fbpx
Menu
A+ A A-

I ragazzi del “D Day”

  • Scritto da 

STORIA: 6 GIUGNO 1944

Accadde oggi, il 6 giugno 1944 “il giorno più lungo”: il “D-Day”

di Aldo Pirone
DDay sbarco 350 minSettantasette anni fa gli angloamericani sbarcarono in Normandia su cinque spiagge: nomi in codice Juno, Gold, Sword, Utah e Omaha. Sulla prime tre gli anglocanadesi, sulle altre due gli americani. A Omaha beach per i giovani soldati statunitensi l’approdo fu particolarmente difficile e sanguinoso; “Mattatoio Omaha” lo chiamarono nelle lunghe ore mattutine in cui furono inchiodati dal tiro delle mitragliatrici tedesche prima di sfondare verso l’interno.

Era il “D-Day” dell’operazione “Overlord”, i nomi in codice che segnarono l’apertura da parte degli Alleati del secondo fronte e l’assalto alla fortezza Europa tenuta ancora saldamente ad occidente dai nazifascisti. I sovietici, che fino allora avevano sopportato sul terreno il peso più grande della guerra al nazifascismo contando già milioni di morti e distruzioni immani, avevano reclamato a gran voce l’apertura di quel fronte, non sembrandogli quello che era già aperto dagli angloamerDDay A 350 minicani in Italia – Roma era caduta due giorni prima del grande sbarco – adeguato a distruggere in tempi celeri la potenza tedesca. Roosevelt e Stalin erano pienamente d’accordo su questo, meno lo fu Churchill.

Hitler si trovò così a combattere su due fronti. Cosa che i comandi germanici e lui stesso avevano cercato di rifuggire, memori delle vicende della Prima guerra mondiale. Da quel momento per il despota nazista e per il suo sottoposto seguace italiano scattarono le lancette dell’orologio che segnava il tempo della loro fine.

Nella seconda guerra mondiale molta gente ha combattuto per distruggere il nazifascismo. Tantissimi i giovani - anche dei paesi colonizzati da Francia e Gran Bretagna o i neri americani vittime della discriminazione razziale - arruolati negli eserciti regolari alleati e tanti i partigiani e le partigiane in quelli irregolari e senza divisa. E poi i moltissimi civili che in vari modi hanno dato vita alla Resistenza nei paesi europei occupati dai nazisti. Resistenza, per inciso, fu anche quella del popolo britannico che seppe da solo per oltre un anno fronteggiare Hitler e Mussolini e non farsi piegarDDay B 350 mine dai bombardamenti a tappeto della Luftwaffe su Londra e le città industriali. E Resistenza fu anche quella degli operai americani, uomini e donne, che lavorarono senza sosta per produrre armi di ogni tipo per fronteggiare il militarismo giapponese in Oriente e il nazifascismo in Europa.

Tra i combattenti hanno un posto di rilievo quei ragazzi britannici, canadesi, americani e francesi che il 6 giugno del 1944 immolarono le loro giovani vite sulle spiagge della Normandia per venire a distruggere il nazifascismo in nome della libertà.
Ricordiamocene e ricordiamoli.

 

malacoda 75

Aldo Pirone, redattore di malacoda.it

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari che s'impegnano gratuitamente. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Pubblicato in 1900 italiano e altro
Torna in alto

Privacy Policy

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici