fbpx
Menu
A+ A A-

Adozione di aree e spazi verdi ad Alatri

  • Scritto da  Luca Frusone

LucaFrusone 350 260Le immagini di alcune zone degradate di Alatri, in periferia come al centro, sono diventate tristemente note e dipendono sia dalle mancanze amministrative sia dall'inciviltà vigliacca pronta ad approfittarsene, ma non fanno onore al comportamento corretto e alla sensibilità ambientale della maggioranza degli alatrensi. Ne sono convinti gli esponenti del MoVimento 5 Stelle di Alatri che lanciano una proposta al Sindaco Morini per coinvolgere in modo proficuo la cittadinanza sul mantenimento e sulla conservazione delle aree di verde pubblico del Comune attraverso un regolamento adatto allo scopo.

«Per esaudire e incoraggiare la domanda di partecipazione presente tra i cittadini desiderosi di contrastare il degrado e l'incuria – dichiarano i Pentastellati di Alatri – abbiamo redatto un "Regolamento per l'adozione di aree e spazi verdi nel Comune di Alatri" che promuove la gestione attiva dei beni pubblici indirizzandolo al Sindaco. Grazie al regolamento le persone e le associazioni hanno la possibilità di occuparsi di un'area verde stipulando un'apposita convenzione con il Comune tramite cui si stabilisce la tipologia degli interventi adatti a mantenere o a recuperare la funzionalità dell'area». Il valore dell'iniziativa va oltre il piano simbolico innescando un circolo virtuoso che è l'obiettivo del MoVimento 5 Stelle di Alatri: «Come prevede il regolamento, le operazioni di cura del verde pubblico sono senza scopo di lucro, ma le ricadute per il nostro comune sarebbero molto positive – rilevano i pentastellati – Il ripristino dell'idea, resa manifesta dall'impegno civico delle persone, che il bene pubblico è di tutti e non di nessuno, come purtroppo tanti comportamenti incivili lasciano intendere, è una piccola rivoluzione. Inoltre cominciare ad abituare al decoro e alla bellezza è un ottimo incentivo per sviluppare maggiore consapevolezza nella cittadinanza».

Il deputato alatrense del MoVimento 5 Stelle Luca Frusone aggiunge: «La ricezione di questa istanza migliorativa per la vita pubblica della nostra comunità, senza costi e in grado di portare giovamento ambientale e sociale nel nostro Comune, è un’opportunità che non va lasciata inaridirsi e che potrebbe essere presa come esempio anche da altri Comuni»

Adesso tocca a Morini raccogliere la sfida ‘green’ e partecipativa del MoVimento 5 Stelle alatrense.

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Pubblicato in Frusinate
Torna in alto
Bookmaker with best odds http://wbetting.co.uk review site.

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici