fbpx
Menu
A+ A A-

San Benedetto, ora pro nobis

  • Scritto da  Giacomo Bianchi, Romeo Fionda, Fausto Pellecchia, Annunziata Sanseverino

di Giacomo Bianchi, Romeo Fionda, Fausto Pellecchia, Annunziata Sanseverino 

Abazia di Montecassino nebbia foto di Elia CapozzellaIl caldo torrido, che tradizionalmente investe il cassinate nella stagione estiva, rischia di infiammarsi per una novissima quaestio disputata tra due fazioni contrapposte, schierate rispettivamente sotto i simboli religiosi della Vergine Maria e di S. Benedetto. Un’eccellente sintesi delle ragioni polemiche che si nascondono dietro i velami del sacro è stata offerta dallo storico Emilio Pistilli che ha mostrato con estrema chiarezza le vere motivazioni, interamente profane, sottese allo scontro apparentemente tutto incentrato sul culto e sulle pratiche devote della città di Cassino.

L’apertura della quaestio è stata originata da una lettera dei parroci della zona pastorale di Cassino del 12 giugno u.s., indirizzata al Consiglio comunale, nella quale si chiede di «considerare nella prossima seduta consiliare la proposta di proclamare Cassino Civitas Mariae (Città di Maria) [ ... ] così da poter inoltrare la vostra delibera al nostro vescovo, S.E. mons. Gerardo Antonazzo, al fine di procedere al decreto di proclamazione». Si tratta, con tutta evidenza, di una richiesta alquanto irrituale. Innanzitutto perché pretende di coinvolgere pretestuosamente in una procedura squisitamente ecclesiastica il Comune di Cassino - che, fino a prova contraria, resta una istituzione laica, e come tale, in conformità con l’art.3 della Costituzione, rappresenta e tutela i diritti di tutti i cittadini residenti sul suo territorio “senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali”.

La lettera dei parroci in maniera del tutto infondata, rovescia il legittimo iter procedurale, sostituendo all’autorità ecclesiastica (cioè, il Vescovo della diocesi) l’autorità di un consesso civile in merito ad una decisione per la quale quest’ultima non ha alcuna competenza. È evidente infatti che la procedura corretta preveda che la proposta venga illustrata nelle assemblee diocesane, con una richiesta indirizzata al Vescovo al quale soltanto spetta la condivisione e la proclamazione ufficiale. Sarà poi il Vescovo ad informare il Comune affinché possa predisporre i provvedimenti connessi agli effetti civili nella giornata celebrativa del santo patrono (chiusura dei pubblici uffici e delle scuole, ecc.).

Ma c’è di più. Oltre che irrituale, la lettera dei parroci appare del tutto superflua, giacché, come notava Emilio Pistilli con sommessa ironia, “non occorre una delibera del Consiglio comunale per proclamare qualcosa che già c’è”, dal momento che attualmente Cassino ha tre patroni: S.Germano (il santo eponimo dell’odierna Cassino, celebrato il 30 ottobre fin dall’epoca medievale), San Benedetto (che divenne copatrono principale nel 1994 e celebrato il 21 marzo, a seguito della proclamazione dell’Abate di Montecassino, mons. Bernardo D’Onorio, che aveva all’epoca la potestà diocesana di vescovo) e la Madonna Assunta, da tempo immemorabile Patrona e Protettrice della Città, che viene celebrata, come da calendario liturgico, il 15 agosto.

Poiché non è verosimile che i parroci non abbiano contezza di queste specifiche circostanze procedurali, ci sono buone ragioni per interpretare la loro richiesta come una “mossa del cavallo”, cioè come un obliquo tentativo -probabilmente ispirato da un eccesso di zelo dei parroci nei confronti del loro Vescovo- per eliminare il patronato di S. Benedetto, rompendo così il forte legame simbolico che unisce la città di Cassino alla comunità benedettina di Montecassino. Numerosi sono infatti i segnali di intolleranza che il Vescovo Antonazzo ha lasciato trasparire nei confronti dell’Abbazia che, con la sua ultra millenaria, prestigiosa tradizione storico-culturale e religiosa, costituisce un deposito troppo ingombrante per essere omologato nel tessuto della nuova diocesi. D’altra parte, Montecassino è Abbazia territoriale in quanto, pur privata della potestà diocesana, è immediatamente soggetta alla Santa Sede, ed è dunque dotata di una sorta di extraterritorialità rispetto alle altre istituzioni ecclesiastiche della diocesi.

Infine, l’attuale Abate, Dom. Donato Ogliari mostra di possedere notevoli doti pastorali unite a una ragguardevole statura intellettuale che non può non mettere in ombra la figura e il ruolo di mons. Antonazzo. Per questo, anziché stringere un proficuo patto di collaborazione con l’Abazia, sembra che il Vescovo si sia lasciato coinvolgere in una sotterranea contesa con l’Abate benedettino, unendosi all’esercito del clero cassinate in marcia dietro le insegne della Madonna stampate sul vessillo della Civitas Mariae.

Confidiamo pertanto che il Sindaco e il Consiglio comunale riescano a sottrarsi a queste indebite manovre di cooptazione in questioni che non sono di sua competenza. Peraltro, l’idea di spezzare il vincolo secolare che unisce Cassino e tutti i cittadini della terra Sancti Benedicti all’Abazia di Montecassino, è senza dubbio un improvvido attentato alla grande tradizione socio-culturale, oltre che religiosa, del nostro territorio. Per sventarne le conseguenze ed esaminare la situazione da un punto di vista laico, basti ricordare che S. Benedetto è e rimarrà patrono d’Europa. Del resto, il percorso della “fiaccola benedettina” che, ogni anno, dal 18 al 21 marzo, attraversa i comuni di Norcia, Subiaco e Cassino in un itinerario culminante nella “processione storica” nelle vie della nostra città, tiene viva la testimonianza di una vicenda sicuramente straordinaria e incomparabile. Di contro alle innumerevoli città italiane ed europee, insignite del titolo di “Civitas Mariae” (in conseguenza delle varie “apparizioni miracolose” della Vergine Maria), Cassino custodisce nell’Abbazia benedettina di Montecassino il tesoro di un’esperienza civile e religiosa assolutamente unica nella storia della cultura e del cristianesimo occidentale. Disperderlo, inseguendo vacue diatribe di potere, sarebbe davvero un oltraggio imperdonabile all’intera cittadinanza cassinate.

Cassino, 31 luglio 2020


Giacomo Bianchi
Romeo Fionda
Fausto Pellecchia
Annunziata Sanseverino

 

 

 

Articoli e news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui
aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Pubblicato in da Cassino
Torna in alto

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici