fbpx
Menu
A+ A A-

PD. Mazzocchi scrive a Eugenio Scalfari

Eugenio Scalfari 350 260 minIl testo intergrale della lettera che Ermisio Mazzocchi ha scritto a Eugenio Scalfari a proposito delle posizioni da lui assunte in merito a quello che dovrebbe essere il congresso straordinario del PD e le stesse scelte che esso dovrebbe operare.


 

Alla c.a.
Eugenio Scalfari
La Repubblica
Roma

«Egregio Scalfari,
ho letto l'invito che lei ha rivolto a Luigi Zanda a esporre una sua valutazione sul PD e la situazione politica europea e italiana. (La Repubblica 8 dicembre 2018).
Mi consenta qualche breve considerazione su quanto scritto da Zenda.
Mi sembra che l'analisi dello stato attuale della situazione politica svolta da Zanda sia soddisfacente e che in sostanza descriva avvenimenti noti e riveli una conflittualità sociale e politica sufficientemente conosciuta.
In riferimento al PD appare scontato che è in uno stato di estrema difficoltà e ancora una volta si cade in considerazioni rivolte alla persona (Zingaretti) più che ai programmi.
Dove è la carenza che rilevo in questa descrizione di ottima fattura? Manca una approfondimento su le forze in campo, in particolari quelle del capitale finanziario, una assenza di una visione dello scontro sociale provocato da una carenza dei punti cardini di una società, quali il lavoro, la stabilità occupazionale, la qualità della vita. Nessun riferimento ai processi nefasti della globalizzazione.
E per quanto riguarda il PD, accennare a un congresso senza interrogarsi cosa è il PD, cosa deve essere, cosa rappresenta, non chiarisce quale congresso deve svolgersi. Dove si deve collocare il PD? Su un riformismo rinnovato, su un orizzonte della sinistra, su un area centrista? Sono risposte che si devono dare, soprattutto da parte di chi si ritiene esperto di politica.
Un congresso che dovrebbe, tra l'altro, rinnovare la democrazia per rendenderla più vicino ai bisogni della gente. Come non si può non essere d'accordo? Ma è la sua sostanza che mi lascia perplesso. Quale democrazia, come renderla efficace, quali sono gli interlocutori di questa democrazia e quindi dello stesso PD? La società, si potrebbe affermare. Società, termine generico che dice tutti e nessuno.
Sono interrogativi che non possono essere elusi.
Avrei preferito una risposta più nel merito degli sconvolgimenti sociali ed economici che investono l'Italia e l'Europa. E come il PD intende rispondere a essi e vorrebbe definire la sua identità.
E questo era il senso, a mio avviso, della sue richiesta. E per quanto mi riguarda dobbiamo inviare messaggi che entrino nel vivo del tessuto sociale. Altrimenti si continua a parlare degli altri, a non proporre alternative, a parlare di se stessi.
Ho voluto esprimere brevi riflessioni e mi scuso per la loro sintesi. Spero, comunque, di avere sufficientemente espresso le mie perplessità.
La ringrazio per la sua attenzione.

PS Conosco alcuni argomenti a lei cari. Pertanto, la invito ad andare sul sito del giornale online www.unoetre.it e leggere un mio articolo dal titolo "Via dal vento della confusione"».

 

Allego mia biografia.

Ermisio Mazzocchi, nato a Vetralla (1946), si trasferisce all’età di quattro anni a Cassino, dove completa gli studi medi, conseguendo la Maturità classica presso il Liceo classico “G. Carducci” di Cassino.
Laurea in Filosofia, conseguita presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Roma “La Sapienza” nell’anno accademico 1970/71 con una tesi discussa con il Prof. Renzo De Felice.
Docente nei Licei per un breve periodo. Si iscrive alla FGCI (Federazione giovani comunisti italiani) nel 1960 e poi dal 1965 al PCI.
Funzionario politico (a pieno tempo) del PCI della Federazione di Frosinone dal 1972, anno in cui si trasferisce a Frosinone, al 1985. Ricopre diversi incarichi come membro della Segreteria provinciale.
Ha sempre fatto parte degli organismi dirigenti della Federazione di Frosinone dal PCI al PD.
Presidente provinciale della Confederazione italiana coltivatori (oggi CIA) della provincia di Frosinone dal 1985 al 1990. Responsabile regionale (come funzionario politico) della Commissione agricoltura nel Comitato regionale del PCI e in seguito del PDS e dei DS del Lazio dal 1990.
Responsabile regionale dell’Autonomia tematica agricoltura del Lazio (PDS e DS) e responsabile dell’organizzazione di quella nazionale dal 1994 al 2001.
Nel 2016 è nominato dalla Federazione del PD di Frosinone responsabile de "Osservatorio su la trasparenza e la legalità".
Presidente, su nomina del Presidente della Regione Lazio, Badaloni, della “Consulta per la promozione dei prodotti tipici enogastronomici laziali della Regione Lazio” presso l’Arsial (Agenzia regionale per lo sviluppo e l’innovazione dell’agricoltura del Lazio) dal 1998 al 2000.
Collabora, con diversi incarichi, presso l’Arsial.
Tiene presso l’Università degli Studi di Cassino nell’anno Accademico 2003/2004 un corso sul tema “Storia della bonifica pontina”, svolto presso la sede universitaria di Terracina.
Cultore presso l’Università di Cassino e del Lazio Meridionale della materia per l'insegnamento di Storia delle dottrine politiche per l'AA. 2012/2013 e di quella per l'insegnamento di Storia della comunicazione politica e Pensiero politico e questione femminile per gli AA. AA. 2013/2018.
Prosegue il suo impegno politico nel PD con particolare attenzione al ruolo dei partiti nell’attuale momento della società italiana.
Pubblica i seguenti libri: “Lotte politiche e sociali nel Lazio Meridionale 1921-1963”, 2003, Premio letterario "Val di Comino" 2005; “Partiti e società nel Lazio meridionale 1964-1994”, (2011); Frosinone. Una provincia al voto 1946-2013”, (2013); La Camera del lavoro del Lazio meridionale dal dopoguerra al terzo millennio (coautore, 2018).

 

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Torna in alto
Bookmaker with best odds http://wbetting.co.uk review site.

Privacy Policy

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici