fbpx $this->addJS
Menu
A+ A A-

"La Philosophie dans le bureau”

  • Scritto da  Alessandro Compagno

"La Philosophie dans le bureau”

LaPhilosophiedanslebureau 350 mindi Alessandro Compagno - Perché il Paese va così male?
Perché i politici, gli imprenditori, i vertici istituzionali, i manager pubblici sono per la gran parte cialtroni, paraculi, inetti e disonesti è la risposta comune.
Ma perché questi sono al potere e le intelligenze, le competenze, quelli che si caratterizzano per “disciplina e onore” sono relegati ad essere solo strumenti di produzione di ricchezza, quella ricchezza che va a vantaggio dei vincenti?
Una risposta non facile a questa seconda domanda.
Una risposta sintetica ed efficace viene dal passato, da un Grande Italiano, Niccolò Machiavelli, che già agli inizi del millecinquecento nel secondo libro dei Discorsi scriveva: “E se la religione nostra richiede che abbi in te fortezza vuole che tu sia atto a patire più che a fare una cosa forte. Questo modo di vivere adunque pare che abbi renduto il mondo debole e datolo in preda agli uomini scellerati”.

E questa sentenza è riportata in quarta di copertina su un libro dal titolo “La Philosophie dans le bureau” (La filosofia in ufficio).
Un libro che, a seguito delle analisi e delle esperienze di anni di lavoro negli uffici e nelle fabbriche di una multinazionale, individua nelle credenze, nelle illusioni, nella onestà, nelle competenze, nel duro lavoro, proprio quegli impedimenti, quelle palle al piede che bloccano la carriera delle persone, sì intelligenti, ma ingenue e idiote.

L’autore, un ingegnere con competenza gestionale, oggi impegnato nella difesa dell’ambiente e della salute in opposizione alle cialtronerie imprenditoriali e politiche, da origini non privilegiate, fortunosamente (senza raccomandazioni) entrato anni or sono negli organici di una grande azienda ha percorso, lottando in competizione con i colleghi predestinati, una carriera che lo ha portato a ricoprire diversi e importanti incarichi a vari livelli, fino ad arrivare al vertice del consiglio di amministrazione di diverse aziende.

E lo stesso autore, mi dice in confidenza, pur commettendo gravi errori, quegli errori che secondo lui derivano da una educazione “corruttiva”, proprio come sentenziato dal Machiavelli.
E la finalità del libro, distinto in venti capitoli, è proprio quella di fare in modo che i nuovi giovani che si affacciano al mondo del lavoro o delle organizzazioni in generale non commettano errori, individuino subito quali sono le “virtù” per emergere.
E per fare questo è importante liberare la mente degli oppressi da una educazione che li può fare diventare bravi cittadini, ma a vantaggio di quelli che l’amico autore classifica come “furbocriminali” che con il loro cinismo e opportunismo si impossessano del potere e condizionano e controllano le vite degli altri.

Una finalità diseducativa quindi, in analogia alla finalità del cavalier Dolmanchè nel libretto del Marchese de Sade “la Philosophie dans le boudoir”. Che si propone di liberare la bella e giovane Eugenie dai vincoli di una morale bigotta e irrazionale per avviarla a godere pienamente del dono della vita.

Una amoralità cinica e abbietta, forse? Conoscendo il profilo dell’autore, no. E la sua “impronta morale”, a me nota per la lunga frequentazione negli impegni sociali condivisi, si percepisce nella ironia e nella stravaganza di alcuni brani dei vari capitoli. E la chiosa finale di un
improbabile Postfazionista del libro ne dà ragione: “… una certa utilità politica della pubblicazione non è compromessa… Eugenio può comprendere e riflettere sui meccanismi sociali delle organizzazioni e, se non è nelle condizioni di poterli usare quale arma di offesa, almeno può usarli in sua difesa, per una vita di lavoro effettivamente dignitosa …”

L’autore, con una formazione matematica, rifiuta l’ipocrisia, rifiuta di distorcere la realtà e si propone di descrivere l’anatomia di coloro che sono i potenti e di interpretare le leggi che governano la conquista del potere nelle organizzazioni.
Questo libro quindi si propone di consentire una liberazione dai preconcetti, da credenze vincolanti quale lettura propedeutica ad un seguito. Un seguito che prevede una successiva pubblicazione di “lezioni pratiche” (Procurationis Schola Excelsa) relative alle metodologie per ottimizzare la gestione, in particolare di sé stessi, ai fini della carriera.

Nella speranza che con queste letture qualche personaggio di valore in competenza e onorabilità possa superare i “furbocriminali” nella lotta per il potere. L’economia italiana, le istituzioni, la politica hanno bisogno non di un Principe machiavelliano, ma di molti principi per poter sperare in un futuro di benessere.

 

*Autore di Mario Andrea

 

Articoli e news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui
aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Torna in alto

Privacy Policy