fbpx
Menu
A+ A A-

PCI. I danni all'ambiente nel frusinate

  • Pubblicato in Partiti

Bandiera pci 350 260da PCI Frosinone - L’inquinamento si sa che è una tematica molto sensibile attualmente e risulta essere una piaga sociale piuttosto rilevante a livello globale. Non bastano le campagne promozionali per invogliare ad un risparmio energetico e ad adottare uno stile di vita sostenibile, nel rispetto dell’ambiente e dell’intero ecosistema. Purtroppo la nostra provincia, in termini di inquinamento non è seconda a nessuno, tant’è vero che le si da il triste appellativo di “terra dei veleni”. Essendo nell’entroterra e circondata dai monti, geograficamente non si colloca in una posizione favorevole per il ricambio dell’aria, quindi è facile immaginare che la qualità di quest’ultima è davvero pessima.

Diversi comuni si sono attrezzati per la rilevazione delle polveri sottili (le cosidette pm 10) ed anche in questo periodo i valori registrati sono vicini alla soglia massima di sforamento: si parla all’incirca di cinquanta microgrammi per metro cubo. Il dramma ambientale della provincia di Frosinone sconta anche un lungo periodo in cui molte imprese hanno illecitamente interrato rifiuti tossici, senza che la politica locale facesse adeguati controlli per evitare tutto questo. E’ vero che la concentrazione del settore manifatturiero da un lato giova alla nostra provincia poiché ha offerto e continua a offrire posti di lavoro, ma questo non significa che le fabbriche possano inquinare indiscriminatamente. Inoltre, ad aggravare la tossicità dell’ambiente ci sono anche due impianti di smaltimento rifiuti presenti nel giro di pochi chilometri: la SAF di Colfelice ed il termo combustore di San Vittore del Lazio, già tristemente famoso nelle cronache correnti in quanto un’indagine dell’Arpalazio ha fatto registrare un livello di contaminazione delle acque sotterranee, nelle vicinanze del sito, per alcuni parametri superiore ai livelli consentiti.

Anche nella Valle del Sacco la situazione non è migliore: dalle rilevazioni effettuate il fiume ciociaro ha evidenziato valori di cromo, diossina e plutonio superiori alle concentrazioni consentite e la cosa più grave è che ancora viene utilizzato per l’abbeveramento di persone e bestiame, nonché per l’irrigazione dei campi. Non è esente da note di demerito nemmeno il cassinate, che oltre ad essere stata una terra bersagliata da seppellimenti di rifiuti speciali e da discariche abusive che continuano a spuntare come funghi nei luoghi più impensabili (tra cui anche le foreste demaniali), è sempre al centro delle notizie di cronaca per la grave situazione ambientale che la caratterizza. Addirittura risulta ancora in corso un’indagine relativa al seppellimento a venti metri di profondità di fusti di botulino provenienti dal Nord italia. Questo degrado si è scoperto soltanto da un anno in una zona a vocazione agricola, al confine tra Cassino e Sant’Elia Fiumerapido, presso il corso del canale Nocione. Difatti sono morti alcuni animali da cortile poco tempo dopo aver bevuto dall’acqua del canale, la quale era divenuta di color ruggine. L’ovvia conseguenza di questo stato di cose è un aumento vertiginoso dei casi di tumore nella nostra provincia.

Le amministrazioni locali dovrebbero proteggere i cittadini attraverso l’inasprimento delle sanzioni per chi commette questi reati, aumentando i controlli da parte della polizia provinciale e di tutti i volontari. Inoltre devono avviare al più presto le operazioni di bonifica, che devono chiudersi nei tempi più celeri possibili. Per rendere più salubre l’aria invece, potrebbe essere utile un potenziamento delle aree verdi attraverso un arricchimento della dotazione arborea e premiare tutti i cittadini che assumono comportamenti virtuosi in ambito energetico.


Il segretario del Pci Frosinone
Oreste Della Posta

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

Sostieni UNOeTRE.it

Leggi tutto...

PCI e PRC Ceccano incalzano Caligiore

Municipio di Ceccanoda PCI E PRC Ceccano - Il Partito comunista italiano e il Partito di rifondazione comunista questa mattina hanno protocollato negli uffici del comune di Ceccano una richiesta di incontro con l'Assessore ai servizi sociali. Dopo aver fatto due richieste scritte in cui chiedevamo alla giunta se sapessero quanti disoccupati ci sono sul territorio di Ceccano, se sapessero quante famiglie si rivolgono ai servizi sociali e non avendo avuto ancora risposta, le segreterie dei due partiti nelle persone di Tiziano Ziroli per il PCI e Adriano Papetti per il PRC hanno fatto formale richiesta di incontro. Nella nostra cittadina si parla di tutto, ma di disoccupazione e di famiglie in difficoltà non ne parla nessuno... Ora vediamo se l'assessore ci riceve .. Aspettiamo con fiducia.

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

Sostieni UNOeTRE.it
Leggi tutto...

PCI. Della Posta ricorda Michele De Simone

  • Pubblicato in Partiti

MicheleDeSimonedi Oreste Della Posta - Il ricordo va a quel lontano 1986, ovvero al XXVII° Congresso del Partito Comunista Italiano, dove per la prima volta si presentarono gli emendamenti del compagno Cossutta che affermavano che non si era esaurita la spinta della "Rivoluzione di Ottobre". Il compagno Michele De Simone aderì fin da subito a questi emendamenti che ci portarono al Congresso Provinciale a prendere l'11% dei consensi della platea congressuale.
Di seguito dopo la scissione della "Bolognina" del '91 aderì al nascente Partito della Rifondazione Comunista candidandosi alle elezioni provinciali ottenendo ua notevole messe di voti. Poi nel '98 aderì al Partito dei Comunisti Italiani dove con la sua candidatura alla Regione contribuì alla vittoria del centrosinistra diventando consulente dell'Assessore Regionale alla semplificazione amministrativa e ai consumatori, mettendo tutto il sui impegno per la difesa dei diritti e il sostegno dei consumatori.
Quello che rimane più impresso nella mia memoria è il suo sorriso e la sua disponibilità verso chi ne ha bisogno. Di fatti Michele affermava sempre: "chi è comunista deve avere una moralità impeccabile e uno spirito altruista e sociale". Lui si è sempre comportato secondo questi principi avendo dell'essere umano una visione positiva. In questo abbiamo perso un Compagno e un Amico eccezionale per le sue doti umane.
Caro Michele io non so se esista il Paradiso, ma se esiste sicuramente sarai Lì perché il cristianesimo si può riassumere in questa frase: ama il prossimo tuo come te stesso, e tu questo hai fatto nella tua esistenza.
I Comunisti di Frosinone non ti dimenticheranno mai!
Il segretario del PCI Frosinone, Oreste Della Posta

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

Sostieni UNOeTRE.it

Leggi tutto...

Il "Dramma lavoro" visto dal PCI

  • Pubblicato in Partiti

di Redazione - La FederPCI 2 1apr17azione di Frosinone del PCI rompe gli indugi. Ieri, 1 aprile, ha svolto il suo "Convegno sul lavoro" presso l'Amministrazione provinciale. Dopo un introduzione del Segretario della Federazioe Oreste Della Posta e u saluto del Segreatrio del Circdolo di Frosinone città, Marcello Colasanti che ha chiesto ancue un mibito di raccoglimento per il barbaro assassinio di Emanuele Morganti di Alatri, Tiziano Ziroli della segrereri e responsabile dei problemi del lavoro ha svolto un'appassionata relazione sul tema: "Il Dramma lavoro in provincia e in Italia (ne diamo conto con una video-intervista al sresso Ziroli). Erano presneti: Agnese Palma della CGIL regionale, il candidato a Sindaco di Frosinone Stefano Pizzutelli e Laura Collinoli di "Frosinone in comune", Gianmarco Capogna di Possibile e Pasquale Caggiano di Sinistra Italiana.
Il Prof. Piergiovanni Alleva, Assessore della Giunta regionale dell'Emilia e Romagna non ha potuto essere presente ed ha inviaot un messaggio che qui, integralmente, risportiamo per il particolare riferimento all'attualissima eseigenza del "Reddito Garantito ed eliminazione disoccupazione mediante solidarietà espansiva"

«Nello scusarmi per la mia assenza dovuta ad una improvvisa esigenza familiare, vi ribadisco il mio pensiero sulla assoluta necessità di garantire un reddito, quantomeno minimo, a tutti i cittadini con la precisazione che per quelli in età di lavoro, ossia ancora collocabili sul mercato del lavoro, il reddito garantito debba essere però un reddito da lavoro.PCI 4 1apr17
A questo scopo suggerisco che la legislazione sull'assegno sociale sia estesa a tutti i soggetti che hanno compiuto i 55 anni e siano privi di altri redditi.
Per il resto ritengo necessario incrementare i contratti di solidarietà espansiva riducendo l'orario settimanale da 5 a 4 giornate e fornendo una compensazionedi 2/3 almeno della perdita, mediante destinazione a questo scopo dei risparmi contributivi e salariali sui nuovi lavoratori assunti nella misura di 1 per ogni 5 che accettano la suddetta riduzione di orario, nonchè, attraverso contributi regionali e attraverso l'utilizzo virtuoso del welfare aziendale; ossia, assicura re lo stipendio a chi accetta la riduzione di orario mediante il pagamento in titoli rappresentativi spendibili presso la grande distribuzione commerciale che con effetto di sconto all'ingrosso, potrebbero essere procurati dalle aziende con sconti alti fino al 20%.
E' una soluzione semplice per il problema centrale di riassorbimento della disoccupazione che è dato dalla riduzione di orario a PCI 3 1apr17parità o, quasi parità, di sala
rio con utilizzo di tutte le risorse disponibile.
In questo senso depositato proposta di legge presso la Regione Emilia Romagna.

Fraterni Saluti

Prof. Avv. Piergiovanni Alleva»

 

L'intervista video a Tiziano Ziroli

 

 

 

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

Sostieni UNOeTRE.it
Leggi tutto...

PCI e Cgil si incontrano

  • Pubblicato in Partiti

Bandiera pci 350 260da Pci Frosinone - Il Partito Comunista Italiano ha incontrato il giorno 22 marzo 2017 il segretario provinciale della CGIL Frosinone - Latina Anselmo Briganti, per il PCI erano presenti il segretario provinciale Oreste Della Posta e per la segreteria del PCI Marcello Colasanti con delega alla comunicazione e sanità e Ziroli Tiziano con delega al lavoro e occupazione.
L'incontro è durato poco piu' di un ora, e si sono toccati punti importanti sulla questione dell'occupazione e della disoccupazione nella nostra provincia.
Si ritiene necessaria una forte mobilitazione unitaria dei sindacati e dei partiti di sinistra che hanno nei loro programmi ilBriganti DellaPosta lavoro come punto focale.
Il Partito Comunista Italiano ha presentato il suo documento sul lavoro, di contro il sindacato ha dichiarato che anche loro stanno lavorando su un loro documento, si è convenuti comunque che questo è il momento di collaborare tutti insieme, visto anche il fatto che la nostra provincia è stata decretata area di crisi complessa, e che tale decreto potrebbe portare delle agevolazioni al nostro territorio, ma c'è bisogno urgente di una progettualità' che al momento manca.
Su questo punto ci siamo trovati in accordo che la Regione Lazio deve nell'immediato convocare un tavolo regionale per programmare insieme alla provincia una nuova progettualita', il sindacato trova che l'ambiente debba essere un punto cardine della nuova progettazione del territorio, cosa condivisa anche dal Partito Comunista Italiano.
Auspichiamo che a breve il partito possa incontrare anche gli altri sindacati per poter tutti insieme contribuire a far risorgere la provincia di Frosinone.
PCI FEDERAZIONE DI FROSINONE

 

 

 

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

Sostieni UNOeTRE.it
Leggi tutto...

PCI. Un documento per il lavoro e unità d'intenti

  • Pubblicato in Partiti

LAVORO 350 260Tiziano Ziroli intervistato da Ignazio Mazzoli - Mercoledì 1°marzo 2017 la federazione di Frosinone del Pci ha presentato un documento sui problemi del Lavoro in provincia di Frosinone. UNOeTRE.it ha già pubblicato un’intervista video al segretario Oreste Della Posta, oggi vuole approfondire la proposta comunista con Tiziano Ziroli della segreteria e responsabile dei problemi del lavoro e dell'occupazione per il suo partito.

Ziroli quali sono le fonti a cui avete attinto per fornire i dati che sono nel documento?

Ci siamo basati sui dati Istat per le statistiche nazionali, per i dati regionali abbiamo utilizzato quelli della delibera della Regione Lazio 522 del 9/9 2016 e per quelli provinciali ci siamo basati sui dati dell'Ufficio dell'impiego di Frosinone e della Camera di Commercio. Non temiamo contestazioni, le fonti sono ben individuate.

 La grave crisi dell’occupazione nel frusinate, che denunciate, quali radici ha?

Le radici della crisi occupazionale purtroppo sono di matrice internazionale, però nel nostro territorio la crisi ha radici nella poca attenzione che nel corso degli anni la politica locale ha avuto nei confronti del territorio, non si è cercato negli anni di individuare e sviluppare una nuova politica industriale, ma non solo. Per esempio nel corso del tumultuoso sviluppo industriale si fece lo sbaglio, in questo territorio, di abbandonare totalmente lo sviluppo di una moderna agricoltura. Non dimentichiamo che venuta a mancare la Cassa del Mezzogiorno non si pensò d’individuare e perseguire nuovi sbocchi occupazionali e nuove forme di lavoro.

Di chi sono le responsabilità?

Le responsabilità, secondo me, si possono equamente dividere tra la politica i sindacati e gli stessi imprenditori, perché nessuno dei tre ha avuto la lungimiranza di guardare al futuro del territorio.

Quali misure proponete nell’immediato e in prospettiva?

Nell'immediato per tamponare l'emergenza di mancanza di reddito proponiamo da subito che la Regione Lazio prenda in seria considerazione l'istaurazione di un reddito minimo garantito, ma anche l’utilizzo dei disoccupati per lavori di pubblica utilità fronteggiando insieme due emergenze, quella della massiccia disoccupazione provinciale e la mancanza di lavoratori che penalizza fortemente le attività dei 91 comuni della provincia. Basta sentire i sindaci per averne la conferma.

Il 3 marzo Vertenza Frusinate ha presentato una sua proposta di reddito di sopravvivenza e noi comunisti la appoggeremo.
In prospettiva come già scritto nel documento, ci sarà bisogno di una seria politica attiva per sviluppare di nuovo occupazione e lavoro in Ciociaria. Noi comunisti abbiamo pensato all'edilizia, che è stata per molti anni pietra miliare del nostro territorio, ma puntando a una edilizia mirante soprattutto alla ristrutturazione dei nostri centri storici oramai abbandonati e, che risolverebbe anche il problema delle esigenze abitative nel cuore delle nostre città che spesso sono colpite dall’abbandono e dallo svuotamento.
Pensiamo seriamente all'agricoltura imperniata sui prodotti tipici locali che potrebbe anche favorire forme di reindustrializzazione, magari nella moderna forma della green economy.
Tutte queste scelte, però, richiedono forte volontà politica per farle. Il documento che abbiamo scritto deve mettere le gambe e non rimanere solo un bel documento scritto bene.

Una delle questioni sollevate nel documento è insicurezza nel trovare e mantenere un lavoro: cosa proponete?

Oramai con la desertificazione industriale in corso trovare lavoro e diventato quasi impossibile, e specialmente per le fasce di età molto adulte, poi c'è da dire che le politiche nazionali non aiutano perché con il jobs act e con la liberalizzazione dei voucher il lavoro e diventato, quel poco che si trova è molto precario.Bandiera pci 350 260
A livello a nazionale proponiamo che venga abolito il job act e che venga ristabilito l'articolo 18. Però, ripeto, per far ripartire l’occupazione noi proponiamo intanto che i disoccupati vengano utilizzati per lavori di servizio, nei comuni con fondi e aiuti regionali.

Quali sono i prossimi impegni del vostro partito?

Il 1° aprile 2017 faremo un convegno regionale sul lavoro con il contributo di un esponente della segreteria nazionale Piergiovanni Alleva, un giuslavorista Consigliere regionale di opposizione nella Regione Emilia Romagna.

Come e con chi costruirete l’iniziativa unitaria per nuova occupazione di cui parla Della Posta nell’intervista video?

Noi vorremmo costruirla con tutti i partiti alternativi al PD, che è oggi il principale responsabile di questa drammatica situazione. Puntiamo ad una iniziativa unitaria. Il documento verrà spedito a tutti i partiti che ritengono il lavoro l’asse centrale della ripresa e dello sviluppo del territorio, intanto partiremo con il chiedere loro di istaurare un tavolo per discutere insieme del documento.
Il documento lo invieremo anche ai sindacati ai quali chiederemo, nuovamente d’incontrarli.

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

Sostieni UNOeTRE.it

5 marzo 2017

Leggi tutto...

Il PCI e il Lavoro

  • Pubblicato in Partiti

Ziroli DellaPosta

 Il documento del PCi sul Lavoro in provincia di Frosinone dopo un'introduzione del Segretario Oreste Della Posta è stato illistrato da Tiziano Ziroli della segreteria responsabile dei problemi del lavoro e dell'occupazione per il suo partito.

Segue la video intervista a Oreste Della Posta

 

 

 

 Pci Ziroli DellaPosta Moro

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Leggi tutto...

"Frosinone in Comune" incontrerà il PCI

  • Pubblicato in Partiti

frosinone corso della repubblica 350 260da Frosinone in Comune - "Frosinone in Comune ha tra le sue priorità quella di recuperare una qualità della vita che non solo non metta a repentaglio la salute dei cittadini, ma che sia migliore sotto ogni profilo. Per questo motivo il movimento è pronto a confrontarsi con chiunque abbia a cuore tutto questo".
Il movimento politico che vede candidato alla carica di sindaco Stefano Pizzutelli risponde all'appello lanciato da Oreste Della Posta e Marcello Colasanti, dei Comunisti Italiani, dichiarandosi disponibile ad un confronto sui programmi e le tematiche che più interessano la città di Frosinone.
"Come si legge, tra le altre cose, nel nostro manifesto - è sottolineato ancora nel comunicato - Frosinone in Comune nasce con un sogno. È il sogno che ruota intorno a parole come bellezza, trasparenza e competenza.
Qui, non in un’altra città o in un Paese diverso. Qui a Frosinone, che è la nostra città, il luogo in cui siamo nati e cresciuti e che vogliamo diventi più vivibile per tutti, dai bambini agli anziani.
Ecco allora la bellezza, in cui è racchiuso tutto. Un ambiente più sano, un luogo migliore, un posto più giusto, dove le differenze sociali siano mitigate da politiche che non lascino indietro nessuno. Una città dove si abbia voglia di restare e in cui tanti desiderano arrivare. Per abitarci o lavorare.
Ecco la trasparenza, dove tutto questo sia reso possibile da una gestione della cosa pubblica senza imbrogli, bugie, trabocchetti, espedienti, sotterfugi. Una gestione limpida come una casa di vetro e che metta insieme le migliori competenze. Perché nulla può essere lasciato al caso e ogni cosa va affrontata nella giusta maniera e con i mezzi più opportuni per farlo.
È questo ciò che vogliamo e siamo in grado di fare. Questo l’obiettivo di un gruppo di persone che si è messo insieme per disegnare questa città".

Leggi tutto...

PCI propone confronto per il voto a Frosinone

PCI elez Frdall'Ufficio Stampa del PCI Frosinone - Il Partito Comunista Italiano, consapevole delle difficoltà politiche nazionali, considerato peraltro il generale clima di incertezza politica e del possibile mutamento degli equilibri, ribadisce la disponibilità immediata al confronto sulla base del programma politico proposto alla città.
Nel confermare la disponibilità al dialogo sui temi amministrativi e sui tanti problemi che attanagliano la Città, ritenendo di dover uscire al più presto dalle sacche determinate dai soliti giochi di potere, legati per lo più a personaggi che hanno tenuto e, tengono in scacco l'intera politica cittadina da ormai troppo temp, ritengono di aprire un confronto sulle condivisioni e quale base di sviluppo sostenibile della Città e del territorio.
Rammentando che occore recuperare da subito una qualità della vita che non metta a repentaglio la salute dell'intera cittadinanza e che quindi passi per la risoluzione dei problemi legati al lavoro, sanità, cultura ecc
Su tali basi i comunisti sono pronti al dialogo e a una proficua collaborazione con quanti condividono le proposte e un percorso politico che recuperi i temi della sinistra, anteponendo questi, ai soliti interessi di bottega.

Frosinone 22 febbraio 2017

PCI Frosinone
Oreste Della Posta

Leggi tutto...

Discutere a sinistra: è possibile parlando di popolo e di bisogni?

sinistra 350 260di Ignazio Mazzoli - «Per me si va ne la città dolente,/per me si va ne l'etterno dolore,/per me si va tra la perduta gente./...Lasciate ogne speranza, voi ch' intrate. » (D. Alighieri Inferno Canto III, vv. 1-9) Questi versi aprono il canto nel quale Virgilio spiega a Dante che quello è il punto dove si deve lasciare ogni esitazione (sospetto) e titubanza...
Chi pensa a sinistra dovrebbe riflettere in sé questo stato d’animo dantesco. In una stagione di congressi fondativi e iniziative rigenerative (SI, PRC, PD, PCI e Possibile) dovrebbe essere chiaro che siamo ad un punto di non ritorno nel rispetto dei propri doveri e nella conoscenza vera della reale situazione che si dovrebbe saper fronteggiare.
Molte le speranze generate da alcuni capitani coraggiosi che hanno lasciato il PD Civati, Fassina e D’Attorre, e altri. Questa decisone ha reso evidente che il PD è “il problema”. Sia Possibile che Sinistra Italiana aprirono uno nuovo scenario perché nacquero su una idea politica precisa: essere alternativi al PD (d’altronde come Prc e Pci), sostanzialmente un partito di centro anche un po’ confuso. Oggi questa scelta fondante in Sinistra Italiana viene buttata alle ortiche da una parte di aderenti. “Smettiamola di attendere ciò che succede nel PD” mi pare sacrosanto. Non mi convince l’argomento che “qualcosa” si è mosso nel PD (D’Alema e...). In quel partito sta ripartendo un dibattito vero? Ben venga, se consentirà di parlare delle persone e dei loro problemi, delle soluzioni vere alle esigenze degli italiani e non degli eletti. Ma almeno ci si faccia una domanda: dove approderà? Chi vuole un organismo vivo che faccia una politica di sinistra, aspetti, dovrebbe concentrarsi ad avere proposte sul lavoro, la scuola, i diritti sociali ed economici e di conseguenza come vuole organizzarsi perché queste proposte diventino movimento di popolo, perché abbiano il potere necessario per tradursi in azione di riforma e diPossibile logo 350 260 cambiamenti.

C'è troppa esitazione e titubanza...

Non vedo tutto questo, almeno compiutamente e quello che in tal senso si muove è timido, ha ancora “troppa esitazione (sospetto) e titubanza...”. L’esempio viene dalla doppia assemblea precongressuale di Sinistra Italiana, una Frosinone e una a Ceccano. Basta leggere i due comunicati per capire che le differenze non sono di poco conto. Non è un problema di regole o di fair play. In uno si legge di lavoratori che sono stati al centro di tutti gli interventi e si è sottolineato che i cittadini stanno impoverendo e non soltanto chi è privo di reddito, ... si è detto che si deve mettere in agenda il reddito minimo garantito constatando che mentre impoveriscono i lavoratori, chi detiene capitali, diventa sempre più ricco. Nell’altro, bello di parole e di intenzioni si legge un ripiegamento acrimonioso “Non volevamo essere un partitino, lo siamo diventati. Non vogliamo ripetere esperienze già viste ma ci stiamo arrivando, consumando...”. Se tutti avessero scelto di stare nella stessa assemblea il cittadino avrebbe capito qualcosa di più? Forse. Ma da questi appuntamenti a dire che la Sinistra in provincia di Frosinone si muove ce ne passa. Certo ci sono delle volontà che vorrebbero fare qualcosa di nuovo, ci sono sforzi e anche sofferenze che meritano tanto rispetto, però se si vuole una sinistra forzSinistra Italiana Logo Rosso Bianco 350 260a politica radicata e combattiva che sa bene quali sono gli interessi che deve difendere bisogna dirsi la verità. Fra questo protagonisti ci sono quelli che nel loro comune si battono tutti i giorni (per esempio Ferentino), ma anche aree intere dove non c’è segno di vita. Ogni tanto appaiono figure che si autodefiniscono di sinistra, ma poi fra i bisognosi e i senza lavoro non ce li vediamo. Al contrario abbiamo visto tanto impegno nelle elezioni farsa per il rinnovo del Consiglio provinciale pur di conquistare un seggio con i voti contrattati a destra. MI pare che oggi tutto ciò che ruota intorno alla maggioranza regionale non è sinistra. Se il rispetto delle decisioni di maggioranza prevale sull’ascolto del proprio territorio, questo prima o poi ti cancella inesorabilmente, eletti e non eletti. Chi non è capace di autonomia di giudizio e di coraggio delle proprie azioni non è proprio di sinistra. Nel serbatoio degli astenuti di sinistra gli ingenui da ingannare non sono rimasti in molti.

Non si può vivere con l’occhio solo alle elezioni

Polemiche a parte. Non si può vivere alla giornata e intendo che non si può vivere con l’occhio solo alle elezioni senza fare il proprio dovere tutti i giorni. Le famiglie in povertà assoluta, in Italia nel 2015, sono 1 milione e 582 mila e 4 milioni e 589 mila individui (numero più alto dal 2005), un minore su 10 (10,9 nel 2015) si trova in una situazione di povertà assoluta. Record di disoccupati nel Lazio: nel 2011 erano 210mila, oggi sono 348mila. Mai così male dagli bandiere pcdi 350 260anni ’90, crescono gli inattivi. Il dato peggiore è sui giovani: uno su due senza lavoro. Nel Lazio la paura di perdere lavoro fa 90. Questa Regione ha fallito.
In Italia e nel mondo le destre ce l’hanno chiaro a cosa andiamo incontro e ha le sue risposte (che si possono e io dico si debbono non condividere). Chi pensa a sinistra dovrebbe avere chiaro cosa fare. Occorre cambiare tante regole in UE e in Italia, non bisogna vergognarsi di dirlo, tanto meno bisogna avere paura. E soprattutto bisogna battersi insieme al nostro popolo per fare questo, per riconquistare fiducia. Il discredito che colpisce alcune forze politiche è enorme e si cerca di trasferirlo agli schieramenti (destra e sinistra non esistono più. Falso). Ma basta leggere tutti i giornali anche locali e mettere insieme scandalo dei rifiuti, incendio ex-VDC, tracotanza Acea, consentita, per capire che è impossibile concedere fiducia a chi ci governa e a che li fiancheggi o vorrebbe fiancheggiarli. Dire come stanno le cose, organizzarsi per rivendicare diritti e uguaglianza e su questa base trovare le alleanze e anche i compagni di strada possibili. Per fare tutto ciò però ci vuole molta coerenza e non cadere in lusinghe di scorciatoie che non esistono.
Bandiera pci 350 260“Trump non è il boia dell’ideologia trionfalista della libera impresa, bensì il medico legale al quale tocca ufficializzare una morte clandestina” (Podemos). Clandestina per l’ottusa ostinazione con cui le sinistre si ostinano a non prenderne atto. Questo è il mare aperto in cui navigare. La libera impresa come l’abbiamo conosciuta non c’è più, ci sono gigantesche multinazionali che pretendono il dominio con accordi come il TTIP che il governo Renzi avrebbe voluto approvare in fretta; altro che libera concorrenza, competizione esclusiva fra mostri giganteschi, soddisfazioni dei bisogni degli elettori-consumatori attraverso la chiusura delle frontiere, difesa ad oltranza del capitalismo imperialista. Ecco le risposte delle destre, sbagliate ma a sinistra si balbetta. Difendere acriticamente la globalizzazione e quindi l’austerità non produce nulla di buono. Globalizzazione sì, ma anche globalizzazione dei diritti sociali ed economici. Perché no ad una Internazionale del lavoro? Non si può continuare a stare a guardare questo massacro. Intanto facciamo come possiamo la nostra parte qui senza infilarci nel magma delle sigle e delle aspirazioni personali.

9 febbraio 2017

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

Sostieni UNOeTRE.it

 

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS
Bookmaker with best odds http://wbetting.co.uk review site.

Privacy Policy

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici