fbpx
Menu
A+ A A-

Sinistra. Un appello affinché tornino a parlarsi

Teatro Brancaccio pienodi Daniela Mastracci - Mancano due giorni al 18 novembre. E non sarebbe stato un 18 novembre solito. Sarebbe stato il giorno della speranza di centinaia e centinaia, oso dire migliaia e migliaia donne e uomini che avevano pensato quel prossimo sabato romano come l’appuntamento della rinascita. Una rinascita dal letargo, dall’assuefazione, dalla delusione respingente, dal pessimismo, dalla paura anche. Perché il prossimo sabato 18 novembre ci si sarebbe ritrovati al Brancaccio. Abbiamo seguito il percorso da subito, ci siamo appassionati al nostro futuro. Non ci si chiedeva di fermarsi a pensare al nostro presente, no.

Era proprio quella la grande novità, credo: ci si chiedeva di avere il coraggio di guardare avanti, oltre i drammi di oggi, oltre le ingiustizie, le forme striscianti e più manifeste di illegalità, di malaffare, di mezzucci, di furbizie, di tattiche, di politicismi, come ho imparato a chiamarli. Ci si chiedeva di spingere lo sguardo al di là della grettezza del presente, di osare finalmente pensare che tutto fosse ancora possibile. Che si potesse rovesciare il tavolo, che si potesse fermare la corsa sfruttatrice del capitalismo imperante. Ci si diceva che la Costituzione poteva salvarci, era ancora la nostra piattaforma condivisa. La nostra forza. E noi, che l’avevamo difesa e brandita contro chi volesse strapparcela di mano, chi volesse restringere ancora di più lo spazio democratico e partecipato della rappresentanza, del voto, dell’opinione, del diritto, noi tutti, le donne e gli uomini del 4 dicembre e tutti coloro che si stavano smuovendo pian piano dall’abulia, noi ci volevamo provare.

 

Ci siamo dichiarati pronti. Ci siamo attivati. Avevamo superato lo scoglio della autoconvocazione: il difficile, dopo anni e anni di silenzio, di invisibilità, di impotenza, era stato proprio chiamarci da soli alle assemblee territoriali, dirci l’un l’altro: proviamoci. Non restiamo fermi. Non restiamo in silenzio ancora una volta. Ci siamo spronati a vicenda. E ci siamo messi in cammino. Quel nostro cammino è stato arrestato. Il coraggio di guardare avanti è mancato? Quell’osare l’impossibile ha spaventato? Vedere tanto popolo muoversi ha messo paura? Vedere che gli argini si potevano rompere, che i silenti aprivano la bocca e non smettevano più di dire Adesso basta! Farsi consapevoli che poteva trattarsi di una marea umana ha fatto fare muro. Ma a chi, per davvero? Ad Anna Falcone e Tomaso Montanari? L’apparenza ci dice questo. Forse sarebbe opportuno domandarsi di più. Forse dovremmo tutti crederci ancora e immaginare quale sarebbe stato il risultato: poteva accadere ciò che è accaduto in Inghilterra? Oppure in Francia? Oppure in Spagna, ancor prima? Poteva forse accadere che il voto di una marea umana, fatta di quei “sommersi” di cui Montanari ha parlato fin dal primo istante, avesse potuto dilagare e attestarsi sulla doppia cifra percentuale? Quanti sono gli elettori italiani? Quale percentuale ci riportano le amministrative dello scorso giugno? E il voto in Sicilia? E quello a noi vicinissimo di Ostia?

 

Queste elezioni ci riportano un dato comune: l’astensione come primo partito, il partito dei silenti. E se coincidesse con la marea umana che si era messa in movimento per le assemblee territoriali e che aspettava il 18 novembre? Questa domanda è centrale, adesso. Perché si parla di milioni di elettori potenziali. Si parla di numeri che in Italia non si vedono al voto da un bel un po’. Certo, si dirà, la legge elettorale Rosatellum blinda il Parlamento: ma se quei milioni votassero? E se proprio il percorso che doveva vedere uniti i partiti Sinistra Italiana, Possibile, PRC, Alleanza per la Democrazia e l’Uguaglianza, Mdp, le associazioni, i comitati, i cittadini tutti che, senza un chiaro riferimento partitico, avevano però aderito al progetto-processo, e il Pci, in tutte le sue tante declinazioni, i giovani soprattutto, che al voto del 4 dicembre avevano raggiunto l’81% di votanti, insomma se tutti, ma proprio tutti, avessero portato avanti il percorso fino al voto? Con una lista unita? La lista del popolo che finalmente avrebbe ridato un senso al votare, che ci avrebbe riposto una nuova fiducia. Ecco, cosa sarebbe potuto accadere? Altro che 3%. Un numero percentuale che non oso nemmeno immaginare, ma che forse chi ci ha guardati, ha immaginato eccome! Melenchon ha preso il 19%. Corbyn il 40%. Il 40% è un numero da rabbrividire! La strada verso l’Alleanza avrebbe riportato al voto gli astenuti? Avrebbe dato motivo in più e corroborato chi al voto ha continuato ad andare in questi ultimi anni? Era un potente corroborante! Ecco, domandiamoci perché il processo è stato interrotto. Ma non credo che basti dire che un’assemblea viene sconvocata, come è stato scritto, per rispondere. Penso che ci voglia di più.

 

E ora che fare? Risuona nella mente il libro di Lenin. C’è ancora margine? Si può ricompattare le file sfilacciate? Si può fare un appello, ennesimo, lo sappiamo, a chi si incontrerà il 2 dicembre affinché sia aperto e inclusivo a chi oggi sta fuori? Si può lanciare un appello affinché tornino a parlarsi? Affinché chi ha detto, fino a ieri, che voleva una Sinistra davvero finalmente alternativa al Pd, e a tutta le destra italiana, possano ancora comprendere che si deve tentare? Altrimenti si guadagnano seggi in Parlamento, ma non si muovono di un millimetro i rapporti di forza, anzi! La destra non è soltanto Berlusconi, è la Meloni, è Salvini, e è Alfano con il giochetto già visto delle dinamiche da Pentapartito; è, sconcerto a parte, Casa Pound, è Forza Nuova, è un fascismo che, quello si, ha preso coraggio, ha visto che non lo si ferma, e allora ha capito che può tornare. Contro tutto questo, soltanto le percentuali che Melenchon e Corbyn, ancor di più, hanno riportato alle elezioni, potrebbero modificare i rapporti di forza. Allora facciamo un appello: non pensate soltanto ad essere presenti in Parlamento. Pensiamo, insieme, di essere una forza parlamentare che possa incidere avendo cambiato i rapporti di forza.

Torna in alto
Bookmaker with best odds http://wbetting.co.uk review site.

Privacy Policy

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici