fbpx
Menu
A+ A A-

Un Trattato intrattabile

trattati Usa-Uedi Anna Maria Merlo da ilmanifesto.it - Dopo lunghe trattative svolte nella massima segretezza, l'accordo transatlantico tra Usa e Ue è in dirittura d'arrivo. È stato chiamato la «Nato del commercio», spalanca le porte agli investimenti e impedisce alla politica di limitare lo strapotere delle multinazionali, anche quando ci sono rischi per l'ambiente e la salute. Si cercano movimenti in grado di fermarlo
Per pru­denza, di fronte alle cre­scenti inquie­tu­dini, la Com­mis­sione euro­pea ha riman­dato da marzo a giu­gno, cioè a dopo le ele­zioni euro­pee di mag­gio, dove c'è il rischio di un'impennata dei par­titi euro-scettici, il quarto round del mega-negoziato Usa-Ue, che entro il 2015 dovrebbe por­tare a con­clu­dere il Ttip (Tran­sa­tlan­tic Trade and Invest­ment Part­ner­ship), bat­tez­zato la Nato del com­mer­cio dai suoi nume­rosi detrat­tori. Il com­mis­sa­rio Karel De Gucht ha pro­messo delle vaghe «con­sul­ta­zioni» pub­bli­che di qui a giu­gno nei 28 paesi sul con­tro­verso capi­tolo del ricorso all'arbitrato inter­na­zio­nale, nell'eventualità di con­flitto tra un'impresa e uno stato. Que­ste con­sul­ta­zioni non cam­biano però il fatto che un accordo che avrà influenza sugli scambi tra le due prin­ci­pali potenze com­mer­ciali pla­ne­ta­rie, che assieme con­trol­lano circa la metà del com­mer­cio mon­diale, venga con­dotto nella più com­pleta segre­tezza, senza che i cit­ta­dini (e nep­pure gli euro­par­la­men­tari) siano infor­mati delle deci­sioni che ven­gono prese.
A dicem­bre, c'è stato il terzo round, a Washing­ton. Dal tavolo del nego­ziato, su pres­sione della Fran­cia, è stato tolto il set­tore cul­tu­rale, anche se De Gucht ha ven­ti­lato un pos­si­bile rein­se­ri­mento del set­tore dell'audiovisivo nel corso delle discus­sioni. Inol­tre, dopo le pole­mi­che sul data­gate e lo spio­nag­gio degli euro­pei da parte della Nsa, che nel giu­gno scorso hanno minac­ciato di ritar­dare l'avvio della trat­ta­tiva sul Ttip, è stato sospeso il capi­tolo sulla pro­te­zione dei dati pri­vati su Inter­net, come chie­deva la Ue. A dicem­bre, 180 orga­niz­za­zioni di cit­ta­dini e sin­da­cali hanno scritto una let­tera pre­oc­cu­pata a De Gucht e al rap­pre­sen­tante Usa per le que­stioni com­mer­ciali, Michael Fro­man. In que­sta let­tera, fir­mata dalla Ces (Con­fe­de­ra­zione euro­pea dei sin­da­cati) e dall'americana Afl-Cio, ven­gono espresse «gravi inquie­tu­dini» per i sistemi nazio­nali di sanità. «E' impe­ra­tivo che que­sti accordi di com­mer­cio e di inve­sti­mento sfo­cino su eco­no­mie sup­ple­men­tari per i pazienti e i bud­get nazio­nali, invece di arric­chire ancora di più alcune imprese far­ma­ceu­ti­che e medi­ci­nali. La sanità pub­blica, come l'accesso a medi­cine e a cure abbor­da­bili, sono diritti umani che devono essere raf­for­zati dagli accordi com­mer­ciali», scri­vono i sin­da­cati, che temono che nel Ttip ven­gano ripro­dotti i ter­mini dell'intesa Usa-Corea (Korus), che per­mette ai pro­dut­tori di con­te­stare le deci­sioni delle auto­rità sani­ta­rie nazio­nali sui valori dei pro­dotti far­ma­ceu­tici e di esi­gere mon­tanti di risar­ci­mento più impor­tanti, nel caso si sen­tano lese da prese di posi­zione poli­ti­che degli diversi stati. Al cen­tro delle pre­oc­cu­pa­zioni c'è appunto la clau­sola di pro­te­zione degli inve­sti­menti (Investor-State Dispute Set­tle­ment), che per­met­te­rebbe alle imprese che si sen­tono lese da un cam­bia­mento di legi­sla­zione di uno stato di rivol­gersi a un tri­bu­nale arbi­trale – cioè a una giu­sti­zia «pri­vata», pro­ba­bil­mente presso la Banca mon­diale – per chie­dere ripa­ra­zioni. Ci sono esempi, che potreb­bero venire ripro­dotti nelle rela­zioni Usa-Ue: la Phi­lip Mor­ris ha denun­ciato l'Uruguay, accu­sato di aver aumen­tato la dimen­sione degli avver­ti­menti sani­tari sui pac­chetti di siga­rette. C'è poi il famoso caso della Lone Pine Resour­ces, che ha attac­cato il Canada, per­ché lo stato del Que­bec ha isti­tuito una mora­to­ria sullo shale gas, pri­vando così l'azienda Usa dei pre­vi­sti gua­da­gni. Per Dan Mul­la­ney, nego­zia­tore Usa, il Ttip ricerca «il più alto livello di pro­te­zione» per gli inve­sti­menti, eli­mi­nando le «diver­genze inu­tili e costose» che per­man­gono tra Stati uniti e Ue.
Il nego­zia­tore Ue, Igna­cio Gar­cia Ber­cero, vuole ras­si­cu­rare: «la dere­gu­la­tion non è e non sarà l'obiettivo del Ttip», che «non limi­terà il campo d'azione dei governi», per­ché «que­sti nego­ziati non con­si­ste­ranno nell'abbassare o rin­ne­gare le norme più ele­vate di pro­te­zione dei con­su­ma­tori, dell'ambiente, della vita pri­vata, della salute e del diritto del lavoro». Ma la ong Usa Public Citi­zen lan­cia l'allerta e avverte che la trat­ta­tiva è alla ricerca «del più pic­colo deno­mi­na­tore», per spia­nare la strada a uno spa­zio di libero com­mer­cio, che lascerà le mani libere alle mul­ti­na­zio­nali. In un con­te­sto in cui gli stati stanno per­dendo ter­reno, il Ttip mira a limi­tare il più pos­si­bile le bar­riere non tarif­fa­rie, favo­rendo di fatto le grandi imprese, in un com­mer­cio mon­diale carat­te­riz­zato da una grande con­cen­tra­zione (i primi 10 ope­ra­tori Usa con­trol­lano il 96% dell'export del paese, nella Ue le prime 10 società espor­ta­trici ne con­trol­lano l'85%).


 

segnalato da controlacrisi.org

La riproduzione di quest'articolo è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore

Creative Commons License
unoetre.it by giornale on line is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Sostieni il nostro lavoro.

unoetre.it è un giornale on line con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per fare una donazione tramite il sito, cliccare qui sotto. Il tuo contributo ci perverrà sicuro attraverso PayPal. Grazie

Io sostengo 1e3.it
Torna in alto
Bookmaker with best odds http://wbetting.co.uk review site.

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici