fbpx
Menu
A+ A A-

Pci provinciale, Della Posta confermato segretario

  • Pubblicato in Partiti

Vasetti Della Posta Di Santo 350 260 mindi Tommaso Cappella* - Sarà ancora Oreste Della Posta a guidare i comunisti ciociari nei prossimi tre anni. Martedì pomeriggio, presso la sede provinciale di viale Napoli i componenti del comitato federale, eletto al termine del congresso tenuto presso il Ristorante 'La Trattoria' il 16 giugno scorso, hanno deciso di confermare quindi il segretario reggente. Nella stessa seduta è stato eletto presidente Anna Maria Di Santo, mentre alla carica di tesoriere è stata confermata Antonietta Vasetti. Per quanto riguarda la segreteria provinciale, la stessa verrà eletta subito dopo il congresso nazionale in programma questo fine settimana presso il Palazzo del Popolo di Orvieto. Sarà il segretario a decidere in base ad un sondaggio effettuato dalla commissione elettorale composta da Ugo Moro, Guerino Inglesi e Antonietta Vasetti.
.
Infine, come detto, in questo fine settimana è in programma ad Orvieto il congresso nazionale. La provincia di Frosinone sarà rappresentata da Oreste Della Posta, Ugo Moro, Anna Maria Di Santo, Maurizio Federico, Antonietta Vasetti, Roberto D'Ambrosi, Mario Rufo, Carmine Fedele, Benedetto Anghetti, Bruno Bottini, Bruno Barbona, Guerino Inglesi, Claudio Caprio, Pietro Ferone, Antonio Magnapera, Antonio Mastrangeli, Ornella Panfili, Leandro Quattrociocchi e Rocco Vinaggi.

*giornalista volontario in pensione

 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

Sostieni UNOeTRE.it
Leggi tutto...

Della Posta (Pci): Ideal Standard, grande incertezza

  • Pubblicato in Partiti

Bandiera pci 350 260Una dichiarazione di Oreste Della Posta - «Io credo che sia bene precisare alcune cose sulla vicenda Ideal Standard di Roccasecca. Come dimostra la crisi scoppiata a Torino, dove una grande multinazionale chiude, si può facilmente paragonare alla logica che è stata attuata per il sito di Roccasecca dove la delocalizzazione né ha fatto da padrone spinta dal liberismo economico che nonostante la crisi del 2008 continua a dominare le scelte del PD e di Forza Italia.
Il gruppo finanziario dell'Ideal Standard nel 2014 decide di chiudere il sito di Pordenone mentre a Roccasecca nel 2015 gli operai decidono di rinunciare a parte del proprio salario, 80 euro al mese, per finanziare gli investimenti che dovevano essere attuati fino al 2020. Un accordo del tutto disatteso dai vertici aziendali. Lo stabilimento sempre in attivo, con un margine di guadagno elevato produce con un costo di 50 euro a pezzo e vendono a 100 euro al pezzo. Sfido l'azienda a contestare questi dati. Roccasecca è al secondo posto dopo lo stabilimento bulgaro.
È chiaro a questo punto che la decisione di chiudere non è una decisione industriale ma sembra seguire le logiche finanziarie molte strane, il Governo dovrebbe analizzare queste logiche e in tutti i modi cercare di condizionarle e trovare soluzioni positive per i circa 500 dipendenti Ideal Standard. Innanzitutto partire dai finanziamenti pubblici che l'azienda ha avuto nel corso degli anni, si parla di circa 40 milioni di euro, poi di conseguenza lo stato dovrebbe bandire la vendita dei prodotti nel suolo nazionale e costringere i vertici aziendali a bonificare l'area del sito di Roccasecca.
L'incontro svoltosi ieri presso il MISE ha visto un'azienda determinata verso la chiusura dello stabilimento indifferente verso i propri operai che nel corso degli ultimi anni hanno fatto grandi sacrifici per garantire la produzione e indifferente verso qualsiasi altro tipo di soluzione.
Spunta dall'incontro un piccolo barlume di luce con l'ipotesi delll'interessamento di un gruppo industriale per il sito di Roccasecca. Per adesso non si conoscono ne i dettagli e nemmeno il nome dell'interessato. Speriamo che si possa aprire per gli operai di roccasecca uno spiraglio per ritornare a produrre nello stabilimento di Roccasecca.»
Il segretario provinciale del PCI Frosinone
Oreste Della Posta

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

Sostieni UNOeTRE.it
Leggi tutto...

PCI. Della Posta ricorda Michele De Simone

  • Pubblicato in Partiti

MicheleDeSimonedi Oreste Della Posta - Il ricordo va a quel lontano 1986, ovvero al XXVII° Congresso del Partito Comunista Italiano, dove per la prima volta si presentarono gli emendamenti del compagno Cossutta che affermavano che non si era esaurita la spinta della "Rivoluzione di Ottobre". Il compagno Michele De Simone aderì fin da subito a questi emendamenti che ci portarono al Congresso Provinciale a prendere l'11% dei consensi della platea congressuale.
Di seguito dopo la scissione della "Bolognina" del '91 aderì al nascente Partito della Rifondazione Comunista candidandosi alle elezioni provinciali ottenendo ua notevole messe di voti. Poi nel '98 aderì al Partito dei Comunisti Italiani dove con la sua candidatura alla Regione contribuì alla vittoria del centrosinistra diventando consulente dell'Assessore Regionale alla semplificazione amministrativa e ai consumatori, mettendo tutto il sui impegno per la difesa dei diritti e il sostegno dei consumatori.
Quello che rimane più impresso nella mia memoria è il suo sorriso e la sua disponibilità verso chi ne ha bisogno. Di fatti Michele affermava sempre: "chi è comunista deve avere una moralità impeccabile e uno spirito altruista e sociale". Lui si è sempre comportato secondo questi principi avendo dell'essere umano una visione positiva. In questo abbiamo perso un Compagno e un Amico eccezionale per le sue doti umane.
Caro Michele io non so se esista il Paradiso, ma se esiste sicuramente sarai Lì perché il cristianesimo si può riassumere in questa frase: ama il prossimo tuo come te stesso, e tu questo hai fatto nella tua esistenza.
I Comunisti di Frosinone non ti dimenticheranno mai!
Il segretario del PCI Frosinone, Oreste Della Posta

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

Sostieni UNOeTRE.it

Leggi tutto...

Della Posta: Assunzioni e riassunzioni nella massima trasparenza

orestedellaposta 350 260Dichiarazione di Oreste Della Posta* - Il 3 agosto scorso presso il Ministero dello Sviluppo Economico si è firmato un Contratto di Sviluppo per ampliare e potenziare lo stabilimento Sanofi di Anagni fra l’azienda farmaceutica e Invitalia nel quadro dell’Accordo di Programma Anagni-Frosinone e che consentirà 60 nuovi posti di lavoro. Pochi a fronte dei circa 120.000 disoccupati di questa provincia, ma meglio di niente.
Ai comunisti di questo territorio, dalla lettura dei documenti fino ad ora disponibili, sorgono alcuni interrogativi.
Il primo riguarda la diversità delle cifre, da un parte quelle del documento istruttorio del novembre 2014 e dall'altra quelle dell'agosto 2015. Quali sono vere?
- Infatti a fronte di impegni finanziari che sfiorano i 64 milioni di euro (tabella del novembre '14) c'è un incremento di occupazione di 60 unità. Un posto di lavoro viene a costare 1.060.881 di euro circa;

- Nei comunicati e dichiarazioni del dopo 3 agosto si legge che gli impegni finanziari sono di 47,3 milioni che sempre 60 unità di occupazione producono ad una cifra pro capite inferiore, ma sicuramente non piccola di 788.333 euro.
E’ opportuno capire e noi vorremmo capirci.

La seconda questione è di ordine un po' diverso ma forse più importante, almeno sul piano etico. Siamo di fronte a cifre assai esigue, certo non da rifiutare, ma che sicuramente richiedono una gestione particolare.
I comunisti credono che prima di ogni altra iniziativa vada assicurata trasparenza delle decisioni che si andranno ad assumere sin da settembre.
Chiediamo che l’intera platea dei disoccupati frusinati sappia in quali sedi si decide, chi decide e soprattutto con quali criteri ci si accinge decidere? E, soprattutto vogliamo sapere come verrà assegnato il 25% (cioè appena 15 lavoratori) che si dice previsto nella voce solidarietà verso gli ex-Videocon che con le loro lotte conquistarono l’Accordo di Programma ed il diritto alla riassunzione.
Fare arbitrio e terribili ingiustizie è assolutamente facile. Forse qualcuno già si è venduto questi posti. Se questo avvenisse sarebbe un colpo mortale alla credibilità delle sedi dove si decide, istituzionali e non, e alla fiducia di superare questa crisi.
Finite le ferie si dovrebbe passare alla fase operativa. Saremo vigili su ogni passaggio.

*Oreste Della Posta - Segretario provinciale Pcdi Frosinone

 

La riproduzione di quest'articolo è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore

Creative Commons License
unoetre.it by giornale on line is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Sostieni il nostro lavoro

unoetre.it è un giornale on line con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per fare una donazione tramite il sito, cliccare qui sotto. Il tuo contributo ci perverrà sicuro attraverso PayPal. Grazie

Io sostengo 1e3.it
Leggi tutto...

Della Posta: approvare, sostenere e sviluppare il comitato Vertenza Frusinate

  • Pubblicato in Partiti

bandiere pcdi 350 260Un dichiarazione del segretario provinciale del PCdI - «Partendo dalla considerazione che il fenomeno della disoccupazione classica e giovanile riguarda oltre il 25% della popolazione della nostra provincia e aggiungendovi la pre carietà si arriva a proporzioni bibliche».
Lo dichiara il segretario provinciale del Pdci Oreste Della Posta che torna a ribadire la necessità di approvare, sostenere e sviluppare il comitato Vertenza Frusinate contro la disoccupazione e la precarietà.
«Questo strumento - dice - può dare una risposta al dramma che vive la nostra provincia: il lavoro. Non passa giorno che nel nostro territorio non chiuda un'attività produttiva: l'ultima è la Cma, vicino Cassino.
I Comunisti fanno appello alle forze sindacali affinché sostengano i disoccupati e i precari che si stanno organizzando. Sarebbe grave se le forze sindacali non sostenessero tale giusta iniziativa. Lo stesso ragionamento vale per i partiti, che comunque attraversano una grave crisi identitaria. E’ interesse dei sindaci sostenere il comitato, in quanto non c'è Comune che non conosca il dramma della disoccupazione e della disperazione sociale.
Il Partito Comunista d'Italia ha chiesto un incontro al Comitato per analizzare insieme le prospettive e le eventuali azioni di lotta da mettere in campo. Ai cittadini della nostra provincia esprimiamo l'augurio che si possano svegliare dal torpore e sostenere in tutti i modi la Vertenza Frosinone, l'unica speranza per il' nostro territorio. Perché - conclude il segretario provinciale del Pdci Oreste Della Posta - in alternativa c'è la povertà che ogni giorno miete nuove vittime. Ribellarsi è giusto ed è ora!».

La riproduzione di quest'articolo è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore

Creative Commons License
unoetre.it by giornale on line is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Sostieni il nostro lavoro

unoetre.it è un giornale on line con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per fare una donazione tramite il sito, cliccare qui sotto. Il tuo contributo ci perverrà sicuro attraverso PayPal. Grazie

Io sostengo 1e3.it

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS
Bookmaker with best odds http://wbetting.co.uk review site.

Privacy Policy

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici