Menu
A+ A A-

Potere al Popolo aderisce alla manifestazione “BASTA ACEA ATO5"

  • Scritto da  Potere al Popolo

poterealpopolo 350 260Potere al Popolo prov. di Frosinone, aderirà alla manifestazione “BASTA ACEA ATO5" che si terrà a Frosinone, Sabato 17 febbraio con partenza dal piazzale del vecchio stadio. La vicenda di Acea, è emblematica di come il capitale grazie ai comitati d’affari che occupano il Parlamento e le assise locali, riesce a vessare i cittadini, lucrando su un bene fondamentale per la vita come l’acqua. Nel 2011 il popolo sovrano attraverso un referendum ha decretato che sull’acqua è vietato fare profitti con l’abolizione della remunerazione del capitale investito.

I sindaci dei Comuni compresi nei vari ATO stranamente ignorano il referendum continuando ad approvare tariffe illegali comprensive del profitto per il gestore. Dal 1° gennaio 2012 con il decreto Salva-Italia, del governo Monti, la determinazione delle tariffe viene demandata ad un organo specifico l’Autorità per l’Energia il Gas ed il Servizio Idrico (AEEGSI) il quale stabilisce che le tariffa debba coprire interamente i costi sostenuti dal gestore, fra questi figura il costo della risorsa finanziaria, in pratica la vecchia remunerazione del capitale eliminato dal referendum, viene reintrodotto sotto altro nome. Ma il tracollo si ha nel maggio del 2017 quando il Consiglio di Stato respinge definitivamente i ricorsi presentati dalle associazioni dei consumatori sulla mancata attuazione del referendum nella determinazione della tariffa.

Secondo il supremo giudice amministrativo, ai sensi della normativa italiana ed europea attualmente in vigore il servizio idrico è un servizio a “rilevanza economica” dunque deve assicurare una rendita direttamente stabilita dai mercati finanziari. Con buona pace di quei 26 milioni di cittadini che hanno votato per l’acqua pubblica, Acea è legittimata a distribuire dividendi milionari ai propri azionisti, sacrificando gli investimenti per l’efficientamento , e ad assicurare il profitto proprio attraverso la tariffa.

Il Comune di Roma è il maggiore di questi azionisti detenendo il 51% delle azioni di Acea, ma la sindaca pentastellata Raggi pur promettendo in campagna elettorale la rideterminazione degli assetti societari di Acea, verso una maggiore predominanza del pubblico e una quota di investimenti maggior per l’adeguamento della rete idrica, nulla ha fatto.

Il Movimento che prometteva di aprire il Parlamento come una scatola di tonno non è riuscito neanche a scalfire lo scafandro della multi utility romana. Uguale responsabilità ha la Regione a guida Pd. Pressata dalle normative europee il Consiglio guidato da Zingaretti, approva la legge 5 recependo tutte le indicazioni del forum dei movimenti per l’acqua. Sembra fatta. La legge propone la gestione pubblica della risorsa. Ma siccome gli interessi del Capitale (Acea) sono intoccabili, la normativa non verrà mai applicata per la mancanza dei decreti attutivi, per altro licenziati pochi giorni fa, che di fatto peggiorano la situazione attuale. La meritoria attività dei movimenti per l’acqua pubblica attivi nella nostra Provincia organizzano manifestazioni e offrono consulenza per contestare e non pagare bollette, “creative” . E’ la giusta strada. Bisogna colpire il capitale fin dentro il portafoglio.

Ma a soccorrere Acea ci pensa il comitato d’affari a guida Pd che è al governo. Con il decreto del 22 febbraio 2016 il ministro dell’economia e delle finanze Padoan autorizza la riscossione coattiva dei crediti vantati da Acea Ato5 nei confronti degli utenti della Provincia di Frosinone. In pratica solo a Frosinone e Provincia una legge speciale prefigura per chi non paga un reato penale con la possibilità del distacco del contatore. La vicenda della risoluzione del contratto richiesta da 11 sindaci guidati dal primo cittadino del Capoluogo Ottaviani , alla fine rivela lo scopo esclusivamente elettoralistico dell’operazione.

Infatti il TAR boccia l’istanza per gravi vizi procedurali. Di fronte ad un tale danno per il benessere di cittadini , arrecato dagli interessi del capitale privato supportato dall’oligarchia politica, non resta che la mobilitazione a cominciare da sabato 17 febbraio a Frosinone. Invitiamo tutti i cittadini a partecipare, per liberarci da Acea, ma soprattutto per ribadire che se non s’impone la gestione pubblica e partecipata della risorsa idrica, sottraendola alle mire del mercato, nessuna impugnazione di bolletta o reclamo sarà efficace. Rimane comunque indispensabile continuare a contestare le fatture e rendere più dura la protesta.
Non serve la risoluzione ma la RIVOLUZIONE.

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

Sostieni UNOeTRE.it
Torna in alto
Bookmaker with best odds http://wbetting.co.uk review site.

Privacy Policy

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici