fbpx
Menu
A+ A A-

Frusone: FCA, sgombrare gli equivoci generati ad arte

FCA_Piedimonte«La riconferma degli investimenti da parte dei vertici di Fca in Italia con lo stabilimento di Cassino che può assumere un ruolo centrale grazie all’ibrido e al Levantino (il suv più grande di Stelvio ndr) è una buona notizia, ma restano le difficoltà del comparto pagate a caro prezzo dai lavoratori» dichiara il deputato del MoVimento 5 Stelle Luca Frusone-

«Bisogna liberare il campo da un equivoco generato ad arte sulla questione - prosegue il deputato M5S -: chi continua a strumentalizzare la situazione per attaccare il nuovo governo fa finta di non tenere in conto, per propaganda o ignoranza sui numeri, che è il diesel, con i suoi fumi cancerogeni e i divieti di accesso che molte città stanno attuando verso tali veicoli, a trascinare il settore nella negatività mentre sistemi più rispettosi dell'ambiente come l'ibrido e l'elettrico hanno triplicato le vendite». «L’ecotassa/ecobonus, provvedimento del governo che sarebbe l’origine di tutti mali per gliLucaFrusone in Parlamento 350 260 esponenti di partiti che hanno abbandonato i lavoratori e le imprese come PD e Forza Italia - spiega Frusone - serve proprio ad accelerare la transizione dal vecchio all’innovativo, ma per i personaggi che vogliono imprigionare la Ciociaria nel passato è difficile da capire: al futuro bisogna correre incontro e noi, per colpa loro, abbiamo tanta strada da recuperare».

 

 

 

Articoli e  news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui

aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Leggi tutto...

Frusone e Segneri: Ecotassa Buschini o ci fa o ci è?

FCA Piedimonte S. GermanoFCA ed Ecotassa Buschini o ci fa o ci è

«Restiamo piuttosto perplessi nell’apprendere quanto affermato dal Presidente del Consiglio della Regione Lazio Buschini (Partito Democratico) sulla questione FCA». Queste le prime parole dei deputati del MoVimento 5 Stelle Luca Frusone ed Enrica Segneri in merito ad alcune dichiarazioni fatte da Buschini su FCA e l’ecotassa.

«Non si vuole certo negare che FCA stia avendo dei problemi, ma imputarli all’ecotassa denota o ignoranza nei numeri o solamente voglia di fare propaganda becera alle spalle dei lavoratori» proseguono i due portavoce M5S alla Camera. La deputata Segneri sottolinea la parzialità dei numeri forniti da Buschini: «In maniera grossolana il Consigliere Regionale Buschini prova a fare un attacco politico con scarsi risultati, dimenticando di dire che tutto il mercato dell’auto in Europa è in negativo da tempo e che quindi l’ecotassa non c’entra niente visto che non riguarda altri Paesi europei. In realtà - evidenzia la deputata Segneri - la crisi riguarda il diesel, per cui le vendite sono scese di oltre il 20%, mentre per l’ibrido e l’elettrico sono addirittura triplicate: questo è dovuto al fatto che ormai i fumi del diesel sono riconosciuti come cancerogeni e diverse città dal 2020 in poi vieteranno l’accesso ad auto diesel». movimento 5 stelle bandiera 350 260

Il deputato Luca Frusone aggiunge: «Dalla Presidenza del Consiglio Regionale del Lazio era lecito aspettarsi un contributo propositivo su una questione seria, ma Buschini, attaccando il governo ha solo tentato di rimuovere gli scheletri nell’armadio che il PD ha su Fca (annunci di assunzioni che in realtà si sono rivelati licenziamenti). Per accelerare sulla transizione da sistemi inquinanti a sistemi più rispettosi dell’ambiente e della salute con modelli ibridi ed elettrici - spiega Frusone - è importante che ognuno faccia la propria parte e si assuma la responsabilità delle scelte invece di sfruttare le difficoltà di un comparto solo per attaccarci: così non si danneggia il M5S ma un intero territorio». I due deputati M5S Frusone e Segneri concludono rincarando la dose: «Se Buschini vuole continuare a supportare sistemi inquinanti, che producono danni alla salute e all’ambiente, faccia pure. Noi sappiamo di essere sulla strada giusta, quella della mobilità sostenibile, unica scelta strategica vincente per il futuro»

 

 

 

Articoli e  news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui

aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Leggi tutto...

Frusone: verso l'annullamento in autotutela della concessione alla DHI

LucaFrusone 3 350 260Il deputato del MoVimento 5 stelle Luca Frusone interviene sulla revoca della concessione della Certosa di Trisulti all’associazione 'Dignitatis Humanae Institute' avviata dal ministro per i Beni e le Attività culturali Alberto Bonisoli.

«La notizia era da giorni nell’aria – dichiara il portavoce M5S alla Camera Frusone – Con il sottosegretario ai Beni culturali Vacca avevamo sollevato le criticità sulla legittimità dell’assegnazione favorendo l’azione del ministero per tutelare la Certosa».

«L’attività ispettiva del ministero e il conseguente parere dell’Avvocatura dello Stato sulla sussistenza di tutte le condizioni per procedere all'annullamento in autotutela della concessione – continua il deputato M5S alatrense Frusone – rendono merito alla nostra azione di denuncia, cominciata anni fa, sulle modalità opache con cui il bene era stato assegnato quando il ministero dei Beni Culturali era guidato da Franceschini del Partito Democratico».

«Noi non avevamo mai fatto una questione ideologica sull’associazione vicina a Bannon, ma una questione di legalità – sottolinea Frusone – Nel solco del rispetto delle regole si stanno prendendo tutte le contromisure necessarie, scaturite dalla mia attività, dal sottosegretario e dal ministro, per tutelare un bene dei cittadini, rimediando ad un grave errore del precedente governo e ad una “distrazione” dei vari esponenti politici del territorio che hanno scoperto la questione Certosa solo per una strumentalizzazione politica. Ringrazio quei cittadini e giornalisti che tempestivamente avevano sollevato il problema mentre altre figure hanno preferito tacere».

«Il Presidente della Regione Lazio e Segretario del PD, Zingaretti, - conclude il deputato pentastellato Frusone – che aveva scritto al Ministro Bonisoli preoccupato per la presenza di formazioni politiche sovraniste nella Certosa, sbagliando evidentemente destinatario poiché l’iter di assegnazione era stato concluso da Franceschini del suo stesso partito, adesso potrebbe ritrovare le parole per chiedere scusa ai cittadini visto che l’attuale governo sta rimediando all’ennesimo errore del PD»

 

 

Articoli e  news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui

aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Leggi tutto...

Frusone: chiesto parere all'Avvocatura dello Stato per Certosa di Trisulti

Certosa di Trisulti 350 260Comunicato - Il deputato del MoVimento 5 Stelle Luca Frusone segnala una novità importante sulla concessione della Certosa di Trisulti, caso tornato alla ribalta nazionale.

«A seguito del materiale che ho fornito al Ministero dei Beni Culturali sulle modalità opache dell’assegnazione della Certosa di Trisulti all’associazione Dignitatis Humanae Institute; in particolare, la vacuità di alcuni requisiti della DHI mostra come l’ex ministro dei Beni culturali Franceschini (PD) e i suoi uomini siano stati “distratti” nella procedura, l’attuale sottosegretario ai Beni culturali Vacca ha disposto tutti gli accertamenti del caso su eventuali omissioni, inadempienze e carenze tali da costituire anche causa di decadenza della concessione stessa» spiega il deputato M5S Frusone che continua «Ancora una volta dobbiamo cercare di riparare i danni dei nostri predecessori: il nuovo governo ha dovuto prendere atto della concessione avvenuta nel febbraio 2018 con il governo del PD, ma sta verificando la correttezza della procedura: è stato chiesto infatti un parere all’Avvocatura dello Stato, per valutare se le incongruenze registrate sono tali da legittimare l’eventuale revoca della concessione».

Il deputato pentastellato Frusone conclude «Si resta sconcertati di fronte a dichiarazioni o ad attività di proteste di esponenenti politici del territorio che, quando potevano rilevare le criticità della procedura, erano "distratti" lasciando soli nella denuncia qualche giornalista locale e il sottoscritto. Gli stessi che non hanno mosso un dito allora si dicono preoccupati per il destino della Certosa oggi. Per me resta una questione di legalità: non si tratta di essere contro o a favore di qualcuno. I finti paladini che sollevano questioni solo in base alle convenienze politiche del momento non aggiungono nulla al nostro territorio»

 

 

Articoli e  news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui

aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Leggi tutto...

Frusone smentisce le Cassandre dell'informazione

lucafrusone 350 260«La conferma dei 5 miliardi di investimenti per il piano industriale di Fca in Italia, arrivata poco prima dell’entrata in vigore del sistema di ecobonus ed ecotassa varato dal Governo, è la migliore smentita ai profeti di sciagura che da mesi inquinano il dibattito su un tema rilevante per il futuro del settore automobilistico e per le ricadute sul nostro territorio» - dichiara il deputato del MoVimento 5 Stelle Luca Frusone.

«Nonostante una campagna mediatica faziosa e indecente sul provvedimento, divenuto celebre come ecotassa, ma che in realtà eroga incentivi per l’acquisto di veicoli green e penalizza chi compre auto inquinanti e di grossa cilindrata – continua Frusone – abbiamo tenuto duro perché l’ecobonus è una misura utile per lo sviluppo sostenibile e, indirizzando le scelte del consumatore, orienta la produzione delle aziende, tra cui Fca, verso le nuove tecnologie».

L’auspicio del deputato pentastellato è che «Fca possa diventare presto leader dei modelli ibridi ed elettrici, che verranno prodotti a Cassino: l’azienda ha i mezzi per riuscirci anche grazie alle competenze e alle professionalità presenti nel nostro territorio, che può trasformarsi nella punta di questa rivoluzione green. Da parte del governo e della maggioranza ci sarà attenzione per supportare il piano di transizione di Fca verso i nuovi modelli e per aiutare i lavoratori in cassa integrazione (la cui condizione di difficoltà non dipende dall'ecobonus)».

Frusone, infine, evidenzia i limiti dell’informazione su questo tema «I media nazionali hanno spaventato a tal punto le persone che in molti credevano che ci sarebbero state nuove tasse per le utilitarie possedute già da tempo; ciò è vergognoso e non fa male al governo o al MoVimento 5 Stelle, ma a tutto il Paese. A livello locale, spesso si sono riprese e presentate come autorevoli posizioni apocalittiche che denunciavano situazioni esplosive senza collegamenti reali con il provvedimento. Ora ci auguriamo che i giornali locali riprendano il fatto positivo dando lo stesso identico spazio, quindi per almeno 2 settimane dovrebbero parlare di questa bella notizia, che hanno hanno riservato ai profeti di sciagura per cui la colpa della crisi del settore sarebbe stata da attribuire a un provvedimento che entra in vigore solo adesso».

 

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Leggi tutto...

L'On. Frusone e la concessione della Certosa di Trisulti. Intervista

Certosa di Trisulti 390 260 minIgnazio Mazzoli intervista il Deputato Luca Frusone del M5S – Martedì 8 gennaio 2019

On. Luca Frusone farodiroma.it il nove febbraio 2018 pubblicò il testo pressoché integrale del suo esposto all'Anac (anticorruzione) e una denuncia-querela dei 5stelle sulla concessione della Certosa di Trisulti al DHI (Dignitatis Humanae Institute). Fu il primo e l’unico. Perché intraprese questa iniziativa insieme al M5S?

La Certosa è sempre stato un luogo che ho frequentato sin da piccolo, crescendo è diventato poi un luogo da mostrare con orgoglio a parenti e amici che venivano a visitare la Ciociaria. Quando ho saputo del bando non ero del tutto contrario, mi rendo conto che un bene del genere è difficile da mantenere e purtroppo i monaci cistercensi non potevano certo sobbarcarsi questo impegno, ma avrei preferito che i privati entrassero in maniera diversa. Avrei preferito un mecenate che si interessasse alla Certosa senza però usarla per scopi personali oppure la possibilità di poter adottare i beni con un crowdfunding locale, alla fine siamo 500 mila in provincia, con un euro l’anno si supera di molto il prezzo che oggi deve pagare DHI. Dopo aver visto le carte intrapresi la strada della denuncia perché per me c’erano delle forzature nel percorso amministrativo e che la DHI non avesse i requisiti richiesti. Semplicemente una richiesta di chiarimenti e che venisse rispettata la legge. Per me non è questione di Bannon o non Bannon, anzi ritengo strumentali alcune posizioni prese successivamente al bando. Alcune persone potevano parlare prima quando Franceschini intraprese questa strada con un bando troppo generico che non metteva chissà quali paletti all’utilizzo del bene, e non solo per la Certosa ma per molti altri immobili con una storia simile in tutta Italia. Nel momento in cui non si contesta l’idea che qualcuno possa sviluppare un proprio progetto attraverso un bene del genere diventa piuttosto ipocrita lamentarsi dopo perché colui a cui viene concesso il bene non ha le stesse idee politiche. Per me si doveva trovare un altro modo sin dall’inizio.

A conclusione del suo esposto lei conclude che con esso: “si intende formulare denuncia-querela, in relazione ai fatti sovra descritti se verificati dagli accertamenti delle autorità”. Quali sono le precise risposte che lei ha ricevuto?

Purtroppo non ho ricevuto risposte nel merito dall’anticorruzione ma una risposta di rigetto che non fa luce sulla questione dei requisiti che avevo sollevato. Il bando è un procedimento amministrativo e per poter sollevare delle questioni e chiedere ad un giudice di stabilire se qualcosa non va serve un ricorso al giudice amministrativo ma gli unici che potevano farlo erano gli altri che avevano partecipato al bando e che non hanno intrapreso questa strada.

 LucaFrusone 3 350 260

On. Frusone ormai da più parti (organi d'informazione, associazioni e finanche istituzioni religiose fra cui alcune ciociare) si sollevano dubbi sulla legittimità della concessione a DHI. Lei stesso nell'esposto "lamenta di non aver - potuto risalire - alla documentazione depositata dall’Istituto Dignitatis Humanae che lo ha reso idoneo alla vincita del bando, ma dai fatti sovraesposti è chiara la mancanza dei requisiti dell’Istituto almeno per quanto riguarda la lettera b) del punto 4 (documentata esperienza almeno quinquennale nel settore della tutela e della valorizzazione del patrimonio culturale) sempre se consideriamo la gestione del “Piccolo museo monastico di Civita” un’esperienza conforme a quella richiesta nel punto c)”. Lei conferma questa sua critica o lamentela?

Sì, e mi sembrano anche molto tirate alcune risposte che sono state date sui giornali come per esempio che l’esperienza almeno quinquennale non sta a significare che per partecipare si doveva avere almeno 5 anni di esperienza ma che l’esperienza doveva essere maturata nell’ultimo quinquennio. Un’interpretazione estremamente originale per non usare altri termini.

 

Lei e il suo gruppo parlamentare intendete proseguire perché si accerti la correttezza giuridica e legale della concessione e si revochi questa concessione che appare a tanti in aperto conflitto non solo con il bando del 2016, ma anche con la stessa Costituzione italiana per le finalità che Stephen K. Bannon e i suoi accoliti si prefiggono volendo trasformare il monastero in una "scuola di gladiatori per guerrieri della cultura" (Chico Harlan, 25 dicembre 2018 dal Wastington Post). Minaccioso linguaggio, chiaramente in conflitto con l'art 3 della nostra Costituzione. La revoca di questa concessione è un diritto per affermare che gli atti di governo di questo nostro Paese sono uguali per tutti?

Ho richiesto la concessione per capire bene i termini. Uno dei miei timori era relativo alla custodia dei beni, soprattutto della biblioteca Statale del Monumento Trisulti. Fortunatamente quella è fuori da tutto questo discorso e rimane di libera consultazione. Politicizzare questa questione non porterà a nulla se non a fare confusione. La concessione è stata firmata a seguito del bando del 2016, con il vecchio Governo ed era piuttosto generico sulle attività che si potevano intraprendere. Sarebbe stato opportuno vincolare maggiormente i beni a specifici progetti o indirizzi. Purtroppo parla principalmente di manutenzione e valorizzazione dei siti previsti nel bando, senza specificare cosa si intenda per valorizzazione. Se non si vogliono fare solo chiacchiere le ipotesi di revoca devono attenersi alla concessione e agli eventuali inadempimenti che da questa dipendono.

8 gennaio 2019

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Leggi tutto...

Frusone: Ipab Rodilossi, solo più degrado e pericolo

M5S logo minContinua a tenere banco la questione relativa alla messa in sicurezza dell’Ipab Rodilossi che, per ora, resta un’illusione. Nonostante siano passati quasi due mesi dalla nomina del commissario ad acta disposta dalla Regione Lazio, competente sull’immobile, nulla si è mosso.

Anzi, il peggioramento delle condizioni dell’immobile continua a destare preoccupazione per il rischio di crolli in una parte della struttura. «La situazione di pericolo e degrado, conseguenza della trascuratezza regionale sulla questione Ipab, sta raggiungendo un livello di gravità estrema – dichiara Luca Frusone deputato del MoVimento 5 Stelle – Insieme a coloro che hanno a cuore le sorti dell’immobile quale bene pubblico da mettere in sicurezza e riqualificare, in particolare il cittadino Giulio Rossi, avvertimmo che la nomina del commissario, dopo l’ordinanza del sindaco Morini, era solo un primo effetto da verificare in seguito. Dopo 4 anni di ritardo, la Regione è stata costretta a prendere atto dello stato dell’immobile, grazie ad azioni portate avanti in più sedi tra cui segnalazioni, ispezioni e l'interrogazione del consigliere regionale del MoVimento 5 Stelle Loreto Marcelli. Sarebbe bastato il comune buon senso per suggerire un intervento rigoroso visto il carattere di urgenza, ribadito anche dallo stesso sindaco Morini, nel sollecitare i lavori di messa in sicurezza per l’importante edificio del centro storico cittadino. Ma il buonsenso evidentemente latita al pari di buone condotte amministrative». Frusone ricorda come «i ringraziamenti al presidente di Regione Zingaretti e al consigliere regionale Buschini, tributati dopo la nomina del commissario, risuonino adesso sinistri e fuori luogo. Si faccia chiarezza – conclude il deputato pentastellato – sui motivi per cui persiste il blocco dei lavori e si tenga presente che l’immobilismo, oltre a essere causa di ulteriori rischi per l’incolumità pubblica, arreca danni economici poiché occorreranno molte più risorse per rimettere in sesto lo stabile. Il continuo spreco di tempo prezioso in questo scenario tradisce le aspettative dei cittadini che non meritano questo vuoto pericoloso sui beni pubblici»

 

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Leggi tutto...

Al telefono con Frusone parlando di Asl

lucafrusone 350 260Il 16 ottobre scorso UNOeTRE.it pubblicò un comunicato inviato dai Deputati 5stelle Luca Frusone ed Enrica Segneri che informava dell’incontro da loro avuto con l’on. Giulia Grillo, Ministra alla Salute, alla quale hanno consegnato un “carteggio” con i dati della situazione in cui versa la ASL frusinate così descritta «è stata così trasformata in un totale far west amministrativo dove qualcuno viene lautamente ricompensato per non fare nulla e molti si trovano a fare turni massacranti per dare una risposta alle esigenze del territorio in carenza cronica di servizi. Una gestione pessima che si basa su esternalizzazioni a non finire e che a malapena riesce ad assicurare gli stipendi».

Questa dichiarazione al pubblico dei due Deputati è subito stata molto seguita perché il tema sanità in questa provincia è un nervo scoperto e assai dolente. Molti lettori ci hanno scritto per saperne di più altri, ce lo hanno richiesto attraverso post su FB. Tanta attenzione ci ha consigliato di aprire un dialogo con i parlamentari che si sono impegnati in questa iniziativa.

Abbiamo trovato a telefono l’on. Luca Frusone e abbiamo chiesto lui un approfondimento.

Appare, dalle sue parole, subito chiaro un problema: «A Macchitella mancano i requisiti per svolgere il ruolo di direttore generale. Il commissariamento è un escamotage, infatti serve solo ad aggirare le norme sulla inconferibilità del ruolo di direttore generale visto che Macchitella ha 72 anni e non potrebbe essere chiamato a svolgere tale ruolo. Inoltre, c’è una sentenza che ha visto vincente il precedente direttore generale, Isabella Mastrobuono, che quindi avrebbe doveva essere reintegrato. Cosa che non si è verificata».

Questa la cronistoria: 11/11/2015 Macchitella viene nominato commissario. Il 16/01/2017 una sentenza del TAR annulla la nomina del commissario, sconfessando le ragioni del commissariamento e con ciò giudica “vincente” il ricorso del precedente direttore generale, Isabella Mastrobuono. Il 6 febbraio successivo (con DCA n. 26) Zingaretti rinomina, nonostante la sentenza, Macchitella come Commissario Straordinario e il 28 dicembre 2017 gli rinnova l’incarico con delibera di giunta regionale (la n.28) fino al 31 dicembre 2018.

L’ANAC stessa nel suo pronunciamento (12/08/2018 00775443) ha rilevato che l’onorario, le funzioni e i poteri si sovrappongono con quelle del direttore generale e parla di “escamotage per ovviare alle carenze del requisito” riferendosi appunto ai requisiti che Macchitella non ha per fare il direttore generale.

In questo procedere non proprio ossequioso della giurisprudenza che succede? L'On. Luca Frusone descrive alcune decisoni dagli effetti davvero negativi.

«La chiusura del Punto di Primo Intervento di Anagni in data 15/07/18 con delibera della ASL di Frosinone n. 1362 del 25/06/2018 firmata dal commissario straordinario Luigi Macchitella.
Appare non solo sbagliata questa decisione, ma forse anche abusiva. Tale PPI, infatti a seguito della chiusura dell’ospedale di Anagni e del suo relativo pronto soccorso è diventato l’unico punto di cure per un bacino di utenti superiore agli 80.000 abitanti e per un territorio in buona parte montagnoso composto da piccoli Comuni che si trovano a distanza di oltre un’ora di percorrenza dai pronti soccorsi più vicini.
Nel territorio del Comune di Anagni insistono ben n.7 impianti industriali a Rischio Incidente Rilevante RIR, ricadenti nelle fattispecie previste dalla Direttiva Seveso III, D.lgs. 105/2015. Sono impianti RIR quegli stabilimenti che, per le sostanze che utilizzano e per i processi produttivi che svolgono, possono causare incidenti le cui ricadute potrebbero interessare in maniera grave l’ambiente e la salute dei cittadini. Tali impianti hanno come riferimento per i loro “Piani di emergenza esterna” l’ospedale civile di Anagni che non esiste.»

Infatti secondo l’Atto Aziendale dell’ASL di Frosinone approvato con Decreto del Presidente ad Acta il 3 agosto 2017, n. U00354, ad Anagni non dovrebbe esserci un PPI, ma un vero e proprio presidio sanitario.

Per memoria di tutti citiamo gli atti deliberativi, cioè decisionali. Il D.M. 70/2015 con cui è stato approvato il “Regolamento recante definizione degli standard qualitativi, strutturali, tecnologici e quantitativi relativi all’ assistenza ospedaliera” cita i PPI stabilendo che “La funzione dei Punti di Primo Intervento è la trasformazione in postazione medicalizzata del 118 entro un arco temporale predefinito”.
La delibera della ASL di Frosinone n. 1363 del 25/06/2018 oltre a disporre la chiusura “contestuale del Primo Soccorso” lo sostituisce con un PAT h24 non previsto dal D.M. 70 con degli oneri che potrebbero contrastare con il piano di rientro del debito della sanità della Regione Lazio e che dovrebbero essere portati all’attenzione della Corte dei Conti.
Ad oggi non risulta che la trasformazione in postazione medicalizzata del 118 sia stata compiuta. Disattendendo quindi lo stesso D.M.

Per ora qui ci si ferma. Questo primo assaggio di notizie fornite alla Ministra Giulia Grillo è quanto mai interessante. Continueremo appena possibile la nostra conversazione di approfondimento con il disponibilie e cordiale Deputato Luca Frusone.

 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

Sostieni UNOeTRE.it

Leggi tutto...

Frusone scrive ai sindaci “Difesa in aiuto dei Comuni”

M5S logo min - «La pubblicazione in Gazzetta Ufficiale dell’elenco dei militari in ausiliaria, personale che può essere impiegato presso Comuni, Regioni e Pubbliche Amministrazioni, senza alcun costo aggiuntivo per gli Enti Locali – dichiara il deputato del MoVimento 5 Stelle Luca Frusone – è un notevole passo in avanti per affermare un modello di Difesa che sappia integrare le esigenze della sicurezza nazionale con la salvaguardia dei territori e la tutela delle comunità per scopi non militari».

L’istituto dell’ausiliaria è il periodo transitorio durante il quale il militare, in occasione della cessazione del rapporto permanente di impiego e, in alternativa, al congedo in riserva, può essere richiamato dalla Pubblica Amministrazione della sua provincia di residenza per un periodo di cinque anni. L’istituto non ha origini recenti, ma – rileva il deputato pentastellato – «gli Enti Locali hanno usufruito pochissimo di questa possibilità perché non erano mai state pubblicate leLucaFrusone 3 350 260 liste con i nominativi e quindi diventava difficile per un Comune poter richiedere un aiuto a costo zero. Dal 2015 ho iniziato insieme ad altri colleghi questo lavoro per rendere pubblici i nominativi e a seguito dell’insediamento del Ministro Trenta ho lavorato con il suo Gabinetto per portare a termine il percorso».

«La valorizzazione e l’impiego efficace delle competenze acquisite dalle nostre forze armate – conclude Frusone – costituiscono un utile strumento per migliorare la qualità dei servizi delle pubbliche amministrazioni e della vita dei cittadini; una vera boccata d’ossigeno se pensiamo a quanto siano indispensabili professionisti qualificati che abbiano modo di mettere a posto, ad esempio, i piani di emergenza per le pubbliche calamità facendolo anche a costo zero. Ho provveduto a contattare i sindaci della nostra provincia: il ricorso al personale della Difesa in ausiliaria può essere un piccolo ma significativo aiuto per i primi cittadini ciociari nella gestione dei beni comuni».

 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

Sostieni UNOeTRE.it
Leggi tutto...

Frusone, M5S - Disagi all'ospedale San Benedetto di Alatri

ospedale san benedetto Alatri minOn. Luca Frusone, M5S - Dall'ospedale San Benedetto di Alatri oggi [lunedì 25 giugno 2018 n.d.r.] sono arrivate numerose segnalazioni di disagio da parte dei pazienti e dei loro familiari sulla disorganizzazione per cui tante persone in attesa di medici per le visite ortopediche sono state rimandate senza spiegazioni.

Il Movimento Cinque Stelle di Alatri denuncia la situazione di caos che si è venuta a creare sottolineando che l'episodio specifico fa parte della mala gestio generale che riguarda la sanità nella provincia di Frosinone che sconta un modelloLucaFrusone in Parlamento 350 260 organizzativo inefficace e inefficiente. Il deputato pentastellato Luca Frusone commenta: "Gli annunci dei miglioramenti della sanità nella nostra provincia non corrispondono alla realtà dei fatti e la disorganizzazione della Asl di Frosinone, che fa scontare i disagi a cittadini e operatori dell’ospedale di Alatri, è il risultato di politiche e priorità sbagliate che vedono affermarsi un sistema in cui si esaltano le scatole vuote dei proclami, mentre di ciò che realmente potrebbe far migliorare la qualità delle prestazioni sanitarie non vi è traccia".

 

 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

Sostieni UNOeTRE.it
Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS
Bookmaker with best odds http://wbetting.co.uk review site.

Privacy Policy

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici