Menu
A+ A A-

Parla Lucia Fabi, scrittrice

  • Scritto da  Diego Protani

LuciaFabi 350 260intervista a Lucia Fabi di Diego Protani - Abbiamo intervistato Lucia Fabi da anni impegnata in attività sociali, come Presidentessa del Centro Anziani di Giuliano di Roma, e culturali, essendo stata anni fa anche Presidente dell’Associazione culturale Fabraterni di Ceccano. Oltre all’impegno nel Centro anziani, la Fabi in quest’ultimo periodo partecipa a ricostruire le radici della nostra comunità, consapevole dell’importanza per l’arricchimento del patrimonio culturale, storico e identitario delle nuove generazioni.

In questa intervista vorremmo partire da una domanda che veramente ci incuriosisce: come è nata l’idea del sito www.loffredi.it?

Il sito, gestito dal 2014 insieme ad Angelino Loffredi, non è nato da una idea ben definita ma da una necessità: alcuni dei nostri libri non potevano essere più distribuiti alle persone interessate perché esauriti, quali “ Frammenti di vita ceccanese “ uscito nel 1986 e “ Gli anni della industrializzazione e dell’impegno/ 1968-1972” uscito nel 1995 ed altri in via di esaurimento quali “Pane e companatico”, una narrazione della vita, del costume dominante, delle tradizioni e dei cambiamenti avvenuti a Giuliano di Roma fra il 1950 e il 1960. Per non disperdere, dunque, le 12 pubblicazioni, scritti vari, compresi quelli apparsi sul sito www.unoetre.it , foto e video, attraverso la preziosa collaborazione informatica di Francesco Giglietti, ora tutto è stato raccolto, organizzato e messo a disposizione delle persone interessate. Il sito riporta puntualmente avvenimenti, commenta e illustra situazioni che parlano di Ceccano, Giuliano di Roma e più in generale della nostra provincia. E’un lavoro in corso d’opera, in continua evoluzione. Il dato interessante è costituito dal fatto che le letture effettuate negli Stati Uniti e Canada sono prevalenti rispetto a quelle italiane.

Il vostro ultimo libro “Il dolore della memoria/ Ciociaria 1943-44“ sembra essere ricercato e sta ottenendo tanti consensi. Quanto è durato il lavoro di ricerca?

Il libro ha ricevuto tanta attenzione sia da parte di Istituzioni culturali, quali l’Istituto di Studi Lazio Meridionale di Anagni, Biblioteca Comunale di Frosinone, Centro Studi e Ricerche Maria De Mattias di Vallecorsa, Anpi e TASSO di Ceccano che di amministrazioni comunali come Giuliano di Roma, Villa Santo Stefano, Amaseno, Fiuggi, Ceprano, Patrica, Alatri. In tutte le presentazioni ci ha lusingato la presenza di sindaci, assessori, consiglieri comunali, spesso al loro primo impegno amministrativo, e un pubblico variegato composto di giovani, meno giovani, ricercatori storici locali, cittadini interessati al tema. Tali convinte e evidenti manifestazioni di interesse ci hanno ripagato per un lavoro non facile e molto complesso portato avanti per oltre due anni e mezzo di continue ricerche.

Anche il libro “L’infanzia salvata/Nord Sud un cuore solo“, quello che narra la storia dei bambini della nostra provincia ospitati da famiglie al Nord dopo la seconda guerra mondiale è stato molto apprezzato.

Tale libro, pubblicato nel 2011, riportava uno slancio di eccezionale generosità avvenuto nel 1946 che univa concretamente i bambini provenienti da paesi della provincia di Frosinone, disastrati dalla guerra, accolti con amore e affetto da famiglie operaie, mezzadrili di 33 comuni del nord Italia. Si è trattato di una ricerca portata avanti per 18 mesi, ben circostanziata e molto apprezzata da alcuni comuni della nostra provincia, a cominciare da quello di Cassino, oltre che da richieste di notizie provenienti da alcune amministrazioni del Nord.

Quando nel 2013 usci il libro “Ceccano con gli operai del saponificio Annunziata“ qualcuno trovò da ridire, secondo voi perché avevate tirato fuori qualche verità scomoda?

Eravamo consapevoli che l’argomento avrebbe potuto sollevare qualche perplessità ma non abbiamo ricevuto alcuna critica anche perché il lavoro era accompagnato da una vasta documentazione. Ogni momento, ogni atto riportato non esprimeva un nostro giudizio ma attingeva a prove chiare e documentali.

Quanto è importante il lavoro della memoria per le nuove generazioni?

I giovani non sono in sé per sé interessati alla ricerca storica. Dipende sempre dal tema e dal modo come la ricerca viene presentata, dal rapporto importante che si stabilisce fra scuola, famiglia, istituzioni culturali e autori.

Ritorniamo al libro “Il dolore della memoria/ Ciociaria 1943-1944“. L’appassionata e coinvolgente presentazione tenuta a Vallecorsa chiude la lunga serie di incontri primaverili e autunnali?

No. Il 24 gennaio 2017, attraverso l’interessamento del prof. Luciano Zeppieri saremo ospiti, presso le Fornaci, dell’Istituto Maccari di Frosinone. Il 26 gennaio 2017, inoltre in occasione dell’anniversario del bombardamento e distruzione del Santuario di Santa Maria a Fiume, ci incontreremo con gli studenti del Liceo Scientifico e Linguistico di Ceccano. Tale impegnativo confronto concluderà una serie di approfondimenti realizzati dagli studenti del 5° anno insieme con la professoressa Daniela Mastracci e il professor Mario Morsillo. Nello stesso periodo, in giornate ancora da definire, dovremmo incontrarci anche con i cittadini di Ferentino e di Castro dei Volsci.

E successivamente?

Fra qualche mese, probabilmente, i libri saranno tutti esauriti. Posso comunque anticipare che anche questo libro potrà essere letto attraverso il sito www.loffredi.it

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

Sostieni UNOeTRE.it

 

Torna in alto
Bookmaker with best odds http://wbetting.co.uk review site.

Privacy Policy

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici