fbpx
Menu
A+ A A-

Recovery plan e sanità

PNRR E SANITA'

Evitare che le indicazioni provengano dall’alto e che ai territori tocchi la sola esecuzione

di Angelino Loffredi
Sanità e PNRR 390 minIl Consiglio dei Ministri il 24 aprile ha avviato la discussione sul tanto atteso Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR); nella la prossima settimana verrà esaminato dal Parlamento per essere consegnato alle autorità europee alla fine di questo mese. Si tratta di una disponibilità finanziaria di 221,5 miliardi fornitaci dall’Unione Europea da indirizzare verso investimenti produttivi.

Non è mia intenzione commentare il Piano ma solo evidenziarne alcuni aspetti riguardanti le proposte che si muovono in direzione delle politiche sanitarie. Quella della Salute infatti è una delle sei Missioni che compongono il Piano. Per la stessa è prevista una disponibilità di 15,6 miliardi, pari all’8% complessivo. Ad un primo esame mi sembra essere sottodimensionata se si raffronta alla generica Rivoluzione Verde e Transizione Ecologica, un vero oggetto misterioso, per la quale è prevista la disponibilità di 57 miliardi pari al 30% del Piano generale. Se si vuole essere puntigliosi inoltre va ricordato che a gennaio nella bozza di Piano preparata dal governo Conte per la Salute era prevista la somma di 18 miliardi.

Per quanto riguarda la Missione Salute ho l’impressione che gli obiettivi complessivi posti indichino una decisa correzione di marcia rispetto agli errori ed alle sottovalutazioni compiute negli ultimi 20 anni da tutti i governi in carica ed evidenzino, fortunatamente, necessari interventi da avviare urgentemente. Infatti attraverso tali provvedimenti si vuole “rafforzare la prevenzione e i servizi sanitari sul territorio, modernizzare e digitalizzazione il sistema sanitario e garantire equità di accesso alle cure”.

Il Piano stesso riprende alla lettera gli impegni presi in Parlamento dal Presidente Draghi i giorni in cui venne votato il suo governo. Per evitare equivoci ed incertezze vengono indicati i necessari punti d’intervento:

- Assistenza di prossimità diffusa nel territorio, cure primarie ed intermedie.
- Assistenza sanitaria domiciliare e telemedicina.
- Aggiornamento parco tecnologico per diagnosi e cura.
- Rafforzamento per la raccolta, l’elaborazione e l’analisi dei dati, a cominciare ( finalmente) dall’ utilizzo della Tessera Sanitaria.
- Formazione del personale sanitario e amministrativo
- Ricerca biomedica.

Obiettivi e strumenti che nelle linee generali sembrano essere condivisibili; rimane aperta la questione di una iniziativa proveniente dal basso per evidenziare le concrete necessità di cui il nostro territorio ha bisogno, entrare nel merito dei progetti e formulare proposte.
Il giornale unoetre.it qualche giorno fa ha ospitato un intervento proveniente dalla Lega di Frosinone-Anagni dello SPI CGIl che riportiamo attraverso questo collegamento https://www.unoetre.it/lavorosocieta/sindacati/item/9686-per-rafforzare-la-sanita-pubblica.html

Tale presa di posizione, per quanto limitata nello spazio territoriale, la ritengo positiva, in particolar modo se viene vista come punto di partenza, come sollecitazione alla discussione ed alla elaborazione di una proposta da arricchire ulteriormente e definire. E’ necessario infatti che la discussione sia corale e partecipata da parte delle istituzioni stesse, a cominciare dai Consigli Comunali, sindacati, partiti, dall’associazionismo e dalle categorie professionali. Dobbiamo evitare insomma che le indicazioni provengano dall’alto e che agli uffici territoriali rimanga solo il compito di renderli esecutivi.

Ceccano, 24 Aprile 2021

 

 

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari che s'impegnano gratuitamente. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Torna in alto

Privacy Policy

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici