fbpx
Menu
A+ A A-

Riflettere e valutare lucidamente l'iniziativa di Ceccano contro AceaAto5

acquapubblica 350 260di Angelino Loffredi - L’iniziativa promossa dal sindaco di Ceccano per avviare la risoluzione del rapporto con ACEA ATO5 indubbiamente fa discutere. In maniera controversa e manichea. Non posso comunque accettare che venga etichettata come demagogica, retorica e che per contrastarla si trovino argomenti come quello riguardante il futuro dopo Acea.
Nell’estate del 2014, da solo e senza partiti alle spalle, promossi due partecipate iniziative a Ceccano che andavano in tale direzione. Le feci perché in quel periodo a riguardo in giro sentivo tanto silenzio, mi sembrava di cogliere una generale assuefazione alle prepotenze della società monopolistica. Le mie iniziative erano dunque demagogiche, inutili o inconcludenti?

Il punto: tenere accesi i riflettori sulla malagestione di Acea Ato5

Non credo, avevano un solo scopo: riaccendere i riflettori sulla malagestione di Acea Ato5. A tanti osservatori o dirigenti di partito, forse poco attenti al movimento dell’acqua voglio ricordare che questo ultimo anno è stato quello dove si sono concentrate il più alto numero di manifestazioni e dichiarazioni contro il monopolista dell’acqua. Potrei fare un lungo elenco di date e iniziative promosse da varie associazioni, anche perché a quasi tutte ho partecipato: Comitato per l’acqua pubblica, Idee in movimento, Forum del centrosinistra, Federconsumatori, Movimento 5 stelle. Ho fiancheggiato (riflettete un po’) anche Simone Costanzo, sfiancato, il poverino, dall’arrogante silenzio dei suoi iscritti e dei suoi rappresentati nelle varie Istituzioni.
Se non erano demagogiche ed inconcludenti le mie e le altre iniziative perché dovrebbe esserla quella del sindaco di Ceccano? L’iniziativa di martedì 15 dicembre dovrebbe far riflettere alcuni incauti e sbrigativi detrattori. Nello stesso tempo mi sento di precisare che la stessa è figlia delle precedenti, ne costituisce il naturale sviluppo, coglie infatti uno stato d’animo seminato e coltivato da chi in questi anni, con costanza si è battuto per il risultato referendario, non si è arreso, ha mantenuto alta la bandiera del contrasto, ha evitato la generale rassegnazione proprio nel momento in cui l’attuale sindaco di Ceccano attendeva silente e non voleva vedere.
Mi sento di dire che per quanto lo stesso sia un convertito dell’ultima ora sulla via dell’acqua pubblica rispetto alla eccezionale partita che si sta giocando questo per me diventa un fatto secondario. La sua iniziativa merita una giusta considerazione.
All’incontro dell’Antares erano presenti 18 sindaci. Qualcuno grida al fallimento, un flop. E’ vero che i comuni interessati sono 86 ma mettere insieme 18 sindaci non è un fatterello, costituisce una risposta eccezionale, anzi mi sento di dire che rappresenta il punto più alto e più qualificato del contrasto ai prepotenti. Gli yes man, clientes e servitorame di tutte le risme, gli ignavi, i silenti e gli attendisti ovunque dislocati debbono veramente preoccuparsi. Il sindaco di Ceccano ha colto il malessere profondo che attraversa e colpisce le famiglie, stremate sia dalla crisi economica, che dalla lotta dei ricchi contro i poveri, portata avanti attraverso la politica fiscale e tariffaria, sempre tesa a beneficiare gli enti erogatori di servizio pubblico a danno dei non garantiti.

Chi lotta non è condannato a finire in un cul de sac

Non posso accettare neanche che l’iniziativa venga contestata perché oggi il sindaco di Ceccano non indica i particolari del dopo Acea. Confesso che una risposta completa, definita io non la posseggo. Mi permetto comunque di indicarne gli scenario generali:
1 – La Regione approvi subito la legge di iniziativa popolare 5/2014 perché è il classico granello che inceppa il meccanismo della privatizzazione definitiva;
2 – La messa fuori di Acea sarebbe un potente segnale all’intenzione di Zingaretti di fare un’Ato unica regionale che sarebbe affidata senza se e senza ma ad Acea Spa.
3 – Nell’ipotesi più ravvicinata può esserci un consorzio di enti locali che prende le sue decisioni in completa autonomia e forte degli insegnamenti di questa brutta esperienza.
Il dato vero è che la ripubblicizzazione dell’acqua sarà un percorso complesso difficile ma non impossibile comunque da mandare avanti.
Ho fatto il sindaco a Ceccano trenta anni fa e dopo di me sono venuti altri amministratori, a tutti chiedo se le condizioni del servizio erano meglio prima o oggi. Agli smemorati vorrei ricordare anche che gli addetti al servizio non superavano le dita della mano e che non esisteva assenteismo.
La privatizzazione è stata una scelta ideologica ove amministratori pressati dal pensiero allora vincente che predicava “Meno stato, più privato“ hanno abbassato la guardia e non hanno visto che nell’interno di quelle motivazioni avanzavano anche inquietanti subalternità di vario tipo, non solo politiche e culturali.
Il superamento del rapporto con Acea Ato5 dunque deve essere l’orizzonte entro il quale bisogna muoversi; nello stesso tempo ricordo che le motivazioni del contrasto oltre a riguardare la questione delle tariffe deve mettere al centro anche i lenti tempi di riparazione delle rotture idriche, perché i notevoli versamenti di acqua successivamente precostituiscono un costo che detemina la tariffa.
Inoltre un’attenzione permanente va riposta alla potabilità dell’acqua, al funzionamento dei depuratori, all’esame dei mutui contratti a suo tempo dai comuni riguardanti il patrimonio idrico - fognante e che ora dovrebbero essere sostenuti dal monopolista. E non per ultimo agli investimenti previsti e non realizzati.
Attorno a queste questioni ogni comune dovrebbe costituire un osservatorio attraverso il quale quotidianamente conoscere le situazioni di crisi e tempestivamente intervenire.

Ceccano 16 dicembre 2015

 

 

 
Vuoi dire la tua su unoetre.it? Clicca qui

 

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore

Creative Commons License
unoetre.it by giornale on line is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Sostieni il nostro lavoro

unoetre.it è un giornale on line con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per fare una donazione tramite il sito, cliccare qui sotto. Il tuo contributo ci perverrà sicuro attraverso PayPal. Grazie

Io sostengo 1e3.it

regime-attività

 

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS
Bookmaker with best odds http://wbetting.co.uk review site.

Privacy Policy

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici