fbpx
Menu
A+ A A-

"Migrante per sempre"

  • Scritto da  Elisabetta Magnani

E Magnani LiberAzione 3 350 minRiceviamo da Elisabetta Magnani* e pubblichiamo - «Ho voluto raccontare la storia di Lina, una storia di migrazione italiana, per favi conoscere le emozioni e i dolori che ha dovuto affrontare. Il mio non è un libro politico, ma semplicemente un racconto di una storia. Credo che in questo tempo di odio e razzismo, per uscire da questa condizione, narrare delle storie sia una soluzione.» Chiara Ingrao (da un articolo di Lorenzo Vita su L’inchiesta).

Abbiamo inaugurato così la nostra attività di associazione culturale. E ne siamo orgogliosi. E’ venuta a trovarci Chiara Ingrao, abbiamo presentato il suo libro meraviglioso: “Migrante per sempre” e dialogato con lei sulla storia di A. (Lina nel libro), sulla necessità umana di migrare, sull’essere donna oggi ieri e domani, sul senso profondo dell’amicizia soprattutto per chi è costretto spesso a ricominciare daccapo, su un pezzo di storia sociale e politica d’Italia, sulla difficile scelta di andare (alla fredda efficiente Germania) o restare (alla colorata caotica Italia), alla città ricca di opportunità o al paese, intriso di ricordi…

«Sembra esserci nell’uomo come nell’uccello, un bisogno di migrazione, una vitale necessità di sentirsi altrove.» Marguerite Yourcenar

Ci siamo fusi ad un evento già previsto da Danilo Grossi per il 15 settembre, la proiezione del film "Bangla"** con la presenza del regiE.Magnani LiberAzione 2 350 minsta Phaim Bhuiyan, abbiamo allargato un po’ i confini e l’evento è diventato un contenitore e dentro un contenitore c’è lo spazio e ci sono le possibilità, l'evento non si estingue, si gettano semi, si rimesta il terreno, si creano relazioni per future collaborazioni, si lasciano domande inattese e attese di future riflessioni…
Così la serata è proseguita con una lunga fila per la dedica e l’autografo di Chiara sui suoi libri sold out!

Un generoso calice di vino, un buffet leggero e poi un dibattito prima della proiezione, sul tema del film: l’amore ai tempi delle seconde generazioni, quando l’incontro avviene fra una ragazza italiana figlia di italiani e un ragazzo italiano “de TorpignE.Magnani LiberAzione gruppo minattara”, di origini bengalesi (“mezzo italiano, mezzo bengalese, cento per cento torpigna” cit.) L'integrazione, i pregiudizi, le reali differenze. Un film bello sincero e attuale che ci ricorda un pò il Nanni Moretti di Ecce Bombo e che ci aiuta a gettare lo sguardo oltre il presente, a riconoscere in noi stessi un limite creato forse più dall’abitudine che dalla paura, ed è raro e divertente ritrovarsi spiazzati di fronte alla cadenza ineccepibilmente romanesca di Phaim.

Questo è uno dei format che propone LiberAzione.
Vogliamo creare una rete di giovani che graviti intorno alle nostre attività. E alimentare un dialogo intergenerazionale, interculturale, interraziale, interartistico, interideologico, interclassista… internazionale!
E quindi stay tunned e contattateci se vi va.

E.Magnani LiberAzione gruppo min

*Elisabetta Magnani, attrice, gestisce LiberAzione

**"Bangla, l'amore al tempo della seconda generazione" del regista Phaim Bhuiyan

 

Le foto (dall'alto in basso)

Elisabetta Magnani e  Chiara Ingrao

Elisabetta Magnani, Chiara Ingrao, Asia Vaudo

Lorenzo Vita (Associazione LiberAzione), Chiara Petrillo (LiberAzione), Phaim Bhuiyan (regista di Bangla) Elisabetta magnni (presidente LiberAzione), Chiara Ingrao, Asia Vaudo (LiberAzione), Danilo Grossi (Assessore alla cultura di cassino)

Torna in alto
Bookmaker with best odds http://wbetting.co.uk review site.

Privacy Policy

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici