fbpx
Menu
A+ A A-
Antonio Colasanti

Antonio Colasanti

dr A Colasanti 350quDottor Antonio Colasanti, medico-farmacista specializzato in fitoterapia, omeopatia, consulente della rivista: “Piu Sani Piu Belli”.

 

Per chi volesse approfondire argomenti trattati può prendere contatto con il dottor Colasanti ai seguenti recapiti:


Email:


Tel. 347102038

URL del sito web:

Congestione nasale

Congestione nasale 350 minDr. Antonio Colasanti - La reazione su base allergica induce congestione della mucosa nasale, che dapprima appare arrossata ed in seguito edematosa e pallida. Quando, invece, la mucosa è sede di infezione si manifesta gonfiore, ma il tessuto e arrossato con le caratteristiche note della infiammazione.
In tutti i casi abbiamo ostruzione delle vie aeree. Il naso è piu che una semplice via di passaggio dell'aria che si respira. Esso porta l'aria ad un grado di temperatura e di umidità tali da corrispondere alle esigenze fisiologiche, inoltre provvede ad eliminare polvere e germi veicolati dalla corrente inspirata.

Durante una giornata si calcola che 15 metri cubi di aria attraversino le vie nasali e per tale lavoro sono necessarie 70 calorie al giorno. Tale calore proviene dalle formazioni anatomiche caratteristiche dalle pareti interne del naso tra le quali i cornetti inferiori medi e superiori. Per garantire un adeguata umidificazione delle mucose nasali si utilizza circa 1 litro di acqua al giorno proveniente dalla evaporazione delle superfici che tappezzano le vie aeree, quindi le formazioni anatomiche endonasali funzionano come apparato radiante di riscaldamento sia come elementi di correzione del grado di umidita.

Entro certi limiti poi funzionano come filtro capace di trattenere particelle sospese nell aria. Da questi spunti anatomici si intuisce che deviazioni del setto nasale influiscono sul buon funzionamento della respirazione. Infatti l'aria non termoregolata infiamma le ossa nasali provocando raffreddori e stati influenzali, di conseguenza ne risentono l'orecchio, la gola ed i bronchi con possibili attacchi asmatici.
Terapia: intervento chirurgico con eliminazione della deviazione nasale.

 

 

Articoli e  news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui

aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Il Pane...non può mancare

ilpane h260 minDr. Antonio Colasanti - Va di moda oggi dire -non mangiare il pane fa male - il pane fa ingrassare - il pane fa venire il tumore e ed altre idiozie del genere.
In verita il pane ha origini antichissime, l'uomo lo usa da circa 10.000 anni. Reperti archeologici lo dimostrano: il primo pane non fu di grano, ma di miglio ed altri cereali schiacciati tra due pietre. Proprio il pane con le sue caratteristiche ha migliorato la razza umana differenziandola da quella animale. I primi mulini sono d'epoca preistorica: 3000 anni prima di Cristo furono create le macine egiziane, come ci mostrano gli affreschi. L'Egitto è considerato la patria del pane, le pietre giravano a forza di braccia ed erano considerati oggetti indispensabili per le famiglie.

Il pane ha sempre avuto un ruolo primario nell'alimentazione antica fino ad assumere un valore simbolico come nel cristianesimo che pose in un pezzo di pane il simbolo di cristo. Il pane è per l'uomo alimento unico ed insostituibile.
In Grecia, cereali e pane erano considerati dono degli dei. Uno dei primi mulini fu trovato a Pompei. Schiavi ed asini erano legati alle macine per macinare il grano.
Venne solo nel 1800 con la macchina a vapore la macinazione a pressione e cosi nasce la farina bianca.

Il ritorno alla dieta mediterranea è oggi un aspetto significativo della nostra epoca. Il danno maggiore subito dall'uomo non è tanto quello degli addittivi chimici, dei conservanti, dei coloranti; il danno grande è stato il brusco passaggio da un tipo di alimentazione a base di prodotti naturali coltivati biologicamente ad un altra di tipo industriale con abolizione delle fibre grezze naturali.
Il nostro futuro è in bilico sulla nostra forchetta. Il ritorno ad un maggior uso del pane è un passo avanti per chi vuole ritrovare un alimentazione a misura d'uomo.

Il lievito naturale del pane, cioe il "saccaromices ellipsoideus" è di grande valore biologico per l'organismo umano ed è auspicabile l'integrazione con saccaromiceti dal momento che la nostra alimentazione ne è carente, infatti mentre un tempo il pane manteneva vivo nella mollica centrale i saccaromiceti che resistendo alla cottura si moltiplicavano arricchendo il pane di aminoacidi. vitamine del gruppo "B" ed enzimi diastasici, che favorivano la digestione e davano senso di sazietà, oggi mancando tutto questo, ci si rivolge ad un maggior consumo di alimenti compensatori, sopratutto grassi e zuccheri con tutte le conseguenze negative.

Dal minor uso di saccaromiceti vivi deriva una carenza di aminoacidi vitamine ed enzimi ed il nostro pane gia privato del germe e della crusca durante la macinazione porta ad uno squilibro della flora batterica intestinale.
Oggi con gli incombenti pericoli dietetici è bene rivalutare il valore dietetico di una fetta di pane al lievito naturale condita con olio di oliva e pomodoro.
Con il pane si possono preparare piatti unici, colazioni, spuntini e pranzi.

Le ricette a base di pane sono le piu antiche, dalle panzanelle alle bruschette, dal pandorato al pancotto, dalle zuppe di verdure ai crostini, alle pizze.
Il pane lo troviamo in molte versioni, di mais, di frumento, d'orzo, azimo, ai 5 cereali, di kamut, di farro, alle noci, al latte, iperproteico, aproteico, integrale e poi tutte le specialità piadina, treccia, crocetta, michetta, grissino, musica sarda, perché il pane è tradizione popolare, cultura e fantasia.

 

 

Articoli e  news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui

aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Il volto strumento di diagnosi

Volto Proporzioni 350 260 minDr Antonio Colasanti - Il volto dell'ammalato è la prima cosa che si apre all'investigazione medica.
In esso si rispecchiano la pena, la gioia, la calma, l'inquietudine, l'abbandono, la tensione, la forza e l'esaurimento, la comprensione intelligente e l'imbecillita cretina, la cultura e l'ignoranza, la nobiltà di spirito e la brutalità.

Qualità queste che in parte dipendono dalla innervazione volontaria o involontaria della muscolatura del volto ed in parte anche da fattori non sottoposti alla volonta dalla configurazione ossea del cranio e dalla distribuzione delle parti molli dal turgore, dalla consistenza della pelle, dal colore della pelle, dallo sviluppo di capelli ed occhi.
In alcuni casi l'osservazione del viso puo darci una diagnosi certa. Il riso sardonico nel tetano, prodotto dalle contrazioni dei muscoli mimici. L'ottusita nel mixedema. Il viso inquieto ed eretistico nei malati di basedow (Il Morbo di Basedow è una forma di ipertiroidismo ovvero una condizione caratterizzata da un aumento dell’attività secretoria di iodotironine da parte della tiroide, associato o no a tireotossicosi). Il volto acromegalico nelle malattie ipofisarie. Il volto febbrile con occhi fluidi e lucenti arrossamento delle guancie. Nella dispnea il colore cianotico della pelle atteggiamento della bocca dilatazione pinne nasali. Nella stasi cardiaca un miscuglio di cianosi ed ittero. La facies ippocratica con naso pallido, occhi infossati, tratti tirati, pallore cianotico: stato terminale.

Nessun esame obiettivo è completo senza osservazione degli occhi.
L'occhio partecipa frequentemente alle malattie del resto del corpo. Esempio, la presenza di cataratta precoce deve far sospettare il diabete. Il fondo dell'occhio è il luogo dove i piccoli vasi vi imprimono precocemente malattie renali e vascolari.
Anche il naso dà indicazioni di valore su malattie generali: naso bianco, affilato nella facies ippocratica, naso rosso crisi ipertensive e nevrastenie. Lupus del viso che causa estese distruzioni di parti molli. Le epistassi sono conseguenza di una aumentata fragilità capillare.

Nella bocca interessa la lingua le cui alterazioni ci indicano molte malattie. Lingua liscia ed atrofica indica anemia perniciosa, fortemente solcata ed tipica dei leucemici, rossa è quella dei diabetici, la lingua arrossata a lampone segnala la scarlattina; lingua patinosa e propria delle malattie gastro intestinali, la lingua asciutta e sporca indica un grave stato generale. Chiazze bianche di mughetto sono di un malato in cattive condizioni.
Per le malattie ghiandolari, la parotide epidemica altera il viso spostando le orecchie, deforma la faccia in modo comico e caratteristici orecchioni... quindi ... attenti e guardiamo il viso con attenzione.

 

 

Articoli e  news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui

aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Il fegato: importanza e manutenzione

pulire fegato 350 260 mindi Dr. Antonio Colasanti - Un grande laboratorio sito tra l'organismo ed il cibo assorbito dall'intestino; un controllore rigoroso, meticoloso, puntiglioso; una specie di setaccio che filtra; un chimico che elabora e trasforma tutto: il fegato è una grossa ghiandola di 1 kilo e mezzo, situata a destra nella parte superiore dell'addome, sotto il diaframma. E' uno degli organi più imortanti per il ricambio indispensabile alla vita. Esplica piu di un centinaio di funzioni che vanno dalla produzione dei sali biliari alla trasformazione di proteine, lipidi e carboidrati. Durante tutta la vita giungono al fegato 15 tonnellate di sostanze che vengono in parte elaborate e per altra immagazzinate come riserva pronte ad essere mobilitate secondo le esigenze dell organismo.

Il fegato lavora le sostanze: vengono scomposte e rielaborate. Alcune di esse, potenzialmente nocive, vengono eliminate dal fegato che funge da barriera tra l'intestino ed il sangue. Quando parliamo di insufficienza epatica significa che stiamo perdendo l'azione disintossicante e quindi l'organismo entra in intossicazione. La disfunzione epatica è in rapporto diretto con l'alimentazione, quindi occorre sorvegliare il regime alimentare moderando gli alimenti ricchi di grassi, fritture, dolciumi, alcool, sale.

Tra le piante amiche del fegato abbiamo il cardo mariano, il tarassaco, il carciofo, la curcuma.

Cardo mariano:
contiene diversi principi attivi tra cui la silimarina, da cui derivano diversi farmaci;
il cardo rigenera l'epatocita e disintossica il fegato.

Tarassaco:
Si usano i semi del tarassaco, fiore giallo, come il fegato, contiene steroli triterpeni, inulina (uno zucchero che rigenera la carica batterica intestinale danneggiata a seguito di terapie antibiotiche o come leggero lassativo o per migliorare l'assorbimento intestinale di calcio e ridurre il colesterolo).
La radice Dell tarassaco, invece, è indicata per l'insufficenza epatica, epatopatie tossiche infettive, itteri, litiasi biliare; si usa per un' azione diuretica, abbassa colesterolo e trigliceridi.

Carciofo:
Contiene cinarina, flavonoidi, enzimi. E' utile per le
epatopatie: l'insufficienza epatica elimina le sostanze azotate Per l'azione diuretica si usano le foglie.

Curcuma:
Contiene curcumina; se ne usa il rizoma per il trattamento dell'insufficenza epatica, l'ittero, le colecistiti: è un coleretico e stimola la funzione biliaree. Si usa anche come tisana disintossicante nel modo seguente:
cardo mariano gr 40, tarassaco gr 30, carciofo gr 20; bollire per 10 minuti 1 cucchiaio in 1 litro di acqua, appena si raffredda aggiungere 10 grammi di curcuma, bere durante la giornata per 10 giorni e assicura una disintossicazione epatica e il buon funzionamento dell intero organismo.

 

 

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Tumori e alimentazione

TUMORE CERVELLO 350 260 minDr. Antonio Colasanti - Fino ad oggi la questione del cancro è preoccupante e sconfortante perché non abbiamo ancora cure risolutive. Il cancro degli organi digerenti è frequenti nel sesso maschile: in cina dove esiste una condizione di inferiorità della donna, il marito mangia il riso bollente e passa alla dolce metà gli avanzi freddi. Da questa mancanza di cortesia coniugale deriva che la moglie non sottoposta a continui e ripetuti stimoli termici del tubo digerente resta incolume mentre il marito va all'altro mondo.

Il cancro predilige nel sesso maschile gli organi digerenti ed in quello femminile gli organi sessuali-mammelle-utero-ovaie. Sembra che per legge biologica si ammalino nel maschio piu facilmente gli organi destinati alla conservazione dell'individuo e nella femmina quelli destinati alla riproduzione della specie.
La qualità deell'alimentazione è in prima linea nella genesi del cancro degli organi digerenti, ma quando si vuole incolpare di ciò l'abbondanza della dieta a base di carne, gli eschimesi ci danno subito solenne smentita. Essi non mangiano altro che carne e nondimeno sono immuni dal cancro.

Tuttavia bisogna riconoscere che la nostra alimentazione diventa sempre piu il risultato di un ciclo prevalentemente industriale. Il grano ad esempio è privato, con la finissima macinazione, dei suoi elementi piu preziosi. La carne è conservata con formaldeide; il latte, la panna, il burro, la margarina contengono acido borico; la birra contiene acido benzoico; le verdure, i legumi trattati con solfato di rame; le conserve hanno tracce di piombo ed arsenico. Non è la dose in sé che provoca danni, ma l'uso ripetuto continuo di questi piccoli stimoli, finisce per portare a una lenta intossicazione cronica.

Gutta cavat lapidem, non bis, sed saepe cadendo. (la goccia buca la pietra, non se cade 2 volte, ma se cade in  continuazione). Alle frontiere delle malattie stanno come sentinelle vigili agli avamposti: la semplicità della vita, l'ordine della mente e del corpo, i costumi semplici dei nostri padri.

 

 

 

Antiche terapie e problemi anche moderni

massaggio 350 minDr Antonio Colasanti - Salve qualche colpetto a fine diagnostico, oggi i medici raramente toccano i loro pazienti. Per psicologi e psichiatri un qualsiasi contatto fisico è addirittura contrario.
Ma, le cose non sono sempre andate cosi. Un tempo toccare il malato era alla base stessa dell'arte di curare. Nel 500 a.C. il sommo Ippocrate scrisse un libro sul massaggio e quest'ultimo per lungo tempo fece parte del curriculum medico.
I pazienti classificavano i medici non solo in base alle competenze, alla personalità ed all'acume diagnostico. ma anche secondo la loro bravura di massaggiatori. Poi arrivarono le macchine, i farmaci miracolosi, la mancanza di tempo ed i medici presero a delegare la pratica ad altri.
È ormai impensabile chiedere un massaggio ad un medico. Toccando il paziente il medico crea con esso un legame, il tocco invia un messaggio di attenzione e partecipazione.
Si va dal semplice tocco a complicate manipolazioni al fine di migliorare lo stato fisico. Il tocco viene percepito a livello epodermico da milioni di sensori collegati non solo al cervello ma anche ad altri organi. Questi sensori sono progettati per trasmettere sensazioni diverse. Alcuni rispondono al tocco lieve, altri a pressioni piu intense, al dolore, al calore, al freddo, anche la loro distribuzione varia, infatti alcune zone del corpo rispondono piu prontamente: i piedi sono piu sensibili delle mani e gli occhi più dei piedi, mentre le zone erogene provocano sensazioni gradevoli, la punta delle dita sono sensibili al tatto meno al dolore.
Quindi tocchiamo pure i nostri pazienti e sicuramente avremo un aiuto in piu nella diagnosi e nella cura.

Pigrizia e grassezza

La grassezza è prodotta dalla pigrizia. Lo sport e la ginnastica agevolano il consumo di ossigeno, consumano grassi e perciò sono mezzi efficacissimi di dimagrimento. La cura migliore in questo campo consiste nel prevenire.
Dovremmo fare come i nostri colleghi in natura, carnivori, che si contentano di un solo pasto al giorno. Si è mai visto un giaguaro grasso o una pantera obesa? Si eviti il burro, il sale, i dolci, l'alcool, mentre non merita dar ostracismo alla pasta ed alla minestra, inoltre una volta l'anno si faccia per l'organismo una bella pulita generale in forma di cura d'acqua possibilmente in primavera.
Chi poi vuole diminuire di peso senza imporsi nessuna limitazione non gli resta che una soluzione: faccia un bel viaggio fino all equatore. Lì la forza di attrazione della terra è minore e quindi peserà di meno. Chi non ha voglia di viaggiare se ne stia pure a casa contentandosi però di mangiare onestamente e non troppo generosamente.
Altrimenti faccia come quel contadino che andava tutti i giorni dal dottore. È un metodo che giova senz'altro perche il contadino stava a due ore di strada dal suo medico, in cima ad un monte.

 

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Importanza del tessuto connettivo

tessutoconnettivo 350 260 minDr Antonio Colasanti - La medicina contemporanea da poca importanza all'influenza del sistema fisiologico del tessuto connettivo.
La maggior parte dei medici considera il tessuto connettivo come un semplice tessuto di sostegno una specie di scheletro elastico dell organismo. Si dimentica per esempio che una perturbazione della permeabilità della parete capillare è sufficente ad arrestare la penetrazione delle sostanze nutritive nelle cellule e l'eliminazione dei residui. Questa perturbazione della permeabilita della parete che sopravviene nella sclerosi senile del tessuto connettivo basta da solo a ridurre la cellula alla fame.

Il tessuto connettivo non rappresenta dunque la parte del tessuto di sostegno, ma come gia indicato dal famoso medico russo Metchnikoff prendono parte attiva nella REAZIONE DELL ORGANISMO ALLE INFEZIONI.
Una delle piu grandi conquiste della medicina è stata la scoperta del siero antidifterico che ha arrestato epidemie terribili. Questo siero si ottenne grazie alle cellule del tessuto connettivo al quale era stato iniettato il siero della tossina. La cicatrizzazione delle ferite si effettua grazie allo sviluppo di questo tessuto, le cui cellule uniscono i margini della ferita.
La capacita a reagire del tessuto connettivo ha grandissima parte nello sviluppo del tumore. Questo tessuto si sviluppa intorno al tumore, avanza verso l'interno di esso ne, impedisce il progresso in profondita verso i tessuti circostanti.
Le sue cellule distruggono il tumore sia per fagocitosi, sia dissolvendo con i suoi enzimi le cellule tumorali, rinforzando la capacita di reazione del tessuto connettivo al cancro con sostanza contenente gruppi sulfidrici si riesce a sviluppare la resistenza dell organismo al cancro insieme alla alcalinizzazione di questa matrice extracellulare.

Il sistema connettivo costituisce per l'organismo una riserva di sostanze nutritive, allo stesso tempo esercita una funzione regolatrice sul ricambio. Il sistema fisiologico del tessuto connettivo è la radice dell'organismo. Come la pianta attinge dal suolo le sostanze nutritive per mezzo delle radici cosi le cellule umane traggono dal sangue a mezzo del connettivo tutto quello di cui necessita. Pertanto è necessario tenere sempre presente che tale tessuto deve essere mantenuto sempre con una buona dose di alcalinità per permettere al nostro organismo di poter difendersi da tutti gli attacchi esterni.

 

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Quando conoscemmo il chinino

chinino 350 minDr. Antonio Colasanti - Un terremoto nel Perù precolombiano avrebbe fatto cadere alcune piante in un lago le cui acque acquistarono il potere di combattere una febbre ricorrente. La malaria.

Nel seicento i soldati spagnoli di stanza in sud America si curavano la malaria con una infusione di corteccia peruviana. Intanto il rimedio approda nel vecchio mondo sotto il nome di "polvere della contessa". Stando alla tradizione, la contessa Anna de Chincon, moglie del viceré spagnolo in Perù, lo avrebbe usato contro la malaria guarendo, per cui lo porto con sè in Europa.

Linneo, il grande botanico battezzò la pianta "cincona officinalis" in onore alla nobildonna.
Secondo la storia la contessa non ebbe la malaria e nemmeno tornò in Europa. Il rimedio si diffuse grazie alla sua efficacia. I gesuiti si occuparono attivamente del trasporto e distribuzione della china anche se ci furono nel mondo scientifico diffidenze.

A londra il fitoterapico venne avversato dalla classe medica perche la sua azione contrastava con la teoria degli umori ancora dominante ed inoltre il coinvolgimento dei gesuiti insospettiva molti. Per due secoli la polvere della contessa vivacchiò nei barattoli degli speziali e nelle bisacce dei ciarlatani, finche i suoi principi attivi furono estratti nell'ottocento da due chimici francesi.

Questo successo segnò l'inizio dell'uso razionale del chinino e la sconfitta di un male che fece strage di uomini, cioè la malaria.
Si pensi che l'omeopatia moderna inizia nel momento in cui il suo scopritore Samuel Haenemann beve acqua in un bicchiere dove erano rimaste tracce di chinino avendo gli stessi sintomi che provocava la malaria. Da lì intui che dosi infinitesimali di sostanza possono guarire la malattia stessa. Nacque, quindi l'omeopatia.

Stress e riposo del sistema nervoso centrale

STRESS 350 260 minDr. Antonio Colasanti - Il fatto che l'uomo oggi viva troppo la mancanza di riposo, l'inquieitudine e l'ansia continua, nonchè l'eccesso di lavoro e d'impegni sociali, le preoccupazioni materiali, i pericoli del traffico e le continue emozioni particolarmente nella vita delle città, sono causa di un logorio nervoso continuo e incessante. Anche il rumore diventa nelle grandi città un problema sempre piu grave. Indagini provano che il rumore può provocare disturbi cardiaci e circolatori, dello stomaco, dei nervi, dei muscoli.

QUESTO CONTINUO LOGORIO PUO AVERE EFFETTI FATALI QUALORA A PERIODI DI LAVORO NON SI ALTERNINO PAUSE DI RIPOSO E SVAGO.
Tensione e distensione dovrebbero alternarsi come il giorno e la notte e chi dice "per me non esistono feste e domeniche" non è un eroe, ma un povero illuso, un suicida cronico. La maggior parte degli uomini crea con il lavoro una vita felice alla propria famiglia. Se non si vuole invecchiare non si deve mai diventare schiavi del proprio lavoro ma rimanerne padroni.
Una saggia amministrazione delle forze nervose, alternata a periodi di riposo e distensione fa si che il sistema nervoso possa rimettersi dallo sforzo del lavoro.

La pausa di recupero piu completa è il sonno. I periodi di distensione che riposano e rinfrescano le nostre cellule nervose, occupandole con attività completamente diverse dell'attività lavorativa quotidiana, sono il riposo della sera, i giorni festivi e le vacanze.
L'incoscienza fisiologica profonda, che corrisponde all'inattivita completa della corteccia cerebrale, costituisce il vero compito del sonno, infatti l'uomo puo vivere piu a lungo senza mangiare che senza dormire.
Però molte persone non trovano più riposo nel sonno in quest'epoca senza quiete e pace. In gran parte i disturbi del sonno sono la conseguenza di un nervosismo generale che è la malattia tipica dei nostri giorni.
L'alzarsi per i nervosi è un compito penoso. si alzano insonnoliti, stanchi e con poca voglia di lavorare. Per questi la giornata inizia solo la sera.

Come ovviare a tali disturbi? Per quanto sia comodo prendere una pillola non si dimentichi che il sonno chimico non sostituisce quello spontaneo quindi è bene far riposare il nostro cervello con una vita piu serena e attività sportiva giornaliera.

 

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Argento metallo nobile anche perché terapeutico

argento minDr. Antonio Colasanti - L'argento, simbolo chimico "ag", è conosciuto da molto tempo per le sue speciali proprietà. I popoli antichi, greci e romani, usavano recipienti d'argento per mantenere freschi le bevande. Nel corso dei secoli le corti reali continuarono questa pratica conservando le loro provviste in contenitori di argento.

I membri delle famiglie privilegiate usavano posate d'argento, per mangiare avevano le pietanze servite su piatti d argento e bevevano le loro bevande in coppe d'argento. Così la pelle dei "sangue blu" si dice avesse una sfumatura blu a causa delle minute tracce del puro metallo d'argento che ingerivano regolarmente.
Nell'epoca dei pionieri americani, i coloni diretti ad ovest viaggiavano mettendo i dollari d'argento nel loro latte per ritardarne il deterioramento.
All'inizio del ventesimo secolo l'argento era visto come un efficace rimedio anti-germi. In medicina una soluzione conosciuta come argento colloidale era usato come antibatterico, negli anni '70 divento un medicamento di valore, medici americani lo usarono come trattamento efficace per le vittime di ustioni.

Le ricerche attuali dimostrano come batteri virus e funghi non possono vivere piu di qualche minuto in presenza di una traccia seppur minuscola di argento metallico. L'argento stimola profondamente la guarigione della pelle e di altri tessuti in modo diverso da ogni processo naturale conosciuto ed uccide le piu pericolose infezioni di tutti i tipi di batteri e funghi. L'argento è un potente battericida, ma da quando Fleming scopri l'antibiotico venne smesso l'utilizzo clinico.
Il temine colloidale è riferito ad una sostanza che consiste di particelle ultra-piccole che non si dissolvono ma rimangono disperse in sospensione. Queste particelle ultra fini consistono di molti atomi o molecole talmente piccole da non poter essere viste a occhio nudo.

L'argento si collega al corretto funzionamento del sistema di difesa naturale del corpo e le persone con un inadeguata assimilazione di argento saranno piu portate ad ammalarsi.
Non ci sono controindicazioni particolari dall'utilizzo dell'argento colloidale inoltre non si segnalano casi di interazione con altri medicinali.
L'argento colloidale puo essere assunto oralmente o per uso esterno collocato su una garza o applicato direttamente su tagli e ferite.
Inoltre, come detergente per acne ed irritazioni per gargarismi, per aerosol, per irrigazioni vaginali.
Battericida elimina oltre 650 agenti patogeni, virus, funghi, parassiti.

Oggi siamo tutti in grado di diventare sangue blu e di poterci curare e prevenire in modo naturale numerose patologie infettive con un rimedio semplice.

 

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Sottoscrivi questo feed RSS
Bookmaker with best odds http://wbetting.co.uk review site.

Privacy Policy

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici