fbpx
Menu
A+ A A-

Gravità della situazione nella Fca di Piedimonte San Germano

  • Scritto da  Mario Costa

La battaglia che si sta combattendo “non riguarda il poter avere un euro in più”

fca distanziati 19giu20 mindi Mario Costa - Più delle tante cose dette anche questa mattina in quell’angolo della bella villa comunale, dove sgorga limpida e fresca acqua di sorgente che dà vita, da lì, al Gari, a dare l’idea della gravità della situazione nello stabilimento Fca di Piedimonte San Germano, è un dato: solo tre giorni di lavoro a maggio, altrettanti in questo mese di giugno. Tra i lavoratori, delegati della Fiom Cgil, si toccava con mano la preoccupazione per il loro futuro lavorativo. Nell’espressione dei loro volti, evidente la sofferenza per la prolungata, interminabile cassa integrazione che falcidia i redditi di nuclei familiari, per la stragrande maggioranza a monoreddito. Eppure la battaglia che si sta combattendo “non riguarda il poter avere un euro in più”, ha evidenziato Michele De Palma, il segretario nazionale della Fiom, calato qui a ricordare che la cassa integrazione a ripetizione danneggia il territorio intero. Facile comprendere come della riduzione della potenzialità di spesa, che non si limita ai soli lavoratori della Fca ma coinvolge l’intero indotto, soffrano tutti i settori economici della zona. La battaglia in corso riguarda soprattutto i giovani, oggi in età scolare, ai quali bisognerà garantire un futuro lavorativo. Che non sarà un buon futuro se il loro territorio perde la capacità produttiva che lo ha caratterizzato negli anni passati. Una grande battaglia anche, se non soprattutto, di prospettiva che bisognerà saper fare scegliendo la strada del dialogo, con spirito unitario. Sia a livello sindacale che politico.

Lo aveva preceduto con gli stessi concetti il presidente del Consiglio Regionale, Mauro Buschini. Molto chiaro e netto: “No bandiere, no divisioni, facciamo insieme questa battaglia. E’ in gioco il nostro futuro, il futuro del nostro territorio”. La sua venuta a Cassino ad incontrare i lavoratori non è stato solo un atto di cortesia e rispetto nei loro confronti, né dalla sensibilità maturata da parte di uno cresciuto nell’impegno politico con l’attenzione verso i ceti popolari e il mondo del lavoro. Men che meno da bassi calcoli elettorali, crediamo. E’ stato dettata, la sua venuta, dalla consapevolezza della gravità del momento e dalla volontà di un doveroso incoraggiamento alle maestranze cui ha comunicato impegni concreti da parte della Regione. Quelli assunti ed onorati e quelli che verranno presi e che saranno parimenti onorati se accompagnati da certezze da parte dell’azienda.

Hanno purtroppo “brillato” per la loro assenza i sindaci del territorio, pur invitati. Presente il solo sindaco di Cassino, Enzo Salera. Certo quello della città più importante, ma la questione Fca non riguarda, e non ricade, solo sulla città martire. Nessuno deve ritenersi estraneo o inutile. Ora come non mai c’è bisogno che nessuno si tiri indietro. Una consapevolezza necessaria e irrinunciabile, comunque da conquistare. Salera, nella sua qualità di presidente della consulta dei sindaci del Cassinate, ha ricordato che le Istituzioni sono pronte a riprendere il confronto con il Ministero e con i vertici dell’azienda, ma ha anche lamentato il mancato rispetto di impegni presi.
Ma qui si apre un discorso che non può non tener conto di indagini di mercato difformi dalle aspettative e nel risultato, nonché di una crisi pandemica che ha inferto una micidiale mazzata al settore dell’auto. E non solo. E’ giunto però il tempo di lavorare per la ripartenza, attraverso un impegno “unitario, senza divisioni”. Senza dimenticare che è in gioco il futuro non solo di un’azienda, e neppure di un intero territorio. Ma della stessa Italia, perché se cade la Fca…

 

 

 

Articoli e news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui
aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Torna in alto
Bookmaker with best odds http://wbetting.co.uk review site.

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici