fbpx
Menu
A+ A A-
Autore/i esterno/i

Autore/i esterno/i

URL del sito web:

Zimarri: giovane frusinate alle Europee 2019

Europa verde possibile 350 260 minIn vista delle prossime Elezioni Europee, nelle fila di Europa Verde-Possibile, scende in campo Umberto Zimarri, Classe 1989. Un giovane impegnato in politica e nel sociale. Dopo aver creato il Comitato Salvador Allende di Possibile, la candidatura a Sindaco nel suo paese di origine, San Giovanni Incarico e dopo il ruolo di Coordinatore della Campagna Elettorale di Leu, per la Provincia di Frosinone alle ultime amministrative, arriva alla candidatura Europea nella circoscrizione Italia Centrale.
Tra i tanti temi del giovane Zimarri, ne emerge con forza, uno: quello della difesa ambientale che lo ha accompagnato per il suo impegno politico e associativo. A tal proposito ci dice: «Per chi vive in questa Provincia, non è una scelta è un obbligo verso le future generazioni. Passo dopo passo ho cercato di studiare, di approfondire, di capire come i temi a me più cari come le politiche progressiste, la centralità del problema delle disuguaglianze, la lotta senza quartiere alle mafie ed alla corruzione, i problemi occupazionali dei giovani, l’attenzione verso i beni comuni e la partecipazione popolare, lo sviluppo dei piccoli comuni, siano in realtà uniti da una grande filo verde. Ed è proprio su quella matrice che si deve insistere per ribaltare lo schema xenofobo e sciovinista che vuole riportare l’Europa al Medioevo.»
Il candidato di Europa Verde, ha una visione politica ben precisa, dove la sua passione politica si evince ancora dalle sue parole di presentazione: «Per appassionare le persone bisogna essere prima di tutti appassionati, per far torUmberto Zimarri 350 260 minnare la speranza bisogna prima di tutto crederci e gettare il cuore oltre l’ostacolo. Per rigettare l’onda nera che avanza prepotentemente non c’è spazio per eccessivi tatticismi: c’è bisogno di coraggio e praticità. Solo così sconfiggeremo la paura, la forza che alimenta l’internazionale sovranista. La mia candidatura vuole anche essere rappresentativa di un mondo quello dei piccoli centri di Provincia, abbandonati dalla politica. Quei centri che vengono considerati di Serie B, quei centri in cui le infrastrutture digitali e logistiche non arrivano, quei centri in cui il welfare è inesistente, quei centri in cui i signorotti della Politica locale spadroneggiano, o meglio credono di farlo, in un mix di prepotenza ed impreparazione.
In quei borghi, però, è incastonato il cuore pulsante dell’Italia autentica, vera, solidale e genuina. Una delle grandi sfide europee è proprio quella di avvicinare i territori e quindi le persone alle Europa. Capire che quella continentale è ancora di salvezza e prospettiva di Sviluppo. Parallelamente diventa urgente un cambio di rotta nella gestione comunitaria: i processi di democratizzazione non possono attendere oltre. In gioco non c’è un’elezione ma il futuro stesso dalla Ue.»
Umberto Zimarri sottolinea la marea umana di ragazze e ragazzi che ha messo alle strette i potenti del Mondo ricordando loro che non abbiamo un Piano B, così come non abbiamo un altro Pianeta. «Il tempo è adesso, il tempo è ora».
Questo giovane candidato sogna una campagna elettorale partecipata che dia voce ai problemi e alle eccellenze dei territori, legando il tutto ad una visione e ad un’azione Europea. La corsa verso il 26 maggio acquista un contendente nuovo nel proporsi e nell'agire quotidiano, almeno sino ad ora così è stato.

 

 

 

Articoli e  news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui

aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Certosa di Trisulti: le 'preoccupazion' a scoppio ritardato di Zingaretti

Certosa di Trisulti 350 260«La "preoccupazione" di Zingaretti, Segretario del PD e Presidente della Regione Lazio, sulla presenza di "formazioni politiche sovraniste" nella Certosa di Trisulti arriva fuori tempo massimo perché la concessione del bene culturale è del 14 febbraio 2018, atto finale di un percorso cominciato anni prima: l'intera procedura è quindi stata gestita dal governo precedente a guida PD» dichiara il deputato del MoVimento 5 Stelle Luca Frusone che continua «Zingaretti ha fatto bene a scrivere al Ministro dei Beni culturali. Peccato che abbia sbagliato tempi e destinatario, visto che il responsabile della concessione è Franceschini. All'attuale Ministro dei Beni culturali, Bonisoli, il Segretario del PD Zingaretti avrebbe dovuto scrivere per scusarsi delle decisioni nefaste prese dal suo partito. Da parte nostra - assicura il deputato pentastellato - c'è la massima attenzione nel vagliare i profili di legittimità della concessione, voluta da PD.

Come ha sottolineato il ministro Bonisoli l'associazione DHI, a cui è stata affidata la gestione della Certosa, è lontana anni luce dal nostro modo di pensare. Ma qui non siamo a una scelta su Bannon; è una questione di rispetto delle regole che stiamo verificando partendo dal mio esposto all'Anac». In conclusione, il deputato M5S Frusone ricorda che «quando c'era da sollevare la questione, oltre alle associazioni, sono intervenuti giornalisti locali coraggiosi, che hanno raccontato i fatti, e il sottoscritto, unico a denunciare all'Anac, mentre dalle parti del PD si preferiva stare in silenzio per tenere nascosta la propria responsabilità. Adesso che c'è qualche telecamera, gli esponenti del PD si rifanno vivi e il consigliere regionale Buschini ci fa sapere che condivide le "preoccupazioni" a scoppio ritardato di Zingaretti. Ma quando entrambi potevano incidere sul comportamento del ministro Franceschini, perché se ne sono ben guardati?»

Quello che un utente vorrebbe sapere da Acea

acquaprivatizzata 350 260La Lettera che UNOeTRE.it pubblica gli è stata inviata da un suo lettore, che pone un quesito ad ACEA dopo avere ricevuto l’ultima bolletta del mese di marzo in cui ha notato  ulteriori aumenti. Meriterebbe una risposta da ACEA?

La lettera inizia cosi:

“prendiamo in esame la mia bolletta del 23 marzo 2019 nella quale si evince che ho consumato 56 mc di acqua in 123 giorni.

Ora se prendiamo la tabella ACEA, quella ultima approvata dal consiglio dei Sindaci, i miei 56 mc di acqua mi vengono ripartiti in 19 mc nella fascia a tariffa agevolata;

17 mc a tariffa base; 18 mc a tariffa 1^ fascia; 2 mc a tariffa 2^ fascia

Per un costo totale di 81,28 €. Questo importo è riferito al solo consumo di acqua senza considerare la fognatura, la depurazione e quant’altro.

Secondo le mie considerazioni la ripartizione dovrebbe essere fatta secondo questo criterio:

1. La fascia agevolata va da 0 a 55 mc/anno, quindi il calcolo dovrebbe essere 55:365= 0,15 mc/ giorno che X 123 gg= 18,5 mc. Quindi a 56 mc consumati devono essere tolti 18,5 mc e conseguentemente il calcolo andrebbe fatto su 56-18,5= 37,5 mc restanti.

2. La fascia base va da 56 a 108 mc/anno, quindi i 37,5 mc restanti dal calcolo precedente, entrano in questa fascia. Ne restano quindi 56-18,5-37,5= 0. Conseguentemente dovrei pagare su due fasce: quella agevolata per 18,5 mc e su quella base per 37,5 mc, per un importo di 65,03 €.

Come si può notare la differenza è notevole da 81,28 € secondo la ripartizione ACEA a 65,03 € secondo la mia ripartizione. (16 euro e 31 centesimi in più che corrispondono a ben 32.620 delle vecchie lire o se si preferisce in quinto in più del dovuto o no? ndr)

Questo mio quesito mi piacerebbe rigirarlo all’ACEA chiedendogli quale modello matematico utilizza per l’attribuzione delle fasce. Su internet non ho trovato nulla che potesse chiarirmi il quesito”.

 

L'autore delle lettera è noto alla Redazione di UNOeTRE.it

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Una generazione che è più viva che mai

studentiperl'ambientedi Giampiero Cinelli - Che questo non sia un paese per giovani, quasi sempre etichettati come fannulloni, lo si sente dire spesso. Ma a forza di ripeterlo si tende a trascurare una generazione che è più viva che mai. Quella generazione che venerdì 15 marzo a Roma si è fatta sentire ed è stata numerosissima in occasione della manifestazione mondiale contro il cambiamento climatico.

Tra le migliaia di studenti, c’era anche chi è partito dalla provincia di Frosinone. In totale pare fossero ottanta, membri del liceo Scientifico Francesco Severi e del Liceo Norberto Turriziani di Frosinone, del liceo scientifico e linguistico di Ceccano. Presenti anche universitari ed ex studenti accorsi a dar manforte ai loro ex compagni. Abbiamo raccolto le voci di cinque di loro, cercando di capire che identità hanno gli esponenti del movimento “Fridays for Future”, cosa chiedono e come vedono il mondo.

Sembrano infatti molto diversi dai loro coetanei e ci hanno detto che il loro interesse per l’ambiente nasce da ben prima che Greta Thunberg iniziasse le sue proteste ispirando il movimento globale.

Ci interessava sapere cosa un ragazzo attivo su questi temi faccia tutti i giorni a favore delle sue battaglie: «Credo che l’impegno debba partire dalle piccole azioni e dalla forza di mantenere buone abitudini. Personalmente non uso plastica monouso (bottigliette d’acqua, bicchieri, piatti, posate), oltre a fare la raccolta differenziata», ci risponde Marco Mirone, studente di architettura».

Assieme a lui Giovanni Andrea Mignardi, rappresentante d’istituto al Severi di Frosinone, il quale ha evidenziato: «Si parte dai semplici gesti. Ad esempio in classe quando finisce la giornata mi assicuro sempre che le luci siano spente, non butto mai la cicca di sigaretta per terra e chiedo a chi è con me di fare lo stesso, mi assicuro di riciclare i rifiuti nei contenitori corretti e limito al minimo il residuo indifferenziato; adesso sto cercando di abbandonare le bottigliette di plastica».

Anche Lorenzo Vellone, presidente della Consulta provinciale degli studenti di Frosinone, ha la sua ricetta: «Personalmente provo a diminuire l’impatto ambientale scegliendo il treno rispetto all’aereo o alla macchina quando devo spostarmi, contenendo i consumi di acqua, tenendo i riscaldamenti ad una temperatura adeguata e svolgendo la raccolta differenziata sia a casa che a scuola».

Quando facciamo notare ai ragazzi che il problema dell’inquinamento è mosso alla base dal modello di sviluppo occidentale, non vacillano e ribattono puntualmente: «Credo che senza sostenibilità e giustizia non possa esserci sviluppo. Il modello produttivo occidentale è totalmente da rivedere, non possiamo aspettarci che l’ambiente venga tutelato in un ambito economico che predilige la concorrenza selvaggia e l’anarchia produttiva», esclama Lorenzo. Giovanni puntualizza che bisogna partire da un presupposto: «L'umanità ha il primario bisogno di energia. Questo è ineluttabile, quindi bisogna muoversi in due direzioni. Trovare energia da fonti rinnovabili e fare in modo che l'energia una volta utilizzata possa essere riconvertita e non dispersa, principio alla base del riciclo ad esempio; dall'altro evitare gli sprechi a tutti i livelli sia nelle grandi opere».studentiperambiente

Non sembrano dunque i soliti fanatici dell’abbigliamento e degli smartphone, criticano invece gli eccessivi consumi e sanno che questo stile di vita non si adatta alla svolta che loro vorrebbero.

Non a caso Aldo Bracaglia, responsabile della Rete Studenti medi di Frosinone, puntualizza: «Siamo la generazione del tutto e subito, è normale che si abbia la pretesa di fregarsene dell'ambiente e dei cambiamenti climatici soprattutto quando per anni i nostri padri incuranti del problema hanno attuato a nostre spese la politica consumistica».

Consci del legame che c’è tra riscaldamento climatico e consumo industriale di cibo, specificano che non aderiscono a particolari mode alimentari, ma sono a favore di produzioni a chilometro zero. «Bisogna incentivare gli agricoltori locali, evitare alimenti che arrivano dall’altra parte del mondo», suggerisce Elena Straccamore, ex studentessa del Turriziani e neo-laureata in scienze gastronomiche. Mentre Marco si concentra il più possibile sul riuso degli alimenti senza sprecarli.

In generale sono tutti concordi sul regolamentare meglio gli allevamenti intensivi, ma senza demonizzare la carne e nemmeno i fast food. Predicano dunque l’equilibrio, una buona gestione di sé, convinti che, anche se la questione è globale e di sistema, il primo passo sia individuale.

Alla domanda se la loro battaglia politica continuerà, la risposta è affermativa: «Assolutamente, abbiamo in mente di costituire anche a Frosinone una sezione del movimento Fridays for future e di chiedere che ogni venerdì (così com’è nella prassi del movimento) sia concessa a scuola un’ora per approfondire e sensibilizzare su questi temi, attuando altri sit-in».

 

 

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

 

 

 

 

Lazio: M5S, Giunta proroghi vecchio PTPR in attesa del nuovo

  • Pubblicato in Partiti

movimento 5 stelle bandiera 350 260da M5S Lazio - Vecchio testo scade il prossimo 14 febbraio con il rischio di dare via libera ai palazzinari.

Roma, 28 gennaio – “Abbiamo sempre sostenuto che per noi l’unica soluzione possibile è il nuovo Piano Territoriale e Paesaggistico Regionale (PTPR), che pende ormai da 20 anni. Purtroppo, per motivi tecnici che non attengono alla parte politica, il provvedimento è stato nel tempo rimpallato tra i vari uffici (comprensibilmente data la complessità dell'atto) ed è stato calendarizzato appena possibile in Commissione Urbanistica, dove si è registrato uno spirito collaborativo da parte delle forze politiche, necessario anche nei prossimi mesi se si vuole arrivare all’approvazione del testo. Tutte le forze hanno infatti convenuto sull'esigenza di prorogare il Piano per poter lavorare lucidamente nel merito: atto che ci aspettiamo da parte della Giunta prima della scadenza del termine, fissata al 14 febbraio prossimo.

Non potendo quindi approvare in pochi giorni un provvedimento di questa portata, se la proroga non intervenisse si rischierebbe di lasciare i territori del Lazio senza misure di salvaguardia, aprendo la strada a nuove colate di cemento, pianificazioni sproporzionate e possibili speculazioni. Chiediamo pertanto che la Giunta proceda al più presto con la proroga del testo vigente, sperando che sia finalmente l'ultima: nell’attesa che sia portato a termine l’iter di discussione e approvazione del nuovo PTPR”. Così in una nota i consiglieri regionali M5S del Lazio.

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Frosinone, inaugurata la Hall of Fame del “Benito Stirpe”

Stirpe inaugura 350 260 minda Giovanni Lanzi, Ufficio stampa Frosinone - FROSINONE. Inaugurato il "Luogo dei Ricordi" dal Presidente Maurizio Stirpe, come dirà di seguito il direttore Gualtieri. E’ un momento emozionante per il Frosinone e per il massimo dirigente giallazzurro che ha realizzato un altro dei suoi progetti: ha tradotto e veicolato al meglio un’idea che portava avanti da anni. Al suo fianco tutti i dirigenti del Club, l’art director Salvatore Lala che ha lavorato alla realizzazione dell’opera, i cronisti, le tv, qualche gloria come l’inossidabile Angelo Brunello e la figlia dell’indimenticato Pierino Del Sette, Alessia. E le persone, tifosissimi giallazzurri, che hanno contribuito alla nascita del Museo di casa-Frosinone. E’ un momento emozionante per la Storia del Frosinone. Una Storia lunga novanta anni. Che Stirpe osserva letteralmente affascinato in quei 50-60 metri di esposizione che passano alle spalle della ‘hall conference’ e arrivano agli uffici. Commenta anche con un pizzico di naturale emozione. Perché quei colori sono davvero una Storia che per lui si tramanda di padre in figlio.

Decine di maglie, scarpini, calzoncini, fotografie. Gigantografie a colori e in bianco e nero, una miscela emozionante. Da Massitti e Trentini a Vigorito e Bardi passando per Marco Cari (recordman di presenze in maglia canarina), Recchia, Flammini, il povero Luciani che proprio in queste ore ci ha lasciato (condoglianze alla famiglia) portando un pezzo di quei colori lassù in Cielo. E poi Egidio Fumagalli fotografato in loden al momento di un imbarco in aereo. E ancora quell’anello di congiunzione che va da Mettus a Raniero Pellegrini passando per decine di allenatori e centinaia di giocatori di ieri, l’altroieri e di oggi che hanno indossato questa maglia dai colori sgargianti, i colori del sole e del cielo terso e pulito. All’improvviso il presidente – prima di iniziare la conferenza stampa – mostra una foto che gli porge il segretario generale Pellegrini: ci sono 8-9 ragazzini attorno al custode dell’epoca Paolino, uomo buono come il pane, anche lui una pietra miliare come lo furono in tanti in quell’epoca. E tra quei ragazzini c’è proprio Maurizio Stirpe, è l’anno 1966, il presidente di quel Frosinone è il papà cavalier Benito.

“Voglio ringraziare tutti quelli che hanno contributo alla realizzazione di questa piccola opera che ha lo scopo di riportarci alle origini – esordisce il presidente – ed alla memoria di questa Società. Come ho avuto modo di dire più di una volta in passato, il percorso del Frosinone deve partire dalla riscoperta della propria identità. Identità attraverso la squadra, l’identità del territorio che devono essere la base sulla quale poggiano tutte le iniziative che portiamo avanti”.

“Il ringraziamento va all’architetto Salvatore Lala – ha proseguito Stirpe – che ci ha curato nei minimi dettagli sia la parte dello stile che della scelta del materiale. E un ringraziamento a tutti quelli che ci hanno fornito il materiale stesso. Tenete presente che qui abbiamo solo una piccola parte di quello che ci sarà a breve. Tutto questo fa parte della nostra memoria, su questi valori si deve fondare la vicinanza e l’amicizia della nostra Società. Il museo cercheremo di ampliarlo in tutte le sue parti. Cercheremo di utilizzare tutto il materiale che ci è stato fornito. Cercheremo di farlo visitare dalle Scuole, fondamentale. I ragazzi dovranno rendersi conto il punto di partenza del Frosinone. E cercheremo anche di esporre i trofei che abbiamo, vicino agli uffici ed agli spogliatoi. Questo deve essere un percorso dinamico che deve essere arricchito ogni qual volta dovesse esserci un contributo nuovo che ci arriverà”.

“Tra qualche giorno – conclude Stirpe, dando anche due notizie in anteprima – saranno ultimati anche i locali del ristorante, valuteremo il bando per il progetto migliore. Un progetto collegato alla nostra Società, alla identità dei tifosi e al messaggio che attraverso il calcio vogliamo veicolare. Un’altra iniziativa che stiamo cercando di realizzare è quella che permetterà ai tifosi di esporre i loro striscioni, i loro messaggi. Mi è stato dato lo spunto da cose che accadono quotidianamente. Vorremmo realizzare questo spazio apposito nelle zone delle due curve. E così chiunque vorrà lasciare un messaggio potrà farlo su quello spazio che chiameremo ‘muro della comunicazione’. Evitiamo così anche polemiche strumentali, lo concorderemo con i tifosi ed andremo a realizzarlo. Ripeto, il mio grazie di cuore va indirizzato veramente a tutti”.

(foto da www.frosinonecalcio.com)

Lazio. Sanità e territori un binomio ormai improponibile

consiglio lazio 350 260di Loreto Marcelli, M5S, Consigliere reg.le Lazio - Oggi è stato respinto in Consiglio Regionale l’ordine del giorno alla Proposta di legge n°85/2018 inerente il declassamento del laboratorio di analisi dell’Ospedale di Rieti previsto dal DCA U00219.

Il commissario ad acta, Nicola Zingaretti, ha inteso attuare un programma operativo (2013-2015) riguardante la riorganizzazione della rete dei laboratori di analisi pubblici, per cui il laboratorio di analisi dell’Azienda Ospedaliera S. Filippo Neri viene individuato come laboratorio ad elevata complessità con settori specialistici (LEC - S HUB 5) ed il laboratorio di analisi dell’Ospedale De’ Lellis di Rieti è stato classificato e definito come semplice Laboratorio di Base afferente ad esso. Per inciso la ASL di Rieti è l’unica nel Lazio a non essere dotata di un laboratorio Hub nonostante le ottime performance, sia in termini qualitativi che quantitativi, raggiunte dal personale operante nell’attuale laboratorio di analisi. Con tale decisione non si è tenuto conto della particolare articolazione di tale provincia, che risulta essere molto vasta e difforme per tipologia geo-morfologica e culturale e con una popolazione residente con un elevato indice di vecchiaia, il cui territorio ha subìto un notevole impatto socio ambientale in merito agli ultimi eventi sismici, comportando, di fatto, un depotenziamento dell’offerta sanitaria locale. Inoltre, l’ospedale De’ Lellis rimane l’unico riferimento sanitario di una provincia i cui indici epidemiologici non risultano essere in significativa flessione; va ribadito che il laboratorio di analisi del De’ Lellis effettua un elevato numero di esami, in media superiori ai 2.000.000 l’anno, quantitativo ben oltre gli standard previsti per un laboratorio di Base. Per tali motivi, si era chiesto al Consiglio regionale di impegnare la Giunta regionale di provvedere ad adottare tutti gli atti necessari per garantire il giusto mantenimento degli standard organizzativi, e di servizio, del laboratorio di analisi dell’Ospedale di Rieti a tutela dell’utenza dell’intera provincia.

A tale richiesta, incomprensibilmente, la maggioranza non ha voluto prestare la giusta attenzione. Si prende atto di tale decisione e la si stigmatizza considerato il rischio di impoverimento della qualità del servizio sanitario in provincia con la speranza che possa essere rivista in tempi brevi.

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Sora. 99milioni per rimediare ad un grave errore

  • Pubblicato in Partiti

ospedalesora 350 260 minOspedale di Sora, 99milioni di euro stanziati per rimediare ad un grave errore. Il nosocomio non doveva essere costruito in quell’area che è pericolosissima.

Negli anni ’70 si opposero al progetto SOLTANTO i Comunisti. Avevamo ragione!

Sora, 05.01.2019 – In questi giorni in tanti esultano per i 99 milioni di euro stanziati per l’ospedale SS. Trinità di Sora. Addirittura politici di entrambi gli schieramenti fanno a gara per prendersi i meriti relativi allo stanziamento. Peccato che nessuno ricordi la storia, quella vera. Ve la ricordiamo noi.

L’Ospedale volsco è ubicato in una zona sismica, classificata ad alto rischio! SOLTANTO i Comunisti già dagli anni ’70 si opposero alla sciagurata progettazione in quanto sbagliata e pericolosa. Ma i democristiani preferirono speculare!

Oggi, qualche generazione più avanti fatta anche di figli e figliocci di democristiani della prima ora che proprio benedirono la follia dell’ospedale costruito a San Marciano, ci viene a dire che tutto va bene e che dobbiamoPRC - Ospedale di Sora festeggiare perché piovono milioni per il nostro nosocomio. A loro e poi a tutta la cittadinanza va detta la verità: costruire un ospedale in zona altamente sismica è stato un grave errore, che paghiamo ancora a caro prezzo.

Pensate soltanto a quanto sia difficoltoso accedere alla collina di San Marciano; pensate alla struttura simil labirinto che è stata realizzata. Un ospedale che si possa definire Ospedale, è un’altra cosa. Questo noi lo chiamiamo, da sempre, spreco. Questo noi lo chiamiamo, da sempre, sperpero di danaro pubblico. Noi conosciamo la storia e la ricordiamo. I Comunisti avevano ragione, peccato solo che di ragione a volte si può morire, così proprio come sta succedendo alla nostra amata Sora.

Il segretario Prc -Provincia di Frosinone

Paolo Ceccano

Il segretario Prc – Circolo di Sora

Giuseppe Di Pede

 

Inviato da Irene Mizzoni

Clicca sulla locandina a destra per ingrandirla

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Globo Sora, niente da fare Trento è di un altro pianeta

Timeout Sora 350 260 minCarla De Caris* - Alla BLM Group Arena si giocano solamente tre set nell’ultima gara del 2018, con l’Itas Trentino a imporsi nettamente sugli ospiti della Globo Banca Popolare del Frusinate Sora. Il match valido per la seconda giornata del girone di ritorno, e che ha aperto il week and di SuperLega Credem Banca, è stato affrontato dai ragazzi dei coach Barbiero e Colucci a testa alta solo nel primo set, nel secondo hanno tirato i remi in barca sul 12-9 per il 25-11 finale, mentre in chiusura del terzo hanno provato a reagire d’orgoglio senza però purtroppo riuscire a portare gli avversari ai vantaggi. Così l’Itas di coach Lorenzetti allunga la striscia positiva chiudendo l’anno solare con un’altra vittoria, la decima consecutiva in campionato, che la tiene prepotentemente attaccata alla capolista Perugia attesa domani dall’impegno con Verona e che, anzi, in attesa che la Sir giochi il suo turno, la fa salire in vetta alla classifica. La superiorità di Trento guidata da Vettori in perfetto stato di grazia e dunque MVP del match, è venuta impeccabilmente fuori, con Sora a dimenticarsi completamente dell’ottimo momento di forma che aveva caratterizzato la sua settimana sui campi di Bari contro Castellana Grotte e di Veroli contro Modena.

“Eravamo partiti bene – dice a caldo coach Mario Barbiero, poi abbiamo accusato un calo vistoso dettato anche dalla qualità del gioco mostrata da Trento. Questa squadra non è campione del mondo a caso e lo ha dimostrato anche stasera”. “Sora non era al massimo – afferma invece l’allenatore trentino Angelo Lorenzetti, perché era reduce dai cinque set giocati a Santo Stefano con Modena e priva di Nielsen, e noi ne abbiamo approfittato per chiudere la partita già sul 3-0, risultato che ci permette di chiudere bene il 2018 e di guardare al prossimo anno con maggiore serenità. La partita ha avuto un andamento lento che forse a gioco lungo ha favorito la nostra squadra”.

*Resp. Ufficio Stampa Globo BPF Sora

Isola del Liri, SR 82. La Giunta approva il progetto Astral

cascata isola liri 350 260 minIsola del Liri, 22.12.2018 – La Giunta comunale di Isola del Liri, guidata dal sindaco Quadrini, ha formalmente approvato il progetto di ripristino del piano viabile della ex Strada Regionale 82 Della Valle del Liri, presentato dall’Astral. Un intervento che dovrebbe trasformare profondamente il volto della viabilità cittadina.

Il progetto è finanziato con Deliberazione di Giunta Regionale n. 658 del 13.11.2018 per un importo complessivo di € 1.500.000,00 ed è finalizzato al regolare ripristino del piano viabile e della segnaletica stradale sull’intera tratta di strada regionale n. 82 dal km 58+908 al km 64+323.

La ex strada regionale n. 82 Della Valle del Liri è un'importante strada di collegamento interregionale che attraversa tutta la valle del Liri. Permette il collegamento con diversi siti industriali e commerciali dislocati lungo il suo percorso ed è percorsa da un elevato flusso di traffico. Sul tronco di strada sono presenti diversi incroci con altre strade principali per i quali è stato previsto il ripristino della segnaletica orizzontale.
La Giunta di Isola del Liri ha operato in questi mesi per poter giungere a questo traguardo che metterà fine a molti disagi evidenziati finora.

La giunta Quadrini, nell’ultima riunione, ha esaminato con attenzione il progetto dell’Astral che prevede, fra l’altro, la fresatura della pavimentazione esistente per spessori variabili da 3 a 8 cm; la posa in opera di uno strato di binder per uno spessore di centimetri 5 nei tratti maggiormente deteriorati; la posa in opera di uno strato di usura con spessori parti a 3 centimetri. Il rifacimento della segnaletica orizzontale dell’intero tratto dal km 58+908 al km 64+32, compresi gli attraversamenti pedonali, a raso e rialzati. La segnaletica per i parcheggi, per gli stalli, per le fermate COTRAL, per i parcheggi handicap e zebrature e frecce direzionali in corrispondenza di alcuni incroci. Per la segnaletica verticale sono previste installazioni di segnali per i nuovi limiti di velocità, di segnaletica verticale per attraversamenti pedonali a raso e per attraversamenti pedonali rialzati. Per questi sono previsti impianti fotovoltaici di alimentazione per i lampeggianti, la targa dell’attraversamento pedonale e del pannello integrativo indicante “rialzato”. Per ogni attraversamento pedonale è previsto inoltre l’installazione di occhi di gatto.

Un intervento che ha convinto gli assessori comunali che lo hanno approvato all'unanimità. Circa 90 giorni sarà il tempo necessario allo svolgimento dei lavori.

Ne danno notizia la Giunta Comunale di Isola del Liri e il capogruppo di maggioranza Massimiliano Quadrini

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

 

Sottoscrivi questo feed RSS
Bookmaker with best odds http://wbetting.co.uk review site.

Privacy Policy

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici