fbpx
Menu
A+ A A-

Vertenza Frusinate e le politiche attive per il lavoro

ceccano 15marzo19 350 260 mindi Valentino Bettinelli e Maria Giulia Cretaro - Politiche attive per il lavoro ed il loro destino in Provincia di Frosinone. Promotore del tavolo Samuel Battaglini, Vice Presidente nazionale dell'ANCI giovani.

Già da mesi, suo il tentativo di riunire gli attori in scena. Nel mese di febbraio la richiesta avanzata al Presidente della Provincia Pompeo, rimasta inascoltata. “Grazie all’impegno del consigliere di Ceccano Marco Mizzoni, molto partecipe nella vicenda, abbiamo organizzato questo dibattito sulle politiche attive nell’ auditorium della Biblioteca di Ceccano”. Premura di Samuel Battaglini è stata contattare i 91 sindaci della Provincia, gli eletti del territorio, le associazioni di categoria e sindacati. Non solo è mancata la partecipazione ma anche la risposta. Hanno accolto l'appello Anita Tarquini ( UIL), Nazzareno Pilozzi, per conto di Mauro Buschini, per la Regione Lazio, qualche amministratore dei comuni frusinati ed il Senatore Ceccanese, già Vice Sindaco Massimo Ruspandini; certamente poche presenze rispetto alla portata del problema. Anche da parte di Vertenza Frusinate una tiepida adesione, non certo i numeri canonici a cui ci hanno abituato i militanti: non stanchi di lottare ma bisognosi di progetti concreti.

Marco Mizzoni esordisce sottolineando “l’assenza totale delle istituzioni. I disoccupati non chiedono solo sostentamento, ma lavoro. L'enorme tasso di non occupati nella nostra provincia non può essere un dato da cavalcare solo in campagna elettorale”.
Microfono al portavoce di Vertenza Frusinate, Gino Rossi, che batte ancora forte contro “una politica continuamente e costantemente assente. Vertenza è un comitato unitario di tutti i disoccupati delle aziende del territorio. Continueremo a sollecitare i nostri rappresentanti istituzionali, affinché Provincia, Regione e Governo mettano in campo progetti reali di politiche attive. Siamo coscienti che senza questi provvedimenti, la mobilità avrà un termine e noi rimarremo senza sostentamento e assolutamente senza lavoro. Pretendiamo inoltre più rispetto istituzionale, le nostre continue chiamate non dovrebbero essere un disturbo, ma il richiamo al dovere di chi è stato eletto”. Rossi apre anche sulla questione Valle del Sacco “11 progetti, per lo più nella nostra provincia, di cui sappiamo poco e niente. Non è chiaro quello che è stato siglato e come e se questo ci coinvolgerà. Credo questa sia una questione centrale del problema”.

Intervento in merito anche dell’Assessore Mario Sodani che richiama tutti alla concretezza dello sviluppo pratico del lavoro. “Analizziamo questi progetti di bonifica, abilitiamo le professionalità, riattiviamo il turismo e la collaborazione con le curie. Abbiamo 53 milioni da utilizzare e far fruttare”. Scivolone dell'Assessore forse su argomento a lui poco chiaro. Fondi legati alla Valle del Sacco con progetti già convalidati.

Massimo Ruspandini, nel suo stile sintetico, spende parole di ringraziamento per chi ha da sempre militato in prima linea. “M’impegno per un'interrogazione parlamentare, il primo strumento nelle mani di un Senatore. - prosegue con un attacco alle politiche del governo - che mirano sicuramente ad una condivisibile assistenza diretta a chi ha meno, ma qualcuno deve assumersi le responsabilità di dire che queste misure non genereranno lavoro e sviluppo. Si investono miliardi sul Reddito di Cittadinanza, che è l’esatto opposto di quello che Vertenza chiede. Il comitato ha avuto la forza di non mollare, spronandoci anche a costruire situazioni istituzionali ad hoc”. Anche il Senatore parla di Valle del Sacco collegando il problema ambientale con la crisi occupazionale dell’intera area. “Bonifica, riqualificazione e politiche attivei”.
Anita Tarquini (UIL) “La mia presenza, è in rappresentanza di tutte le sigle. sindacali.

Nella lunga storia di Vertenza Frusinate ci siamo spesi per ogni passaggio. Ad oggi, parlando di politiche attive, abbiamo inviato mail a tutti i sindaci. Le risposte sono state vaghe e lente. Non possiamo improvvisare soluzioni, che non tengono conto di tempi e costi.” In una mattinata dove l'asticella si è spostata tutta a destra, ultimo intervento quello di Nazzareno Pilozzi (PD) in vece di Mauro Buschini. “Il Ministero sta valutando se poter o meno stanziare i 35 milioni e poi comunicarlo alla Regione. Prima di allora la discussione è ferma così come l'accordo quadro. I fondi stanziati nel Lazio per l’assistenza, spettano a tutti, non solo all'area di crisi complessa. Pilozzi conferma la “necessità di un nuovo accordo per la ripartizione effettiva dei fondi per la mobilità in deroga”. “Essenziale sarà agire sul tema Valle del Sacco. I 53 milioni ci sono e rappresentano un punto di partenza per la bonifica”.
Una mattinata densa di interventi, anche estremamente prolissi, che lasciano ancora fumo nel problema occupazionale dei senza lavoro ciociari. Parole che, tra discussioni e diatribe personali, aggirano di nuovo il problema.

Una soluzione c'è, è sotto gli occhi di tutti ed è l'accordo per la Bonifica della Valle del Sacco. A ricordarlo nel tavolo solo Vertenza Frusinate, e sorvolato da tutti gli altri.
Questa intesa sui 53 milioni è arrivata in sordina, con la totale assenza di una reale consultazione dei cittadini interessati e senza alcuna audizione dei Sindacati e dei Consigli comunali. Il futuro dei 10 progetti, da Paliano a Ceprano, sarà affidato alla sola supervisione del Rua, Responsabile Unico dell’Attuazione, la Regione Lazio in un comitato presieduto dal Ministero dell’ambiente insieme solo a Ispra e Arpa, con la convocazione dei sindaci relegata ad una volta l'anno. Lo ha ricordato nel suo intervento il direttore di UNOeTRE.it, Ignazio Mazzoli, rammentando che innanzitutto ogni cittadino ed ogni istituzione locale hanno il diritto di conoscere ogni parola di ciò che si è firmato il 7 marzo ed ha invitato i disoccupati a non perdere questa nuova concreta opportunità di lavoro lavorando d’intesa con i Sindacati, perché la gestione dei posti di lavoro che genereranno i progetti dell’Accordo di bonifica della Valle del Sacco, non siano nelle mani di pochi ed in primo luogo non siano oggetto di voti di scambio elettorale. È un’occasione per giovani inoccupati e vecchi disoccupati.

Tre ore trascorse tra dissertazioni ideologiche e comizi, quando in realtà sarebbe bastato molto meno per rendere giustizia all'argomento principe del tavolo, e relegato a mero contorno: le non pervenute politiche attive (che però ci sono, ne fa fede la bonifica del Sacco, anche se qualcuno non vuole vederla come tale, chissà perché?).

 

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

15 marzo ‘19

Leggi tutto...

Da Durigon: 'per assicurarci quanto ci spetta'

Rossi Carlini Durigon 350 minNel pomeriggio di Giovedì 28 Febbraio, Vertenza Frusinate, nelle persone di Gino Rossi e Luigi Carlini, ha incontrato il Sottosegretario del Lavoro e delle Politiche Sociali, Claudio Durigon. Presso la sede INPS di Piazza Colonna, si è tenuto il colloquio iniziato intorno alle 17e30 e conclusosi dopo circa 3 ore. Tempo impiegato per analizzare nello specifico la situazione dell'area ciociara e per ottenere risposte concrete al dramma costante delle famiglie.

Il Sottosegretario ha palesato il suo interesse attivo per la questione, concentrandosi sulla volontà di collaborazione con la Regione ed i Sindacati. I due rappresentanti hanno chiesto esplicitamente se e quanti, dei 67 milioni stanziati per le aree di crisi complesse, saranno investiti nell'area di Frosinone e Rieti. Domanda che però rimanda ad un ritardo importante: infatti manca per l'annualità 2019 un nuovo accordo quadro, che possa chiarire necessità e fondi ministeriali per compensare. Doveva avvenire entro Febbraio e ormai la Primavera è alle porte, così come la fine dei fondi per coprire le mobilità.
Per ora il Ministero del Lavoro può supporre senza dati reali.

Come ha riportato Luigi Carlini su FB "Vertenza non si ferma e attende la completa erogazione anche della seconda e terza finestra. Non diamo sempre la colpa alla burocrazia, che può essere cambiata con delle azioni mirate, che però non avvengono". Pagamenti zoppicanti dell'INPS locale, che aveva garantito tutti i versamenti entro 2 settimane dal 15 Febbraio, anche qui ennesimo ritardo.
"Tutelare i nostri diritti e ricordare alle Istituzioni che esistiamo per assicurarci quanto ci spetta."
Vertenza non si arrende, ed incontrando il Sottosegretario Durigon, ha ricordato che la lottare con dignità porta eco e attenzione.
Per ora i 1600 disoccupati rimangono ancora una volta, in attesa.

 

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Leggi tutto...

Senza reddito: soldi pare ci siano, a quando i pagamenti?

Assemblea disoccupati 15gen19 mindi Maria Giulia Cretaro e Valentino Bettinelli - Anno nuovo vecchia storia. Li ritroviamo dove li abbiamo lasciati, in Provincia, in quelle stanze che per giorni hanno offerto loro asilo. Proprio nella Sala di Rappresentanza, gli ormai lavoratori di Vertenza Frusinate hanno indetto per Martedì 15 Gennaio l'ennesima assemblea. Quando il 28 Dicembre, per il rotto della cuffia, era stato siglato l'Addendum al vecchio accordo di Febbraio, l'Assessore Regionale Di Berardino aveva riferito a tutti i manifestanti di essere arrivati a dama, con lo sblocco dei fondi nella manovra finanziaria, chiudendo l’anno e agganciandosi all'annualità 2019. Si concludeva così un 2018 di incertezze e battaglie estenuanti.

Ma i buoni auspici sembravano restar solo propositi, le determine regionali sono arrivate al Ministero in data 9 Gennaio, giusto il tempo di smaltire panettoni e ferie. Da qui l'ulteriore impasse nazionale, un'altra attesa, l'ennesima.
Ricorrere ad un'assemblea, questa la soluzione cara a Vertenza Frusinate: molto partecipata, con un salone pieno in ogni ordine di posto. A stravolgere l’apparente calma del pomeriggio, con le classiche assenze dei politici convocati, una telefonata intercorsa tra il referente di Vertenza Frusinate, Gino Rossi, e il sottosegretario Claudio Durigon, il quale ha confermato l’impegno del Ministero a comunicare i dati degli aventi diritto con il relativo lasciapassare alla Regione e all’Inps. Quando i rappresentanti locali non intercedono a dovere, non resta che arrivare all'obiettivo senza tramite.

Una buona notizia pare arrivare, anche se i lavoratori non cantano vittoria prima di giungere alla soluzione reale, ovvero la realizzazione dei pagamenti. GinoRossi e Onorevole Francesca Gerardi 350 min
Lo stesso Rossi afferma, che “Vertenza non si fermerà qui, puntando l’obiettivo su un effettivo reinserimento al lavoro, anche nelle occupazioni di pubblica utilità”. Continua affondando su “una classe politica ancora assente nelle vicende di Vertenza Frusinate, alla quale non si può riservare grande fiducia”.

Dopo quasi due ore di discussione e vacanza politica, l'arrivo a Palazzo Iacobucci dell'Onorevole Francesca Gerardi.
Prendendo la parola, la Deputata ha chiarito che “i soldi sono giunti alla Regione, passati i tempi tecnici potranno essere stanziati. La nostra intercessione potrà arrivare all'INPS per velocizzare i pagamenti”. Prosegue sostenendo “il mio impegno ad accompagnarvi alla Pisana per comprendere al meglio quanto sta accadendo e le responsabilità della Regione in merito”.

Un pomeriggio intenso e con diverse risposte, caratterizzato da un costante viavai nel salone della Provincia. Nei prossimi giorni non è escluso un incontro con il Prefetto di Frosinone.
Risposte pare ci siano, a quando i pagamenti?

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Leggi tutto...

Vi racconto una battaglia vinta

disoccupati VertenzaFrusinate 350 260di Tiziano Ziroli - Era una giornata di maggio (il 9 maggio 2017 - ndr*) c'era il sole che piano piano illuminava il piazzale della stazione, noi eravamo lì perché a breve avremmo preso un treno per roma, non andavamo per una gita turistica, ma per avere un incontro con il Sottosegretario del Ministero al Lavoro.

Erano giorni che ci preparavamo a questo incontro, non volevamo lasciare niente al caso e ci eravamo preparati con molta cura, eravamo in cinque a partire e tutti e cinque eravamo molto tesi e preoccupati per l'esito, avevamo sulle spalle la vita di migliaia di famiglie.
Eravamo ..Gino, Romeo, Luigi, Massimo ed io...cinque poveri disperati che avevano preso in mano la situazione di migliaia di disoccupati della nostra provincia.
Salimmo sul treno diretti a roma, e i discorsi che ci facevamo le ipotesi che pensavamo facevano passare il tempo...non rendendocene conto ci trovammo alla stazione di Roma.

Il piu teso di tutti era Gino...non si fidava dei politici...ma anche noi non eravamo da meno, cercavamo di tranquilizzarlo dicendo.. "Gino non usciamo da li senza una risposta certa"...ma sinceramente non credevamo neanche noi di portare a casa un risultato positivo, negli ultimi tempi avevamo già avuto incontri con altri esponenti politici, ma i risultati non erano stati eccellenti.

Più ci avvicinavamo all'incontro più ci sentivamo come se dovessimo salire sul ring con un campione del mondo, ma sapevamo che non potevamo mollare e che avremmo dovuto combattere sino all'ultimo round.

Arrivammo al ministero e veniamo accolti.. "voi siete la delegazione di Vertenza Frusinate?".. "si siamo noi" rispose Gino.. "prego venite con me" ci disse l'impiegata.

Entriamo in una sala dove c'erano assessori regionali, dirigenti del ministero del lavoro, deputati, senatori ed ovviamente il Sottosegratario al lavoro..e poi noi cinque zammammeri...come ci chiamava un nostro amico...
L'incontro istituzionale iniziò....ogni persona seduta al tavolo dall'alto del suo incarico diceva la sua, parlava molto istituzionalmente, citavano leggi di stato...insomma giravano intorno al discorso... Prese la parola Gino, che come sempre riportò il discorso sui binari giusti...fece un discorso con passione e cerco' di toccare i presenti sull' intimo: parlò di famiglie sul lastrico...di povere famiglie che non potevano piu mangiare..li zittì tutti.
Oramai la tensione e il senso di inferiorita' che forse sentivamo di improvviso spari'...

Capimmo che eravamo al loro pari anzi avevamo qualcosa di piu...noi eravamo il problema, noi vivevamo il problema e dovevamo farglielo capire, farglielo vivere con le nostre parole anche a loro.

A quel punto presi la parola io ...avevo portato tutti i documenti regionali e ministeriali che avevo trovato.. snocciolai ai presenti i conti del Ministero, i soldi che aveva avuto la Regione, i soldi che avanzavano e i soldi che erano avanzati dall'anno precedente.

A questo punto il sottosegretario alzo le mani e disse "serve urgente un emendamento...la mobilità deve essere derogata". Partirono subito una serie di telefonate tra deputati e senatori..l'emendamento doveva essere fatto.
La riunione finì...noi rimanemmo seduti come increduli del risultato...noi piccoli Davide..eravamo riusciti a far cambiare idea a Golia e lo avevamo battuto....

Guel giorno vincemmo una battaglia importante non solo per noi ma per milioni di disoccupati...ma sapevamo che la guerra era ancora lunga da vincere...e ad oggi ancora combattiamo.

 

 

*articoli collegati

https://www.unoetre.it/notizie/lotte-e-vertenze/per-una-vertenza-frusinate/item/4453-9-maggio-incontro-ministero-lavoro-regione-lazio-per-i-disoccupati-frusinati.html

https://www.unoetre.it/notizie/lotte-e-vertenze/per-una-vertenza-frusinate/item/4513-i-disoccupati-fra-speranze-incertezze-e-fatti-nuovi.html

https://www.unoetre.it/notizie/lotte-e-vertenze/per-una-vertenza-frusinate/item/4630-disoccupati-prima-di-tutto-applicare-l-accordo-del-9-maggio.html

https://www.unoetre.it/notizie/lotte-e-vertenze/per-una-vertenza-frusinate/item/4795-un-caso-da-manuale-in-fatto-di-ammortizzatori-sociali.html

https://www.unoetre.it/notizie/lotte-e-vertenze/per-una-vertenza-frusinate/item/4765-10-luglio-vertenza-frusinate-e-i-risultati-della-sua-iniziativa.html

https://www.unoetre.it/notizie/lotte-e-vertenze/per-una-vertenza-frusinate/item/4794-anche-la-regione-lazio-riconosce-il-ruolo-di-vertenza-frusinate.html

https://www.unoetre.it/notizie/lotte-e-vertenze/per-una-vertenza-frusinate/item/5718-romeo.html

 

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Leggi tutto...

Gli auguri di Vertenza Frusinate Disoccupati uniti

disoccupati presidio 27dic18 350 260 minGrazie a chi ci è stato vicino. Abbiamo ottenuto una boccata d’ossigeno il 28 dicembre con una prima decisione attuativa dell’accordo del 28 febbraio ’18 grazie ad un impegno fra Cgil, Cisl, Uil e Ugl con la Regione Lazio.

11 mesi, sono stati inspiegabilmente lunghi per i disoccupati che attendevano la proroga della mobilità concordata e, molto pesanti, per non aver potuto riscuotere nemmeno un euro per otto mesi di fila. Ci siamo sentiti inascoltati e dimenticati, ma non da tutti
Non siamo stati soli. Orecchie aperte e attente ci hanno ascoltato, se abbiamo potuto resistere lo dobbiamo anche a loro.

In particolare, il Presidente della Provincia Antonio Pompeo ci ha permesso di comunicare fra di noi e con le istituzioni ospitandoci più volte nei locali dell’Amministrazione provinciale, fino a consentirci un lungo presidio giorno e notte per dodici giorni di fila fino all’annuncio che sin dalle prime settimane del 2019 ripretenderemo a poter mantenere le nostre famiglie, a fare in esse la nostra doverosa parte. Abbiamo condiviso questi locali fra la fraterna vicinanza di tutti gli impiegati della Provincia e di questa li ringraziamo.

Non solo. Nel comportamento delle forze dell'ordine verso di noi abbiamo trovato una condotta democratica. Corretta, ma anche con tanta comprensione che ci ha fatto capire che anche loro ritenevano giuste le nostre richieste. Non era una protesta capricciosa. Si faceva capire e si è fatta capire. Grazie a tutte le forze dell’ordine, dal reparto Digos ai Carabinieri ed alla Guardie provinciali.

Grazie a quegli organi d'informazione che insieme alle cronache fedeli ai fatti, ci hanno fatto sentire la loro vicinanza.

Un grazie ai sindaci che sono venuti a testimoniare il loro sostegno come quelli di Ceccano, Acuto, Pofi e Ceprano

Grazie a tutti quei cittadini che hanno voluto portarci la loro testimonianza di solidarietà con semplici doni per aiutarci a resistere di giorno e di notte.

Non tutto è risolto, ma confidiamo che sapremo farci capire anche nel prossimo 2019 che per tutti speriamo sia un anno di soddisfazioni e decisamente con meno contraddizioni e incomprensioni degli ultimi 11 mesi che ci lasciamo alle spalle.

Noi vogliamo lavorare. Il prossimo obiettivo dovrà essere l'esercizio del "diritto al lavoro" con investimenti certi e programmati congiunti alla riqualificazione adeguata, di giovani e meno giovani, mirata alla collocazione in veri posti di occupazione retribuita, come prevedono i contratti. Vogliamo sperare di fare questa strada con i sindacati che ci hanno sostenuto Cgil, Cisl, Uil e Ugl.

Buon 2019 a tutti

Vertenza Frusinate. Disoccupati uniti

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Leggi tutto...

27 Dicembre, Vertenza Frusinate aspetta ancora

disoccupati presidio 27dic18 350 260 minDieci giorni di presidio presso il Palazzo Provinciale, che non si é arrestato neanche durante il periodo natalizio. C'era poco da festeggiare: mesi e mesi senza reddito, con l'incalzante scadenza del 31 Dicembre.

Unica variazione dell'assemblea permanente è stata l'interruzione dei turni notturni, ennesimo gesto di sensibilità e rispetto nei confronti delle istituzioni da parte dei dimostranti. Per evitare costi aggiuntivi di gestione all'Ente e gravosi turni di lavoro dei dipendenti, il presidio da qualche giorno si sta svolgendo solo in orario diurno (dalle ore 07:00 alle ore 19:00).

Nel giorno della discussione della manovra alla Camera, in Commissione Finanza, sono ancora fumose le novità a disposizione dei lavoratori.
Per Venerdì è previsto l'ennesimo incontro alla Pisana, tra Regione e Sindacati, ma i punti di discussione previsti non sono ancora noti. La speranza è che le sigle questa volta riescano ad alzare il tiro, chiedendo la conclusione certa della questione, nel pieno rispetto dell'accordo quadro firmato da ambedue le parti il 28 Febbraio.
Perché se al Governo spetta stanziare in maniera puntuale, come specificato al punto 137 del Maxi Emendamento, i 6 milioni, il resto della copertura economica è ancora di competenza regionale, nella somma dei 9 milioni già in cassa.

In questo periodo, sulla base di tali dati, le parole fornite dai vari attori non trovano riscontro nel testo ufficiale della Manovra.
Una settimana fa, in sala Cascella, due deputati appartenenti ai Partiti di Governo, riferivano dell'impossibilità di inserire il provvedimento nella Legge di Bilancio. Mentre il leghista Zicchieri annaspava incerto tra decreti ed emendamenti, la pentastellata Enrica Segneri confermava il passaggio dei fondi nel Decreto Semplificazione, votazione prevista per il 7 Gennaio prossimo.

Lo scenario di Sabato 22, a sole 24 ore dall'arrivo dei due, ha smentito clamorosamente le dichiarazioni dei Parlamentari.
Il testo che ha ottenuto la fiducia al Senato e passerà nei prossimi giorni alla Camera, conteneva già le risposte auspicate da Vertenza.
Dai parlamentari, eletti per rappresentare i cittadini in aula, ci si sarebbe aspetta dunque una conoscenza capillare di tutte le leggi, più che mai di quelle che riguardano la sfera economica e sociale del Paese.

Tra deviazioni e presunti risultati ottenuti, Vertenza Frusinate ha stoicamente dribblato le mancanze, facendo sentire la sua presenza anche al Benito Stirpe. Nella partita Frosinone-Milan, dove era prevista anche la presenza del Vice Premier Matteo Salvini, è stato affisso il loro striscione simbolo all'ingresso della Curva Nord. Un tentativo di marcatura a uomo nei confronti delle istituzioni, che continuano ad eludere la pressione costante dei pacifici manifestanti. Politica che continua a giocare per uno striminzito 0-0, mentre 1600 famiglie chiedono di vincere una partita sociale che spetterebbe loro a tavolino.

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Leggi tutto...

27 Dicembre, Vertenza Frusinate aspetta ancora

disoccupati presidio 27dic18 350 260 minDieci giorni di presidio presso il Palazzo Provinciale, che non si é arrestato neanche durante il periodo natalizio. C'era poco da festeggiare: mesi e mesi senza reddito, con l'incalzante scadenza del 31 Dicembre.

Unica variazione dell'assemblea permanente è stata l'interruzione dei turni notturni, ennesimo gesto di sensibilità e rispetto nei confronti delle istituzioni da parte dei dimostranti. Per evitare costi aggiuntivi di gestione all'Ente e gravosi turni di lavoro dei dipendenti, il presidio da qualche giorno si sta svolgendo solo in orario diurno (dalle ore 07:00 alle ore 19:00).

Nel giorno della discussione della manovra alla Camera, in Commissione Finanza, sono ancora fumose le novità a disposizione dei lavoratori.
Per Venerdì è previsto l'ennesimo incontro alla Pisana, tra Regione e Sindacati, ma i punti di discussione previsti non sono ancora noti. La speranza è che le sigle questa volta riescano ad alzare il tiro, chiedendo la conclusione certa della questione, nel pieno rispetto dell'accordo quadro firmato da ambedue le parti il 28 Febbraio.
Perché se al Governo spetta stanziare in maniera puntuale, come specificato al punto 137 del Maxi Emendamento, i 6 milioni, il resto della copertura economica è ancora di competenza regionale, nella somma dei 9 milioni già in cassa.

In questo periodo, sulla base di tali dati, le parole fornite dai vari attori non trovano riscontro nel testo ufficiale della Manovra.
Una settimana fa, in sala Cascella, due deputati appartenenti ai Partiti di Governo, riferivano dell'impossibilità di inserire il provvedimento nella Legge di Bilancio. Mentre il leghista Zicchieri annaspava incerto tra decreti ed emendamenti, la pentastellata Enrica Segneri confermava il passaggio dei fondi nel Decreto Semplificazione, votazione prevista per il 7 Gennaio prossimo.

Lo scenario di Sabato 22, a sole 24 ore dall'arrivo dei due, ha smentito clamorosamente le dichiarazioni dei Parlamentari.
Il testo che ha ottenuto la fiducia al Senato e passerà nei prossimi giorni alla Camera, conteneva già le risposte auspicate da Vertenza.
Dai parlamentari, eletti per rappresentare i cittadini in aula, ci si sarebbe aspetta dunque una conoscenza capillare di tutte le leggi, più che mai di quelle che riguardano la sfera economica e sociale del Paese.

Tra deviazioni e presunti risultati ottenuti, Vertenza Frusinate ha stoicamente dribblato le mancanze, facendo sentire la sua presenza anche al Benito Stirpe. Nella partita Frosinone-Milan, dove era prevista anche la presenza del Vice Premier Matteo Salvini, è stato affisso il loro striscione simbolo all'ingresso della Curva Nord. Un tentativo di marcatura a uomo nei confronti delle istituzioni, che continuano ad eludere la pressione costante dei pacifici manifestanti. Politica che continua a giocare per uno striminzito 0-0, mentre 1600 famiglie chiedono di vincere una partita sociale che spetterebbe loro a tavolino.

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Leggi tutto...

Disoccupati. Venerdì 21 dicembre, 5° giorno del presidio ad oltranza

spreafico rossi 350 260 mindi Valentino Bettinelli e Maria Giulia Cretaro - Venerdì 21 Dicembre, cinque giorni di presidio ad oltranza e forza e speranza allo stremo per i disoccupati ciociari. La mattinata si apre con la visita di Mons. Ambrogio Spreafico. Un incontro atteso, ma senza protocolli formali, favorito dal Presidente Pompeo. Il Vescovo ha chiesto notizie sugli sviluppi della vicenda, confortando i presenti e prendendo l’impegno di ricontattare i rappresentanti locali, al fine di arrivare ad una auspicabile soluzione positiva.

Giornata cruciale a ridosso delle festività, tanto da richiamare la presenza di politici e rappresentanze sindacali. Su sollecitazione della consigliera comunale di Frosinone Thaira Mangiapelo, il deputato della Lega Francesco Zicchieri ha portato la sua verità dei fatti. Secondo il parlamentare “il provvedimento di risoluzione sarà presentato fuori dalla manovra economica, dal momento che sarà votata proprio oggi. Anche all'ordine del giorno del Consiglio dei Ministri odierno probabilmente mancherà il tema Vertenza. Il Sottosegretario ha comunque il chiaro impegno di portare a termine il provvedimento in tempi e modi da decidere”. L’Onorevole continua affrontando personalmente la questione. “La mia presenza in Commissione Difesa non mi ha permesso di seguire la vostra vicenda direttamente e conoscerne i dettagli”. Nei tavoli che in questi mesi si sono tenuti, la presenza del deputato è stata saltuaria e, per sua stessa ammissione, limitata a due incontri.

Per l’ennesima volta la voce dei partiti di governo non è unitaria. Altra confusione nella mente dei disoccupati, di nuovo spettatori di rimpalli e poche assunzioni di responsabilità da parte delle istituzioni. Disoccupati sorpresi anche dalla poca preparazione di molti eletti che ammettono di non conoscere le differenze tra decreti ed emendamenti, trincerandosi dietro la triste frase “non siamo tecnici, ma solo parlamentari”.
Se dal governo non arrivano conferme e rassicurazioni, anche la parte sindacale non offre soluzioni ed idee condivise. Data la contingenza del problema, Enzo Valente (UGL) si è precipitato in Provincia per relazionare con i disoccupati e il deputato della sua stessa corrente. Da tale incontro esce ribaltato il termine ultimo per il provvedimento, sembra infatti che non sia necessario agire entro il 31 Dicembre, tutto confermato anche dal Neosegretario Regionale CISL Enrico Coppotelli.

Di diverso avviso, il Segretario CGIL di Latina D'Arcangelis che ribadisce la necessità di operare entro fine anno, mantenendo la linea mantenuta da tutte le sigle per l'intera lotta.
Nel primo pomeriggio, la visita di Anselmo Briganti, che non tradisce le dichiarazioni precedenti e punta a chiarire nel migliore dei modi le incertezze createsi nella giornata.
Il 31 Dicembre è la data cruciale per intervenire con regolarità istituzionale, andando oltre starà al Governo provvedere con un Decreto ad hoc.
La volontà di mantenere compatta la linea a favore dei lavoratori vacilla dunque. Come traballano le certezze che fino ad ora erano state trasmesse ai lavoratori.

Il pomeriggio ha visto la presenza della Deputata M5S Enrica Segneri, in qualità di membro Commissione Lavoro. “Confermo le parole del Sottosegretario, in accordo con il Ministro Di Maio. La convergenza dei fondi necessari è garantita dal Governo. Il Decreto Semplificazione, che vedrà la luce il 7 Gennaio, comprenderà il lasciapassare per i 6 milioni, in modo tale da agganciare gli ammortizzatori già finanziati nella manovra 2019”. La deputata pentastellata si è inoltre premurata di contattare la Regione Lazio per l'erogazione dei 9 milioni già disponibili.

Gino Rossi, portavoce da anni della compagine, ha orchestrato con pazienza contatti e ragguagli, supportato dal gruppo storico e stoico di Vertenza.
Le chiamate alle istituzioni rimangono spesso senza risposte, né utili né convincenti; unico contatto con la Regione è quello con la persona di Nazzareno Pilozzi, il quale conferma la necessità che il Decreto giunga sul tavolo dell'Assessore al Lavoro per il luogo a procedere dello sblocco fondi presso l’INPS.

Tutti gli eletti alla Pisana rimangono latitanti, specialmente nella maggioranza che annovera nomi di questo territorio.
Se prima le incognite riguardavano fondi e stanziamento ora si riversano sulla modalità di attuazione. Le forti incongruenze di azioni e dichiarazioni gettano nel panico famiglie già disperate. L'intervento istituzionale ha toccato nella vicenda livelli ingiustificati di immobilismo e rinvio.

Per ora, il presidio a Palazzo Iacobucci resiste, nonostante gli umori difficili e i le informazioni contrastanti. Vertenza Frusinate non pone limiti, procederanno ad oltranza, fino a conquistare quelle risposte per le quali si sono battuti e che meritano in quanto cittadini.

21 dic '18

 

Il video dell'incontro con il Vescovo Ambrogio Spreafico realizzato da Maria Giulia Cretaro

 

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Leggi tutto...

Disoccupati. Venerdì 21 dicembre, 5° giorno del presidio ad oltranza

spreafico rossi 350 260 mindi Valentino Bettinelli e Maria Giulia Cretaro - Venerdì 21 Dicembre, cinque giorni di presidio ad oltranza e forza e speranza allo stremo per i disoccupati ciociari. La mattinata si apre con la visita di Mons. Ambrogio Spreafico. Un incontro atteso, ma senza protocolli formali, favorito dal Presidente Pompeo. Il Vescovo ha chiesto notizie sugli sviluppi della vicenda, confortando i presenti e prendendo l’impegno di ricontattare i rappresentanti locali, al fine di arrivare ad una auspicabile soluzione positiva.

Giornata cruciale a ridosso delle festività, tanto da richiamare la presenza di politici e rappresentanze sindacali. Su sollecitazione della consigliera comunale di Frosinone Thaira Mangiapelo, il deputato della Lega Francesco Zicchieri ha portato la sua verità dei fatti. Secondo il parlamentare “il provvedimento di risoluzione sarà presentato fuori dalla manovra economica, dal momento che sarà votata proprio oggi. Anche all'ordine del giorno del Consiglio dei Ministri odierno probabilmente mancherà il tema Vertenza. Il Sottosegretario ha comunque il chiaro impegno di portare a termine il provvedimento in tempi e modi da decidere”. L’Onorevole continua affrontando personalmente la questione. “La mia presenza in Commissione Difesa non mi ha permesso di seguire la vostra vicenda direttamente e conoscerne i dettagli”. Nei tavoli che in questi mesi si sono tenuti, la presenza del deputato è stata saltuaria e, per sua stessa ammissione, limitata a due incontri.

Per l’ennesima volta la voce dei partiti di governo non è unitaria. Altra confusione nella mente dei disoccupati, di nuovo spettatori di rimpalli e poche assunzioni di responsabilità da parte delle istituzioni. Disoccupati sorpresi anche dalla poca preparazione di molti eletti che ammettono di non conoscere le differenze tra decreti ed emendamenti, trincerandosi dietro la triste frase “non siamo tecnici, ma solo parlamentari”.
Se dal governo non arrivano conferme e rassicurazioni, anche la parte sindacale non offre soluzioni ed idee condivise. Data la contingenza del problema, Enzo Valente (UGL) si è precipitato in Provincia per relazionare con i disoccupati e il deputato della sua stessa corrente. Da tale incontro esce ribaltato il termine ultimo per il provvedimento, sembra infatti che non sia necessario agire entro il 31 Dicembre, tutto confermato anche dal Neosegretario Regionale CISL Enrico Coppotelli.

Di diverso avviso, il Segretario CGIL di Latina D'Arcangelis che ribadisce la necessità di operare entro fine anno, mantenendo la linea mantenuta da tutte le sigle per l'intera lotta.
Nel primo pomeriggio, la visita di Anselmo Briganti, che non tradisce le dichiarazioni precedenti e punta a chiarire nel migliore dei modi le incertezze createsi nella giornata.
Il 31 Dicembre è la data cruciale per intervenire con regolarità istituzionale, andando oltre starà al Governo provvedere con un Decreto ad hoc.
La volontà di mantenere compatta la linea a favore dei lavoratori vacilla dunque. Come traballano le certezze che fino ad ora erano state trasmesse ai lavoratori.

Il pomeriggio ha visto la presenza della Deputata M5S Enrica Segneri, in qualità di membro Commissione Lavoro. “Confermo le parole del Sottosegretario, in accordo con il Ministro Di Maio. La convergenza dei fondi necessari è garantita dal Governo. Il Decreto Semplificazione, che vedrà la luce il 7 Gennaio, comprenderà il lasciapassare per i 6 milioni, in modo tale da agganciare gli ammortizzatori già finanziati nella manovra 2019”. La deputata pentastellata si è inoltre premurata di contattare la Regione Lazio per l'erogazione dei 9 milioni già disponibili.

Gino Rossi, portavoce da anni della compagine, ha orchestrato con pazienza contatti e ragguagli, supportato dal gruppo storico e stoico di Vertenza.
Le chiamate alle istituzioni rimangono spesso senza risposte, né utili né convincenti; unico contatto con la Regione è quello con la persona di Nazzareno Pilozzi, il quale conferma la necessità che il Decreto giunga sul tavolo dell'Assessore al Lavoro per il luogo a procedere dello sblocco fondi presso l’INPS.

Tutti gli eletti alla Pisana rimangono latitanti, specialmente nella maggioranza che annovera nomi di questo territorio.
Se prima le incognite riguardavano fondi e stanziamento ora si riversano sulla modalità di attuazione. Le forti incongruenze di azioni e dichiarazioni gettano nel panico famiglie già disperate. L'intervento istituzionale ha toccato nella vicenda livelli ingiustificati di immobilismo e rinvio.

Per ora, il presidio a Palazzo Iacobucci resiste, nonostante gli umori difficili e i le informazioni contrastanti. Vertenza Frusinate non pone limiti, procederanno ad oltranza, fino a conquistare quelle risposte per le quali si sono battuti e che meritano in quanto cittadini.

21 dic '18

 

Il video dell'incontro con il Vescovo Ambrogio Spreafico realizzato da Maria Giulia Cretaro

 

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Leggi tutto...

Secondo giorno di presidio in Provincia per Vertenza Frusinate

Assemblea permanente disoccupati Palazzo della Provincia 18dic18 350 260 Valentino Bettinelli e Maria Giulia Cretaro - Secondo giorno di presidio in Provincia per Vertenza Frusinate. Nella serata di Lunedì le prime risposte dei politici, incisive e senza dubbio incalzate dalla protesta. Verso le 19, dopo una segreteria tenutasi presso la sede della CISL, sono stati gli stessi sindacalisti a riferire ai disoccupati la situazione corrente. A parlare a nome di tutti, il Segretario generale della CISL Frosinone Enrico Coppotelli, accompagnato dai colleghi UGL Enzo Valente e UIL Anita Tarquini. "Non è solidarietà che portiamo, non ne avete bisogno, è l'appoggio nella battaglia contingente. Il nostro impegno è fermo e convinto, fosse anche necessario arrivare a Roma il 31 Dicembre".

Nella tarda serata le dichiarazioni del sottosegretario Durigon, rilanciate via Facebook anche da Enrica Segneri, hanno aperto ancora di più uno spiraglio per i lavoratori di Vertenza Frusinate. C’è l’impegno, nella somma complessiva di 6 milioni di euro, di rifinanziare la mobilità in deroga per coprire fino al 31 Dicembre gli aventi diritto.
Lo scenario politico dunque sembra aver subito una scossa decisiva tanto da muoversi con una celerità fino ad ora rimasta sconosciuta. I fondi non saranno più inglobati nella finanziaria, la cui votazione è fissata per venerdì, piuttosto si procederà con un Decreto, convertibile in legge fino all'ultimo giorno dell'anno.

È il sindacalista CGIL Dario D'Arcangelis a riportare i nuovi provvedimenti alla platea permanente dei disoccupati. “Mettendoci la faccia, non posso che riportare le novità ottenute. L'accordo del 28 Febbraio è stato in parte tradito, ma senza di quello oggi non avremmo margine alcuno. Inoltre, l'impegno dell'Assessore Regionale del Lavoro, Di Berardino, è già proiettato a sbloccare i fondi vincolati all'INPS, proprio in previsione delle ulteriori manovre necessarie per il 2019. Da parte dell'Onorevole, c’è inoltre la completa disponibilità a giungere in Provincia ad incontrare Vertenza Frusinate. Impegno che intende rispettare in tempi brevi”.

Parole di amaro conforto, per il gruppo pronto a passare la seconda nottata nelle sale della Provincia. Le parole speranzose dovranno tramutarsi in azioni, prima che la tensione possa calare.

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

18 dic ‘18

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS
Bookmaker with best odds http://wbetting.co.uk review site.

Privacy Policy

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici