fbpx
Menu
A+ A A-

2° appuntamento a Trisulti per dire NO a Steve Bannon

  • Scritto da  Maria Giulia Cretaro e Valentino Bettinelli

DanielaBianchi 350 260 mindi Valentino Bettinelli e Maria Giulia Cretaro (video) - Secondo appuntamento a Trisulti per la Rete delle Comunità Solidali. Dopo la marcia del 29 dicembre dello scorso anno, gli attivisti si sono radunati nuovamente in quel di Collepardo, per percorrere insieme i 6 Km che portano alla storica Certosa. Sito al centro di un acceso dibattito, che ha ormai assunto i tratti di una disputa politica. Da una parte la DHI (Dignitatis Humanae Institute), capeggiata e finanziata da Steve Bannon; sull’altro fronte la società civile tutta, dalle associazioni ai partiti, a difesa di un Bene Comune.

Nodo della questione il bando del Ministero dei Beni Culturali, rispondendo al quale nel giugno 2017 si affidava definitivamente la gestione della Certosa alla fondazione sovranista, guidata in loco da Benjamin Harnwell.
Il corteo di circa duecento persone ha pacificamente manifestato la propria contrarietà al progetto che ridurrebbe la Certosa ad un avamposto delle nuove destre sovraniste e anti europeiste. Proprio da questa base, muove il suo intervento Daniela Bianchi, tra i portavoce della manifestazione. “Trisulti è una tappa importante del cammino dedicato al Patrono d’Europa San Benedetto. Appare netta dunque, la contraddizione tra la vocazione del luogo e le finalità della DHI. In molti hanno voluto politicizzare le idee di Comunità Solidali. La nostra è solo una protesta contro un pensiero chiuso, favorito dal compattarsi dello schieramento populista internazionale”. La già consigliera regionale ha messo in luce anche le azioni che seguiranno la marcia. Primo passo la richiesta al Ministro Bonisoli di ricorrere al all'auto tutela per quanto riguarda gli errori commessi in occasione della concessione. Previa analisi giuridica, effettuata con la consulenza dell’Avv. Felice Spirito e dell’Architetto Marcello Cervini (con il quali ebbiamo anche parlato approffondendo quanto è in itinere), è emersa la conflittualità tra gli obiettivi attuali con quelli espressi in fase di concessione. Sarà però necessario che un ente deputato avanzi la richiesta di revoca effettiva. Il pragmatismo istituzionale dovrebbe in questo caso essere affidato agli enti locali (Comune, Provincia, Regione), grandi assenti all'evento. Mancavano all'appello ancora una volta amministratori e parlamentari del territorio. Unico presente, L'On. Nicola Fratoianni (Sinistra Italiana), già firmatario di interrogazioni parlamentari in merito. Lo stesso Deputato si è impegnato “a continuare a non dare tregua al governo, come già fatto con l’interpellanza a cui ha risposto il sottosegretario Vacca, ponendo al centro le contraddizioni del bando”. (anche in video)tettodanneggiatoCertosaTrisulti ritaglio min

La scarsa risonanza locale è in netta antitesi con l’eco nazionale e internazionale. Già da mesi, la vicenda risalta nelle cronache di testate e televisioni estere. Anche nella mattinata del 16 marzo notevole presenza di taccuini, microfoni e telecamere; dai tre tg delle reti Rai, alla tedesca ZDF, passando per blog e testate indipendenti.
Evidente dunque, che il sovranismo di deriva trumpista genera timore ed interesse senza esclusione di luoghi all’apparenza isolati e politicamente marginali.
A balzare agli occhi di tutti l’evidente stato di abbandono della Certosa; curioso dato che tra le clausole di gestione, la manutenzione risultava essere punto capillare. Ulteriore punto di contrasto alla legittimità della concessione.

Numerose le adesioni alla manifestazione organizzata dalle Comunità Solidali: tutti mossi dal comune intento di difesa del valore collettivo del bene comune. Hanno partecipato: Collettivo Ugualmente, Legambiente, PSI, Potere al Popolo, Possibile, Sinistra Italiana, la Piattaforma Civica di Ceccano, il Circolo Pd di Frosinone. Partecipazione che rappresenta il vero spirito delle Comunità Solidali sul territorio; individualità eterogenee capaci di costruire reti e sinergie, lavorando su obiettivi unanimemente condivisi.

La strada da percorrere è sicuramente lunga e i passi da compiere ancor di più. Due marce hanno sollecitato le coscienze di molti, ma l’immobilismo della classe dirigente, locale e nazionale, non può continuare.
Resta fermo l’obiettivo di arrivare a dama, restituendo un luogo di cultura e sacralità al suo unico proprietario legittimo: il Popolo Europeo.

 

Dichiarazione di Nicola Fratojanni, Deputato al Parlamento e Segretario di Sinistra Italiana, raccolta a cura di Maria Giulia Cretaro

 

 

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Torna in alto
Bookmaker with best odds http://wbetting.co.uk review site.

Privacy Policy

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici