fbpx
Menu
A+ A A-

La democrazia è fatta di domande e di risposte, che si devono dare

bandiera sel 350 260di Viviana Cacciatori - Il testo che segue è del manifesto che sarà affisso nelle nostre bacheche. Si tratta di un comunicato nel quale abbiamo voluto affrontare la questione della presunta denuncia nei miei confronti a seguito del manifesto di auguri che SEL ha affisso prima di Natale. Stupita del fatto che quel manifesto, di carattere sarcastico, abbia creato tanto scalpore, ho voluto, insieme ai compagni, spiegarlo. Spero che per ogni manifesto ironico fatto, non debba dare altre spiegazioni. Ignara di quale sia stato il passaggio che ab-bia scatenato la eventuale querela e ignara di chi possa essere stato precisamente, con l'appoggio dell'inte-ro partito, abbiamo reputato necessario questo nuovo manifesto.
A fine manifesto si fa cenno all'autostrappamento dello stesso. Abbiamo voluto affrontare con ironia il fatto che ogni qualvolta affiggiamo un comunicato, questo viene inevitabilmente strappato da ignoti. that's why.

 

IL BAVAGLIO
Ci riferiscono che è stata presentata una denuncia penale contro SEL di Anagni per il manifesto di auguri di fine anno. Non sappiamo per iniziativa di chi, né i motivi della denuncia.
Supponiamo si tratti di qualche esponente della amministrazione comunale che si sarebbe risentito, anche alla luce dell'avvertimento verbale fatto personalmente alla nostra segretaria, con la promessa di "prendere provvedimenti". Se l'intenzione è quella di intimidirci, si tratta di un tentativo vano. Nulla può scalfire il nostro impegno verso i cittadini. Esprimere opinioni pubblicamente è un atto politico dovuto nei confronti della città. Nella nuova amministrazione vale forse il principio "noi siamo noi e voi non siete un cazzo"? Tanto è vero che, nonostante i ripetuti solleciti e la legittimità delle nostre richieste, gli amministratori si sono guardati bene dal fornire risposta alcuna. Quello che ci auspicavamo è che si uscisse dalle stanze dei bottoni.
Si è scelto invece il pubblico silenzio, si è scelto di non confrontarsi con le altre forze politiche, di sottrarsi al pubblico confronto, fondamentale affinché la discussione politica sia costruttiva.
Quello che volevamo far emergere dal manifesto è l'anomalia rappresentata da una sorella consigliere (legittimamente eletta, vogliamo sottolinearlo) e un fratello assessore. Se il Consiglio comunale è l'organo che deve sindacare l'operato della giunta, come può svolgere la
sua funzione essenziale se vi sono tra giunta e consiglio legami di stretta parentela? Per avere espresso questo legittimo dubbio siamo passibili di denuncia? Per quanto riguarda invece il rapporto tra ladri e politica abbiamo semplicemente espresso una diffusa opinione!
Esprimendola non ci riferiamo a nessun eletto, bensì a quegli elettori che al momento del voto fanno considerazioni e valutazioni di natura non politica ma di convenienza personale.
Da quando si è inserita la nuova giunta è palese da parte della stessa un'insofferenza derivante dallo stato dei conti comunali, ma mai è stato reso noto a quanto ammontino i debiti fuori bilancio. Quello che ci chiediamo è se, alla luce di tali debiti, l'amministrazione intende far
accettare supinamente ai cittadini la vendita del patrimonio comunale. Non vogliamo che alla luce di ciò tutto diventi "possibile e giustificabile". Il Comune è, data la crisi in corso, l'unica realtà locale che può disporre di buone risorse finanziarie, riteniamo quindi che ci siano fondi sufficienti per amministrare. Temiamo invece che qualche privato voglia approfittare dello stato di difficoltà solo ed esclusivamente per un proprio vantaggio. Presupposto essenziale di ogni buon amministratore, oltre all'onestà che dovrebbe essere scontata e al di là dell'appartenenza politica, è la trasparenza dei suoi atti nel rapporto con i cittadini che amministra. In questa trasparenza è compresa l'informazione che l'Ente ha il dovere di fornire ai cittadini sempre e comunque, sia quando deve comunicare azioni positive di cui può legittimamente prendersi il merito, sia quando deve comunicare situazioni di difficoltà di complessa risoluzione, siano esse dovute alla cattiva gestione di precedenti amministrazioni o a suoi errori.
Apprendiamo in questi giorni dalla stampa che sarà istituito un fondo di solidarietà in Comune con il contributo volontario dei cittadini. Iniziativa meritoria, anche se temiamo la deriva che possa originarsi dalla nascita di uno "Stato caritatevole" che vada a sconfinare e a sostituire alcune delle funzioni e doveri dello stato sociale. Iniziativa che entra però in contraddizione con l'erogazione di ben 200.000 euro di premi di rendimento ai dirigenti dell'ente comunale.
L'amministrazione della cosa pubblica è tale se a servizio del cittadino. Noi chiediamo di rispondere pubblicamente alle domande che vi abbiamo posto non per una nostra soddisfazione personale ma per dovuto rispetto nei confronti della cittadinanza che vi ha scelto per amministrare.
La volontà di censurarci, se ciò che ci è stato riferito è vero, non nuoce a SEL, ma alla cittadinanza tutta e al confronto politico, base di ogni democrazia che possa essere definita tale. Comunque, se vi sono gli estremi per una querela, ci prenderemo le nostre responsabilità davanti la magistratura, non ci sottrarremo a esse, soprattutto per difendere un metodo più che un contenuto: quello della libera espressione di un'opinione, anche se in modo ironico e sarcastico.
Questa comunicazione, qualora affissa in piazza, si "autostrapperà" fra 3 giorni.
Anagni 18 gennaio 2015
A cura di Sinistra Ecologia Libertà

La riproduzione di quest'articolo è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore

Creative Commons License
unoetre.it by giornale on line is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Sostieni il nostro lavoro

unoetre.it è un giornale on line con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per fare una donazione tramite il sito, cliccare qui sotto. Il tuo contributo ci perverrà sicuro attraverso PayPal. Grazie

Io sostengo 1e3.it

Pubblicato in da Anagni
Torna in alto
Bookmaker with best odds http://wbetting.co.uk review site.

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici