fbpx
Menu
A+ A A-

Daniela Bianchi: Consorzi Industriali? Uno solo, Regionale

consiglio lazio 350 260Daniela Bianchi* - Lazio, si al consorzio unico regionale dell'industria. Si ascoltino gli interessi delle aziende e non le scaramucce campanilistiche.

«Dare al Lazio alle sue imprese un ente di sviluppo snello ed efficiente, capace di disegnare e sostenere il rilancio industriale del Lazio con progetti innovativi e sostenibili. E' questo il punto principale della riforma dei Consorzi industriali che il Consiglio Regionale si appresta a votare lunedì. Dopo essermi occupata in questi anni della questione con due proposte di legge, sostengo con forza il provvedimento che punta a ridurre da 5 a un solo Consorzio per l’intera regione. Un intervento che ha in sé il coraggio del cambiamento perché mette da parte le solite scaramucce campanilistiche delle province del Lazio e punta a rinnovare enti che non possono continuare a funzionare con logiche vecchie di trent'anni fa. La novità più importante non è tanto il taglio di poltrone, visto che il Presidente Zingaretti che ne ha già cancellate più di 500 negli ultimi 5 anni, ma quella di poter mettere in campo una strategia industriale disegnata su scala regionale.»

Così Daniela Bianchi, già Consigliera regionale del Lazio e prima firmataria di due proposte di legge di riforma dei Consorzi Industriali del Lazio e di istituzione delle Apea che interviene in merito alla proposta di riforma dei Consorzi Industriali del Lazio contenuta in un emendamento al Collegato in discussione lunedì nel Consiglio Regionale del Lazio

«Non è un caso infatti che chi si oppone a questa riforma, come il Sindaco di Frosinone Ottaviani, riduce la discussione alla mera gestione urbanistica. Ed è questa visione che negli anni ha impedito il rilancio deciso del territorio frusinate: un’idea provinciale e campanilistica in cui lo sviluppo si fa gestendo qualche capannone e qualche strada e facendo la guerra all'impresa che risiede nella provincia accanto. Ragionamenti che forse andavano bene negli anni 80'.

Oggi le imprese hanno bisogno di un territorio che sappia offrire nuovi servizi come centri di ricerca e reti veloci, regole chiare e semplici, risposte rapide ai loro piani di investimenti senza che la burocrazia li blocchi per anni. Così come i cittadini del Lazio devono vedere rispettati l'ambiente e la loro salute. Un consorzio unico può sicuramente essere lo strumento giusto per rispondere a queste esigenze oltre a dare alle province l’occasione di sfruttare l’attrattività di Roma Capitale senza averne paura o combatterla.

In questi ultimi anni la Regione di Zingaretti ha lavorato molto per il rilancio industriale grazie e nuove politiche e interventi diretti ad esempio sulla FCA di Cassino, sulla Ideal Standard di Roccasecca e sul farmaceutico di Anagni. Adesso è necessario fare un ulteriore passo con il Consorzio Unico. Non si tratta di cedere quote di potere o di presunta sovranità a Roma, e neanche di accaparrarsi la gestione esclusiva del "tesoretto" da 50 mln della Apea (Aree produttive ecologiche), visto che a questi fondi può accedere chiunque abbia progetti di sviluppo validi, non solo i Consorzi. Qui si tratta di dare risposta su ciò che chiedono da anni le aziende: politiche industriali serie e subito attuabili. L'associazioni degli industriali, infatti, si è espressa a favore del Consorzio unico Regionale.»

*Già Consigliera Regionale e presentatrice di due proposte di legge regionale di riforma dei consorzi e di istituzione delle Apea.

 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

Sostieni UNOeTRE.it
Leggi tutto...

E uno. La proroga della mobilità c'è

Dignità 350 260di Ignazio Mazzoli - C'E' LA PROROGA DELLA MOBILITA' PER CHI L’HA PERSA. UN PASSO IN AVANTI. PICCOLO, MA E' UN PASSO IN AVANTI. C'E' STATO ASCOLTO.
Alle 18.30 circa di oggi 4 luglio 2017 CGIL, CISL, UIL, UGL di Frosinone hanno comunicato la conclusione dell’incontro fra sindacati e Regione su alcune misure d’emergenza per i disoccupati che avevano perso la mobilità, ma anche possibili misure per altri disoccupati in attesa di nuove occasioni di lavoro.


«Abbiamo posto sul tavolo – hanno scritto nel loro comunicato i sindacati - una serie di questioni attinenti le difficoltà occupazionali del Territorio Frusinate e una serie di richieste che, a nostro avviso, possono risolvere alleviare le difficoltà dei disoccupati di lunga durata e di altre persone che vivono il dramma della mancanza di lavoro.
Da domattina inizieremo a raccogliere le domande per prorogare la mobilità a coloro i quali ne sono rimasti privi nel periodo 1 gennaio 2017 - 31 luglio 2017. Successivamente si proseguirà con gli altri fino ad arrivare al 31 dicembre 2017.»

Bene, era quanto ci si aspettava dopo una settimana di strani tentennamenti da parti di chi cercava di spostare l’asse degli impegni regionali solo sui tirocini anche a costo di distorcere l’utilizzo di somme previste per utilizzi differenti. Molto bene per tutte quelle volontà sindacali che su questo obiettivo non avevano avuto dubbi sin dall’inizio. Per obiettività d’informazione dobbiamo riportare l’opinione di molti disoccupati che hanno riferito come il segretario della Cisl, Enrico Coppotelli, in particolare in questa settimana, nel frusinate, sia stato sempre disponibile ad ascoltare e rassicurare tutti i disoccupati che l’hanno cercato, prima dell’odierno incontro, fino a giungere alla presa di posizione pubblica con un post su FB il 2 luglio affermando fra l'altro: «In via prioritaria dovranno essere prorogate le mobilità in deroga, anche per l’anno 2017, a tutti coloro che hanno già beneficiato del suddetto ammortizzatore e per i quali scadrà nel periodo 1 gennaio - 31 dicembre 2017.» Un rassicurante forte messaggio per chi era ansiosamente in attesa dell’esito positivo che ora sembra arrivato.

"Dovremo fare di più"

C’è un passaggio che merita attenzione, laddove si dice «Con questa modalità daremo la possibilità alle persone di avere una fonte di reddito ma dovremmo fare di più, infatti, la Regione Lazio ha aggiornato il Tavolo per la stipula dell'Accordo Quadro al 14 luglio, con la presenza, oltre che delle Organizzazioni Sindacali, anche delle Associazioni Datoriali, per prendere impegni a 360 gradi sui tirocini, le politiche attive e la ricollocazione dei Lavoratori.»
Importante quel «ma dovremo fare di più». E' insieme affermazione di nuovo impegno e anche autocritica per decine di mesi di silenzio e forse disattenzione verso un gigantesco fenomeno di disoccupazione in questa nostra provincia, ma anche i tutta la regione dove si contano fra 350-380.000 disoccupati

«Sarà un impegno costante e continuo - scrivono nel comunicato - che dovrà vederci impegnati tutti, in maniera corale, per risolvere intanto le angustie di coloro che sono privi di reddito e poi immaginare un nuovo, diverso e rinnovato sviluppo del Territorio della Provincia di Frosinone.»

La lotta unitaria dei disoccupati frusinati, avviata 48 mesi addietro, vede oggi un concreto spiraglio di luce ed ottiene un’importante segnale: la disoccupazione oggi tutti la vedono e se ne debbono occupare. Bravi disoccupati uniti, in particolare quelli che, riuniti in Vertenza Frusinate, con più continuità si sono impegnati e democraticamente battuti per uscire dal buio della dimenticanza e dal fastidio di quelle forze politiche che preferivano ignorarli. Hanno dovuto abbattere un muro spesso di sordità, quello costituito dalle posizioni di intransigente rifiuto delle situazioni d’emergenza assunte dalla Giunta Regionale del Lazio. Oggi anche questo organo ha dovuto arrendersi alla tenacia dei disoccupati e mutare il proprio atteggiamento.

I sindacati oggi affermano «È tempo di puntare non più solo su un sistema di tutele per difendere il posto di lavoro. È tempo di costruire un sistema di tutele per la persona nel lavoro. È tempo di passare dal tutelare il lavoratore nel suo posto di lavoro a tutelare il lavoratore in quanto soggetto sociale.» … «L’insicurezza dei lavoratori oggi è legata alla mancanza di tutele nelle più delicate fasi di transizione lavorativa. È ora di spostare l’attenzione sindacale anche verso la costruzione di queste nuove tutele.»

D'ora in poi bisogna dedicarsi ai lavori di utilità sociale e a quelli da conquistare con i tirocini per i quali si aspetta un piano realizzabile e concreto, d’intesa con Comuni e Imprese. Aspettiamo il prosieguo degli incontri a partire da quello del 14 luglio prossimo con tutte le firme e i consensi necessari.

C'è un sensibilità nuova

E’ nata una sensibilità nuova? Pensiamo di si, intanto nei sindacati dei lavoratori. Un atto conseguente e opportuno sarebbe dare una struttura specifica organizzata in cui i disoccupati possano ritrovarsi unitariamente a fianco dei sindacati a cui rivolgono o vogliono rivolgere la loro fiducia per avere tutta la difesa, l’assistenza e l’iniziativa necessarie ad affrontare il futuro con meno paure e più speranze. Ne hanno tanto bisogno.
Nelle prossime ore ci occuperemo che la raccolta delle domande funzioni speditamete e nella massima trasparenza, soprattutto per quanto riguarda gli esiti

Ignazio Mazzoli 4 luglio 2017

aggiornato il 5 luglio 2017 alle ore 08,33

Leggi tutto...

E uno. La proroga della mobilità c'è

Dignità 350 260di Ignazio Mazzoli - C'E' LA PROROGA DELLA MOBILITA' PER CHI L’HA PERSA. UN PASSO IN AVANTI. PICCOLO, MA E' UN PASSO IN AVANTI. C'E' STATO ASCOLTO.
Alle 18.30 circa di oggi 4 luglio 2017 CGIL, CISL, UIL, UGL di Frosinone hanno comunicato la conclusione dell’incontro fra sindacati e Regione su alcune misure d’emergenza per i disoccupati che avevano perso la mobilità, ma anche possibili misure per altri disoccupati in attesa di nuove occasioni di lavoro.


«Abbiamo posto sul tavolo – hanno scritto nel loro comunicato i sindacati - una serie di questioni attinenti le difficoltà occupazionali del Territorio Frusinate e una serie di richieste che, a nostro avviso, possono risolvere alleviare le difficoltà dei disoccupati di lunga durata e di altre persone che vivono il dramma della mancanza di lavoro.
Da domattina inizieremo a raccogliere le domande per prorogare la mobilità a coloro i quali ne sono rimasti privi nel periodo 1 gennaio 2017 - 31 luglio 2017. Successivamente si proseguirà con gli altri fino ad arrivare al 31 dicembre 2017.»

Bene, era quanto ci si aspettava dopo una settimana di strani tentennamenti da parti di chi cercava di spostare l’asse degli impegni regionali solo sui tirocini anche a costo di distorcere l’utilizzo di somme previste per utilizzi differenti. Molto bene per tutte quelle volontà sindacali che su questo obiettivo non avevano avuto dubbi sin dall’inizio. Per obiettività d’informazione dobbiamo riportare l’opinione di molti disoccupati che hanno riferito come il segretario della Cisl, Enrico Coppotelli, in particolare in questa settimana, nel frusinate, sia stato sempre disponibile ad ascoltare e rassicurare tutti i disoccupati che l’hanno cercato, prima dell’odierno incontro, fino a giungere alla presa di posizione pubblica con un post su FB il 2 luglio affermando fra l'altro: «In via prioritaria dovranno essere prorogate le mobilità in deroga, anche per l’anno 2017, a tutti coloro che hanno già beneficiato del suddetto ammortizzatore e per i quali scadrà nel periodo 1 gennaio - 31 dicembre 2017.» Un rassicurante forte messaggio per chi era ansiosamente in attesa dell’esito positivo che ora sembra arrivato.

"Dovremo fare di più"

C’è un passaggio che merita attenzione, laddove si dice «Con questa modalità daremo la possibilità alle persone di avere una fonte di reddito ma dovremmo fare di più, infatti, la Regione Lazio ha aggiornato il Tavolo per la stipula dell'Accordo Quadro al 14 luglio, con la presenza, oltre che delle Organizzazioni Sindacali, anche delle Associazioni Datoriali, per prendere impegni a 360 gradi sui tirocini, le politiche attive e la ricollocazione dei Lavoratori.»
Importante quel «ma dovremo fare di più». E' insieme affermazione di nuovo impegno e anche autocritica per decine di mesi di silenzio e forse disattenzione verso un gigantesco fenomeno di disoccupazione in questa nostra provincia, ma anche i tutta la regione dove si contano fra 350-380.000 disoccupati

«Sarà un impegno costante e continuo - scrivono nel comjunicato - che dovrà vederci impegnati tutti, in maniera corale, per risolvere intanto le angustie di coloro che sono privi di reddito e poi immaginare un nuovo, diverso e rinnovato sviluppo del Territorio della Provincia di Frosinone.»

La lotta unitaria dei disoccupati frusinati, avviata 48 mesi addietro, vede oggi un concreto spiraglio di luce ed ottiene un’importante segnale: la disoccupazione oggi tutti la vedono e se ne debbono occupare. Bravi disoccupati uniti, in particolare quelli che, riuniti in Vertenza Frusinate, con più continuità si sono impegnati e democraticamente battuti per uscire dal buio della dimenticanza e dal fastidio di quelle forze politiche che preferivano ignorarli. Hanno dovuto abbattere un muro spesso di sordità, quello costituito dalle posizioni di intransigente rifiuto delle situazioni d’emergenza assunte dalla Giunta Regionale del Lazio. Oggi anche questo organo ha dovuto arrendersi alla tenacia dei disoccupati e mutare il proprio atteggiamento.

I sindacati oggi affermano «È tempo di puntare non più solo su un sistema di tutele per difendere il posto di lavoro. È tempo di costruire un sistema di tutele per la persona nel lavoro. È tempo di passare dal tutelare il lavoratore nel suo posto di lavoro a tutelare il lavoratore in quanto soggetto sociale.» … «L’insicurezza dei lavoratori oggi è legata alla mancanza di tutele nelle più delicate fasi di transizione lavorativa. È ora di spostare l’attenzione sindacale anche verso la costruzione di queste nuove tutele.»

D'ora in poi bisogna dedicarsi ai lavori di utilità sociale e a quelli da conquistare con i tirocini per i quali si aspetta un piano realizzabile e concreto, d’intesa con Comuni e Imprese. Aspettiamo il prosieguo degli incontri a partire da quello del 14 luglio prossimo con tutte le firme e i consensi necessari.

C'è un sensibilità nuova

E’ nata una sensibilità nuova? Pensiamo di si, intanto nei sindacati dei lavoratori. Un atto conseguente e opportuno sarebbe dare una struttura specifica organizzata in cui i disoccupati possano ritrovarsi unitariamente a fianco dei sindacati a cui rivolgono o vogliono rivolgere la loro fiducia per avere tutta la difesa, l’assistenza e l’iniziativa necessarie ad affrontare il futuro con meno paure e più speranze. Ne hanno tanto bisogno.
Nelle prossime ore ci occuperemo che la raccolta delle domande funzioni speditamete e nella massima trasparenza, soprattutto per quanto riguarda gli esiti

Ignazio Mazzoli 4 luglio 2017

aggiornato il 5 luglio 2017 alle ore 08,33

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS
Bookmaker with best odds http://wbetting.co.uk review site.

Privacy Policy

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici