fbpx
Menu
A+ A A-

I non udenti

  • Scritto da 

Quasi il 50% ai lavoratori... per qulcuno è come l’aglio per i vampiri

collage 350 mindi Aldo Pirone - Il decreto legge del governo Conte varato l’altro ieri, dopo tante sofferte fibrillazioni grilline e non solo, è stato battezzato “rilancio”. La cifra complessiva di 55 miliardi è senz’altro poderosa e giunge dopo quelle minori già stanziate in dl precedenti. Di queste ultime alcune parti importanti si sono impigliate nelle maglie burocratiche dell’amministrazione statale e regionale e nelle banche, arrivando a erogare i denari a lavoratori (Cassa integrazione in deroga) e imprese (decreto liquidità), soprattutto piccole e commerciali, con ritardo. Il che, vista la situazione, ha fatto una pessima impressione sia agli interessati più che mai bisognosi sia all’opinione pubblica più in generale. Conte ha dichiarato che il problema della tempestività nell’arrivo dei sostegni è ben presente e che il governo è impegnato a semplificare i passaggi burocratici e a velocizzare. Speriamo.

Non mi pare che il dl si possa chiamare “rilancio”, quanto, piuttosto, “sopravvivenza”. Nome più consono alla situazione epidemica in corso che richiede ancora, sostanzialmente, provvedimenti che assicurino in qualche modo la tenuta in vita dell’apparato produttivo e commerciale e dei servizi. Soprattutto, delle persone che in esso operano: i lavoratori, dipendenti e autonomi. Il che non vuol dire che non ci siano anche cifre cospicue che guardano al futuro; a un futuro diverso dal passato. E’ questo il caso dei 3,5 miliardi per la sanità e del miliardo e mezzo circa per l’Università e la ricerca, i bonus e i crediti d’imposta ecologici. Complessivamente il dl stanzia 25,6 miliardi per i lavoratori, 15-16 per le aziende, 3,25 miliardi alla sanità, 1,4 miliardi a università e ricerca, 2 miliardi per il turismo, 1,5 alla scuola e altri numerosissimi provvedimenti per categorie e famiglie.

Da lor signori non è stato preso bene. Non dico dall'opposizione di destra e loro corifei che ormai sono dediti solo a fare gli sfasciacarrozze. A mandare in bestia costoro è stata la modesta regolarizzazione, temporanea e per breve periodo, dei lavoratori immigrati che per Salvini e la Meloni sono come l’aglio per i vampiri. A masticare amaro sono anche coloro che si potrebbero definire le “vedove bianche” di Draghi e di un matrimonio che non si è mai consumato e manco celebrato. Per mancanza di testimoni e, soprattutto, dello sposo. Quello che non gli va giù è la divisione della torta. Ai lavoratori, direttamente e indirettamente, quasi il 50% e a loro solo quei miseri 16 miliardi. Volevano proporzioni ben diverse, quelle che hanno sempre avuto dai governi precedenti, anche quelli di centrosinistra. Volevano che le risorse fossero, se non tutte, in gran parte per loro e senza tanti controlli e condizionamenti dello stato. Così come fu dopo la grande crisi del 2008-11 quando l'Italia si impantanò dentro la crescita del debito pubblico e una ripresa economica asfittica, in cerca ogni anno della flessibilità, con il cappello in mano, dall’Europa dell’austerity merkeliana.

Perciò, questa “razza padrona” sparge calde lacrime sui suoi house organ e nei talk show tramite giornalisti e intellettuali addetti alla bisogna. Le accuse al governo variano: dai provvedimenti a pioggia alle mance ed elargizioni per ogni categoria, dalla lunghezza cartacea del decreto ai modi incostituzionali della sua presentazione, dalla disorganicità alla mancanza di grandi riforme, dallo statalismo incombente, alla sempre presente e non eliminata burocrazia, dalle ironie e dal sarcasmo sul finanziamento dei monopattini e delle bici elettriche a tanto altro ancora che l’estro del giornalista di turno riesce a escogitare.

Il decreto non basterà a rilanciare l’economia, ci sarà bisogno di altri interventi massicci perché se prima non si esce definitivamente dalla pandemia, una ripartenza economica piena è poco immaginabile in convivenza con il Covid 19. Però, è possibile e doveroso, nel mentre si cerca di tenere in piedi le persone e l’apparato produttivo e commerciale, pensare a un futuro economico e sociale diverso, ecologicamente e ambientalmente sostenibile.

Ma da questo orecchio loro signori, come dimostrano le dichiarazioni del neopresidente della Confindustria, il muscolare Bonomi, non ci sentono, né ci hanno mai sentito.

Pubblicato anche sul giornale on line "strisciarossa"

malacoda 75

Aldo Pirone, redattore di malacoda.it

 

 

Modulo nuovo di Autocertificazione per ottemperare alle disposizioni dell'emergenza coronavirus da SCARICARE, STAMPARE e COMPILARE

Files:
zip.png Modulo di autocertificazione
(0 voti)

Modulo di autocertificazioine. Mininterno 26 marzo 2020

Data 2020-03-11 Dimensioni del File 456.82 KB Download 78 Scarica

Articoli e news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui
aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Pubblicato in Commenti
Torna in alto
Bookmaker with best odds http://wbetting.co.uk review site.

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici