fbpx

La ferrovia Roma-Cassino-Napoli ha una sua storia

ponte ferroviario ricostruito dagli alleati durante la II guerra mondiale 350 260di Gianluca Coluzzi - La ferrovia Roma-Cassino-Napoli (linea 90), quella utilizzata da tanti lavoratori e studenti del nostro territorio, è stata ripetutamente colpita durante il secondo conflitto mondiale, riportando significativi danni.
Come si è proceduto alla ricostruzione di questa linea? Mano a mano che l'avanzata alleata procedeva verso Roma i genieri provvedevano al ripristino della linea a partire dal suo tratto meridionale. Le distruzioni a livello ferroviario erano complete nell'area di Cassino, dove i combattimenti furono più intensi. Parte di questa linea era stata riconvertita a strada per veicoli da parte degli Alleati, come nel tratto tra Mignano e Cassino. 53 ponti su 59 furono distrutti o danneggiati così come 4 tunnel su 5.
La sezione Napoli-Cancello, di 22 km, fu riparata nell'ottobre del '43 dalla 161 Railway Construction Company.
La sezione Cancello-Mignano (72 km) fu ripristinata tra l'ottobre del '43 e il febbraio del '44.
Il tratto finale tra Mignano e Roma (155 km) venne riparato da diverse unità.
Grande impegno richiese la ricostruzione dei vari ponti colpiti, danneggiati o distrutti, come nel caso del ponte sul Liri di Isoletta. La ricostruzione di questa struttura avvenne grazie all'opera della già citata 161 Railway Construction Company. I lavori cominciarono il 9 di giugno, per essere ultimati il 21 luglio del '44. i treni cominciarono a transitare già dal 2 di luglio
Il ponte al km. 117.31, a nord di Roccasecca, fu ricostruito dalla 160 Railway Construction Company dal primo al 24 giugno del '44.
Il ponte tra Ferentino e Morolo, al km. 75,92, venne riedificato dalla 10 Railway Construction Company. I lavori si svolsero tra l'8 e il 30 giugno '44.
L'opera di ricostruzione del ponte, al km. 65,867 tra Sgurgola e Anagni, vide coinvolta la medesima compagnia. Anche il periodo in cui si svolsero i lavori, dall'8 al 30 giugno '44, è praticamente lo stesso del caso precedente
Il primo treno proveniente da Napoli via Cassino entrò a Roma il 2 luglio del '44. Questo avvenimento ebbe anche risonanza sulla stampa.
Lavori aggiuntivi di mantenimento e rinforzo su questa linea furono eseguiti anche nell'autunno del '44.
Le notizie riportate in questa nota sono state riprese dal testo Railway reconstruction Italy 1943-1946, pubblicato dai Royal Engineers nel 1946 e stampato da Tipo-Litografia Ferrovie dello Stato, Roma, sempre nel 1946.

La riproduzione di quest'articolo è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore

Creative Commons License
unoetre.it by giornale on line is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Sostieni il nostro lavoro

unoetre.it è un giornale on line con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per fare una donazione tramite il sito, cliccare qui sotto. Il tuo contributo ci perverrà sicuro attraverso PayPal. Grazie

Io sostengo 1e3.it

Torna in alto

Privacy Policy

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici