fbpx
Menu
A+ A A-

Ceccano. Che fa il Comune per i disservizi di Acea?

Comuni del Frusinate. Ceccano

Acqua. Ancora Acea Ato-5 sotto accusa per i disservizi

di Valentino Bettinelli
acquaprivatizzata 350 260A Ceccano il nuovo anno si è aperto con i consueti disservizi dovuti alla cattiva gestione del servizio idrico integrato da parte di Acea Ato-5. 

Giornate scandite da continue segnalazioni di perdite, mancanza di acqua nelle abitazioni e fuoriuscita di acqua non propriamente limpida dalle tubature domestiche. Un risentimento collettivo che non è passato inosservato agli occhi della minoranza consiliare di Palazzo Antonelli, che ha presentato un’interrogazione urgente al sindaco Roberto Caligiore, colui il quale si era auto celebrato paladino della battaglia contro Acea. 

L’interrogazione, frutto della collaborazione tra le forze di opposizione, porta la firma dei due consiglieri comunali del gruppo Il Coraggio di Cambiare, Andrea Querqui ed Emanuela Piroli, con la sottoscrizione anche di Mariangela De Santis, per il gruppo Nuova Vita, Emiliano Di Pofi, per il PSI, e Marco Corsi, per il gruppo Marco Corsi Sindaco. Cinque firme importanti, che mettono il sindaco e la sua maggioranza alle corde su una tematica centrale come quella legata alla gestione dell’acqua. 

Nel testo dell’istanza presentata al Sindaco Roberto Caligiore e al Presidente del Consiglio Fabio Giovannone, i sottoscrittori fanno riferimento alla scarsa efficienza del servizio idrico e chiedono l’istituzione di un piano comunale di sicurezza in caso gestione di un’emergenza idrica. 

Nella prima parte del documento si dà spazio ad alcune considerazioni preliminari, fondamentali nello sviluppo dell’interrogazione. In particolare si premette che: “il gestore del servizio idrico risulta essere Acea Ato 5; le segnalazioni pervenute palesano una mancanza rispetto ai termini ed alle condizioni previste dalla Carta dei Servizi; le tariffe pagate dai cittadini di questa provincia sono tra le più alte d’Italia; la carenza d’acqua risulta frequente in tutti i periodi dell’anno, soprattutto in alcune zone della Città e nel corso dei mesi estivi; a tutt'oggi risultano necessari interventi per l'ottimizzazione della rete idrica e per la realizzazione di rete fognaria in parte del territorio comunale”. 

Nel prosieguo del documento, i cinque firmatari pongono quesiti ben chiari e netti all’amministrazione comunale. “Tutto ciò premesso e considerato, si interroga il sindaco e gli assessori competenti, al fine di conoscere le azioni eventualmente intraprese e/o programmate per garantire il rispetto delle condizioni previste dalla Carta dei Servizi e degli obblighi contrattuali oltre che per assicurare una maggior efficienza del servizio idrico. Nonché chiarimenti in ordine alle azioni eventualmente intraprese e/o programmate al fine di stimolare l'esecuzione degli investimenti necessari sul territorio ai fini dell'adeguamento del sistema idrico e fognario”. Continuano chiedendo lumi in merito ad “eventuali azioni volte a predisporre un piano di intervento teso a garantire, in caso di carenza/emergenza idrica, l'approvvigionamento necessario a coprire il fabbisogno di acqua per uso abitativo”. 

In conclusione di interrogazione, i consiglieri chiedono che la stessa venga iscritta all’ordine del giorno della prossima riunione del consiglio comunale. Adunanza che si terrà a breve, vista la convocazione della conferenza dei capigruppo prevista per il prossimo venerdì 22 gennaio. 

Un’opposizione che si dimostra compatta su una tematica centrale e sentita, per cui la cittadinanza merita risposte ed una netta presa di posizione da parte del sindaco Caligiore e della sua maggioranza. Una discussione che sicuramente accenderà i toni del dibattito consiliare e che non accetta rinvii, data l’evidente urgenza della vicenda. 

I cittadini ceccanesi sono esausti dai continui disservizi dovuti alla gestione Acea, e questo documento rappresenta un messaggio chiaro da parte delle forze che sono uscite sconfitte dall’ultima tornata amministrativa del 20 e 21 settembre 2020. 

Si parla di acqua e di diritto di accesso ad un bene primario inalienabile. Un diritto dei cittadini messo sempre più in discussione da un privato che cerca di farla da padrone. A Ceccano, però, c’è chi sta prendendo una posizione incontrovertibile sulla questione, schierandosi al fianco dei cittadini e dei comitati. 

 

 

Articoli e news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui
aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari che s'impegnano gratuitamente. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Pubblicato in da Ceccano
Torna in alto

Privacy Policy

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici