglio prossimi.

I lavori congressuali, presieduti da Anna Maria Di Santo, sono iniziati con la costituzioni delle varie commissioni: quella politica-elettorale e verifica poteri. Subito dopo è stata la volta del segretario reggente Oreste Della Posta dare lettura della relazione che ha riscosso un successo notevole. Tra i passaggi più interessanti vanno segnalati quelli che hanno riguardato i grandi temi nazionali e internazionali, come riportato anche nelle tesi congressuali: «Per noi - ha rimarcato Oreste Della Posta - sono importanti alcuni temi, riportati anche nel documento congressuale che vorrei richiamare: la prevalenza dei valori d’uso e dell’utilità sociale di beni, merci e servizi, rispetto al loro valore di scambio; la prevalenza dunque del benessere collettivo dell’umanità sugli interessi delle oligarchie capitalistiche; il mutamento dei rapporti di proprietà, col prevalere della proprietà pubblica, nelle sue varie forme: statale, sociale, cooperativa, su quella privata; il superamento dell’imperialismo e delle sue logiche e la costruzione di un sistema di cooperazione internazionale pacifica tra popoli e Stati; il dominio del politico, ossia delle decisioni consapevoli della collettività, sull’economico, ossia sull’anarchia del mercato 'autoregolato', e dunque una programmazione democratica dell’economia, con un ruolo decisivo dello Stato nel determinare orientamenti e priorità dello sviluppo; l’uso socialista del progresso tecnologico, con la riduzione generalizzata dell’orario di lavoro e dell’età pensionabile; una democrazia effettiva, attraverso la partecipazione dei lavoratori e delle lavoratrici alla gestione dello Stato a tutti i livelli; la partecipazione di lavoratori e lavoratrici alla gestione dei processi produttivi e lavorativi in generale; la pienezza dei diritti civili e politici per tutti; la concreta attuazione dei diritti sociali: istruzione, sanità, casa e trasporti come servizi pubblici essenziali garantiti dallo Stato; la fine di ogni discriminazione di genere, etnia, credo religioso, orientamento sessuale, e il superamento definitivo di ogni residuo di patriarcato; il superamento della contraddizione uomo-natura e della mercificazione delle risorse naturali, da salvaguardare come beni comuni assieme al territorio e all’ecosistema tutto; il pieno sviluppo e la più ampia diffusione della cultura, delle arti, del sapere scientifico e umanistico, intesi come beni collettivi, liberi e gratuiti. Possiamo ridare vita ad un partito che nella vitta politica nazionale deve tornare a recitare un ruolo importante e fondamentale. A livello provinciale - ha concluso il segretario reggente - stiamo assistendo ad una crisi spaventosa che coinvolge tutti gli strati sociali e noi possiamo svolgere un ruolo importante e possiamo rappresentare il collante per una sinistra unita. Dobbiamo essere un partito di quadri, visto che non lo possiamo più essere a livello di massa. Elaboriamo quindi un documento nel quale possano emergere questi temi».

Prima del dibattito spazio alle delegazioni dei partiti invitate. Hanno portato i saluti i rappresentanti di Sinistra Italiana, nella persona di Pasquale Caggiano, Possibile, rappresentato da Gianmarco Capogna e del Partito Socialista con il consigliere comunale Daniele Ricci. Presenti anche Rocco Vinaggi, segretario provinciale dei giovani comunisti, e Giuseppina Bonaviri. Si sono quindi succeduti gli interventi dei delegati, tra cui nell'ordine quelli di Mario Rufo, Carmine Fedele, Benedetto Anghetti, Bruno Bottini, Giuseppe Palombo, Bruno Barbona, Maurizio Federico, Guerino Inglesi e Roberto D'Ambrosi. Anche il dibattito ha posto in forte evidenza il ruolo che possono svolgere i comunisti ciociari nel panorama politico provinciale e non solo, come accaduto nel recente passato. Dopo aver ripreso la parola lo stesso Oreste della Posta per alcune precisazioni, le conclusioni sono state tratte da Ugo Moro della segreteria nazionale. Al termine, dopo la lettura e approvazione del documento politico, i presenti hanno eletto il nuovo comitato federale provinciale, oltre ai delegati al congresso regionale, che si terrà sabato prossimo a Roma, e a quello nazionale di Orvieto.

 

 

Il nuovo Comitato federale del Partito comunista frusinate:
Componenti del Comitato Federale: Oreste della Posta, Ugo Moro, Anna Maria Di Santo, Maurizio Federico, Antonietta Vasetti, Roberto D'Ambrosi, Mario Rufo, Carmine Fedele, Benedetto Anghetti, Bruno Bottini, Bruno Barbona, Guerino Inglesi, Roberto Amici, Claudio Caprio, Pietro Ferone, Angelo Graniero, Antonio Magnapera, Antonio Mastrangeli, Nello Meloni, Ornella Panfili, Cristina Sormani, Genesio e Santino Terrinoni, Leandro Quattrociocchi, Rocco Vinaggi.

Delegati ai congressi regionali e nazionale: Oreste della Posta, Ugo Moro, Anna Maria Di Santo, Maurizio Federico, Antonietta Vasetti, Roberto D'Ambrosi, Mario Rufo, Carmine Fedele, Benedetto Anghetti, Bruno Bottini, Bruno Barbona, Guerino Inglesi, Roberto Amici, Claudio Caprio, Pietro Ferone, Angelo Graniero, Antonio Magnapera, Antonio Mastrangeli, Nello Meloni, Ornella Panfili, Cristina Sormani, Genesio e Santino Terrinoni, Leandro Quattrociocchi, Paolo e Pino D'Amico, Alfonso Di Vozza, Alberto Incagnoli, Marco Piscopo e Rocco Vinaggi. Invitato permanente ai due congressi Giuseppe Palombo.

 

*giornalista volontario in pensione

 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

Sostieni UNOeTRE.it

Leggi tutto...

Il 16 a Frosinone congresso provinciale del Pci

  • Pubblicato in Partiti

Bandiera pci 350 260di Tommaso Cappella* - 'Ricostruire il PCI per cambiare l'Italia, il futuro ha ripreso il cammino'. Con questo slogan il ricostituito Partito Comunista Italiano si accinge a celebrare il primo congresso provinciale in vista di quello nazionale che si terrà ad Orvieto nelle giornate del 6, 7 e 8 luglio prossimi, a due anni esatti dall'Assemblea Costituente svoltasi a San Lazzaro di Savena. . Sarà quindi un momento di confronto importante e di dibattito costruttivo per determinare lo sviluppo futuro dello stesso partito come si evince dal citato documento e dalle linee guida dello stesso posto a base del congresso stesso. Un momento che sarà utile anche per definire le linee programmatiche per il prossimo futuro.

L'appuntamento per i 30 delegati a questo congresso provinciale è per sabato 16 giugno a partire dalle ore 09.00 presso il ristorante 'La Trattoria' in Via Monti Lepini (di fronte uscita A2) a Frosinone. Il programma della giornata prevede, oltre alla costituzione delle varie commissioni, la relazione introduttiva del segretario provinciale uscente Oreste Della Posta. Subito dopo ci saranno i vari saluti degli invitati e, a seguire, è previsto il dibattito. Si proseguirà nel pomeriggio fino alle ore 18.00 quando verranno resi noti sia i componenti del nuovo direttivo provinciale che i delegati al congresso nazionale che si terrà, come detto, ad Orvieto. Sicura anche la presenza di Virginio Seu, segretario regionale, e, per il nazionale, il segretario Mauro Alboresi, Antonietta Vasetti e il tesoriere Ugo Moro.

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

Sostieni UNOeTRE.it

*giornalista volontario in pensione

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS
Bookmaker with best odds http://wbetting.co.uk review site.

Privacy Policy

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici