fbpx
Menu
A+ A A-

Ceccano. Consigliere/i convocati SI e NO?

Comuni del Frusinate. Ceccano

"Non siamo disposte ad accettare di essere screditate pubblicamente..."

di Valentino Bettinelli
ceccano palazzo antonelli 350 253Lunedì 11 gennaio si è svolta una riunione della VI commissione consiliare del Comune di Ceccano, in materia di edilizia scolastica. Un’adunanza che ha causato non poche polemiche. A lanciare le accuse, attraverso la stampa, i consiglieri di maggioranza Santucci, Macciomei e Mariella Bruni; addebiti pesanti rivolti alle colleghe di minoranza Emanuela Piroli (Il Coraggio di Cambiare) e Mariangela De Santis (Nuova Vita), colpevoli di aver “disertato l’incontro senza fornire giustificazioni”.

Le due consigliere dell’opposizione, mosse da spirito di giustizia e per fare chiarezza, hanno denunciato immediatamente la mancata ricezione della notifica di convocazione della commissione e hanno fortemente criticato l’operato della maggioranza. “Abbiamo appreso dal giornale Ciociaria Oggi che nella giornata di lunedì 11 gennaio si è tenuta una riunione della VI commissione“ -esordiscono- ”avente ad oggetto i lavori di adeguamento degli Istituti Comprensivi presenti sul territorio comunale. Con nostra sorpresa ed indignazione abbiamo subito attacchi pretestuosi ed infondati da parte del Presidente Santucci. Ed infatti, nonostante la rilevanza dell'argomento trattato e la fondamentale partecipazione della minoranza consiliare, la notifica della convocazione non è stata da noi ricevuta, motivo per cui, sin d'ora, chiediamo prova dell'inoltro e della conferma di lettura”. Piroli De Santis 350 min

Continuano con un duro affondo nei confronti del consigliere Santucci, presidente della commissione in oggetto, e degli altri membri di maggioranza . “Precisiamo, altresì, che la regolarità dell'inoltro delle convocazioni rappresenta un presupposto legale che deve essere verificato dal Presidente prima dell'inizio della discussione e prima di attestare l'assenza dei consiglieri. Oltretutto, gli altri componenti della commissione hanno la disponibilità dei nostri recapiti cellulari al pari degli Uffici Comunali e, quindi, nella 'lunga attesa' dell'arrivo dei colleghi di opposizione, avrebbero potuto benissimo sincerarsi della ricezione della notifica”.

Per sgomberare il campo da possibili recidive di tali episodi, le due consigliere comunali esprimono una netta volontà nel merito delle comunicazioni da parte dell’ente. “Detto ciò, evidenziamo che l'invio a mezzo mail ordinaria è una modalità di cortesia accordata dalle scriventi consigliere e che, a fronte della gravità dell'episodio, protocolleremo istanza per richiesta di notifica delle convocazioni esclusivamente a mezzo pec o messo comunale. Sottolineiamo, inoltre, come il Presidente della commissione e il Presidente del Consiglio abbiano il dovere di controllare che tutto si svolga nel rispetto delle regole”.

A far infuriare Emanuela Piroli e Mariangela De Santis l’atteggiamento poco garbato mostrato anche sui social network da parte dei colleghi consiglieri e di alcuni fedeli sostenitori di Caligiore & co.: “Non siamo disposte ad accettare di essere screditate pubblicamente, anche sui social network, ed intendiamo chiarire che mai ci saremmo assentate in una commissione centrale come quella avente ad oggetto l'edilizia scolastica. Esigiamo rispetto del regolamento ai fini del corretto e democratico funzionamento delle istituzioni che tutti noi rappresentiamo per garantire la tutela degli interessi dei nostri concittadini. La pubblicazione strumentale di una notizia pretestuosa ed infondata, volta a screditare il nostro impegno ed il nostro operato quali Consigliere Comunali, rappresenta una gravissima mancanza per la quale esigiamo pubblicamente delle scuse da parte di tutti gli attori in causa, a partire dal Sindaco Caligiore e dal Presidente del Consiglio Fabio Giovannone, che riveste ruolo di garanzia del corretto funzionamento dei lavori del Consiglio, riservandoci - comunque - di valutare ulteriori azioni a tutela del nostro ruolo e della nostra persona”.

Un episodio spiacevole, che pone di nuovo in imbarazzo il Sindaco Caligiore e la sua amministrazione, a pochi giorni dall’infelice sortita dell’assessore Gizzi, per il quale è stata anche lanciata una raccolta firme online per chiederne le dimissioni o la revoca della delega.
Una maggioranza che cade in un errore madornale, stanata con prontezza dalle due consigliere De Santis e Piroli. Un dibattito che, in vista di un consiglio comunale previsto per la fine del mese di gennaio, si infuoca sempre più, con il Sindaco Caligiore costretto nuovamente a dover correre ai ripari per degli errori dei suoi sodali.

Sicuramente un inizio di 2021 che lascia presagire un clima politico da botta e risposta nel centro fabraterno e che mostra una grande novità rispetto al recente passato, ovvero la presenza di un’opposizione organizzata e pronta a rispondere colpo su colpo alla maggioranza consiliare.

 

 

Articoli e news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui
aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari che s'impegnano gratuitamente. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Pubblicato in da Ceccano
Torna in alto

Privacy Policy

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici