fbpx
Menu
A+ A A-

Il come e perché del debito pubblico italiano in pillole. 4

  • Scritto da 

Debito pubblico italiano 2Il come e perché del debito pubblico italiano in pillole. Piccola guida di UNOeTRE.it

Secondo tecnocrati finanziari, élite politiche e media mainstream, la vorticosa ascesa del nostro debito pubblico – 2.217,7 miliardi al 31 dicembre 2016 – dipenderebbe dal fatto che per decenni tutte e tutti noi abbiamo vissuto al di sopra delle nostre possibilità. la realtà è molto diversa da quella raccontata dalla narrazione prevalente.
Non è una rivelazione, né cosa mai fatta prima. Non siamo né i primi né saremo gli ultimi, vogliamo solo un contribuire a divulgare sempre di più la verità sul debito pubblico italiano. Ricordiamo che questo scopo è anche nato il "Comitato per l'abolizione dei debiti illegittimi Italia".  http://it.cadtm.org/2017/02/14/verita-e-giustizia-sul-debito-pubblico-italiano/
Di debito illeggittimo ne hanno parlato fra gli altri Antonio De Lellis, Paolo Ferreo, Francuccio Gesualdi, Marco Saba, Marco Bersani da cui attingiamo brani del suo libro “Dacci oggi il nostro debito quotidiano. Strategie dell’impoverimento di massa"; (DeriveApprodi).

 

La quarta "pillola": «Un divorzio che ci ha disastrato»

Era il 12 febbraio 1981 quando ci fu uno straordinario "divorzio all’italiana". L’allora Ministro del Tesoro, Beniamino Andreatta, scrive al governatore della Banca d’Italia, Carlo Azeglio Ciampi per proporgli l’indipendenza della Banca d’Italia. Cioè "il cosiddetto divorzio fra Banca d’Italia e Ministero del Tesoro". Il governatore dice di si e senza alcun altro passaggio istituzionale, inizia il nuovo corso.

«Per capire il significato dirompente di questo divorzio, occorre comprendere la natura del matrimonio. Fino ad allora, infatti, quando lo Stato emetteva titoli per potersi finanziare, la Banca d’Italia forniva la garanzia di acquistare i titoli invenduti a tasso d’interesse prefissato. Questo permetteva allo Stato di emettere i titoli a basso tasso d’interesse e di poterli vendere tutti, chiudendo la strada a ogni possibile speculazione finanziaria.»

Tutto cambia con il divorzio. Non esistendo più il paracadute della Banca d’Italia sull’invenduto, da quel momento lo Stato è costretto a emettere titoli e per venderli doveva necessariamente riconoscere alti tassi d’interesse.

«È stato da quel momento che lo Stato italiano ha iniziato a pagare interessi superiori – anche nettamente – al tasso d’inflazione e che il debito pubblico ha iniziato a gonfiarsi a dismisura. Con il divorzio del 1981, lo Stato italiano, per il finanziamento delle proprie attività, si è messo nelle mani della finanza privata e della speculazione finanziaria ed è questa la ragione primaria per cui il debito pubblico italiano è esploso.»

D’altronde, sono ancora una volta i numeri a fare tabula rasa delle narrazioni ideologiche.

«Dal 1980 al 2007 lo Stato italiano ha contratto 1.335,54 miliardi di debito, sui quali ha pagato ben 1.740,24 miliardi di interessi. Volendo fare un paragone tra il periodo 1960-1980 e il periodo 1981-2007, mentre nel primo lo Stato pagava tassi d’interesse al di sotto dell’inflazione, nel secondo ha mediamente pagato tassi d’interesse superiori del 4,2% al tasso d’inflazione. Questi dati sono confermati anche da un’analisi del bilancio annuale dello Stato: dal 1990 al 2015, con la sola eccezione del 2009, ogni anno l’Italia ha chiuso con un avanzo primario, ovvero con le entrate sempre superiori alle uscite e una differenza complessiva, per il periodo preso in esame, di oltre 700 miliardi. Detto in altri termini, significa che i cittadini hanno versato allo Stato 700 miliardi in più di quello che dallo Stato hanno ricevuto sotto forma di fornitura di servizi. E, nonostante questo, il debito pubblico è aumentato, grazie al circolo vizioso degli interessi sul debito.» (dal volume di Marco Bersani: "Dacci oggi il nostro debito quotidiano. Strategie dell’impoverimento di massa")

 

A domani, la nostra quinta "pillola": «La socializzazione delle perdite»

 

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

Sostieni UNOeTRE.it
Torna in alto
Bookmaker with best odds http://wbetting.co.uk review site.

Privacy Policy

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici