fbpx
Menu
A+ A A-

Quello che Casapound non dice

facebook 350 mindi Antonella Necci - Facebook presenta un reclamo contro l'ordinanza del Tribunale di Roma che il 12 dicembre scorso aveva ordinato al social "l'immediata riattivazione della pagina dell'Associazione di Promozione Sociale CasaPound''.

La disattivazione della pagina ufficiale di CasaPound da parte di Facebook era avvenuta il 9 settembre scorso. ''Non vogliamo che le persone o i gruppi che diffondono odio o attaccano gli altri sulla base di chi sono utilizzino i nostri servizi, non importa di chi si tratti - commenta un portavoce di Facebook - Per questo motivo abbiamo una policy sulle persone e sulle organizzazioni pericolose che vieta a coloro che sono impegnati in 'odio organizzato' di utilizzare i nostri servizi. Partiti politici e candidati, così come tutti gli individui e le organizzazioni presenti su Facebook e Instagram, devono rispettare queste regole, indipendentemente dalla loro ideologia". "Ci sono prove concrete - sottolinea il portavoce di Facebook - che CasaPound sia stata impegnata in odio organizzato e che abbia ripetutamente violato le nostre regole. Per questo motivo abbiamo presentato reclamo contro l'ordinanza del Tribunale di Roma".

Un gesto etico importante quello del social network Facebook, forse anche per riconquistare una fetta di utenti che sono emigrati verso Instagram e Twitter gettando nel panico gli amministratori che vedono perdite di milioni di dollari ogni giorno.
Il primo e più importante social fino a qualche anno fa sta perdendo i pezzi, complice anche la politica e il suo inventore che, ricordiamolo, per soldi, ha venduto i dati sensibili di milioni di utenti bersagliati da società come Cambridge Analytics al fine di forgiarne il voto politico. Alle ultime elezioni americane, tanto per enunciare un esempio.

Una politica sociale più eticamente onesta sta invadendo l'animo di Zuckerberg e seguaci. Ben venga questo cambiamento di rotta, se serve a bloccare siti come casapound, salvini e compagni. Ma la medesima politica dovrebbe essere anche parte dell'etica sociale di tutti gli altri siti più comunemente visitati. Altrimenti si assisterà semplicemente ad una fuga di odio verso lidi più accoglienti.

Articoli e  news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui

aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Pubblicato in Commenti, Antonella Necci
Torna in alto
Bookmaker with best odds http://wbetting.co.uk review site.

Privacy Policy

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici