fbpx
Menu
A+ A A-

Ritarderà la riapertura delle scuole nel Capoluogo?

  • Scritto da  PD Frosinone Capoluogo

Comunicato

partito democratico bandiera350 250Al 10 settembre neppure acquistato un banco monoposto...

L’assessore Fabio Tagliaferri preferisce non rispondere nel merito delle responsabilità del Comune di Frosinone sui ritardi che non permettono di riaprire le scuole, sostenendo che il Comune ha lavorato tutta l'estate per le gare d'appalto per le scuole. Ma per realizzare cosa, se i lavori di adeguamento nei locali scolastici non sono neanche cominciati, ad oggi, 10 settembre? Se non ha acquistato neanche un banco monoposto, pur avendo avuto la possibilità di farlo?

Mentre la Provincia di Frosinone, per le scuole secondarie di secondo grado di propria competenza, per non trovarsi impreparata alla riapertura delle scuole, ordinava già a luglio oltre 4000 banchi e 550 sedie, arrivati puntualmente alle scuole di Frosinone per tempo già dal 27 agosto, avviando celermente i lavori nelle scuole della città e della provincia di Frosinone, il Comune di Frosinone se la prendeva comoda, aspettando che qualcun altro, il Ministero, risolvesse i propri problemi. Avendo fondi propri per poter agire tempestivamente e localmente, assegnati dallo stesso Ministero dell’istruzione, il Comune di Frosinone non è stato in grado di utilizzarli nei tempi utili per garantire la riapertura delle scuole. Questa è la verità.

Comuni della provincia di Frosinone, che riaprono il 14 settembre regolarmente, hanno potuto contare su efficienza politica e amministrativa, rispettando i tempi per l'adeguamento degli spazi così come previsto dalle norme anti-Covid; altri comuni, che hanno già fatto sapere ufficialmente e legittimamente alle famiglie che riapriranno le scuole il 24 settembre, non hanno mentito sulle loro, motivazioni: hanno correttamente comunicato e motivato la loro decisione con criticità organizzative, e con la problematica delle elezioni referendarie. Il Comune di Frosinone invece, per nascondere le proprie responsabilità nei ritardi, ancora butta fumo negli occhi della cittadinanza tentando di addossare tutte le colpe al Ministero.

Nessun comune, come quello di Frosinone, ha strumentalizzato perfino il tema SCUOLA a fini politici per nascondere i propri fallimenti. La cittadinanza deve sapere la verità.

Frosinone, 10/9/20 Il Circolo del PD di Frosinone
Pubblicato in Partiti
Torna in alto

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici