fbpx
Menu
A+ A A-

Via l’amianto. Ma chi tutela coloro che sono stati esposti?

ITI Leonardo da Vincida Osservatorio Nazionale Amianto - Leonardo Da Vinci: finalmente via l’amianto. Ma chi tutela coloro che sono stati esposti?

Finalmente via l’amianto dalla Leonardo Da Vinci di Firenze: una battaglia storica dell’Osservatorio Nazionale Amianto, fino ad ora contrastato dall’amministrazione comunale di Firenze, che ora invece gli dà ragione.
«Occorre però recuperare il tempo perduto: innanzitutto la preoccupazione del Sindaco e dell’intera amministrazione comunale e delle autorità sanitaria dovrebbe essere quella di verificare le condizioni di salute di chi, in quella scuola, è stato esposto ad amianto fino ai tempi più recenti ed anzi a chi ne è potenzialmente esposto perché l’amianto verrà rimosso solo nei prossimi mesi» dichiara l’Avv. Ezio Bonanni, presidente dell’Osservatorio Nazionale Amianto.
I numeri dell’emergenza amianto nelle scuole in Italia
L’amianto, largamente utilizzato nell’edilizia e nell’impiantistica fino alla sua messa al bando per effetto della Legge 257/1992, è a tutt’oggi presente in 2.400 scuole, con il rischio esposizione per circa 350.000 allievi e 50.000 tra docenti e non docenti.
Per tali ragioni, l’Osservatorio Nazionale Amianto, ormai dal febbraio del 2012, ha lanciato una campagna di sensibilizzazione che ha portato a diverse bonifiche. Misure non sufficienti, anche perché dovrebbe essere accompagnate anche da uno screening sanitario sugli alunni dei diversi istituti dove è stato utilizzato e/o erano presenti questi minerali cancerogeni.
Lo stesso Registro Mesoteliomi, nel V Rapporto, ha reso pubblici i dati fino al 2011 che certificano di 63 casi di mesotelioma tra il personale docente e non docente.
Essendo il mesotelioma la punta dell’iceberg ed essendo detti dati riferiti ai soli docenti e non docenti e non agli alunni, sono intuibili le dimensioni dell’impatto dell’uso dell’amianto in tale settore.

Le richieste dell’ONA

L’associazione, attraverso la Sig.ra Antonella Franchi del coordinamento nazionale e responsabile del Dipartimento Tutela Personale Docente e non Docente esposto ad Amianto, avanza la seguente piattaforma propositiva:
• necessità di totale messa in sicurezza di tutte le scuole attraverso la rimozione dei materiali di amianto;
• screening/sorveglianza sanitaria del personale docente e non docente che ha lavorato nelle scuole con presenza di amianto;
• verifica epidemiologica dei casi di patologie asbesto correlate tra gli alunni e il personale docente e non docente della scuola Leonardo Da Vinci di Firenze e di tutte le altre scuole con presenza di amianto.
«L’Osservatorio Nazionale Amianto continuerà a perseguire innanzitutto la sua azione per la prevenzione primaria (evitare ogni forma di esposizione) e poi quella secondaria (diagnosi precoce, migliori terapie delle patologie asbesto correlate -mesotelioma, tumore polmonare, altri cancri causati dall’amianto e asbestosi, placche pleuriche ed ispessimenti pleurici - ricerca scientifica per debellarle) e poi quella terziaria, e cioè l’epidemiologia e il risarcimento dei danni, ed è per tale ragione che noi, che siamo prima di tutto mamme, dobbiamo ringraziare l’Avv. Ezio Bonanni che in Toscana come in Sicilia, in Calabria come in Trentino Alto Adige rappresenta e tutela le vittime dell’amianto e i loro famigliari» dichiara la Sig.ra Antonella Franchi del Coordinamento nazionale ONA e coordinatore dello specifico Dipartimento.
L’ONA annuncia battaglia: come mai solo ora è stata accolta la richiesta dell’associazione di rimuovere l’amianto dalla scuola Leonardo Da Vinci?
Roma, 11.03.2017
Ufficio Stampa ONA

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

Sostieni UNOeTRE.it

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS
Bookmaker with best odds http://wbetting.co.uk review site.

Privacy Policy

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici