fbpx
Logo
Stampa questa pagina

Princess Agents

Princess Agents My Artwork 350 mindi Giulia Bragalone - La storia ha inizio durante il caotico periodo del Wei Occidentale, quando civili innocenti spesso vengono rapiti e fatti schiavi. La schiava, Chu Qiao è stata abbandonata in una foresta insieme ad altri schiavi, il suo destino è quello di diventare il bersaglio umano della prossima caccia tenuta da ricchi signori.

Fra i partecipanti vi è anche il nobile Yuwen Yue, il quarto giovane maestro ed erede di "Occhi del cielo" un gruppo di spie attualmente inattive che gestiscono gli affari della Casata sotto mentite spoglie. Appare come un uomo freddo e distaccato, ma particolarmente intelligente ed intuitivo, abile nelle arti marziali. Il suo destino e quello di Chu Qiao sono destinati ad incrociarsi, dopo la caccia umana Chu Qiao è l'unica sopravvissuta fra 30 schiave e viene affidata a Yuwen Yue, detto anche Gonzi. In seguito quest'ultimo le donerà un nuovo nome "Xing'er" facendo di lei la sua schiava da letto.

Xing'er inizialmente ha in mente di uccidere il Principe per vendicare la morte di suo fratello, ma con il tempo comprende che non sempre ciò che vogliono farci vedere corrisponde necessariamente alla verità, così comprende che il vero colpevole per l'accaduto non è Gonzi ma qualcuno che ama gettare la pietra nascondendo la mano. Nel frattempo il loro rapporto si fortifica, tanto che il Principe vuole addestrarla nelle arti marziali donandole di tanto in tanto alcune perle di saggezza ma anche infliggendole delle punizioni per far si che Xing'er fortifichi corpo e mente.

Il mondo è sempre stato duro con lei, ha sempre vissuto in povertà perdendo sua madre in tenera età. Gonzi la mette alla prova diverse volte per verificare il suo temperamento, la sua resistenza e la sua agilità e ben presto si rende conto che lei non è una serva qualsiasi, di fatto vuole tenerla al suo fianco continuando ad addestrarla affinché un giorno possa diventare una spia di "Occhi del cielo".

Le altre serve sono invidiose di lei, credono che abbia sedotto il loro Padrone per raggiungere una posizione di rilievo, ma in realtà non sanno che lei è destinata a qualcosa di molto più grande. Gonzi si sofferma ad insegnarle la disciplina, l'arte della scrittura, narrandole storie antiche per comprendere il mondo e gli uomini che lo abitano, perché il suo scopo non è quello di approfittarsi di lei ma di fortificarla affinché nulla possa scalfirla. Xing'er finirà col mettere da parte il suo desiderio di vendetta per guardare avanti, al punto che le sue sorelle anch'esse schiave inizieranno a pensare che si sia lasciata sedurre dal fascino del loro Padrone. In parte hanno ragione, nei momenti di difficoltà Gonzi e Xing'er si coprono le spalle a vicenda.

Nel frattempo, il Principe rischierà spesso di essere avvelenato dai suoi familiari e dagli "assassini dell'Oltretomba", loro sanno che il punto debole di Gonzi è il freddo. A causa di una malattia apparentemente incurabile deve evitare in ogni modo di entrare a contatto con il "cane delle nevi" e con tutto ciò che può abbassare la sua temperatura corporea. La sua vita è costantemente appesa ad un filo ed ogni giorno lotta per non perdere mai l'equilibrio. Xing'er sarà il suo braccio destro ed insieme faranno veramente grandi cose, tra cui combattere una terribile guerra mettendo in gioco: potere, salute, famiglia e lo stesso futuro della Casata.

“Le persone pensano sempre che la famiglia reale sia nobile, ma nessuno sa che ci sono molte sofferenze. Voglio che te lo ricordi. Puoi ottenere tutto ciò che la gente comune non può ottenere, tuttavia ci sono due cose che la gente comune può ottenere con estrema facilità, ma che devi lasciarti alle spalle: Amicizia e amore."

- Wei Guifei

Giulia Bragalone

 

 

 

Articoli e  news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui

aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Pubblicato in Giovani critici
unoetre.it by giornale on line is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.